Skip to main content

Due to a planned power outage, our services will be reduced on Tuesday, June 15th, starting at 8:30am PDT until the work is complete. We apologize for the inconvenience.

Full text of "Della christiana moderatione del theatro libro, detto L'instanza : per supplicare a'signori superiori, che si moderi christianamente il theatro dall'oscenità, e da ogni altro eccesso nel recitare, secondo la dottrina di S. Tomaso e d'altri theologi, antichi, e moderni"

See other formats














DELLA CHRISTIANA 

MODERATIONE 

DEL THEATR.O 

LIBRO, DETTO 

LINST ANZA. 

Per lìipplicare a* Signori Superiori, che fi.moderi chri*- 
Rianameiaceil Theacro dairoicetiità, e da ogni 
altro ecceCo nel recitare,lècondo la dottri;^ 
na di S. Tomaio, e d'altri Theologi 
antichi, e moderni. 

•OPERA 

D’VNRELIGIO SO THEOLOGO, 
Stampata per lòddìsfattione del Sig. Odomeni- 
gico Lelonotti da Fanano. 

SÌ tifoluono m$lti dubhij di cofcieni&Xi Ji ndrfano molti cajty € fi frofongo^ 
no molti documenti circd le Rdpprefentdtioni del Thedtro ; dccieche^ 
fdcendofi^po/ptnoriufcire jfenzdoffefddtlSignore Di^ • 

Vi fono due Indici» vno de’ Capi, e Punti > l’altro 

delle Materio. 

ì 

1 ^ 

I 

i 


IN ^^I0RBN2A > Nella Stamperia di Gio. Antonio ^onardi^ Alle SCgile di Badia • 
‘ Con Signon Sn^eriori ♦ j 6 




t' 
















A M 

J> 


ì ,i* { ", .V*' 5 - 








-i. ..f. ì .f?.. .A;-^ .à.V-.B.v^^v_A ■' 


li (A ri 


-% I 





V A 




i. ' 

1 • 


• v 


r', 


»■ 7 


r '“T ^ 

,• n ^j. 


i > 

r ,#*■«* 


“i'-t 


Ì.tr 


n j. 




} M, 

a 


. i l 




>i a 


•::• r 

k -i 


A- ^ 

< i ' 


t(,..-- ^ 




I •J’. 


■ j? -j 


f /I 

J 


■ 1/ 




.■■k. ■ .- 


r^ 




r 4 


•H?"- 


< 1* 


-rj:-; ■■ 


;ì 


if ' s 


V.v 


, • •" : ,-f t'r •rr‘4':^:, f t-' .t4 '• 

-ll llcib e./r^i /Tj; v:/ V 

,a’!C ^ f-1 r)Kr=t^i ,-\ JI;'v^-f-^ ■ • / J -rt^ c 


.. .c- .'■ t .■ »’ 

>■> >:■ I !. . - t 




•«f. 


r ^ '!^i' 

<-:■ ! r '. '1 , »■ . t", r 

^•S * ^ V» ' ^ ^ :ip. . ^ 


‘/liv'ìri 


i .c Ì.L ..n 


.UillSfjCf*'! 5 

' ^ ' V 

o T o ^ 1-4 "'r 

4 vi V.'* ci 1 


AJ 

■ V r ,: y 


C' e ( ■ I I j 

'ii:vmoi.O'kb aoGÌ;.n.ló.i.<Ì->U'r.n 


'C 


• <\ 


G 

CHE 

:r;£Ì r-b 

n > 

ìiJ 

;Oi,..Cls 

J. q:jk.-' . 



’* V 

V;\'. r 

i « \i j -*. ' 

V. 

‘1 

f. 

V, ' 

'■'*■* » 

^ ^:5 

V ■*» ■•• 

■*?' . >♦ 

„ 


i»T V.' 

•ìj';:' ■ ■ ■’ i< 


f \ 1 

■V■i'.G 1 V ' 

' *" ' •: ; , " "’k, V f. '•’*■■■ 7 

: 

“l'Aviv' 

y-.-, s^,- 

^ i r ' '■ :■ V' 


■ * 1 

1 •% 

2-A^' '%*•* • 

4 .1 'y. ♦ i 

-.1 -■;■ *• , •. ’ v..^ . V,'7 



'■ ^ t 

' . ■■ > c 

j(CC^J ;: 

? 

r. 

., y 



Jolbnl g;i» c 

1./ 

f r'jf t 'f 



« 

‘> 

j:.ì 

4 

t ^ f 

•y 





j ■'*• 

t '- ■! 


'V-'''- 


■ * . • ; 

3C-.' ■’t 


?,fr- . ■ ■ 

H ■> •■ 

ir 3 - 


V «bri- 

f i 


f ? 




iS' ■ -♦' 


V ' 


* aUt -- .' Ij 


. .. K . i - ^W V .' -i kV v^3;«•^V^ ri.' » 


A L S A NT O 

COMICO 





R A le caligìnofè ofeurità 
idi queir^iittco ^ e gentile*# 
fcoi l^ìheatrojou ero ILabe^ 
Tinto di mille errori ^ rii#- 
plendè già Ibpra di te > ò 
Btàto CoffiiicO) il chiariiiimo lampo 


lacera Religicmé:/»^ inunehiì^^lsi luce di 
vita, e vera vita, auuìuòi'animo tuo, che 
era quali vittima conlàcrata alla veraj? 
morte 5 otìde Ipuntò Ibpra rabiflb dello 
tue miferie per diùino:ìmpero quel pri¬ 
mo raggio'di cognitiòne, che fù il primo 
Furiere di tuaiàlute:che però toflo,sgom 
brate le tenebre deiridolatra Fallità, t’in- 


camminaHi veloce per loièntiero della.» 

a chri- 




chriftìanà yerità,e 

porato di lariguè, 
to di gioia > e còronato di glòria^ al godi¬ 
mento dell’eterno trionfo in Paradifo. 
Deh bora , che godi la vifta di quel diui- 
no Sole,fatto vagheggiator felice „ e t’in¬ 
fiammi tra gli ardori dt quel santo incen¬ 
dio, diuenuto poflTéditor fiammante di 
quel beato fuoco, vibravn raggio, 
manda vna fcintilla fòpra le menti de*^ 
Comici Ghriftianivaccioche fi rifoluano 
di bandire da! moderno Theatro gir er¬ 
rori della peccaminbfadifiólutlone ^ e di 
ricreare i Popoli con la virtuofò Mode- 
ratione : cosUa Virtù à moà» di Capita¬ 
na gt*etti©ta,e vittor iolà, trionferà del Vi* 
tio, e l’ArteComica féruirà à molti di ap^- 
poggio,per poggiare al dorato Gampi*^ 
doglìodid Cielo, bue fiora ferue à non 
•pochi di precipitio,.per precipitare nell’-^ 

infelice baratro > dell’Inferno.. Io debq- 
lilfimo Tifi à quefto porto indirizzo il 
mio legnett© ingolfando per Pampio 

Oceano, delle dramatichedi^coIta|fiipT- 

plico, te y mia Giaofura, per la fcorta di 


gtungéftìpreftó 


vèffito 


1 


felice ft^pifatì^ò alFaiu- 

to ttK)> cpnfacro alla tua protettione que> 
^ me ftefFo. 

còme tu lèi tutto Santo, 
cpsi òoXl^ò feuoré tutto Theatro ide* 
*^e<ÌtìiXarapur^tò da o^i Ofcenità c5 
non piccplp gÌQuamento delle anime, e 
con molta glpfla del Diuino Monarca, e 
Creatoreifialcrlguardo tuo yn riccoThe* 
foriere di taoreuole aura alle mie vele. 


f I ClJi.'* '' 


- a V . . n, V,. JL i ^ W 






. * 4 V. - .• W 




C- r 
V 




* \J J'i 1 




■ . - ^ / -1 ‘ì > 





V»: 



1^^ ^ .re. iè, non ^ «f^icibro, 

M "àlmenò sibueliole,cbbdóròfo, 

: :ign è rvTtiitógaia CtòftM». 

Moderatione dtl^^càtròaepor- 
ta per TitJoIoTJnftanza, laàiiKMreMsefiafldle no¬ 
minar laSu^iplicà, direttà-^’SignoirfSiyjefiori, a^ 
qualijHsricffieio *ocjca:,lèGpndo 3a.*do$crina «di & 
Tomaio, e de’ Theologi^ leuare gli abufi delle-» 


Arti > e moderale tutte, e tra tutte ancor la Co¬ 
mica, in quanto viene abuiàta da’ Comedianti 
Ofcenicon molta ofFeià del Signor Iddio > e con 
rouina fpirituale di moltiffimi Fedeli. A quefto 
fine è fiata compofia tutta l’Opera della Theatra- 
le Moderatone, e difiinta in cinque Libri, dichia¬ 
rando nel primo.Qiiale fia la Comedia ofcena ,e 
niofirando nel fecondo, che i’ofcena non è mai 
permiflìbile, & infègnandonel terzo àgli Vdito- 
p il modo d’vdire lènza peccato mortale vn’ofce- 
na Comedia, Se ammonendo nel quarto i Reci¬ 
tanti ad afienerfi daU’Ofcenità nel recitarejc final¬ 
mente fupplicando in quefio quinto i Superiori à 
publicare vna Chrifiiana, e neceffaria Modera- 
tione del Theatrofecondo! termini preferittida 
S. Tomaio, e da altri Theologt. Niun Dottore, 

che 








lappiamo* aaEitp«R3[]i^Biia giocosa i e tlieà- 

trdle majoej^a taptó' ^ftmca~m , e compiuta- 
toentft-^sff fii fco^ttìj'.Còme fi 

cfiiigiqntBaecutatds^à Pe'dec- 
^i^hq^i)^l^^'nc^ùranza4il!teòannon<piccoio 
ai^ù^óiiiQmo 4Ha!(Ghj^ftiaBÌcà perm^zzo de^pm- 
denti, dotti, e zelanti Lettori.E /è talVno vorrà 
lì^feruiidallUdidmaJbfiano.^ cui per Tltalia 
idneriftatiiomnpoffSViih jqizeilp dWtroEegno jò 
Ka^ubcOnfi^che c^gionerà vty«' non me-? 

'^EedeBìdjiipieliè tPispetóioili» Mi pare 
01 pérK «iitóiwpèrfQtia cieli vi ut^ le parole 
ded^&UiO» Yccciìio,eeoui^ima^ Nauarro, 

U o hà ieri t- 

«avben'c4e mohifiabmajnosièriboidi CjXiefto Sug- cuP' 
geVtct.eomdùm^n«pfaii'dblMudaaza;ievdUlintio 
ne accftiMiàta difopta ; E poifo'aggiùngere intor¬ 
no. àtutteii'Opinioni »o tjuafi tutte , fègliite dall’ 
AyxoieiiciiP » ebe (criifed-ynampiniQue H famo- 

iaÌ«dQt)i:ÌifimoGioitaàni KkoMir^iidolàoo. 

oMste mmlep Ù^Éìtre^M^ ojn- i^s- 

nmnii 'Cwcarfeaiio Alle di queftoLibrp, e di tutta, 
Uoppra piego ilrLetcore> che ponderi le lenten ze 
QÌmtcmDBiip*miiypijrdqgl^^ e quella di S. 

;pjefiper 


in 

fi 



1 K m. 

fiiada^ei^lùstepracimtó diicriuerin modojche 
ijiètótmtentrfieno imefiicon facilità, e preftezza 
da o^ipetlQnav’.ehe;voglia compjaéetfi.di leg- 


'’'X 


ger. 




gcr quàlchcfbglio di quefte poche fatiche- Dan-; 
Sue pracichiil Taouifo- deirallegato Mirandola- 

Icgit no * Nt eUg^iork Jìjli Imocìmum qmras ; vf 
enimMamlmstinqmtiinékrimipfff^ con^ 
tents doari. Smùnmsmdiis , hcpmàuf.^s, idefl 
multìtuàmii afqM ioquiinur.y JmelUga- 

wur • ^ 

E tent^afi per ficuro ,che rAuedre dclìdcra d* 

lib. de applicare afe r&applif:afpeflb,econfentiaien- 

l'g'a/' to di vera hitmiltà,in ri%uardo de fuoi Libri,quel 

Apoh poco,che s.Ag. fcrifle déTu^muuifando.^ir^wi 
in Lihris mets errorismuenieturjjoc folum mihieii 
attributndum > quicquid antent vernnt , aut benr 
exPofimm , iUud vni ommum ^emnnerntori , 

Pi. Largitori Deo tribmtftr , LtoXttoxxc . Negarti 
nonpofufny necdebeOyin nfàsiOpufcuHs multa e^ct 
‘ quapofpnt tulio iudicio , & nulla temritatt repre- 
htndi, che le quelle colè potè » come nota Gui¬ 
do Carmedita affermar di fefteflb con humiltà ,c 
con verità vn’Agoftino, molto più può affermarle 
TAutor de Librr Theatrali j poiché egli (lima 
ftelfo meno,cheVhà Lucciola notturna in parago¬ 
ne dVn luminofo Sole,à cui paragonar fipuò quel 
gra nde Heroe di^Sàtttità 1 Hqr hpi yiuiapio cauti, 
attendendo alla laluteic ritiriàhioci dall'impudico 
Theatro, lèconclo il eofiume de* yirtuofi, & ahti- 

de spe- chi Fedeli,che con Tertulliano diceuano,^ T^M- 

tro fiparamur, qmd eiìconjifìormm impudteitia . 

1 N- 


INDICE 

df capi, e df pvntl 



P Koemìo . pag. i. 
Aituifh dell* Autùrt^ 
ad 'vn Antico. S 

CAPO TKIMO. 

De* Motiui per VlnBan- 

z^a in torno alla Chrifìia- 

na Moderata del *Thea- 
« 

ero . 7 

7 unto I, Se la pretenden" 
Zia di graditi bonari/ia 
mot tuo buono perfari’In 
fìanz^a . 8 

P. 2. Se il 7 ‘imore dello sco- 
primeftto di qualche prò *. 
pria difetto Jta motiuor 
buono per l’InflanZja. i o 
P. 5. Selacoflanz,anel ri- 
prendere jta mot tuo buo •> 
no per tal’Infian/z>a. 11 
P. 4. SeJìa buon motiuo per 
t Infanga il dire, Seguo 
l’vjo della mia Scuola, 14 


P.f. Sefa motiuobuomfar 
PlnBanz^a per mojìrare 
autorità,^ ingegno. 16 

P. 6 . Se fa moùuo degm di 
far l'InSìanzA il faria y 
per hauer diletto nel tra^ 
uagliare i Comici . ip 

P. 7. Se fa motiuo buono fai 
re PlnBanz>a, per com¬ 
piacer gli Amiciy ò perpa 
rere oculato. 

P.i. f dichiara, quale fa 
il motiuo ottimo per fare 
l’InfanZiU . 

CAPO SECONDO: ^ 

Deda necefftà di fare ^In^ 
fianzja a’ SS. Superiori, 
perfupplicareyt^ ottene-^ 
re la Aioderatione del 
^Theatro. 

P,ì,Se fa necejfario à tem^ 
po nofiro far Plnfi. ai 
* P.2. 





2. fatormàqueUilcht^ 
negano la nècefjità di far 
l'InJlanZja, 2 8 I 

P. 3 . ^Dell'ofnniùne di BeL 
■ trame intorno alta neeef 
fifa di far l"jnfìranK,a 
jiggiunta . D'alcuni luoghi 
di Beltrafne,ne'guaime- 
ga la necejjìtà di far ì‘- 
fnJianT^a,. 32 

P,. 4 DeUa ragione, per cui 
fi nega la necejfìtà difar 
l: f nflanzja ì d 

F.y. Se vi fa altra ragione t 
fer negare la necefftà di 
farlfnftanz,a,. 38 
P. f. fntorno, À queUi », che 
affermano la necefftà di 
fartjnftanz»4. 41 
Aggiunta» (hn alcuni ea- 
fì. 48 

P; 7^ Delle ragioni^ per /e-> 
quatt s’afferma la necef 
fìtà dì fieri’ Infanga. 5 o 
y. S. Si moftra. la necefftà 
di far l'lnftdz,aperquel¬ 
lo» che dicono, altri Dot- 
■Swk. 5^8 


CAPO TBKZO. 
De’ Perfonaggi » a' quali fi 
deue »of può fare l'In¬ 
fanzia per la zJl^odera- 
itone . 6 7 

P. I. Delle ragioni, per /o 
qualt.fi deue far l’inftan- 
ZjU al S. Pontefice. 6 8 

P. 2 , Delle Ragioni Comi 
. che ^ 6p 

P.. 3. Se il debito di Chri 
ftiano Scrittore » e dtz,€- 
lante Predicatore fio—» 
buona Ragione per. fare 
l’fhftanz^a à JSI, Sig. j i 
P. 4. Se la necefftà di mo¬ 
derar tl'Tkeatro fin ra¬ 
gion fuffciente per fare 
t Infanzia àS. S- 74 
P. s. Se U cert.ez,z»a d’efiere 
afcoltato»^ eft udito par¬ 
lando bene »fia buona Ra-^ 
[ gione per far l’Infanterà 
al S. Pontefice .. 75 

P. 6.Se il terminar fatiche in 
fruttuofet cominciarne, 
altre di frutto fa buona 
ragione per far l’inftan- 






al Vicario diChrifto, 
77 

Se il non poter fi il Pon¬ 
tefice ricordar difìinta 
mente le cofe tutte y fio—> 
hmnaKagioneperfar l' 
Jnftanxjt- 78 

P. S, Se ilgiudkto non erra¬ 
te del Papa fia buona Ka- 
gione per l’finftanzja ap¬ 
preso lui. 79 

P.^.SeTobedienPa de* Prin¬ 
cipi ad'vn ordine Papale 
fta buona ragione per far 
l'injlanzja , 81 

P, io. Se la Comedia rifor¬ 
mata , e godibile da tutti 
fta buona ragione per far 
l'IndanZja al^apa. 84 
P. li. Se la quiete de’ Predi¬ 
catori fa buona ragione 
per fare l' InHanK,a al 
Pontefice, 86 

y. ì^. Se la poca difficoltà ^ 
del Superiore, e la molta] 
lode del Supplicante fa—) j 
buona ragione per far 1‘ 
Infanttji alTontef. 88 


{P, 13 * Delle ragioni Theo- 
I logali per far l’Infanzia 
al J. Pontefice per la—> 
Moderatione, 90 

P.i /f.Circai’ efempio de gli 
antichi ^heologiperfar 
VIn fianzA • 9 1 

P, 1 $. Si riferifiela dottri¬ 
na del Signor Cardinal 
BeUar minio prefa da vn 
luogo dell’Opera da lui 
compofla intorno aU’offi¬ 
cio del Principe lìh. 1. 
c.Of. 93 

P. 16. Se Vimpotenza del\ 
le fatiche de’ ^heologi^zj 
de’ Predicatori fa buo¬ 
na Ragione per fari’In- 
Jìanza. 97 

P. 17, Se fi pofa far l’In- 
fianza al Principe seco¬ 
lare,^ al Vefcouorper 
la Moderatione. 100 

P. i gt Sidifcorredellaflef- 
fa materia. 105 

P. / 9. Se è Ragion diconue- 
nien'l^aiche’l Principe^ 
Ifcentij dallo flato fùo i 









Comàimù ofani. iop 
P, ao. di(fuello, che(irac^ 
coglie da Dottori Anti¬ 
chi , e moderni intorno al 
Itcentiar i Comici impu¬ 
ri . » 19 

P, Ji. Con altri Dottori 
moderni fiprona tinte» • 

tO :. 1*4 

P.. *2. Dede ragioni di 
conuenienZja , per *0 
qualifpojfono licentiare 
ì Comedian ti ofceni, 13 o 
P. 2 1. Se fta ragion dicon- 
uemenz,a, cbe’l Princi¬ 
pe se colar , ò f Scclefìafli - 
co impedifca V Attioni 
a Comici ofceni con 1 <l-> 
prohibitione y quando no 
li 'vuoi li c enfia re. 144 
Aggiunta. Si prona con ai- 
uri Dottori^ che le Come¬ 
die ordinarie ofcene fono 
inuention diabolica, i M 
P. 24. Intorno all a fpicgOr 
ta. cmuermnz ^. 1 5 s. 

F.2S. Circa il racconto à* 
'V.n fatto, d‘/v.n Signor 


Venetiano. 161 

P. 26. Seti Principe yò Su.. 
periore non Dolendo lìce- 
tiar i Comici ofceni, nè 
prohibire l'Attioni, pof- 
fa dar loropofiùua licen¬ 
zia di recitare. 16 f 


CAPO ^VARTO. 

D elfine prete/ò perful’I n- 
BanZja. 17^' 

P. I. Se parlino contro i 
Comici ) e contro le C 0- 
medie perfine DitioJLj» :: 

e parlando iChe fine pre¬ 
tendano.. 172 

Aggiuntaprima . 

Se i Mantenitori delle Ba¬ 
ratterie parlino contro i 
Comici y e per qual fi¬ 
ne. 177 

Aggiunta feconda. 
Seie Donne di vita mere- 
trìciaparlmo contro /o 
Comedie, t contro iCo¬ 
mici^ per qpA fine. iti 
Aggiunta ter’I^- 
Di certe altre Perfine.» che 

tir 









% 


rt^rldonleComid» /^| Not^ 4. S'aggiungono al¬ 


tri Dot tori. 2lJ 
Nota /. Si contìnua. 2 js 
Nota 6. Si fa lo fiejj'o. 2 ^f.o 
Nota 7. S'adàticono Auto - 
fi delia Compagnia di 
su. 246 


P. 2. Se parlinoperjonevir- 
tuofè contro i Comici» e 
contro le Comedie, e par¬ 
lando, che fine pretenda¬ 
no. . 1S8 

P. j. Della Jidodèrationt^ 


prete fa, come fine, da chi 
fa l'lnllartz,ai e di cpm- 
teJo^ti ella fi a.. ., ipo 


Della Moderat. hreue. 1 9 2 
Aggiunta feconda 


P. 4. Se fi debbano punire i 
Comedian$i,quando non 
offeruanola prefritta, e 
neceffciria Jldo.derat.20 1 
Aggiunta per quefia mate¬ 
ria. .211 

NoPa I . àe* Punti, co'quali 
firiproua, come iUecita , 
la per mìffone delle comi¬ 
che knpuritdi 222 
Nota 2:. A conferma dello 
iìefiocons.H'omafq. 227 
Nota s. Si conferma con 
Autori 2 11 j. 


Aggiunta alta. Gtofa fatta 
dall’iAutore alla dottri¬ 
na del P.Baldelli. 2$f 
Nota S. Si continua f allega 
tioné daltri Autori del¬ 
la me defimaComp. 2iS 
Nota ultima. D'vnpun- 
t epuro scolafiico per que- 
ftaproua. 268 

P. j. Se fi debbano far rtue- 
der l’Attioni auanti di 
recitar fi alVopolofiecon- 
dola debita Jtdoder. 274 
tAggiunta.Sler dichi, rare,, 
chidebba ejfere tl (giudi¬ 
ce neUariuifione dell’ At- 
ùonià tempo nafira. 27 p 
P.6. Quale deue ejfere la ri- 
X uifiom delle comiche At- 
tioni fecondo la debita.^ 
^PkLoderatione. 282 





P. 7- qt*sBo,che fi dem di¬ 

re intorno a 'ìa ver buie, e 
totale riuijione deU’ At- 
tìoni,fecondo l* debitO-j 
JAoderatione, 2Sz 

P. 8. SeiCornici ^refejfano 
di recitar aU’im^romfo, 
che/ìdeuedire, òfari^ 
in': or no alla r ite/ione, fe¬ 
condo la debita Aiodera 
tione ? 2^2 

P. p. Intorno aBa riuifione 
degl'[ nterme dì, fecondo 
la debita Moder- joo 
Aggiunta diretta a Compo 
ftori 3 e Rmifori delle Qo 
medie, accioche quelli co- 
ponendo non v/inó,eque- 
jìtriuedendo nonpermet- 
eano a cu -ìa ofcen. ìo 2 
P. / o. Sel'efpresfione dell'af 
fette di Amante, e la ma¬ 
teria d’Amore fi debba 
efcludere dal Chrifiano 
‘T *heatro fecondo la debi¬ 
ta Moderatione . pii 


[ ìlola I. Delta rifpolìa di 
Lelio,e del giudi t io int or¬ 
ma lei. sip 

Nota 2. Si rifonde alladtf 
ficoltàdirettamente.j 2 j 
P. / 1. DeltempOfin cui non 
deuono fare le loro Attio¬ 
ni i mercenari Comi :ife, 
condo la de bit a Aiodera- 
tiOTlC. 32/ 

P. / ^. Intorno aUa lleffa_j 
circonfi ala deltepo. j 12 
P. I p. Se i Comici modeJH 
pojjom mai re. itar le loro 
Attioni in tempo di Qua 
refma,h dell'Adu. 3^5 

P. /4 Si porta larif lutione 
d'vn Duhb.o intorno ad 
vn' At tione ditata, 3/7 
P. /jr. Delle sacre Attioni 
rapprefentate in scena^ 
neltempodi Quarefima, 
ì 62 

^.16. Quale fiala Com da 
ofcena contraria a la de¬ 
bita Aioderat. j6p , 


II 









I L moltoReuer.Sig. GirolamoRofàti 
veda, fe nella prelènte Opera fi con¬ 
tenga colà, che repugni allo ftampar¬ 
la, e referilca. Quello di ip. d’Ago- 
fio id4p. 

V 'mc.enXlo, Vìe. di Fir. 

Reuerendiflìmo Sig. 

Ho. letto il prefente Libro della Modera- 
tione Chriftiana dei Theatro, e noaj 
ho trouato in eflb colà nefluna, che 
repugni allo fiamparfi . Et in fede di 
ciò. di propria mano hò Icritto, quello 
di 15. Settembre 164^, 

là P. (^irolamo Kofaù Prior di S. Lucìa di Fio- 
rehzjay&'c.. 

A di 7. Ottobre 164^. Firenze. 
Veduta la fopralcritta attefiatione con¬ 
cediamo licenza,che la prelènte Ope¬ 
ra fi fiampi, oflèruatl però gli ordini 
da oflèruarfi. 

Lìonardo Dati. C. e V» d. Fi. 


Si ilampì, ilante la fòpradetta relatione^ 
del Sìg. Girolamo Ro^ti Gonlùltore 

del s. OiHzio • 

\ 

Fr. lacomo Ciffìa Inqmjtt. Gtn.diFir, 

Aleflandro Vettori Senatore > de Audi¬ 
tore di S. A« S, 


DELLA CHRISTIANA 

WODERATIONE . 

DEL THEATRO, 

LIBRO QJINTO. 

Detto rinftanza. Pcrfapplicare a’ Sig. Superiori» 
chefimoderi chriftianamente il Theatro dalP- 
Ofcenità,e daogn’aIcro ecceìToiiel recitare,fe¬ 
condo la dottrina di s.Tomafò, e d*altri Theo- 
logi antichi, e moderni. 

O P E R A 

D’VN TH EOLO GO, RELIGIOSO 

daFananó- 



p K O E I O, 

’ApoftoIo santo, con Apoftolico zelo 
Icriucndoaliuo diletto difcepolo Ti¬ 
moteo, diedegli vn documento di 
gran profitto per fe, e per li proflìmi 
iìioi, auuifàndo. AttcìidsàociTtnA; inflaÌTi 
illis. Vfa diligenza in attender alla tuaperfettione, 
6t airammaeftramento degli altrij eFinflanza tua 
s’irapieghi nel confèguimento di quello duplica¬ 
to bene, che per te farà vn duplicato thefbro, per 
farti vnCrefbfpirituale j e santamente douit ofò 

^ A . 


LTinit. 













3 P RO EMIO: 

Io veggio, cheallampodiquefta luce Apoftolica 
ogni Profeflbre d’inftituto Apoftplico può aprire-» 
con accortezza Cocchio,e mirare per minuto, e per 
diritto la Iba obligationc. Veggo,clie può animar- 
fi ad vfare l’inftanza di dottrina, con che procuri 
di gioùare non poco alla (àluezza dimoiti. Ma la 
fiacchezza d’vn debole operatore tronca la Ipe- 
ranza di condurre à buon fine ogni ìmprelà di fè- 
gnalato rilieuo. La Colomba non compone il ni- 
do,per ilchiudere generofi Aquilotti :|ela balfczza 
d>n piccolo intendimento non è feconda genitri¬ 
ce d’vn’ìngegnoià compofitione: tutto certamen¬ 
te è vero j ma con tutto ciò quando il santo zelo, e 
la reale neceilità confiringe al concepirei e la ra¬ 
gione fi ofierilce dì alimentare, come nutrice, col 
liquore delgiouamentoil concettoi non deue la 
mente, benché bafia ,dilperare Pimprelà di qual¬ 
che parto zelolò,e necel&rioimallìmamente qua- 
dola Iperanzadì frutto, quafi celefte Paraninfo, , 
tratta lofpofalmotràDìo, e Panima del Chrifliano 
Scrittore à fine, che mandi alla luce qualche colà-* 
d’ingegno,e neceflària allaiàlute dique*molti,che 
pericolando sincamminano di corfb aireterna.» 
dannatione. Il zelo santo con dorato pungolo san¬ 
tamente punge il cuore, e scioglie con viuezza di 
carità felicemente là lingua,di chi non viue mezzo 
cadauero tra Panime incadauerite : la voce di lui 
coi canoro del fuo rimbo mb o rifueglia i pivi ibn- 

nac- 


? KOB M IO, i 

nacchtofi, e lì fà rifèncìre : egli con la forza del (ho 
fecteto fuoco rifcalda, e liquefa il freddo gelo de* 
più raffreddaci» e gelaci petti del Chriftianefìmo.' 
E chemarauiglia dunque fi è » ò caro Amico, cho 
anche il voftro cuòre,che non c di ghiaccio,riceua 
caldo da gli ardori del zelo f Che marauiglia, che 
lavoftra mente » che non è fbnnacchiofà » nè trop¬ 
po addormentata, fi rifuegli allo ftrepico delle fìie 
trombe ^ Il zelo santo è flato TOracore, che vi ha 
perhiafb» che voi mi facciate quel Quefico » dicen- 
do.Che rimedio fi può vfarc córro il veleno delfO- 
Iccnitàdel Theatro?Etiovirilpódo,chci Santi Pa¬ 
dri » de i sacri Theologi, pieni di santo zelo » fono i 
Medici, che compongono Tantidoto contro que¬ 
llo morbo peflilcndale » non con l’arte deH’antìco 
Efculapio fallò Dio » ma con la sapienza del noflro 
vero pio,e Redentore. I lorodetti fèruono di vi- 
Caliaforifmi a* mifèri mortali. £llì con la fpiegacu- 
ra delle loro sentenze hanno arricchita, non cho 
fornita, vn'olHcina di spirituale sanità: dalla loro 
Eipienza, come da vn*Òracolo,pìù che Apollinare, 
s*odono le rifpofle, chesono i potenti fulmini, per 
leuar la vita, òeil veleno a’ serpenti theatrali. Io dà 
quel poco, che ho Ietto in efS , c che hò notato inu, 
altri Scrittori, e che in oltre hò conofciuco, ò per fi- 
cura relatione, ò per propria e/perientia, hò rac¬ 
colti alcuni Ricordi, vniti lottò il titolo di Chriflia- 
iia Moderatione del Thcatro,aIludcdoaltheologi- 

A a " co 


4 VKOEMlOi^ ’ 

co auuifojche s. TonaafodàintomoàgrHiflrion?, 
dicendo. Ludo moderate njtantuvSx {emano mo¬ 
deratamente del giuoco. E tali Ricordi hò diui{(> 
in più Libri,, e ciafcun Libro hòdiftinto in piùCa- 
pi, e ciafcun Capo in varj Queliti, ò.Punti : e pre¬ 
go voi, che leggendoli fiate con il voftro giuditio 
il prudentilCmo Neftore degli scritti miei. E tratto 
la {piegatura d*ogni Libro con femplicitàdi ftilo 
lèn za parole ^ e forme didire molto forbite, ouero 
molto aggiuftate alPAccademico rigor Tolcano, 
& alla lùblimità dè’ valenPhuominidi quefto tem¬ 
po, nel quale con feconditàmarauigliolà rinalco- 
no Pingegnole Fenici, f gentili Orfei, i lublimiHo- 
meri,e gli eminentilfimi ProfelToridi fiorita, c Ipi- 
ritolà eloquenza. Ma io leguo vn lemplice tenore, 
si per elèquire ildocumentodi S. Bernardo. Licet 
priuil^ humsjèrnìamsaureanonrutileit fulchntudo, tenta- 
tamen rerum meritatem (fualicumqi^yfoper- 
Ifrmgere,tdudsap:entisattendentes,prudentihu vi¬ 
ri'} non piacere phalerata , [edjor tificata ; si anche> 
perche non polTo cogliere dorati pomi,,nè com¬ 
porre fioriti mazzetti nelmiopouero, e malamen¬ 
te coltiuatohorticello, tantoinferiore a’nobililfi- 
mi giardini de’ moderni Scrittoti 5 si anche, perche 
bramo, non dolo feruire à voi, màdi plùgiouare 
a’fémplici, al comodo de’quali traporto le lènten- 
ze latine nella volgar faueila, raitandopiùto{lo al¬ 
la foft anza del {ènfo:»cIie alla vetbale,,e minuta tra- 

dut- 


t.2. 



proemio: § 

dutuone delle parole t così quello, ch’io fermo, fé? 
non hà perii dorti veruna eccellenza r forfè ha per 
li fèmplici qualche facilitai ondefperovche quella 
fatica non fìa in tutto vana, 6cvn dare là fpalla al 
fàflb diSiCfò perportarlosul montCiLa buona vo¬ 
lontà di recar giouamento è buon fème di con* 
tentezza te quella balli per nie,che Iblàmente bra* 
mo d’ornarmi con que* fregi, e buonicollumi, fe¬ 
condo iqualiChrillohollro Signore rdifpenfa Iìl» 
grada della luamifcricordia r come dice Agoll. 
ChrifÌHs;(ccj4ndHm ^ md'vnumc^ uemp ornAtum Bo de tégì- 
ms mortBm'uidemtdtAillt.g^^atiam fuAmtfericordiA 
dij^enjabit ► 

AFFISO DELUAVrO READ FN^AMICO 

Circa l'infianz^ per la moderatiom dei 

li^ijeatro.. 


A Lràccidente d’vn graùe bifbgno fbccorrc? 

l’inHanza d’vn buon rimedio , quando pe¬ 
rò la negligenza non fi frappone, e, generando- 
qualche perniciofb mollrodi tardanzra, non ritar-^ 
da rélecutione.-Voi Amico llimate^che iLchrillia- 
no Theatro riceua grane oltraggio dalle moderne, 
e smoderate Attioni de’ Coraedianti Ofeenhe de* 
Ciarlatanidelnollrotempo t & io credo, che lo 
llraledetvoffrogiudiciocolpilca nel fègnodellai 
verità; dunque licordateuijK che b«on rimedio per 
.. ^ . ià 


6 TKOEMIO: 

Il graue bisogno della modèratione theatrale làrà 
la voftra efficace, e pi:efta inftanza a* Superiorìj in* 
torno alla quale eccoui la mia poca > e poco vale- 
noie fatica letteraria. Io ve la mando diftìnca in^ 
quattro Capi, e cialcun Capo in vari) Punti. Il Pri« 
mo Capo è de'Motiui intorno all*lnftanza. Il Gs* 
condo della Neceffità di lei. Il terzo de* Ferlbnag- 
gi, a*qualilì deue, e può fare. Il quarto delfino 
pretelb nel farla. Se ciòcche leggerete,vi làrà dìgu* 
Ito, io (limerò molto bene impiegatala mia 
debolezza 5 poiché non è piccolo guada¬ 
gno , per chi virtuolàmente ama, il da¬ 
re qualche (bdisfattione ad vn filo 
yirtuoib Amico, quale voi liete s 
e la cui minima conlblatio- 
ne farà vna mercedo 
grande per la^ 
mia fatica. 




CAPO PRIMO 

DE’ MOTIVI PER E’INVTATOA 

intorno alla Chriiliana Moderatio^ 

ne del Theatro * 

L primo comparire d'vn fiammante, è 
rouinofò incendio,eccitato in qualche 
popolatione,fìibito molti fi muouono 
gridando, al fuoco,al fuoco: mattai 
que* molti non forfè tutti hanno fèmpre lo ftelTo 
ftimolo al mouimento. £ di piti chi sa, che forfèj 
qualchuno veramente non gridi, e non fi muoua, 
màfènza efficace defiderio, che cotale incendio 
con reale effetto rimanga in tutto eflinto ì Credo 
d*ef{ère intefb da tutti, lènza che vfì altra dichiara- 
tione con tutti. Io vorrei fpiegare fblo alcuni buo¬ 
ni motiui,che deuono limolare il chridiano Scrit¬ 
tore a far inftanza per la correttione delle turpi Kap 
prelèntationi, à proclamare contro Fofcene ha- 
me del moderno Theatro : nè vorrei condannare 
alcuno dì fìniffra, e men buona intentione, oue*» 
non s’habbì feuidenza de" fègnìconuincentì : non 
so fè a! mio volere rifponderà il potere : quello sò» 
che finterpretar il dubbio in miglior fènfò è preto- 
gatìua d'yn^animq &cero > candido, e virtuofò • 

*; 3PVN- 

i - a 



TP^NTO PKlMo: 

Se la ^meaeienKia digradi» honorijta motim 

,buono per fare l’lnjìan7a . 

N on vi ètifognod’OraGÒlojne d’ApoIIoper 
la li^ofta : la negaciua € certa ? poiché? co< 
me la vera virtù è la iìcura llrada all’honore 5 così 
raitibitioneièruc di trabocco al precipitip . Non_> 
giunge al punto d’honorata altezza, clii nélpunto 
delleComedieolcenefimpunta per anibìtione, e 
- fa per quello fine inftanza con detti » e con icritti, 
che s’introducala moderatione nel theatro della^ 
Chriftianita. Io non credeua.che naocìuo ditàlfat- 
?ta ftimolalTe alcuno, nè vifuflèjchi correife cotale 
;arringo;: mà il Cecchino, Comico di prpfeflìoneiC 
pag.io Nobile Eerrarefe, ne’iuoi Dilcotfi intorno alle Co 
medie lo afferma,dicendo, che:quèlli, che parlano 
.contro la Comedia, mentre non fanno l’inilanza 
?per la correttione alla suprema potenzadeirEccle- 
fiaftico Monarca Romano, danno à credere , che 
non hanno caro, che fi sbandiffe, ò correggeffe - e 
£quefio,perche mancherebbe loro in tal particolare 
(la materia , che Ji moflrazelanti del bene del proP 
fimo 5 conil quale cfercido'pare loro dipatere poi 
pretendere,gradi, òc honori? ma lèriionoreè il 
premio della virtù, poco ne può pretendere, chi 
lo cerca con tal vitio. Così dice quefto Comico, 
.màil iuodett©non è Apollinare,c non prona, che 


PFNTO FKIMO : 9 

il parlare contro la Comedia ofcenanalca dal’non 
hauer carola dilei correttionej e che tali parole fia- 
nO rampolli,che germoglino dall’infetta radico 
d’vna vitiolà pretendenzai perche fe vnogli ritpó- 
delfe. loparloperobligo d’officio, e per zelo di 
Chriftiano, c per legge di neceflità ,• nè polTo haue- 
re adito perfònale, e comodo al Sommo Pontefi- 
ce3 nè le mie parole , Ò lettere fono dibaffante au- 
toritàj nè quella pratica richiede le miejinforma- 
tionÌ5 nè iolòno obligato àfar l’Inftanza appreflb 
quell’altiflìmo Tribunale 5 md.fbuo ben tenuto di 
predicare al popolo i pericoli deU’ofcene Rappre- 
fèritationi. Credo, che il Cecchino, come Nobile, 
ingenuamente confelTerebbe, che la fìia ragione 
è vn a poco fondata cognettura', e come sauione 
farebbe la retrattationcj nè direbbe, che tali Dici¬ 
tori danno à credere d’effer vitiofi pretendenti ma 
che fono zelanti, c virtuofi perfccutori deU’Ofce- 
nità. Io nondimeno confeflb, che vn motiuo di vi- 
tiofà pretenden za, fe vi fuflfe, non fàre.bbe ipada_, 
di buon filo, nè degna d’efTer impugnata da que’ 
Soldati de’quali fèriue s. Agoftino. Nos milites 
Ghrifii/ùmfts»noi fiamo Combattenti di Chrifto. 


B 


PVN- 


IO CAPO TRJMQ, 

PFNTO SECONDO. 

Se il timore dellofcoprimento di ijualche pròprio dfT 
fetto fiAmotimbmmperlPnjlm'la. r,', 

A*,. ^ ^ . 

. ^ ••• ’’ * ' . ‘ 

C HI viue reo di inaruagità,viueper lopiù-ifchi^ 
uo incatenato delio ipauento: la torbida.» 
coicienza è vn lambicco^ da{euidiftiiIano Ipeflfe.? 
goccie di triftezzcj, e d’amarezze 3,di timori» e di 
tremori 5 onde chinonvuole. tutto di lambiccarli 
il cuore 6 c il eeruello con vn continuohorrore.»^ 
abhorrilca per (èmpie gli habitivitiofij òci peccati,, 
eifèndo vera la breue sentenza diCbrilologo.j^»^- 
do homo nonfìehpeccato iriflis r* E <^uado mai il pec¬ 
catore viue lènza meUitia, e lènza timore f ,L’alle¬ 
ttato Comico Cecchino taglia iipanno liil doffo di 
Senni, che non correbbero le Comedie, màpro- 
cede eoh-^ntilezzadiduhbio,,dicendo .Mi dubi¬ 
to grandèmente, che non ci lìaxchi creda,che il Co¬ 
mico moderno, fecondo 1 vló antico non yadi in— 
tèrtienendo.s& ilpiandoglioccultifattialtruii o 
quiuiformandone Comedie ,(copra quello ,, che..» 
vorrebbero,che. ftelfe celatotma non é cosi» Onde 
quelli paiiroiì poirono deliftere dall Inllanza, che 
fanno,, che le Comedie li leuino.. Allude quello 
buonohoomoaliaComedia; Satirica ^ antica ,lau 
quale fu leuata per la maledicenza 5 e della quale 
io non tratto 3. perche non so , che horas’vlì per or- 


PFNTO SECONDO. n 

dfeèiiòfiberànwnte nella Chriftianitài onde il dub 
t>K>|>ropoftó e fòndató fòpr^ vna immaginata opi- 
ìitòÉ#i hquahda jè ftelTacade co"'! &lo impallb 
dei t«npo> Dico bene, per iriiponderc al dubbio, 
che chi per tema dTelTere Icopertd difeetolb, fi mo^ 
oyiTé àirinftanzabontro lèComedìe, ftlèruirebbe 
di mòtino rtidltb ìnteré^&cdj e poco virtaófo ^ non 
fi dee léuar ad ^tri Ibbneila tÌ€r€àiìone>per 1È[>ine- 
tare la propria diflblutiobe. E iniquità il prohibire 
al popolo vri pòco diguftq > per godere con ficurà' 
coperta il proprio mancàmeritò . cosi proce' 
defilé j farebbe iringiufto filo iritereffé tiranno ol- 
traggiofi) dell akruigiafièrfòdisfattione. L'afFecttf 
dVn poco di piacere hònefto è colà naturale infi- 
nó a^Fariciulìij e però nòn fi deuenegare, òimpe< 
dire. Abinfantia, dice il Filofòfo; ip/4 •voluptas -^, 
in omnihm mbìsinoléùttinit eliaci ie Jit hu- 


X.J, 


su, 



YUttA 



itém txkrgere 


me tneorporatunty afqi 


"O 


' PFNTO TERZO. 

- t » . * 

Seta eófiangjfS nei riprenderefi^ Àiotìuo buono 

per tal’ In^anzjt. 

L a fermezza nel cominciato bene prende il ti¬ 
tolo di virtuolà collanza : mà chi comincia 
male, e poi coftantemente prolèguilce,merita,che 
la coftanza fila con metamorfolè di nome fiachia- 

B 2 ma¬ 


ina- 



12 CAPO PRIMQ. 
mataoftinadone. FàgiàvnavoIca,icnae il Cor 
mieo Cecchino, vn gran Perfonaggio periUaiò, 
dalla propria, c perfònale fiia elperiénza, che certi 
Comici moderni lèrbauano la debita moderano^ 
ne nc’loro Recitamentù onde grandemente li Ip- 
dò,, e profefsò di voler eflère loro efficaciilìmo di-^^ 
fenfòre: per prona di che egli poco dopo eiòrtò cer¬ 
ti Puoi Amici à retrattare le malcdicenze proferite: 
cóntro le Comedie ? mà eflì rilpofero. Sappiamo, 
non eflere tanto male,quantohabbiam detto 5 anzi 
così poco male, che fi riduce al niente 3 mà lappia¬ 
mo bene anche, che Pariamo notati di molta trafi 
curaggine, quando hauelfimo dato principio à di- 
fcorrere di colà non tenuta da noi nello ftcflb mor 
do, che la portiamo. E qui fecero, che Poftinatio- 
ne inghiottilTe la ragione. Cosi dice ne liioi Dilà 
corfi il Cecchino, e conclude. Molti chiàmano 
collanza rollinàtione.Io non voglio far del Qna li- 
ficatore, nè ponderare la qualità del narrato calò, 
nè dimandare, le quelli Amici di quel Signore era¬ 
no perlbne lèmplici, e zelanti di zelo, nonfecundtt 
sctenttam 3 che forPe il Cecchino mi confelPerebbe 
di sii perche huomini dotti, Stornati di vero zelo ,> 
non daranno mai taliriipofte. Dico dunque, che 
non è virtuolà eollanza quella, che riprende con_> 
maledicenza le Comedie , quando non hanno il 
difetto della bruttezza 3 nè per altro capo fono de¬ 
gne di riprenfione. EchiPunoueraaU Inftanza_4 

con- 


PFNTO TERZO. 13 

contro tali Comedie, per non cflèr notato di trar- 
curaggine,yfcràvnmotiuo, al vitupero dfcuifi 
potranno iiiuoue^? giuftamentc le penne degli 
Scrittori, e le lingue de'Fauellanti'. brutta cóparft, 
& indegna inuentione fiè malcherare raffetto o- 
ftinato con la pretela apparenza d’vn’animo co¬ 
lante icollanteniente, e lodeuolmente riprende, 
chi fi muoue alla riprenfione del vitio con fondata 
ragione 3 econ quefia fi muouono i Theologi, ri¬ 
prendendo rOfcenità, e facendo Tlnllanza per la 
Moderatione del.Theatro. Non è buonCenlbre,, 
chi dal decoro fi dilunga nel cenfùrare :]cenfura 
modo di Catone fàuiamente, chi cenfiira fondata¬ 
mente, e cenfiirando fèguell chiaro lume di ragio¬ 
ne, e non il cieco buio d*ofl;inatione. 

Niccolò Barbieri, tra’ Comici detto Beltramo^ 
nel filo Libro, intitolato la Supplica, moftra d’efi- 
fèrfi pollo ad inucftigare, & immaginare, e llam- 
pare varij motiui, che egli llima hauercoloro, che 
fauellano contro le Comedie: & io qui li voglio 
porre dillinti in varj, e breui Punti. Forfè la loro 
ponderatione farà vn’offerta pouera, màgradita-.^ 
ouero vn cibo, non difgullolo, mà fàporito al pa¬ 
lato de’ giuditiofi: e le io non fàprò far bene il Trin¬ 
ciante , fupplico, mi fi condoni ; e dica il benigno 
Lettore ciò,chedilTeSeneca d’vn’offerta. Exiguu 1 1- 
^qifod in me contHlit,fedam^lim nonfotuk . cT. 


PVN~ 


14 CJPO PKIMO. 

- • . '. - . , ^ ■ J ■■ ■ ■ 

TVN'TO ^AKtÒ : 

Sefiàhmn JAòtim per ìlh^àn^lìtMré^ 
Segnò l’^u/chMla mià Scuola . 

E ’ lode di buon Guerriere fèguìrcif cenno' del-. 
la iùa trombà. QUi(im tul^a difàicat, fhtlei 
diceChrifol. Sc iò dico, che fu leniprc ra¬ 
gione di gloriola lode rirtiiration <ie’ virtuol? gefti: 
e chilègue Tvlb d’vna dotta, e benfondata Scuo¬ 
la, non merita d^effere aferitto tlà gli erranti, e tra 
gringiuftii e ehi ve lo alcriuerà cenlùrando, meri¬ 
terà, che ÌDg;ìufta, & errante lì ftiitti da • sani la stia’ 
cenlìira. Beltrame fi lamènta^comedlcola ingia¬ 
lla, & olfenfiua de‘ Comieij perche nK)ltidicono 
^ con tro le Comedieipiùper l’vfo deUeloro Scuole, 
che per demeriti de* Comici: e cosi Icriue nel tito- ^ 
d.wp, lo ^el capo i3«delluo Dilcorlò: nel qual capo di' 
poi fi fpiega più chiaramente dicendo. Alcuni ra¬ 
gionano contro le Gomedie ^ non perche ne hab- * 
biano neceflità,Gprecetto,mà per non trauiar dall’ 
orme de’ loro Pi edecéflbri: corno fa nno certi, che 
tengono le parti, ò de’ Guelfi, ò de’Ghibellini, che 
i figliuoli di quelli partegiani lènza làpere, che^ 
voglia dir Guelfo,© Ghibellino, prendono quella 
parte, che tengono i loro Padri. Così molti làpen- 
do, chei Tuoi hanno fatto fortuna a’ Comici, fen- 
za cercare il perche, nè la differenza, che è tra’ 

Comi- 



PVNTO ,5 

! V’rtucfi, e’ Comici ignoranti,lèguìtanoil 
rito delle Iqro Scuole. Io riipondo à quello Comi- 
GG>.cfe il^guif® l '^l^ d’akfi è colà di fila natura-* 
intlifl^rentea buona, lèguendo IVlb de’ buor^ij naa- 
Ja,jÉegu:endpi’vlbde' mali . Mà nel particolare pro- 
pofto, éhftmpiti dicono contro le Comedie , noit^ 
cercando il peKche,, nè la dilFerenzai tra’ Comicij 
dico , eke chi predica, ò lcriiie in quefia materiju»# 
comeScòlallico, cercamolto b^ne, é con diligen¬ 
za ilpeirche debbadire controdemoderne Attionb 
e eercaiidotroua ,che molte abbondano^ d’Oice- 
, nità conolciuteda tutti, e mplte di altre Olcenità,. 
non da tutticonolciùte . Aggiungo, che chi legni- 
ta il rltosd’ vna Scuola di chriltiana Thcologia> lè- 
guita vn rito fondatpdn ottime ragioni,per le qua¬ 
li lì condànnànp molte mercenarie Rapprelenta- 
tioni e quello non è procedere à modo di chi tie¬ 
ne la, parte Ghibellino, che eranopar- 

tipetniciolefmac tenere le parti di s.Tòmalb,e de’ 
Theplogi , vn confòrmarli all’vlò de’Buont 
ScoIallÌGÌi,iquali appoggiano i loro dilcorlì alla Ib- 
dezzaidiprudentiliìme ragioni. E fe bene Beltrai- 
me vlail termine dimoiti, non peròlp;ega, chi lìa^ 
no talimolti 5:onde io dico, che Ibnp molti da lui 
immaginati , mà ninno fuori della lua ihamagina- 
tipne 5 perche ninno Scolafticolì muoue aH’lnlla- 
za contro le Comedic,peEfeguir l’vlb precilàmen- 
te, raà l’vlc) prudentei, e buonodella. fila Scuola : &; 

vn 


CAVO primo: 

vn feguacedi tal fatta non merita eflerc ftimato v* 
na lucciola di poco, e breue lume, ma vna (Iella.* 
rilplend^nte, che fcgue il (uo bel Sole : voglio dire, 
e concludo 3 ha buon motiuo per Tlnftanza.chidi- 
ce. Io la fò, feguendo l’vlò della mia Chriftiana,c 
Theologica Scuola : non è Ter(ice,chi v(à diiègui- 
re Apollo : & il (èguace di valenti Dottori non pre> 
cipita negli eccedi dell’ignoranza, e s’allontanaj 
dalla prefuntionc » cioè da quel peflìmo Precetto- 
AdDe- re, di cuic bene non (èruirlì, per sentenza diGiro- 
lamo* BonumeSl»non Pr&ct^tore n3ti^e^imO)Sci~ 
Ucet prafum^tionefH 4 . 

PFNTO ^INTO: 

Se /la Àiottuo buono far l’Inftanzja^er mojìrare 

autorìtày^ ingegno. 

L O spiegare bandiera con difcgno di maiaflfab 
tar l’inimico, pare vna soldatefca vanità: & 
il moftrarfi Capitano lenza Voler mai-battagliare, 
è vn fard mendicodi riputatione : la brama d’vna 
autorità grande militare deue (bruire per la comu¬ 
ne vtilicà 3 eji’acutezzad’vn bell’ingegno deue a- 
déftrarfi per ilcoprirc con fondate ragionil’vni- 
uerfalgiouamento di tutti. Chi brama la modera- 
tione delle mercenarie Comedie, muouafì all’im- 
pre(à peralTaltare l’01cenità,eper battagliare con- 
tro tutte le nemiche oppofitioni, e nonper inalbe- 

' rare 


TP^NTÙ J^INTO ^ 17 

Tardo ftendardo della propria autorkà, ò per inal¬ 
zarci! pennacchiuto cimiero di vn beli m^egno. 
locerto maihò letto alcun Dottore,nè (èntito Pre¬ 
dicatore,che fecondo me fifiamoflb à dire comro 
leCotnedie per fimile vanità. Mà Bekrame mi 
ha fatto penlàrc, che egli giudichi, che akuni fi 
bagninole labra in quelloIbntej poiché nel capo 
f 3. Icriue così. Altri poi per moftrare la loro au¬ 
torità, & il loro ingegno, con la fculà de'’ mali o- g»?' 
peratori de’tempi andati, lènza fare altra diftin- 
tione, vibrano la sferza della loro lingua, e fanno 
vno Icorribanca, ed à chitocca Ilio danno. Io qui 
vorrei poter dimandare à Beltrame. Ditemi per 
voftra fè, chi fono quelli Altri? Se popolari igno¬ 
ranti, voi non doucte far conto dclle^loro Icioc- 
cherie : il voftro giudicio contrapefi à cotal leggie- 
rezza. Se fonoperlònc dotte, e cono/ciute nelle 
ilampe, voi perche nò le nominate almeno in ge¬ 
nere ? potete pure auuantaggiare il voftro partito: 
nè pregiudicherete alla loro riputatione. Mà (k^ 
fono facri Theologì, & Euàngelici Dicitori,che 
credete, che io dica ? dico, che parlano con fofii- 
cientc diftintione, e non con foufa de’ mali opera¬ 
tori de’ tempi andati, mà con euidenza di que’ tri¬ 
lli operatori, 6c olceni Comici de! noftro tempo, 
che ancora fecondo voi, ò Beltrame, e fecondo il 
voftro amico, e Comico Cecchino, fi trouano bo¬ 
ra nella Chriftianità, e contro Tofeenità de’ qualiè 

C ne- 


Il ^ CJPO PRIMO, 
nccclTano vibrare la sferza, e la Ipada della lingua» 
e della penna theologale . Aggiungo poi per in- 
chiefta, e dimando . D*ondc raccogliete voi > ò 
Galant’huomo, che que* sacri Dicitori lì muoua- 
no per inoftrare autorità,& ingegno ? Siete voi il 
Linceo de’ loro cuori ? ò rintendete dalla loro 
^onfelEonc? Noncrcdo> perche niunofisfregia 
il vifo di propria mano ^ Forfè lo ftimate con laj 
voftra immaginatione ì màcotefta è fbfpettajpcr- 
che vna ragione,in quato immaginata, malamen* 
te è fondata,e fi può nominare vero,e vano capric¬ 
cio, mafeherato con apparenza di fallace ragione. 
Con tutto ciò dico , rij(pondendo al Punto. Non 
è buon motiuo farl'Inftanza per moftrare autori¬ 
tà , & ingegno : mà concludo,, che ninno sauio- 
Scrittore,nèTheologo buono è il dipintore di figu¬ 
ra tanto Iparuta, e deforme. L’Africa de’ Dotti no 
genera nouità ditali moftri: onde non vièbifògno 
dinuoui Ercoli per rvccifioner e chi fa l’Inflanza, 
la fà, per sodisfare àllalpiopria cofeienza fenza-* 
ambinone di moftrarfi autoreuole, ingegnolb, e 
degno di molta fama. ConfcimttA sAtisfiat)(<:i\\\.Q 
Seneca, mh'f .1 in famam UhoHmus vambtHO ice^ 
nAm c tAmL 

i 


PVN- 


PFNTO SESTO. 

Si ft^ Motiuo degno di fare l’in^anz ^, il farìiu» 
ter hauere duetto nei traufigliare t Com. ci. 

N On s’impara nella fcuoìa della charità à co> 
prare il proprio diletto con il prezzo dello 
ftrapazzofatto àglmnocenti: cani, chi vuole, dal 
iùo fauoil mele ,* ma non elponga altri alle puntu¬ 
re di Tn'eicrcito di Apisdegnofè, & infuriate. Che 
legge dibuonaChriftianitàpreicriue mai,che vno, 
per bere con dolcezza, abbeueri altri con amarez¬ 
za? Quefti fono crepufcoli dibruttointerclTe^e 
non belli lampi di finccro amore. E pure dico 
Beltrame, c he fi trouano perfonc tinte con quella 
fuligine tra la moltitudine di quelli, che dicono 
contro le Comedic. Ecco le fiie parole nelc. 13. g 
Altri hanno vn tal diletto nel trauagliarc iComici, «»• 
che vorrebbero fompre trouarfi,doue eglino fonoi 
accìoche s’vdifie quello, che in tal materia hanno 
ftudiatOje per moftraràgli amici,come iànno col¬ 
pir bene,- c quando sortifoc loro il colpo, ne jpreh- 
dono più guilo, che non prendono que’ belìi hu- 
mori, che lanciano palle di neue Tinuernata nel 
capo a’ poucripaclànij che s’vna [palla colpilcc à 
modo loro,falcano, c ridono, come fè haueflero 
vccifoil Toro. Se quello, che foriue Beltrame, fuT 
fe vero, il motiuo di que’ Dicitori farebbe molto 

C z vi- 


’ 20 CAPO PRIMO. 

Vìtiofbtio lo chiamerei fulmineper laettare le mo^ 
■fchc : mà non Io credo : nè il Comico lo prona .* 
« j£ egli lo prefijpponc, io glirilponderò con le fìic 
parole, fcritte in quello ftelfo capo,^dicendo. II 
prelùppofto tal volta è-l'hipocrita della verità :& 
anche dirò di mio lènfojchc la Ina immaginatione 
lì può nominare l’hiftrione del vero, cioè rappre- 
lènta per vero quello, che non hàprobabile verità.’ 
Aggiungo poi, che può eflfere, che molti zelanti 
Predicatori godano di làntamente, & Apoftoiica* 
mente trauagliare i Comici ofceni, e vitiofi, non 
i modelli, e virtuofi t mà quello non già per fare-i 
pompolà moUra della dottrina loro, onero del 
gratiolb modo di maneggiarla x mà per eonuer- 
tire que* milcri, e ciechi peccatori 3 c conuertiti ri¬ 
tirarli daireuidente periglio della dannatione.Che 
jfe lorolbrtifce di colpire con làluteuole piaga tal* 
vnO j.riduGendoIo à vero pentimento de* peccati 
& al neceflario aggiullamento della vita, li ralle¬ 
grano di haucre vccilò, non il Toro , mà il graoj 
Minotauro del peccato mortale, &habituale: ej 
queftaliè vna virtuolàragione d*impareggiabile 
diletto, che nafce da vna lègnalata vittoria, otte¬ 
nuta contro l’inimico Sacanaflb. Plus hoftisaScn- 
; ue So.Agollino, 'vìncttur in eo ^c^uemplusunet^(^ de^ 
quo plures tenet .. Balla il detto per rii^ondere al 
propollo Punto : e però palliamo ad vn’altro, che 
pure è di Belaamei mànon è làetta di morte à chi 

tit Sfi 


TFNTO sesto: zr 

tiene imbracciato lo ftudo delia vita: e ftlmo, cbé 
à noi fìa vnoftrale di colpo leggierojpcrche ftiamo 
lui porto per difelà'della verità jenon dobbiamo 
tollerare lu"gamentc impuniti gli errori delThea' 
tro, perche à parere di AÌnìano, LongAUA immu- 
nitas nutnt tmménia , dalla tolleranza feguono 
eccedi d^enormità • 

PFNTO SETTIMO. \ 

Si fia Motiuo buono fare I InSìanzji piy cotnpi^ 
cere gli èrnia ,, ò per parer oculato » 

L a vùtuofà amicitia è buona Maga di santo 
amore: & il Chriftiano Amico fi compiace-» 
di compiacere al gufto del lùo amato^mà non pe¬ 
rò gli porge mai la guftolà viuanda nel piatto dell* 
iniquità: onde io non porto accettare per vera l^o- 
pinione di.Beltrame,. che nel capo 13. fcriue con¬ 
tro alcuni Eiprenlbri de* moderni Gemedianti in 
quefto modo. Altri dicono contro iComici, non 
perche fiano noftri nemici, nè perche habbiarioin ^ 
odio le Comcdie,che moltidi queftitalinella loro 
giouentu ne viueuano amanti s màper compiace¬ 
re a’ loro Amici, ò per parer oculati in ogni minu- 
tia. Beltrame muoue due tart'i,efò fentir duefijo- 
nij male fiano due confònanze , ouero dirtbnan- 
ze, mi rimetto al giuditio de*mufici Cantori, cho’ 

virtuolàmente cantano nel cliDio della chrirtiana 


22 ^ CJPO PAIMO: 

pietà: il pritnó lùono di Bdcrame fi è,che fiano mi* 
natie rOfcenità « cioè le mortali 5 perche contro 
^<]ttelle mortali i zelami Dicitori fi moltrano oca* 
lati in ilcoprirle, & effi9aci in rìpronarle * Certo 
non è mìnucìa quella, cheofifendc grandcmento 
Iddio. Nihiì Usti àft$mefur , Deus ìeMtur, 

«• icriue Salutano « £ chi minutia llima Tn peccato 
mortale,farà eglildimato da DioTna minutia vile, 
dilprczzeuole, & abietta per tutta Terernità ♦ L'¬ 
altro fiiono di Beltrame fi è, che alcuni predicano 
contro i Comici per piacete ad amici. £t io dico, 
che quefto non è il loro raotiuoi e le fuflc, non fà- 
lebbe buono, mà ciò fanno per piacere al Saluato- 
rej c perchedefidcranoremendatione de' Comi¬ 
ci trifti,'e perche odiano rolcencRapprefèntationi, 
delle quali iè molti furono amanti in giouentù, 
neiretàpoi più matura conolcono, e dcteftanoi 
lorocommefiì errori 5 e procurano auuilàrgli altrij 
accioche non gli commettano . Chi ha fuggito 
Tinganno, è buon maeftro contro gl’Jrgannatori. 
Beltrame ftàsàrapportarenuoui motiui, mà|im- 
maginatò eperò confideri ilLcttore,quanto fiano 
bene, ò mal fondati. A.me paiono molto in/bli- 
ti quelli, che alla difielà egli dichiara nei capo 5 r; 
intorno a' quali io non propongo Punto alcuno 
mà Iblamcnre dico, che quelcapofi puònomina- 
rc, non giardinetto diodorofèrolè , mà bolchetto 
dì pungenti /pine, dalle quali, dirà tal'vno con ]« 

paro- 


PVNTO SETTIMO, 

parole di s. àgoQ.mo, /inma fine magno dolerti 
(ifire nonf^tefi, 

tvnto ottavo. 

Sì dichiara, Qmìe Jìì ilMétim ottimo, 

.^er far l’In^anzjt, 

I L gran Predicatore della dorata eloquenza.* 
Chrifòftoinoicriuc: Nthiì nagratum ejì Deo, 

*vt animarum falns. Niente porge à Dio conlb^ 
latione tanto guftolà, quanto la procurata làluez- 
za deiranìme. Al zelo dunque di cotal làluezza,. 
e molto più al zelo deU’honor dìuino credo, fi a- 
dattiil nobiliflìmo fregio di ottimo, c perfetto mo- 
tiuo per far Unii anza: al zelo,dico figliuolo grano- 
io della gratiolà madre Carità,&nza laquale fati¬ 
chiamo al vento. In ^entumlahramusx mf cha- 
ntatem habeamus, IcrilTe s Efrem Siro X®* 

V- _ 

E san Gregorio, quel Pontefice grande,, e quel 
gran precettore de' morali ammacllramenti,[fcn- 
te tanto altamente à commendatione del zela 
delPanime, che ftima,fi auantaggi fbpra Peminen- 
za del sacrificio nella ragione di piacere ali’Onni- 
potente Monarca,e Ibmrtio Iddio.. NuUtimotA^ 
nipotenti Dco tale e fi sacrtficium, eguale e ft 
animArum, dice in vn sacro ragionamentoE 
moki altri grandi,e santi Dottori fi accordano nell» 
le rilpoite loro con quell’oracolo Gregoriano ile» 

eoa- 


1 + CAPO p%mq: 

coiìdoil quale io dico,chechi s’impiega accurata- 
mente nella sacra funtione di sacrificante ad ho< 
nore del Creator diuino, fi deue impiegare c6 non 
minore accuratezza ne’ zelanti ofiìcij di fòuuenire 
airanime pericolanti. £ quindi io mi muouo per 
zelo à ricordare à voi, ò caro,e fàggio Amico, il far 
rinftanza contro TOlcenita delle correnti, e mer¬ 
cenarie Comedie: & à pregarui, che d voftro prin¬ 
cipale motiuo fia il Chriftiano, vero, caritatìuo, e-» 
prudente zelo deirhonor di Dio, e della fàluezza 
deH’animei perche quello è il motiuo ottimo 5 o 
quando fi mollca elfer veramente tale, mai viene 
giuftaménte riprelb da veruno, che habbia Ipirito 
di vera Chrillianità: e quello per ordinario fa colpo 
apprclTo tottij perche applicando il lenitiuo di dol¬ 
cezza, lènza il corrofiuo d’alprezza, lana Icpiaghc 
de* cuori feriti, e cagiona giouamento vniuerfale^; 
egli è Maellro di santa vntione, & ammaellra tut¬ 
ti efficacemente ad vna vera emendatione. Con_» 
quello dunque moueteui ail’Inllanza, e Iperato 
di veder prello fiorire nel chrilliano Theatro, co¬ 
me in bellilfimogiardino, gigli, e rolè di puri dilet¬ 
ti , ouc bora Ipuntano triboli, e spine d’impuri di¬ 
fetti : La feena diuentcrà bel poggio fiorito di gra¬ 
da j ouehora è brutta Icntina , & ammorbata di 
peccato: Goderanno i popoli l’aura gentile d’ho- 
nellaricreationcj ouehora s’elpongonoal furiolò 
vento d’vn dislionello trattenimento. Non dico 

qui 



PVNTO OTTAVO. 25 

<pì ililtraclc’ Motiui perfar rinftanza» ftimando, 
che per voM’otcimo accennato fia roteima viuan- 
da, che (òdisfaccia à pieno al voltro gallo : onde-» 
io,continuando à ^ruirùt', me ne paflfo al fecondo 
Capo di tjueftoLibroi ih cui ricorderouui la Ne- 
celiìcàdellamedelìmalnllanzai e leragioniiuo 
fcrmrannodi lumi per farla comparire chiara air« 
occhiodciranimo rollro,ed'ogn'altro, che fia_j 
fornico di vero zel oi c di proiitdo'accórgimento,* e 
che voglia impiegar qualche tempo nella fùa con- 
fìderatioiie. Su.'fìcit mter$m,'yfCQ il decco dis. Ber-1. ». «te 
nardo, admonaam efe , non totum te , nec femper 
d*re (UHoniy f!d.cmftderA'jont dliqmd ^ cor- 

dis^^ tempmsfequefirarer -, ' 





CA- 

___ _ 


2 6 

CAPO 



DELLA NECESSITA' 

difar rinflanza intorno alla 
Chrilliana Modfirationc 
del Theatro* 


Vperfluo pare rimpiego della penna 
per ilcriucre qualche maceria di carità, 
c di zelo, oue non lì Icòrge rineum-f 
benza della neceflìcà . 11 zelo, che è 
poco ,ò niente necelTario, diuenta ze¬ 
ro , c fa colpire nel vacuo male alTegnato, quando^ 
non regola bene il colpo aggiuftato. Però s. Pao¬ 
lo fcrilfe a*^ Theffaloniccnfi in quella forma. Dt 
HF charitatefratermtatisnmnecejjehahfnus fenbert 
<iobÌ5 iibfìenim ^ 0 $ À Deo didtCffiU , •vt , 

Còsi pare, che auuenga nelprelhnte cafo dell’In- 
llanza contro le Comediepuò giudicarli à prima 
fronte vn'imprela di lùperffua fatica, & vno sfor¬ 
zo per rilpingere il correnterulccllo alluo primie¬ 
ro, & originario fonte» E certo non s’imbianca l’¬ 
Etiope col ranno,ecolfapone »e glialti,&;aggiac- 
ciati monti di neue non lì liquefa nno col lampo di 
ynadcbolluce.ellà ragionandoinyano, chi co’ 
sordiIpicgailfuoragionamento» E forlè qui di¬ 
rebbe il Comico Cecchino quel luomotto. Senza 



^2 7 

altroi>«de 3i€mpo, chi à tempo non lagena-,. 
Horsù dunque vediamo per via di Punti Ta ncccf^ 
fità dicotaPlnftanza : forìc che il cercare farà vno 
scauare dentro vna nàinicra, in cui» ù manchcran- 
nalepretìolè vene d’argento , 9 d’oro, Ipero, non 
mancherà q[ualche tametto di buon metallo: & 
Tnbenc,àneor che piccolo, litrouato che fia, non 
farà piccolagloriaal noftrozelo, c potremo dire^ 
con humile alletto quella Poetica sentenza-,. i.«. ce. 

ìntenwltthov^atiifimsmnjloria^ ; 

Pra^O^^PR/MO. 

Sefia necejdnù a tèmpù nostro fdr /’ Inìiunz^a^ 

. > 

I > ’fnftafe, per dppòrfi alla fredda ftagiono 
j tjuandó il riechiflimo Thelbricredella ccle- 
fte luce ftanza nel segno dell’ardente Leone, & 
empie le campagne difocofi ardori,parvn^nipre- 
fà da far ridere i lèmplici fanciulli, nonchegli huo-* 
mini dotti , e letterati: nonèdaSauio diftinguere 
le ombre, quandoIblamente fi vede chiariffimo il 
lampo; e chi maì cerco l’olcuro nella chiarezza di 
mezzogiorno? La Comedia àtempo noftro è tan¬ 
to corretta, riformata, e moderata, che i’inftarej» 
pcrlalua modcratione,pare vnprocurare di fare 
nalccre il bollente calore lotto la zona torrida.,, 
oucro il freddo rigore lòtto lasciata : non è dun¬ 
que n ecelTario à tempo nollr^ar l’Inftanza, Co» 

: Da sì ^ 


2 « CAVO SECONDO. 

sì credono alcuni Comici» ma la loro ctedi^nz^ 
none Adìoma di vniuerlale a{renlb>anzi ella (e ne 
ila riftrctca fra’ termini d’vna propria, e ma,! fon-r 
data opinione,alla quale lì oppone gagliardamen¬ 
te il giuditio di molti, e molto dotti, ^ aUtoreUoli 
Scrittori, Iquali lcriuendo,e proclamando, palclà^ 

noalmondojekerinftanza per la-modcratiGne-» 
•delle mercenarie Conacdic è neceflaria in quel 
modo, nel quale fi giudica necelfarijlflìmp il prc- 
ft o,& efficace fficcof Ì0i;ad.yn morbopoHilcntiale, 
erouinantemolte,e numerofe popolationi della 
- Chriftianiià. Io al giùditio di t?li valcnt’huomini 
fot tolc riuo l’affen lo m io j n c là tà,^.redo, riptouato 
da chi vorrà con giufta bilancia ponderar le ragio¬ 
ni, & blfere limile ad y n Michele Arcangelo,e non 
ad vn Radamante : c vorrà dtliingarli da que’Co¬ 
mici ftolti, che palpeggiando, 6c ingannando,le 
fteffi, adherifcono alla propria opinione, p contro 
> «inali vfar fi può la fentenza di s. Agoftino. Nfhii 
tji flttlmSiquàm fijt ipsìi 


PVNTO SECONDO. 

Intorno à qutUi > che negano la necejfità 
di far l’InfianiSja, 




’Hauer io letto fin’hora pochi Autori, che ne¬ 
ghino, e penfino poter negare fondatamen- 
ite »cbc necedaiia c Tlnltanza per la moderatione 

dei 





TVNTO secondo: 2 9 

del Tbeatro, vorrei, che mi valeflc di forte feudo, 
e di buona corazza per difefe,fe dico male,dicen¬ 
do,che fono molto pochi iNegarori della neceflìtà 
di far rinftanza j c fenon colpifconel vero,pre¬ 
go, che i'errore mi ha condonato; Giouanbatifta 
Andreini, Comico di profe/hone, dice nel fuoli¬ 
bretto, intitolato La Ferza. La Comedia de* mo¬ 
derni tempie beniflìmoelpurgata. E Piermaria, 
Cecchini, nobile Ferraicfe, c tra’Comici detto 
Frittellino, in vna lettera data a’ p- di Settembre-^ 
Fanno 161 6. daNapolì all'EminentiflìmoSignor 
Càrdipal Borgbefe, fcriùe così. La Comedia hog- 
gi hà congiunto il piacere con l’honefto in guifa, 
che fanno fra di loro vn sì grato condimento, che 
ogni conditione, benché delicata, ne può fènza.* 
pregiuditio cibarfène. 

Il medefimo ne’ fooi difeorfi intorno alle Co- 
medie auuifa cori quella franchezza. Afficurinfi 
pur tutti quelli, che dubitano d’errore nella Cò- 
medià, che hoggi al certo non ve n’è } anzi che-» 
fono di gran lunga più corrette quelle, che fi re¬ 
citano, che non fon quelle,che fi ftampano. Io 
non vorrei parere al Cecchino vn cieco, negando 
di vedere quello, che egli mi aflìcura, addita.,, 
quali raggio di chiarillìma luce, la quale nondi¬ 
meno io non veggo: onde àluinon conlènto nel¬ 
la ballcuole riforma delia Comedia j benché egli 

con l’autorità di 



pag. 


30 CAPO SECONÙO: 

qaeli’alcro principalc,c vàlentcComicoBeltranlc^ 
che in molti luoghi della iùa operetta, nominata 
La Supplica, replica in fbftanza, che hoggi la Co¬ 
media lì è bafteuolmente moderata s c tali luoghi 
io voglio ricordare tutti, ò quafi tutti nel Icguentc 
Puntoj e làranno zampilli di vn bel fonte 5 ma fot* 
iè nonbafteuoliad eftinguerela focolà lète deVa- 
lent*huomini>pcrche non tutte i’acque di dottrina 
fbdbfanno airappétito de* dotti fìtibondi j e molti 
Scrittori affermano molte colè tanto lontane dal 
vero, che dir lì può con s. Bernardo, nuìlam ratior^ 
nabilem caufam hétbent» e con Clemente Alcl^ 
(sndnno»verbameptat(^ 


PVNTO TERZO, 

di BeUrAme intorno nìÌA necejfità . 

di farPJniÌAn:tifl. 

ja »» ^ 

I O non m*intendodelle regole del fauellarpoli¬ 
to , c Ipiritofo 5 nè polTo, come pratico giorna¬ 
liere,atfaciearmi nell’Àccademico campicelloron» 
de prego il Lettore à Iculàr la mia infiidìcienza,pet 
la quale non so giudicare intorno alla formatione 
di que* concertini gratiofi, che forlè da* pratici lo» 
no chiamati viuezze d’ingegno,acutezze di Ipiri- 
to, Ipiritolcgcntilezzc, equafi belle Icintille# « vo¬ 
lanti fiammelle di quel fuoco d’eloquenza, che lì 
auuiua hoggi nelle Italiche officine de*dottilo 


PVNTO terzo: . gr 

cfic i Signori Accademici di tante città mantengo^ 
no, & accrelcono con gran riputatione delle loro 
dottrine *. Mà fe io m intendeflì, e fuflì giudice-» 
buono, e di autorità, vorrei dire, che Beltrame hà 
dato alle ftampela terza volta l’anno 1636. quell’ 
operetta intitolata,la Supplica ricorretta,amplia¬ 
ta,Dilc orlò famigliàre,Ia quale mi pare vnTheib- 
retto di.quefteingcgnofe galanterie, e /piritolè vi- 
uacità:&io gli credo per vero ciò, che cgli[dice a’ 
Lettor ,diccndo. Non muto il nome di famiglia¬ 
re al Difcorlò,ancorché io habbia cercato follcuar 
in qualche luogo Io Bile nel correggerlo, per tro- 
uarmi in tempo, che fiorilcono Scrittori di tal’ec- 
cellehza,che l’éleganzefònofanciullelchi alimen¬ 
ti, i concetti (prezzature ,le maffime ftil corrente. 
Così dice dolccmentcBeltrame: màio , (c m’ap¬ 
pongo, temo, e temo affai, che queliuo zucchero 
non ha ftimafo da’pratici troppo abbondante, 
che quella dolcezza non facciingiottirc certe pil- 
IcJe, che non purgano icat£Ìuihumori,màcagio- 
nano i nocini maiorii voglio dire, quella gentile^ 
lpirito(a,6c accademica (piegatura alletta mirabil- 
mcnt€,cfà leggere, c rileggere dolcemente, c len¬ 
za tedio, le dottrine di Beltrame,le qualinon tutte 
fono Soetatiche,ò Platonichcjnè tutte fono A (ho¬ 
mi di piena ^ e ben fondata (ìcurezza r e tale (ì c 
quella,conche infogna,che hoggi la Comedia-» 
mercenaria ha badeuojbiente correrta,iiformata, 

c 


E(rè Si*» 
ro ser^ 
zdiietC 
^pro. 

muL. 


jj^f* 8* 


I2. CAPO secondo: ; 

oraodcratajlo dice chiaro in più luoghijalcuni de' 
quali io porrò nella lèguente Aggiunta, e lèrui'* 
ranno dicócrapunco alla mulica di quelDifcorlb: 
a forfè da aeianci, c prudenti Cenfòri làrannogiu* 
d icari, non dolci palTaggvmà durezze fallidiole; 
perche non lèmpre, chi canta, è limile ad Orfeo, 
ouero ad Anfione : c iè alcuni li limeranno dol> 
cezze, remeranno ingannati, veriiicandofiil detto 
di quel Santo. Linguà dulcitercanens, noce alias 
dtapti 


AGGIVNTA 

Di alcuni luoghi di E cifra me 3 ne* quali negd-j 
la ntcesfiià di far l inftanx^a. ‘ 

L a chiarezza della verità non Icmpre à tutti, 
c per tutto rilplendc à modo dello Iplendoc 
solare, di cui dice Chrifologo, lubar SoUs cUriort 
perfcttdfem, tofamnubiutn d/fperg t obfunfa^ 
tem. La beller^zadel bellidìmo Pianeta', e dcIPan- 
tico Padre de^lunii, rilchiarailgiorno.e fà fuggir 
tutta Polcurità dclPclcrcito nuuololb : la verità 
alle volte (là velata con molte nubi, òc hà bilò* 
gno di molte repliche dichiaratine,per clfer dilùe- 
lata. Dunque saggiamente procede Beltrame, re¬ 
plicando più volte, e dichiarando in più luoghi, 
chela Comedia de' noùritempi è moderata: egli 
dima vcridimalafuap{opoiiciòne>inà velata ca 

nu- 


terzo: h 

liitmololà^c però con la replica la vàfùelando, c 
fnuuolando. Nel cap. 4 - concede, chela Cò/oe- 
dia dopo la fila inucntionc perucrrì i morali pre¬ 
cetti: liià poi dopo moke cadute fiftabilì /oprala 
bafc della rirtu, tenendo (èco il diletto per accei^ 
/brio, & il giouamento per principale : onde egli 
giudica, che la Comedia de' noftri tempi, vlàta_. 
^elle buone Compagnie, (ìa libera da biafimi do 
gli Scrittori antichi; e pér^mèffa da S. Chiela, c da 
molti Dottori dififelà , e da Galant’huomini loda¬ 
ta. Adunque fecondo Beltrame nòn vièhorane- 
ceflìtà di faif J'Inftanza per la moderatione del 
TheatrO' iiitòrnb alle Gòmedie mercenarie5 poi¬ 
ché iion fi nbòdcra i chi comparifee aggiuftato 
moderafaménte : e non ha bifogno di riforma il 
riformato, li medefimo Comico firriuenel cap.' 
5. così. Non vi c huomo tanto ftupido , cho 
non ilcorga la riformazione» che nel corfò degli 
anni le colè habbiano fatto, parte per lo zèlo del¬ 
la Religione , che lèmpre va crelcendo» parto 
per gli ordini de' Superiori, che riuedono le co¬ 
lè 5 e parte per gii accorgimenti del ciuil douere» 
che i Galant'huomini abbracciano : e la Comedia 
à tutte queke riformationi lòggiace . A' tempi 
andati non lì làpeua forfè dardiletto, fe non con 
olcene colè : bora le vergognolè colè Idegnano, 
c non portano diletto . Vi fù già tempo, cho 
lì faceuano Comedie lènza termini d'honefià, 

E efu- 


jì edpo sEco^^mà 

c furono denigrate con mal nome : Iipra fi tedu 

con>^ altro rllguardo 5 is ei^- fono Attior^ijjvjr-^ 
tuofe. Adunque iecondo Bekranae 1 -e Comedip. 
non richiedono (pen|pri »,màlx>daiiari ,* non me- 
iitano la vituperante riprouatione , ,ma ia plau¬ 
dente comendatione. E nel p?po 7. cglfauuifa 
chiaro. ILpda^Oilddioi Conaedja è rifojsnjata 5, 
c pero non occorre cpn^nder r< ajnuic^e ;^tw^ 

con quelle j efiepdp chpi tempi mutano gljj^llf 
ne inuelligar , quai difetti haueua irami'l^u Cpì 
media, per hauer occafione di dirne naale. Q^alt 
che egli dica : le macchip.gja cpnqpatil^pti .nei 
vilb dejla Comfdia antica iopo iuanjtp cpno 
la iauanda del nollro tempp r ella non llomaca 
più con le laidezze del dishonello trat^en ioien- 
tp 5 ma conlbla con le gratie del diletto,, c, del 
gioua mento . E nel5capP. S«^ut6t^9gu4 Ch^flon 
sa, cheleComedie,^^pt<^ibifcotip molti Au*» 
tori, non fono quelle modelle,-facete, e,m)Pt^l* »- 
che fi collumano a’ npltri tempi ?; che le cip li; 
credelfe , farebbe vn dir inginfti à que/grand*- 
huomini, che diflero male di, quelle dkhpnellc 
de* loro, tempi ; e chi fittili; S^puelle le; far^j jfir 
mili obbrobrij, meriterà.., Sententia. conpp^djiil^ 
quello Comico> porche le Còmedie hoggÌ<di 
sò, che non lono linee paralclie cpnj’anc che 5 
mà so anche, non elfer tantO; differenti,che non 


habbiano molte cole impure fimili à qnelle del- 

" ■ i’An- 


I 



TPNtÓ^^EKZO: 5 5 

I^ntichifà . Se àon -ifòné dishoricfte à modo di 

'di Petìelope. *'A^giungò dde àitri luòghi bretìì, 
come due paifaggi di xjuefto Icenico Cantore^ il 
primo c neìcap. ‘p.oue dice. Tutte Icdiflbnanze 
di quello Gbhoico llrumènfo couiìftobo in paro¬ 
le , d geftidlcenio mà le riiitellctco del Gomico, 
come giufto Giudice , pòn manò à talli, alzan¬ 
do le corde balle del diletto fuori deir olccnità> 
c baflàndo» le alte della vana compiacenza fino 
alla iftorilifà, tende tale quella Lira , che, quali 
Getra dìDauide; fa celTar il mal Ipirito de’ rim- 
prOttcrì< È nel cap. 15. àggiurige^ Hora Tolce- 
nità fono leuate : che occorre adunque Iònar le 
campane à fuoco, fe il fuoco è Ipehto tanto tem*; 
po fa? Dice con grafia il gratiofo Beltrame il fat¬ 
to luo, e mollra , che egli lènte col Cecchino 5 
cioè porta opinione, che non vi è punto di nc- 
ccìfità di farc Inllanza bora per la moderatione 
delle Comedie. Mà accioche noi meglio miria¬ 
mo le figure del filo quadro, voglio proporre le 
ragioni di quella comica Icncenza j e credo, che 
all’occhio purgato di giuditiolò Ipcttatore non_> 
Icmbrcranno opera di qualche moderno Timan- 
te, ò nuouo Apelle : non lèmpre dipinge la vir¬ 
tù, chi pinge bene. La bontà dell’Artefice ope¬ 
rante fi collega tal volta con la malitia dèll’ope- 
ra condotta artificiatamente 5 come alle volte con. 

E 2 gena- 


34 . CAPO SECONDO 

gemme pretiofè, dice Ireneo,,fi fa cpmpasrro 
finto, c compofto Tn vile Serpente. 

óci^pié, 

PVNTO ^ARTO.: 

D*vn4 fégiene ,per cut fi negt la mcefifiiìt 
àkfare i* lnfianZiA, 

N On di rado auuiene , che la fòla autorità dV» 
peribnaggio molto qualificato ferue di. 
fondata ragione airimomo prudente, conforme à: 
quel volgatilfimo , & antico, motto. Ipfi dixit. 
Ma chi c mendico di credito trà gl'accreditati , fi 
volge fàggiamcntc alfa forza delle ragioni, per 
concigliar credenza alle file parole . Tali fòno^ 
molti Comici al parere di moia : il:eredito loro per 
loro difauuentura è piccolo minuto y e però, ben¬ 
ché fiano modelli, e virtuofi di vita, hanno bilo- 
gno di farli auanti nel credito con lo Ipaileggia- 
mento di buone ragioni^ Lodo io dunque in rif^- 
guardo di quella verità il Cecchino,.c Beltrame,. 
Comici famefi 3 perche opinando, che le moder¬ 
ne loro', e mercenarie Comedie fiano moderare-» 
baftcuGlmcnte, portano ragioni in prona dell’opi¬ 
nione > che profeflano fbfieneremà ninna ragio- 
.ne femfera vn Achille di fortezza 3 onde fianecefi 
farlo lo firale d 4 Troiano Saettatore. DiceilCcc- 

clii- 


gemmti , ^ kpllts ^ntiofis Serptns ,,ai 


PVNTO QVàRTO. 57 

chino nella lettera all’Emincntiis. Sig. Gard. Bor-^ 
ghefe. Nelle Come.dic non fono più quei Negro* 
nianti » e Stregoni » de quali parlo S. Gio.Chrifoft., 
Nonbanno quirecapito quelli sfacciati > de quali 
ilriue Clemente Aleflfandrino. Non còmparifoo- 
no più quei gefti, &atti dislioncfti » che auuùL> 
Lattantio'à fiche Io afcolrare, e prcftar fede a quel¬ 
li , che biaìfimano le moderne Rapprelentationi, e 
indirio di poca pratica» e di. fòuerchia credenza. 
Quefta è la ragione del Comico Ferrarefe» la qua¬ 
le forfè da lui è ftimata ragione armata, ferrata 
martiale, e vittoriolà j ma non àtutti fènibra tale » 

ncà modo di guerriera comparifcefpauentolà. E 

vna ragione negatiua, ma non hà la natura mali¬ 
gnante della ncgatione, che negai totum » n ega il 
tuttoj perche è cagione non vniueriàle, & inter¬ 
minata» ma particolare , e riftoretca à negare folo 
quegli eccelli, che furono già riprefi da 3. antichi 
Dottori j.onde eUanon conclude contro chi dice , 
predica, ò lCEÌue j che le moderne Comedie han¬ 
no bifogno di moderatione 5 perche le non rap- 
prefentano le Negromantie, e Stregherie riprelè da 
ChrifoRomOinele sfacciatagginicondannate da-»- 
Clcmcate Alcl&ndrino,.ne le dishonefià vitupera ' 
te da Lattando, rapprefentano altre cole biafima- 
te giuilamente damold altri Dottori antichi, 
moderni i- e per le qu^i vi è neccllìtà di far. V Lw- 
ftanzapet la moderatione. Io non aggiungo p:ù 


3 * CAPO ÈECOnoO 

^a^iardi argomenti contro la ragione di oli erto 

Gomicojpcafchevndelsolcanuro, per eflcrc arter- 

> non alpett'ale Cannonare'* ne Ja ‘debolezza- 
df vn’infermo, per cflerc abbattuta ,rithiede i muW 
;tiplicati colpi di vnrobufto Gigantej (jualc certo 
nonibnoio, mà, le bilògnafle^ porterei altri, che 
Gigantifòno nel valore : chi ben vede, vede be- 
nillìnro^ che la^làetta di quella ragione coTOÌca_» 
non colpifce pienamente nel fegno, quali che nc- 
ghr bene la totale, e necellaria tnodcrationc del 
Theatro : e pero dico con S, Cbrilòftomoà chi s*-‘ 
®liima lùlficienre ragione, nemòfs^ 


icu fallat, nemo fe dea^iat 


tias po- 
nam. 


TVNTO oyiNTr 

Ec vi.JtA altTA TagioKe per tievart- 

At far /’ Infianl{a . 



O Ve nongmngela forza di vnralorólòCoiti. 

battente, lìiauuanza tal hora lo sforzo di 
Vn a niiiiolà truppa : il piccolo valore d’vn lòlo di- 
mene grande fortificato neiradunanza di molti. 
Horsii intendiamo,chc i Comici fi fchierano a oui- 
là di lòldati, e combattono Conicarmi di molte ra- ^ 
gionijairaltandoalle volte glialtrirmàpcrlo più 
difendendo le llelfi nel pollo delle moderne Co¬ 
medie, e relìllcndo a gli Aflàlitori, cheprouanola 
necedica difar 1 indanzaper la moderatione a» 


^ p 






j ,xaragior}^a4qorc|.(|aj^C€ninQ^^^^e^ ai poco v^ 
lore : portare da B^ltrarpé,; 

^no; p'^ „ cjbfiidar Br(^éitc^i di 


di cpiob^ne^, ma da alt^lUmanniìaccbidìini coU 
pìdipoco danno, e di debolepaffata. Non èfeon- 
cip ilcredere,d4:eB.;Ìtrame nelsC. 6^ebe in fi lu ngp 
girpd'anjpi la viciififudifipi.d^jp'^pl^ habbia. ^ 
cangiarpimQdi'deli recitare : alcuna volta gliam^ 
tichi Comici sjnokrauanp ranto^neli’arbitrio, cho^ 
non rapprefèntauano altro’, che olcenita, Et il C07 
jpicqiui lisracconta con alni peccati, oggetti ben 
degnidiivitupero , e poi conclude . Per quelli tali 
furono fatte quelle Eeggi, e.quei Cànoni, e non^ 
perii moderni, yirtuofi , che fanno le fauolemo- 
delle, e fono degni di lòde 

Eafbltanza di quella ragione fi epiloga in vna 
conuenienza di credere» che le moderne Come* 


dienon fiano tanto ihdegpe, quantoeranoJean- 
lichene quello non è Iconcio giudicar per vero,- 
anzi fconciatura G’intelietco farebbe il negarlo: 
jmànon proua già, che bora le Comediefiano vni- 
uerfalmente tanto moderate, che non vi fia nc- 
ceflìtà di far rinftanza per vn poco piiàdi mode- 
xacione. Lo fcemarfi la rabbia di-vn pellilentt^ 
moibo non prona, che il morbo fià celfato aflàtto: 
quandovntrillo non ruba, non bellemmia, non 
. y ccide,5cnon codette adulteri] ycome prima, egli 

mo- 



40 - CAPO 'iÉCÓNDO'. 

moftra in {e la diminucione della vita fcandalofa i 
ina non prona rincegrìcà della Chriftiana perfet^ 
rione : le gocciole di ordinaria pioggia bagnano > 
tuttoché il Cielo nondiluuij con aperte caca ratte : 
m'intende il benigno Lettore j & anche Beltrame 
, iè viuefle, peferebbe col filo buon giuditio il mio 
peniiero: voglio dire: la Comedia ncilra è mode- 
rata riffeUiue^ ^ partialiter , in parte, e rilpettó 
airanticaofceniffìma j ma non è tnodetatà sp/oIh- 
te , totaUtery aflblutamente, & in tutto. Dun¬ 
que per difetto di quella totalità la ragione di Bei- 
trame non è potente dimodratione contro lane- 
celhcà di farTlndanza: non c cannone di batta¬ 
glia , ne colobrina, che tirando,e rouinando tutté 
roppolìtioni de' Dotti, meriti nomarli la Comica 
Spazzacampagna. 

Quello Comico è valent'huomo, è ambide- 
dfo, e fé non fà colpo con vna ragione, lì lerue di 
vn’altra, anzi di molte inlìemc, forlc perfuaden- 
doli di poter edere vn'Achille con le molte, el^ 
fendo vn Patroclo con vna lòia. Egli nel c. 6o. 
fcriue, che la Comedia è lecitiinma, e ne reca la., 
ragione dicendo. Ipeccati,cheponnocommet-. 
tere i Comici recitando, Ibno quelli. Lodar il vi- 
tio : dir parole fuor di modo olcene : far gclli tan¬ 
to lalciui, che polTano muouere à libidine le per- 
Ibne : portar ragioni filolbfichecontrola Fedc:de- 
ridere le colè làcre ; rapprclèntar Religioli,c Re- 

li- 


ligibtVticiia fàubla : fècitsir la Qairefi{n*a, faor" 
che jàel’ aécidcfntcì pròriuntiar beftdsìjmie : intrO' 
dar eàfi non * die poffono dishonorar le famiglie : 
far comparir donne con parte della vita denuda- 
tav &altrifìfnili. E piu lotto aggiungeLeuaco 
adunque quCfto, è leuato il peccato > e lo^lètupo- 
loàComicidi peccare. Horatutto quelìo li può 
focon facilità, eia Comediarielcepiù bella, e^ 
più nobile .' ; 

•Dice bene Bekraiùé dicendo i clié futtò fi può 

fare con facilità : màié^icOj Che non fi fa Con real¬ 
tà. Et inuerO llhtrccCiatUra della lùa ragione è 
mólto intrecciata f ma hort mancano capi per di- 
ftreeciàrla:conriénc moire cole,per le quali hora li 
pecca nelle Gomedie: poiché in effe alle volte fi 
lodano le fornicationiji rtibamenti,le vendette,& 
akri peccati : fi dicono Ipeflb olèenità mortali, e fi 
fannogcftiprouocatiui efficaceméte alla libidine: 
fifanno'comparire dónetariiora troppoimmodc- 
fte 5 c qualiTempre s’introducono innamoramen- 
titlcandalofi, e comparlè di femminelle impure, c 
parlanti lafciuamentc con gli Amici loro Et ac< 
crochè tali cole non fi faccino, è nccelfàrio il fare-» 
rinftanza perla moderatione. E perche à nollro 

tempo non lì leuanoque’peccati, che fipoflbno 

leuare con facilità, e fi debbono Iellate per obliga- 
tionerperò leComedicrielcono non belle, mà tur¬ 
pi i non nobili, mà ignobili ì non virtuofe, mà Ican- 
■ ‘ ' F dalo- 


Scr. fu- 
per Ini¬ 
mici— 
tias po- 
''iiam. 


42 CAPO SMCOM'BOf 

d^o£e }. e ìoqo vn teoppo grande ìnceiidk>|vgmi^ 
ciofi). Dica pur ciòs, che vuole Bekrame » e cojii 
luiilC^jcchi^io , l;Andreino>. & ogni altro 0>aù- , 
co motlctno c multiplichino le ragioni j che.certo 
niuno di lo^finoà quello tenapo ha moftràtOieh.Q i 
Udebba e^l&re 4* ìbnar le campane ^fuoco i pep^ : 
che in realtà il fuoco dcll^olccnoTbcatrPi nPf' à 
^ento intutco: £ (è Beltrame » Òi:i fiiptparitBuna» 
no di non elTere Incendiari|,. io lodo la lopoBima- 
tione j ma dico,che nonman^anqalci^ • 

che al parer loro» che cercilSruapientelon cagione ; 
di tale accèdiniento: adunque>alménoper 4^ttc|, 
di quelli altn>niuna ragione delle apportate,Bpuò 
nominare ragion potentcjpe rnegare la necellìtà di. 

l-InBanza per la moderatione del Theatro. R 
loaforzo de’veci zelanti rella giuBiiìeato à pieno 
conia lperanzadileaar,,non,àpochi»mààr]Qolci„ 
l’oecalìt^e di moke, e moi to^kandalole ink]uità. 
L’impedimento d’vnalbla» perclTer ollela dlDio», 
è gran mercede à moke fatiche dell’huomo. vk- 
tuolb» che làràpoi i.’impedirne molt€»c mollo gra¬ 
ni? con quella Santa inrentione i veri Soldati di, 
Chriko lèmpre combattonoìanimatidallà Speran- 
^adel tnonfb*. mtenpioìte, àke SanChrilcK 
Remo t^nnmm dmicamuSi 'vtcumvir- 

tHUÙHS in Chriffa m Aterna fecula trmfnphemus ^ 

I 

FFN- 


l 


43 


à / > 


TVNTO SESTO. 

intimo i che 4ffermaai4> ht necefìità 

di fare i’ln§ìm9Ui^ 




ronc 


^ . . , 

^thièàtifltìlìtìà ct>n intemioaie fetta,e buona, 

_ - ■ * ♦ 

flià vale anche difteno, per ritenere, tiri malicio- 
làmente tfauia dal diritto Icntiero della ragione * 
Ttfalè radhnànze dé’ Gbitiici, credo, vi fiano ah 
cani i «e fdfle ìmolti di atitiftio fìncero, e virtuofo ì 

’E rte cdn que’ ter¬ 



mini, ne’ (^uali-èlecitiflimardifèérfano, l'errore 
è, non ditonòlcitttà tìtalkiai fnidinonpienain- 
tèll^énz a ,*6 di i vSrd^ilé i^nóf a^zà -, e peto eoi pe- 
nolé . Talvfòftb’h Gèi:chin6i Bèteànfté i e l’An^ 
dreino, ì filali,- cènae tcftifi<?dWt>tìellè ftàmpe-v 
profeflano,rclercitiolofo Comico eflcr modera- 
tiflìmo: e tali fòno^tri Comici di Compagniéj» 
pfincipaK vi'qiràh fidann<> Vanto di recitare l’Ah 
tkmi cotrettei r ifof matè,è moderate perfèttameh* 
tc 5 màióa1tfoùe‘fndftferò, cheiloròRecitàmen-ì 

ti (Wi-olM/oPTiofi dì ou^ilclie : nui 


lo dico, che quelli,cheafifermano la Oecellìtà di 
fare rinftàOzai accioche fi formirtG Leggi mode-p 
fàtiue del Thcatro , fono tutti que'’ Predicatori, 
Dottori, c Stolaflici, che prouano interiienire^ 
peccato mortale per ordinario nelle moderne, e 
mercenarie Rapprelèntarioni : e Tautorità, e dot- 
-- w F 2 tri- 



44 CAPO secondo: 

trina di quelli I^rfctia^gi;‘ìfc' v:^c’'ia^oI^ contro il 
Cectlàino, Beltrame, & altri limili, vale iid^lto 
più contro quelli > che malitioiàmente deturpano 
ilTheatro, vituperano le leene, fuergognano lè-^ 
ftcBi, (Jc errano cctntro l’honcftà con, patolte bri|t- 
tjezze. I)ique|ti, non veri Comici^inà ,mQllru|- 
ù Mimi, Icriue in più luoghi Beltrame > ebaftà per 
Jiora quel poco, che attefta nel cap. 19. dicenr 
do. Sempre vi fono; flati Comici rei. B di qucl^ 
parimente ferine VA ndreino.Son,(lefof mile lccn$ 
hoggi venute. Et anche di quefti diceil Gc<?chin 9 
s ne’ fooi dilcotfi. So pur troppoyche eiibno per lo 
mondo certi, i quali per non £ar ben Conaedie ^ 
danno materia di bialìn;ia‘rle> E ppi lòggiungey 
quah accennando lanecel^tà di(lkrl’Inlfonza,.à 
beneflcio de' buoni, e {^r^orrertione.de'^rei. Si 
cofluma di vlàr diligenza di render il grano lcomi* 
pagnato da ogni ùnmpnKlitia lo ùelTo li doureb* 
be fare délJerComedie „ e letrarjorp tutteJe co^ 
nochie>reducendole in quella lchiettez?ia„. 
lì deuono poiconlèrua.rej&,ac.cic) ninno per igno*- 
ranza ^ ò malitia potelie errare > metter fuori in.» 
iflampa vn modo falutare, con rautoiità di chi lo 
puòfar,eièqaire , col quale li porelTe profogpend<> 
inanzl, nonliauer più dubbio di commetter follo.^ 
Io qui godo, che qpefto. Com^ifo habbia Icritto 
così bene , éc habbia dehderatpyn'authentica, dc 
e^cacedichiaratione, e moderarione tanto filu.- 

tare. 


*PFNTOSESTO:ì >5 

, tàfc, c necelfaria • c qucfta defideraua vn'altro Co¬ 
mico, da cui intefiio, pochi anni /bno, àdirmi. 
E perche non efce da Roma contro le Coraediéi. 
corrcnri yn*ordinc moderatiuo?E perche non lì lu 
ynaJdgge yniucjtlàle contro gl-illeciti reciranienti 
dihoggidi?£t,io dico,che, fe mai lìfaràtalLegge, 
ccrtolàrà vn gagliardo argine, c riftrettiuo di quel¬ 
la grande inondatione d’innumerabili peccati 
mortali, che fi comettono nelle città, e nelle Ter¬ 
re del Chriftianefimopercolpadegliofceni Come- 
dianti, contro iqualifaTInRanzaelplicicamènte> 
òimplicitamente, no-nIbloogni Icolafiico Docr 
tore, màanche quell’Amico innominato, cho 
XcrilTealCecchino,Sceglilorcgiftra àcart.i 7. de* 
lùoi Difcotfi : & è di tal tenore, che puòlèruire di 
|(Qìnha per rifiiegliare ogni dishonefto Comico 
dal nocino addornacntamemo de* lìioi peccati* 
^pcor viue relii^ia > dice colui, di quella l^cie.^ 
^in^me„ la quale in altro non Itudia , ne d^altro fi 
c:r;)mpiace,c>.viue, che dicorructele di coftuimi i^dì 
opprobrij.paleli, e d’aperte immondirie : chcH fai> 
ne paragonecofi quelli, reprobi dalle Leggi,e Ca¬ 
noni , non è punto fuori di pccqjofico. Non j/e- 
dete voi per le piazze Imbóiini, i quali mollrano 
per la cintura del volto la bruitufa dcir animo 1 
non gli liduece veduti ballale con; Conciatura di 
bocca, torcimenti divka, & actkanto brutti, qua- 
to. noi. vediamo ? QtieRi fiirmo ancor irà loro vn 

tal 


4^6 CAPO-secóndo: 

talmifcuglioychclò chiamano Cbniedia 5 dèlIàJ 
qual materia, parole, & atti douendo cornipon- 
dcire alle perlòne, lalcio far il giuditìo a voi. Hot 
ditemi in corteiia, c chi può tacere di coftoro > aa- 
*zi chi nondcùedire? hò d«to anch’io, & ho pià 
voltevditovtxilleiroiidire : 6c bora liete Icoj- 
dato la loro Icoftumatezza ? Ad vno diquefti fpct- 
tacoli dìshonelli doueua efler quella donna, che 
-fcrifle T crtulÌiano,che fi ipiritò. Qucifti lòtìo quel¬ 
li * che non poffonoraccontarli fenza imbrattarli 
l’anima come nota Saluiano. Da quelli li parte 
cal’vno ripieno di mali coftumi : ne di quelli v’è 
cofa più dannolà 3 lalciò Icrittoil buon Seneca. A 
quelli s’infiammano gl’animi alla libidine,che co¬ 
si dice Lattantio: e con S. Agollino è peccato il fat 
beneficio à quelli, che fanno tal’ eflcrcitio .* li ché 
non troucreté Scrittor facro, ò profano, a nticOi ò 
moderno, che non bialimi, e danni la dishoneltìi 
Rapprcfentatione. Sin qui rAmicÒ del Cecchino, 
il quale cò lìioi detti proua efficacemente la ne^ 
celfitàdi farrinftanza. - . 

E quella nécelfità, non vuoi dire, che la mode- 
ratione fia neceflaria, perche lòlo qualche Comi¬ 
co tralgrcdifca i termini prelcritti da’ TheologiàlI’ 
Arte della Scena : poiché tal tralgrelfione non_, 
crampollo,'che IblamenteIpùhtida! luolo di que¬ 
lla facoltà : ogni Arte Vede qualche herbaccia ger¬ 
mogliar nel dillretto delfiio terreno : che però 

Bel- ■ 


FVNTaSES^O. fT 

Bekrame dopo hauier detteti che k. Co tn«dia’ de’ 
noftr i tempi è rifocijiata » &i è fatta ^gu af dì fimi' • 
gliaaza ad^fn;’armoiiiok >• c bett'aceordata Lira, ' 
aggiiMige c.Qj'ik, Non dico però., che i Cbmkì fia^ 
iXOcantO/aggiiAfiati'jtcbenon vifia» àchrpof meo-* 
dari<^^ ÌQ bugila j poiché tra taotiepa khi vno' 

ha iljCer.ufiIlo più. bntbace. deJl’alcro. Mà quaf è 
qjticll’Arte ..che fia canto.perfetta,,che faccia effen-^ 
t^iaoiOpecarida gli errori? La natura anGh’elki 
fàde^ abo^ > naa le rugiade dell’Aurora non^ 


• 9 


Dice il Ycro-^ue®o Gx)mico..e Io dicecongra- 
ùa snjà io dicoche gli Autori da rae cicati non fi? 
gfiìficano qgeftò tko di Belcràmc j. nedipingono*. 
la neeefiìtùdclla modcratione con quelli colori y. 
ne^additano quello neo* nel bel volto della, mo¬ 
derna Cosnedia 5 ;quafi che fòloquali^he Còmico 
pccchico^atro il decoro dteli’ArcCv mà.dicono , 
pcouano, che i moderni, e mercenarij' Gomici 
quafi tutti òper malicia.òperignoranzacol^uo- 
le fiiabufano déirArte, deturpaoo it Theacco^ ro^ 
uinano eoo le ofcenità. i buonij collumi della Re- 
publica * 6 t elfendo vna perniciofilfima’ pelle deli 
Chrillianefimoj dimodrano euidenremente la ne-* 
eelfiiàdi ùr rinllinzaperlamodèratione. Adun¬ 
que. ioconcliido, rilpondendo al Punto nel mo¬ 
do poco priaiaaccennatOj.cioèiSanti Padri vi Sa- 


4 » CjdfosEcatjm' 

cri Theologi, i zelanti Predicatori, i prudenti Po¬ 
litici , & anche alcuni virtuofi Comici affermano 
lalnecèflìtàidi far l’Inftanza per la moderatione del 
Theatro. Hor chi non vede» che i voti di tanti fo¬ 
no la proclamatione alla fèntenza^ chi non foorge, ' 
che i lumi di tanti fono le torcie,per far vedere oue- 
fta verità f non è buio > oue ^ammeggiano tanti 
lumi: c fei Comici o/ceni fono cicchi nella chia¬ 
rezza di tale fplendore ) intendano, che deuono 
mutar vita, e far buona, e virtuofa conuerfadon ci 
accioche quella fcrua loro di fiammante lumiera^ 
per veder la ilrada della verità: c però ciafeun di lo¬ 
ro pratichi l’auuifo delPAutor dell'Imperfetto, thè 
imperf. hàfcritto. Legensfefìinetnjiuere Deodtgne •< 

eit*s berta fìt ej*afi iam^sdis Utm€n 
ante oculos cordiseius, ^tamabertem •vertiAiis . 

A G G l V N T A, 

Con alcuni 

N On voglio tacere, che l'anno r 64 Tì vn Scr- 
uo di Dio, Religiofo di profeflìone, e buon 
Theologo, il quale nella fua adolefcenza haueua 
fatto ilCpmcdiantc, fii inuitato da certi Comici 
fuoiamici ad vdire vna delle loro Comediej vi an¬ 
dò , e dopo hauerla Pentita, fù di parere, che vera¬ 
mente fuflè ofeena 5 c ragionandomeco di quella 
maceria, miatteftò, che iilecko erari modo, che 

per 


sesto: 49 


òi^iflarioterigorio di recitare À noftro tempo 
iitìercenàfijCcmediailti. Aggiungo vn'altra ef^ 
petienzà più itiodéfhà fatta in due Compagnie di 
Cottiicipriricipàli rdnrio 1644. Vna CoUipagnià 
fìappellahà la Compagnia del SèreniflimoN. fe- 
cele lue Cottiedie : Vi fò. mandato à féntirle vn'- 


huòmo di buongiuditio, é di ottima colcienza-. 
Con ordine, che vi attetidéfle con diligenza, à fihé 
di riferire fedelmente la qualità dell’Attioni, le-» 
quali fècondò là voce popolare, è cOmmune fi di-’ 
cenano olcene|j e tali per verità fiuono ritrouate da 
quel giuditiolb, colà mandato còme giudice fè- 
creto à cenlurarle. Péto dopò fèii'andò quella-j 
Còmpagnia, è ne còmparue vn'altra con appro- 
Uatione,e patente di vn*altroSeréniflìmo. Comin¬ 
ciò le Comedie, e fi lèppe con ficura tefiimonian- 
za di altri, àpoda mandatiper vdirc, c riferire, che 
etano niòlto pià ofcèhe, dishonèdeé IcaUdalóiè?^ 
che le altre pà {fa te, è fatte dalla Compagnia pàrtij* 
ta. Dunque rimane prouato, e fi conclude anchi 
per vigore delf elperienza, che vi è neceflità di far 
rinftanza’ pét ottenere la moderationè del Chri- 
ftiàn'ò Theatro. Ma non voglio tacere ancora vn' 
altra prona,letta da me in vna lettera, che mi fcrifi 
fevn qualificato perfbnaggio'da vna Cittàprinci- 
paliffima à di V 2. di Luglio 1640. II Comico N. 
IcrifTe egli, nella fua Compagnia rapprefènta vn'- 
Ateiòné d’vn Confelfore, veftito al modo della ta- 

G le 


so CAPO SECONDO 

le ReIigtone>e nominato N.N. Queftì alla £no 
. entra pubikamence dal palco per la fìnefìra in ca- 
fa di vna Signora,ringanna>c pecca con lei, hauen-* 
do prima procurato, ò fìnto di procurare, la di Id 
conuerfione à penitenza. E* vn’Attione veramen* 
tc fcandalofaj &:iorhòfèntitavcondottoui fotte 
pretefto,che fofle vn Recitamento lpirituale;con- 
feflb, che nel fine io vdij piiiperfbne, le quali dice- 
uano. Quelli Comici meritariano d'andar’all'In- 
quifitione. Et io àque’Comici, per conuertirli, 
hauerei voluto poter dire. Voi offendete Iddio 
con fofcenkà mortali del Theatro,, e Dio non vi 
cafliga, anzi vi mantiene in vita, e vi fbmmihiflra 
il cibo, ftupìteui, come già fi flupirono i Sirinimici 
del Profeta Elifèo,quando riceuerono da lui in ve- 
Heiifeo ce di morte il cibodi vita. Stupent , ferine S, Chrk 
^rum promcvte'liBumyproinUritiicibumy 

camtffitimpra pinna offerrL Mànoiadeffo cerchia¬ 
rlo vi^ poccmieglio le ragioni della neceffità di fax 
Pinflanza» 



PVNTO settimo: 

ioni ypef le quali fi afferma la necepia 



HI 


a,. 


S > .t - 4 


ir. 


On /piacerà, credo,al ghiditiofo ciò, che fert¬ 
ile il Comico Cecchino,. fcriuendo così. 
E'cemèricài, che non hàpari, iir«g 2 f (jueljo , elio- 

reai- 





p rNTO settimo: 51 

ifealìit|er)te appare. Et io fciiuo, che molti, anzi 
moltiffiraipeccati fì commettono da mólti per oc- 
cafione delle ofccne, correnti, e mercenarie Co- 
medie ■ e quello lampo Hà tanta chiarezza ie que¬ 
lla verità realmente appare tanto cerca per certidì-* 
ma relatione di molti, che il negarla pare vna raa- 
nifefta temerità. Hor quindi fi prende la 

PRIMA RAGIONE 

' * ■ 

P Er affermare lanecelfità di fare rinftazaiPoi- 
che il peccato, che nalce dall’olcenità del 
Theatro, non è vn folo moftro perniciofbj mà vna 
bofcaglia pienadimoltimoftrilpauentofi, eperni- 
ciofi : e però e neeeflario qualche valorolb Herco- 
le, che con f Inftanza.quafì con la mazza, gli fcon- 
figga,6c vccida tutti.C^efto peccato,cagionato da 
Comici ofi:eni,e fatto da’loro lpettatori,non è vna 
Icintilla leggiera, ò vna volante fiammella j màè 
vn furiofò incendio, abbondante di mille, e mille 
fiame deftruttiue de’ buoni cofturrii, e delle Chri- 
ftiàne virtir: adunque,per eftin^uerIo,c necelTario 
fonarle campane, 6 c ancor le trombe all’lnftanza 
per la moderatione. 

' I Comici ofoeni del noftro tempo meritano il 
-titolo dato ad vn trifto appreflb Ifidoro Pelufiota, 
cioè, Fify promptuarium , ^ imp udenti a thefauru ^ 
fono vna viua conforua di vitiolà vita, & vn’ani- ***• 
, maro theforo di vituperofa sfacciataggine. Il no- 

2 ■ Uro 


52 CAPO SECONDO. ^ 

ftro tempo per noftra gran fùentura p9rpeggioi« 
di quello,nel quale la Comedia, come dice Beltra¬ 
me > elTerrdo ancora conualeicente, {drucciolò 
qualche poco nella feniuale libertà, tenendo per 
opinione, che la giocondità dimorafle ne’ lalciui 
gefti, e negli sfacciati detti j e che queBi fuflero di 
lei la vita • Mà io dico, cheper colpa de*^Comici 
dishonefti bora le dishoneftà tono di lei la morte s 
e fono la rouina deirànime r e però necellària fi è 
l’Xnllanza per la moderationei accioche hrimedìj 
al morbo deiròfoena Comedia, & à molti pccca- 
ti,chenafoono,comepeftiferi germogli,e velcnole 
herbaccie nel capo della foa mortale dishoneftà^ 
Le Attioni delnoderniie turpi Comedianti me¬ 
rita no il titoloi nondi Comedia,niàdi quel Mimo^ 
del quale auuifa Francefoo Robertelli t Fuìt apud 
veteres quAdam Cam Aita dUia Mimus à 
imita$ioneua fontmthaf res ehpAmsy quas Htfirio^ 
ms ipfo etiam geflu exprtmire cenaBantur. Cioè 
nel tempo antico fi vsò vna forte diComedia no-- 
mata Mimo, abbondante di troppa imitatiòne,. 
-nella quale fi con teneuano colè ofoene,rapprefèn- 
tate col gefto dagli Hjftrioni .. E colè tali, fiinno i' 
prat tici „ che hoggi fi rapprefontano nel Chriftiano 
Tlieatro . Onde non-mi dicano'alcuni . Pare a 
noi , che le correnti Comedie non fiano dishone- 

A * ^ 

ft'e .. Perche io prendo-la rilpofta ^ per fòddisfar à: 
qttefiii,dai P-Raftaeltodelle Colombe ,.Theologo r 

Pre- 


^VNTo sBrrjMo: jy 

Predicato!», e moderno valent’ huomo Domeni- 
jpano, il quale nell'Appendice della Predica lua di 
feria 4. della 4. Domenica Quadragcfimale ferine 

acconciamentecosiv - ^ 

Se vipafedinp, vi ricorderò tali colè/> elie vi 
paia di sì. Se fono Tragedie» i titoli fteflì fono atro- 
cvlcelerati» empi - Che vi fontitefè non Fìgliupli 
ammazzafi da Madri, e Madri da Figliuoli r lilndi- 

nisfrenate,inceftihorribili, Matrigne innamorata 
di FigIia^ri,pccifion di Fratelli infìcme: Padri, che: 
percaufà di Religione làcrificanole figliuole -for- 
tilfimi huomini., che per dolore dirrceuute ingiu¬ 
rie impazzano.‘fentenzc snvpìQiOdsrmt} dum^ 
mftmnt. Se far contro giuftitia fi deue, faccifiper 
regnare. Gbdiil dì prelente, che Falere cofo fonO’ 
della Fortuna, Quellicoftumi s'imparano allo' 
Tragedie. Ma le poi fono Comedie , che fi fa ?' fi 
rapprelènta vnvecchio auaro, vn giouane innav 
morato,vna vergine per danari maeiilata,vnamc- ^ 
retrive, che non hàfaceia, vn Tenone luergognà- 
to, vnparafito briaco, vn feruo ladro, vn lòldato 
vantatore, Prouerbi inconfiderati , cquiuoci di- 
shoneftij anafibologic empie. Io dico, che quelle' 

Comedic, le nonlòno dishonellifììme, balla, ch^ 

fono dishonelle. Q^l Comedia è.lènza donnea- 
eamoii? 

Alparere di quello Theolbgo': aggiungo la lem 

tenza di Monfig., Francefeo Diotaiieui,lpiegata ■ 


$4 CAPO SÈCONDÓ^X^ 

in vn Tfattato fatto daIiìiTanno 16 r a.evédnito da 
in« manufctitto in Fiorenza Tanno 16 40. cdice 
in <5uefto modo. Veramente per la cognkionei, 
che hò io di tali Comedie, ^alchegeftG tal volta 
brutto vi fi fa : ma ordinariamente la di^Oìiéllà 
notabile fiiòléconfiftetèfolarnente nelleparole^ò 
perche moke di effe fiano di natura fila {porche 5 ò 
perche con*effe firappreièntàno amori illeciti, e 
trattati diarriuarcà qualche dishonefio diiègno. 

falciamo il reffo fcritto da qu'el dotto Prelato, 
che con altri Dottori prona la nèceflità dì far Tln- 
ftanza perragione de’peccati : e paflìamo alla vir¬ 
tù 5 e da quefta prendiamo vn’altra ragione , che.^ 
prpua quella neeeflìtà : e farà vno {limolo nuouo 
al noìlrO corlb. " ■ ‘ 

SECONDA RAGIONE 
Per far l’IniìanZja, 

L ’ArteComica, moderatamente vlata, è lecita 
! fecondo ;S. Tomaio, e tutta la Scuola de’ 
Theologi 5 & è Arte virtuolà, degna di lode, e di 
honore .• onde fe contro di lei alle volte fi ragiona 
da alcuneperfone poco dotte, ò poco prudenti, le 
quali, come nota Beltrame nclcap. i. ragionando 
fenza dildintione, àdanneggiar il proflìmo lubri¬ 
camente incorrono s io dico, che tali ragionamen¬ 
ti, non meritano approuationej perche ingiufta- 

mente 



Prendono 1 ■ Arte 3 e £annp j che quella ^ chp’' 
può còmparire à foggia di houprat?; Cittadina 
compaiirca in fembianza di vituperolà Meretrice r 
adunque faccift b necefferia Jpftanza, j c|^ cosr 
TArte virtupff ^ degna di cpmmcndatióne, iàr4 
da tuttilfioiara, òchonprata^per b oapderatione :-e_ 
L’Infianza moderatiua ficangeraùn l^I;ièggto di 
honore^ad ogni Perfònaggio del Comico tratteni¬ 
mento. • 

TERZA RAGIONE 


•j.-i 


^ n* 4 



|VcRa fi prende da’ConaediantI, non mali» 
tiofi, ma erranti con yn fallò prefiippoRo jf 
e iòno quelli, che, profeflandp di eflerejr 
huomini vifmoli, honorati, & Attori di modcRe^ 

- ■ ' • ' ■ ■ ■ . y 

Rapprefentationi, fiipppngonojche fi poflano leci» 
ta.m?nte rapprefèqt^r. cetre colè, che jfonomortab 
mentepoccanainplè, e pero riprouate da’Dottori 5 
i quali come per yna parte concedono lecita la Go^ 
inedia, el’Arte Comica, così per Taltra dannano' 
quelle cofe prefuppofle leckifiinie da’ Comedian- 
ti j c delle quali ragionerò altroue. Quindi nafce 
l’origine di quelgraivikigio , che fi eccka fpelIE 
nelle Cictàtra’zelanti Predicarori, etra’ Comici 
Profelibri con didi^ba, icompiglio, egraue falli- 
d;o di moki Cittadiui ; opdq per difingannare gli 
ingannaci,& erranti CqmicVìCpergiuftifìcare i ze- 
•o : lantiy 


56 CAPÒ SÉCOnm^ \ 

lànti,«dotti Predicatori, è molto neceflariòPaté 
rinftànza per la moderatione. 

Io hò letto li Trattato Theologico, pollo dal 
Cecchino auanti i luoi Dilcorfi, il qual contiene le 
dottrine raccolte, come egli dice, e meritamente, 
exfeptem DoBorìbus ^^rdcUrtJjimis, i^uiomnesjttm 
tx tUuBrt^mo Fr&dica orum Ordine , da lette no- 
bililSmi Dottori Domenicani, che come lette lu¬ 
centi ftelle rilplendono in quel miftico cielo illu¬ 
minato. 

Hò letto l’altro Trattato, molto più copiolb, 
canato da S.Tornalo, e da $ommifti,elcrittoda_» 
Beltrame verlb il fine dd lìio Dilcorlb. Et ambe¬ 
due fono buoni, eprouano, che la Comedia, 
l’Arte Comica è lecita: ma non prona nó già, che 
le moderne, e mercenarie Comedie fiano in rutto 
lecite: e che i noftri Comici elèrcitino l’Arte cotì-» 
la debita moderatione. Quella maggiore propo- 
fitione Ipeculatiua di dottrina, cioè. La Comedia 
è lecita. E‘ propofitione veriffima, e come tale, da_, 
tutti è riceuuta : e fi può paragonare ad vn lampo 
di chiarilfima luce, che da tutti è veduto. Mà que¬ 
lla minore propofitione pratica, cioè, La moder¬ 
na, e mercenaria Comedia è in tutto lecita. E prò* 
polìtione falfilfima, ò almeno moltocontrquerlà, 
ne da tuttifi concede per vera: e fipuò falfomiglia* 
re ad vn raggio luminolb coperto con vna nuuo' 
lofa ofeurita. Beltrame, & i liioi‘ Amici forlelaj 

• ' r“P: 


pt^ntd:sett:imo: 57 

lappongonaveriflìma, c però dicono, che n elle lo¬ 
to Comedie fi troaa la tota le moderatione prefcrit- 
ta da* Dottorii^mà^qui ftàimpunto, equlil fallò fi 
iTrtàlchera con I’app3rerj2a del vdto >, e fà vn carne- 
ualccto^d'ertocù fìilògqa auuertire, che fi conce¬ 
da per^erilfittiò,e i’hò ac'cennatodifopra,chc l’an- 
ficaComedia, quafi horribii moli ro, era moltopiu. 
©fcenaV62 iilecica jìche: la naodèma 5 e che là mo¬ 
dera^ bà ricealito ^incdte modcmtìom, ^ perehei» 
molti carpi fóhicyftatifccifi à quella Hidra : mà con 
tuctò ciò la faticahera^ca non è^fìnita ancora : ne 
fi d eué concedere; wmmrs} , /tmpltciter fVni- 
uerlàlmente, òcafiblutamente, che tutte le mo¬ 
derne Attionì, e Coaièdiede’ Merceharii Gonaici 
nano recitate co* termini totalmente fiifficienti 
alla Chrlfiiana Mcderatione: perche tra* virtuofi 
Attori non mancano difettofi 5 etrà!eròlè,ec'io^Ii 
Ipuntanoancorle Ipine:&limale di vna cofa pro¬ 
cede,lècondb la volpara regola del Thcologo, cfa_. 
vn difetto. lb!o : oue che il bene deila me iefinia_» 
dipende lèmpre dalla fila totale, & intiera cagio¬ 
ne. Ne l’autorità di Beltrame, ò del Cecchino, ò 
d altro valente Comico, mà la loda, e ben fonda¬ 
ta dottrina de’ TheoIogi,e de’ Sommifii, fi è l’Edi- 
po Verace alla vera rilpofta delle diificoltàipecola- 
tiue, e pratiche, le quali fi conrrouertononella-. 
Chriftianità: e lècondod’acutezza di quello Edipo 

i.Predicatoriproclamano,6ciTheoiogi, egli S^rit- 

H tori 


5 » CAVO SECOf^Cm^ 

toriafferiHcino >che e necelfaria.! InftanzdpetfaM» 
moderatione. Kon fàdi mefticroiitanaiciao'dcl 
Comica parere, oue fiammeggia ri|>te»d^do il 

gran doppiere del ginditio' de*^ Predicatori, e de’ 
Theologi i & io l^o^'do 

motiuooccimo per far Pinftanza fi è il ¥cpo 2«la 
Chriftianol, cosila ragione ottima,,per proiiarla^ 
necefficà della, medefima Inftanza ,fi è Pfcfficace^ 
rimedio a molti peccati, i (juali celieranno, ^uati" 

do rim'perode* lìjpremiModeratorifi còmpiaceia. 

di formar que* Decretile di ^onaulgar quelle Leg» 
gi ,che Icruiranno^ dilpade,:per ferire, e dilancie,. 
per dar morte, alla troppo licentiolàDilfolutionej 
Theatrale > che lèmbra più feconda del canai Tro¬ 
iano, per mandar fuori dalle vifcercTue ,ho micide 
delle anime ,,vn’elèrcito dipeccàminolc brutture, 
e dì turpillime iniquità,cagionate da gli ofeeniCo- 
media nti, à cialcun d c quali fi' puor icorda r per luo 
bene ramiifo di S. Chrifoftomo. DoUat Peccatory 
Zfi. aliuàfeep.o^mdfuerat:Umtlachrymu.quodde^ 
Itciis, infccit.. 

fvnto ottavo. 

Sì moftta U necefsiid di f tr> l’Inflanla per 
queSovche dkon 9 <e.ltri Dottori. 


tomi 1. 


1 * 



Floridi Ibaue odore nonci'Clilpiaeciono,tutto- 
checon varia moltiplicatione ci fiano prefen^ 


tati. 


o orr avo: 50 

tati • • E-moko me no ddi/piacciono ì frutti, chej» 
fono di gioconda ricreationc col làpor loro al iio- 
ftro palato, Io agginngendo qui i detti di altri 
Autori intorno alla qualità delle moderne Come- 
dfe> kimO) che prelènterò nuoui fiori,e nuoui frut¬ 
ti, cchc larannodifoddisfattioncalbenignoLet- 
tore, c quindi più viuamenteconolcerà la neceflì- 
tà di far rinftanza perla modcràtione. AppreC. 

IlCalànoicriue, che da’noftri Comici nello 
modeHieCotnediepocoaltroii negotia,cheadul-^*j,° 4 'Ì^ 
terij» tradimcnti,& inuetioni diaboliche,per Ibuer- 
tire le Donne d honorerouc u ordifcono traine,per ‘j* 
-ic quali s'inlcgiaa di facihnéte colcgufre ogni drs- 
noncllo intento : ouc non lì sa muouere vn ridico¬ 
lo fenza bruttiflìme parole,^ clccrabiii attioni:oue 
hnalmente non li vede, non s’ode, e non ligulla 
altro, che lalciuie manifede, e colè,che allalalci- 
uia per dritto conducono. 

Dello fteflfo lèntimento è il P.Gambacurta,oue 
ferine di quello tenore. Le Comedie per le lleflc 
lònocofò indifferente : bene, e male fi poffono fa¬ 
re: ma quelle, chevannoperltalia,non trattano, 
fe non innamoramenti 5 come fi fà per ordire, tef 
fère,e condurre à fine vn adulterio , vna pratica., 
dishonefta: come può gouernarfi vna Donna ma¬ 
ritata, per tradire il confbrte,e piacere airadultero: 
come fingere, e burlar con vno,efardadouero 
con vn’akro: lì pongono detti,e jnotti furbi,e di¬ 
ti 2 sho- 


60 CAPO SECOI^DOi 

shonefti • fTcnopròno, màfonointefi 4 a:tiitll; .epr- 
corrono mezzani dishonefti, 6c il Ziiinì conjà.» 
Sema è la falla del Dianolo * . ■ ' 

- il P.Raffaello delle Colombe ferine nell’Appen¬ 
dice difer.4.della Dom^4. diQnarefima- Se neir 
le Gomedie vi è il Zanni, molto più fono dùhone- 
fte 3 ben lappiamo, chehonefto tra’ Comici per Ip 
più è il mancodishonefto. 

Il P. LodouicoCellotio lì accorda di confermar 
quelle milèrie,dicendo in yna Oratione . Lieti Co^ 

aaturam [pe^tudn neutram partem 
leat iquia (amen in detertorem deduca e fi, quis ad 
tale fbeóiaculutnfine noxa^ericulo accediti Et ag¬ 
giunge de’moderni Comedianti, Sahbus mere^ 
trieijs, amatorijs ^ulmentis feenam c onfperger e fo¬ 
le nt\ valatn profitentutr , eas fahulas non amari, in 
quibus non amatunnon piacere Speftatoribusyin qui- 
bus nulla puella forma placet Aàoribus: ^ fi quan¬ 
do Poeta Htflrionkus fevij, grams argmnenù 

■ Ifragadtam njendtdit, frtgetfcena, quomaminea 
caro putida defuerit, hanc in rem mulierculas cir- 

< cumferunt , quarum non minus domi pudicitia,, 

■ qisdm mTheatroformapublicatur,quaintrapri- 
mtos-parietes fuos exercent amores , 'Ctin feenape- 

■ n/tus ad ‘vmum alienòs reprejentent. Vuole que¬ 
llo Scrittore,che noi da liù intendiamo con rillret- 
Éo lpiegamento, che la Comedia, Attione per altro* 
indiderente, è diiienutapericolqlàdigrane colpa : 


PFMTO OTTAFO, 6i 
èt iGoÉnici fcgliono honorare dishonoratamcìite 
laicena con.fiori di ftomaco/à ìmpudicltia: pro- 
felfaho allaIcpperta»- ehela fauola non gnfia, IL» 
non e amatoria, e lalciua i e che la leena ràelce vn_, 
gabinetto di freddura, quando l’Hiftrieine vuol ra- 
ehiuderui qualche grane argomento di Tragedia, 
lèn^ l’intrecciatura della peccaminolà dishone- 
Uà.. Onde per acconcio di quello reo fine i Co¬ 
mici coducono lèco le Donne, che fono di tal con- 
dicione,chc,per pili yiuamente rapprelpntar gl’ im- 
> pudichi amori degli altri nelle publiche lcene,efer' 
citano i propri)* nelle priuate llanze lafoiuamente ; 
ondefi può dir’in lor faccia, e vitupero con le pa¬ 
role di Clemente Aleflandrino. P/m inpuhlico eft , 

. a • rr • 

mtemperantta ,t€(tatur eam^ quA est m objcuro m dag. c. 
(kmmaltcentia , libidinem . La publica in tempo- * ' 
ranza è tromba rifonante per tellimoniare la fe- 
Greta,eliberadishoneftà^ _ ' 

NotiàmO quelle paiole, intra ^rìmtos parìeless 
fuos exeKcerst amores» perche alcuni Comici trilli,, 
benché lìano maritati, mutano IpelTo le Donne 
contro la fede del Santo Matrimonio. 

lo temo, che àtempo nollro molti Comici fac^ 
cino le Attionijche lì debbano chiamar illecite per 
vna ragione di quelle, ©per tutte quelle ragioni, 
cheil P.G rolamo Fiorentino notò, quando, dopo 
hauer detto. Sunt oinnino illiiitA ComAdÌA^ tn qui- . 
bus£Hn( AluLicres com^tA-sdeamorihus t cwtl-j “«dio* 

Awia^ 


6 2 CAPÒ SECONDO 

^masìjs coUoqi^ntes.K^f^xxm^Q.ClandefiimzJ!^ 4- 
IrirnoniA/virgtnts deceftAaiemmhus/vd Am^sijs: 
aduli cria , latrocmia àdolefcenitlus fa€ta p a- 

tribus : txemplarfhlictiandt muUfrem^ ^ infidian- 
di alteriAhoneSiati : quafi voglia dire. Le moder¬ 
ne Comedie de’mercenarij Recitanti Ibnoilleci- 
te,poiche introducono le donneialciuamente or¬ 
nate à parlar d’amore congliamati loro: e rappre- 
ièntano matrimonij clandeftini, raj)imcnti di fan¬ 
ciulle ingannate da’ Jenoni, oucro dagli innamo- 
lati. Fanno comparir in leena le bruttezze de gli 
adulterij, de’ latrocini) fatti da’ Figliuoli a* propri) 
Genitori:e Icuoprono vn indegno elèmplare di lól- 
lecitar vna donna,e di porre inlìdie all’altrui hone- 
ftà. E con tali Attieni piene di olceniflfìmi oggetti 
vituperano il decoro del Chriftiano Theatro .* alle 
quali indegnità allufe breuemente Giouanni Ro- 
Hq.Ro. fino dicendo, che nella Comedia non è quali al- 
tro.chelalciuia d’amori,crapimènti di Vergini. 
In Corri Adia amores fere , Virginum raptus . E 

Val. Maf dice. J\dtmorum argumenta maiore ex 
parte ftuprorum cortìnent aóìus . Gli argomenti 
trattati da’nodriComici contengono laidezze di 
,09p llupn nella loro parte maggiore. E Mazarinolcri- 
ue,che nelle Comedie li lèntono,e li veggono colè 
turpi, almeno per traftullo, à tutto palio. 

rio Rodi nelConuito Morale, Rapato in Vene- 
tia l’anno 1629. teftifica chiaro, che le materie^ 


PVNTO OTTAVO. 63 

Comkhefòno orcKnariamétetalijche l’honcftà no 
v’hà parte aleana,: & i ComicÈ fanno più. pretto 
rbffù^tJitnezzani impari,ched’Hittrioni. 

Tcomafo Garzoni nella Piazza ¥nitierfale fa 
«na lung^ numneratione delle ree qualità df molti 
modemiGonaict^vnapartedeUa quale batta, che 
io rechi per mottrare la necetticàdi far l’Inttanza. 

Quei profeniComieii,diceegli, che peruertono* 
PArce antica,introducendo nelle Comedie disho- 
nettaiblamencev e colè Icandalofe, non pottbno 
paflacefenza vituperQ,infamandolè ftettii e l’Arte 
inttemecon lefporcitie,che a ddgni parola fcappa- 
no loro cfi bocca i negli atti fono più che Attni in- 
ciuili, ne’ getti rufiìanettni à Ipada tratta, nelle pa¬ 
role sfàeciatb nelle inuen rioni furfantittìmi àtutta 
botta i Se in ogni cofa putittono* di manigoldi 
quanto dire fi potta La onde per cacone di co- 
lìor.o.;g»ce, come nelfangofepolta, l’Arte Comi¬ 
ca, e da’Signofii vengono banditi fuor de’ftatito- 
iQ,,dalle Leggi auuil iti,da’ popolicon diucrlè beflfe: 
icocnati, e da tutto il mondo, quali per pena delle 
loro Icorrettioni,meritamente dehifi. Ci bilbgna- 
nopatentldaognibanda „le vogliono recitare, e 
guadagnarli il vitto 5 perche tutte le perlbne IbnO’ 
animotbate dà quella vii canaglia,che nàette ogni 
dilbrdine in campo, 6 c empie di mille IcandaU in¬ 
torno „douunque vanno’. Dimodo tale, che per. 
Pabulo di cottoroanche i galant’huominivégono', 

dilpre- 


Bifeor- 
lo lOiJ,. 


64 €JPO SECONDO _ _ 

difpregiati, epatifcono degli affrontiichfe'wn 
no conuenienti à meriti loro. Sin qui il Ga r^nn 

che colrefto, che io tacio, punge acreme nte i Go^ 

medianti ofeeni, e moftra la ncceffità di ritirarli à 
feeno con la debita moderatione, della quale noft 
hanno bifogno i buoni Comici j perche effi fono 
legge viua divetahoneftà à fe ftelfi :e ditali foriue 
Beltrame. SLrecita con tanto rilpetto tra buoni 
Comici)Che il Paftorfido,rAminta,e la Filli di Seb 
ro non arriuano all'honeftà delle loro Opere. Dira 
vno : io non lo credo : ed io non poffo altro dire 3 fe 
non. Vedete? che può vederli ogni giorno, e colla 
poco. Màauuertìte, che non è predica 3 che poi la.. 
vltimo è Comedia, oue per condimento fi pon^ 

cono le facezie. „ , r 

Qbuon’huomo Beltrame: egli fauella bene, ta- 
uellando de* buoni Comici quali in attratto 3 ma 
io con li Scrittori ne fanello in concreto con la^ 
pratica de* quotidiani Recitamenti. Pur troppo è 
vero, che può vederli ogni giorno, e li vede, ma 
che ? moltitudine di atti indegni, di getti ofeeni, e 
di cofe,che infiammano i poco virtuofi alla disho- 
nettà.,Sisà, che la Comedia non è predica 3 ma 
non per ciò deue effere vn efficace ammaeftra- 
mento alla libidine: le facezie fi pongono per con¬ 
dimento 3 ma le facezie honette,gioueuoli, e mo¬ 
derate 3 non le fporchezze ridicolofe, che fi fento¬ 
no hoggidì per . eleene a tutto patto 3 econle qua- 



OTTavo: li 

lì fi dicmrpano anche quelle Comedie, che compÌ- 
rifconocol fregio di hofieftiflìnao titolo adornatcJ 
Credo, che fufle modella nel titolo vn* Attione, 
che Tanno 161 o. fu rapprèlentata in vna SerenilsJ 
Citta d Italia juia non fu già modefta in quella par¬ 
te i nella quale introduceua Tànima di vna donna 
amata > che dopo la morte compariua sù gli occhi 
dell Amico. O quella comparlà quanto fù immo- s 

dellacoperta con vna rete di color nero compar* 
uè nella Icenala donna, ma Ipogliata d*ogni altrò 
I toì}dQ rimpurità poteiìalànciar foco- 
ie, c penetranti fàecte a^ cuori degli incauti Spetta- 
tori. Oggetto indegno della Chriftiana Modera- 
rione> e mortalmentepeccarainofb, noniblo per 
fentenza de Theologi ^tra^ < 5 uali Mauarro ferine ^ in Ed- 
Ve^iirefe <*deotemiveftey'otpudenda tratnceant, 

tfi fnortale tam'uiro,quafnfan2ÌnAi q^ita htiiufmo- ^ 

di nuditas per fé ad luxuriam mortalem promcatl 
E Caictano dice. Talis habitus , ttafcHìcetfuhti- 
liStfeti diaphanm, vt muìier tota confpiceretur » 
mortalepeccatum induceret. Ma ancheperelpreT 
là dichiaratione del Comico Beltrame, il quale»» §• 
confedà, che i Comici peccano recitando, quan- 

dofanno comparir donne con parte della vita de- 

nudata^. 

Ballano gli Scrittori lìn qui allegati, per formar 
vn Senato digiullilfimi, egrauilfimi Cenlbri con- 
tro le moderne Comedie de’ Mercenari] Attori, e 

I per 


CLt* 


' .ho. 
Ada 


6s CAVO SECONDO ' 

per far dichiarare con publica fentenzala neceflìtà 
difarrinftanza, peroteenrere laChriftiana Mode- 
latione del Theatro, con la quale fi moderino gli 
finoderati coftumi di molti Comici poco modeftij 
acciòchc Dio cosi li tiri àie con la fila grada, Óc cfS 
gli offerivano afiettuofi ringratiamenti per la pror 
pria correttionecome auuienefpefib in S. Chiefà 
per laConuerfione dimoldflimi Peccatod d ogni 
fòrte. Ex omni ervot^utn genere , ferine S, Chrifòff* 
blurimos ddgnatwr Detés attraheff.e> vthAS efficienti 
Deo grati 4tufn ffètnpev » laudij^f confejjio^rt^ 

taisfi/n cor^ céiione referAtur. Hora vediamo, a 
chi fi deue , ò- fi può fare cotal Inftanza * 
Poco gioua il conofeere la neceflìta. 
di fòccorfo alle mifèrie, fe non 
fi fa ricorfo , à chi può fò^ 

uenire, e fbuuenédo 

può far , che i 
mifèrire— 
ftino 
confo- 

- lati. 


V 



CAPO Terzo 

D£’ PERSONAGGI, 

Acquali fi déue, òfi può far Tlnfianza 
per la Chriftiana Moderatione 
del Theatro • 

ON la fionda di qualfiuogl’a podc- 
rolb braccio potè atterrare , fca- 
gliando il iàflb, l’animata monta¬ 
gna dell orgogJiofo Gigante ; ma 

«letto fu à quella grande imprelà il 

valore del magnanimo Paftor hebreo,cfae elTer do- 
ueua ilfupremo Regnatore tràgli antenati di Dio 
fatto huomo. Così fiora io dico, che per leuar dal 
mondo il gigantefco, e dishonefto trattenimento 
del Theatro, tirannico vfurpatore della modefta-, 
fcena 5 e per introdurre la lecita, honefta, ^ vtilo 
Ricreatione comica,, e popolare, non cita fteuole 
lutticientemente, e perfettamente la forza di qual 
fi vogl'. Superiore: vi bifognai/gran Paftordiri- 
ftiano, il Pa«or de Pafton. il Succeffor di Pietro. U 

Vicario del incarnato Verbo, enoftfo Saluatore: 

qaefio con la pietra del fuo potere, e con la fionda 
V uo (àpere, dara confolatione alle Chriftiano 
infilerei e data morte alla comica diffolutione.con 

^ 2 Pag. 










A 


68 CAVO TEKZO. 

l'aggiuflàto colpo di vrici ncccflifis.ipodcratiofljc • 
Etàc^uicftofine ricordo >, che Paps Innocenzo 1ÌL 
difie, che era cofa fpettante all’officio del Sommo 
KlC.No- PÓtefice»correggere di qual fi voglia peccato mor- 
Layman tale o«^ni Fedele » De qùoitbet Recato mortali corri' 

fm. t. pgf'c ctueìfilthei ChTtEiAftuift • 

PVNTO PRJMO. 

Delle Kagioni per le qmli fi dsue far 
^ i al Sommo Pontefice. 

I Supremi Principi del Mondo fono i comuni 
Arbìtri delle comuni differenze: ilorolcet- 
trifono le verghe mercuriali apportatrici dìpubli- 
ca tranquilità : la voce loro fèrue di oracolo per 
comporre gli affetti ne’ cuori humani : effi col fa- 
pera col poter>e col voler,bene fpeffo riformano le 
Città, le Prouincie, e’ Regni i ntieri. Mà fe tal glo¬ 
ria è vn nobiliffimo fregio di ogni Principe fupre- 
mo, cerco che ella fi deue numerare molto più ra- 
oioneuolmente tra’ nobiliffimi fregi a e tra le fre¬ 
giate grandezze di quel Principe , che tra tutti i 
Terreni è il Supremo , e nominar fi può il Vice 
Dio in terra, il fàcro Regnator del Valicano, e tra 
tutti gli alci Regnatori Mondani il Regnator Al- 
ti4fimo5 al cui Seggio fi deue fare la predetta In- 
flanza con tutti i termini di ogni poffibile, & im¬ 
maginabile riiierenza 5 e queftoper due forti di ra- 
° sioni : 


FVNTO primo: 69 

gìòni : lé pfìtne io chiamo Comiche'; fe feconde 
Theologali, & ambedue fi accordano infieme i» 
quefto punto , e come due bene accordati llru-- 
menti muficali cagionano all’vdito de*Sani il fòa- 
uiflìmo concento di quellemodefte armonie,del-1., 
le quali ferine Clemente Aleflandrino. Admit’- 
tindapint madefi A) ^ harmomA, 

i 

PFNTO SECONDO. 

‘ Dede Ragioni Comiche. 

L * Acutezza d’vn occhio linceo porta à lonta- 
niflìma diftanza la villa fiumana : e co¬ 
lui vede molto diftintamente anche da lonta-^ 
no , che è molto vigorofo, & acuto nel vedere. 
L’occhiolàgacc del Comico Cecchino ( chi lo cre¬ 
derebbe ?} fi è affilTato neirakilfimo Trono Papa¬ 
le 5 & iui ha mirato molte ragioni, per le quali fi 
deue tentar l’Inftanza à quel Santiflìmo Tribuna- 
lè. Etio chiamo le ragioni di tal fatta ragioni del¬ 
la prima forte, e ragioni comiche, perche fono- 
propofte ne’Difoorfi,che quello Comico hà llam- 
pato intorno alle Comedie, e dice. Doiiretfoero pag. 
gli Autoride’Libretticontrole Comcdie,e quegli 
infruttuofi Efolaraatori, torcere il corfo delie loro 
fatiche, e ricorrerccon viua voce a’ piedi del Santo 
Pontefice : e quiul con làida dottrina mollrarliia_. 
necelficà di quello negotiorche lènza alcun dub- 


70 CAVO TEKZO: 

Jbio farebbero afcoltati j e, fe parlafTero bene» efàu- 
diti ancora j e terminando il corfò à loro flrepìti* 
fbfpenderebbero lo fpargere fc^lie » e comincia* 
lebbero à diflrtbuir fratti. Gli affari immenfì di 
quella Sahtilfima Sedia non permettono à Noftro 
Signore lo raccordarli diftintamence tutte le colè» 
e mafnmamente,che non li fono prefcntij onde il 
trattargliene (però lènza paflìone ) farebbe vn*ac- 
quiflar credito colbenefìuo quali vniuerfàle. La 
ftrada di Roma dunque è quella, che non può er¬ 
rarci poiché ógni PrencipeChriftiano obbedireb¬ 
be ad ogni ordine, che vfèilTe , di quello irreuoca- 
bile giu ditio s e maffimamente in colà, oue non.» 
fminuifce lo flato loro, ò fcema la facoltà. Che 
quando bene continuaffero le Comedie per le po¬ 
litiche ragioni, cadcrebbero però lòtto ad vna ri¬ 
forma , che sbandirebbe ogni vitìofb, e dilToluto 
da quello cfercitio : ogni luogo goderebbe di tal 
trattenimentoi ne più diuerebbe rauco alcuno,per 
llrepitarli contro. Ne ci vorebbe in quello molta 
difficoltà . Quello lànto, benedetto, e douuto 
officio, fatto in quel luogo, che non hà appellatio- 
ne, farebbe di molta laude degno, e molto hono- 
re meriterebbe,chi crahelTe à fine vna tale imprelà. 

, Quello fiè rauuilò di quel nobile Comico Fer¬ 
rare fe , e mi pare in rillretto vn compendio di va¬ 
rie, e buone ragioni : onde io mi rilòluo di propor¬ 
le dillintamence cori vari] Punti, per meglio pon- 

*■ de- 


PVNTO SECONDO, jt 

:^are la forza di-ciafcuna :e /pero, non faranno 
Tane ponderationi, da far ridere gli /pen/ierati,mà 
fondate rifk/Goni, da recar giouamento aVirtuo/ì r 
faranno argomenti, e /èntimenti, co*^ quali la virtù 
di vn Chrirtiano, e valente Comico fi ammanta di 
virtuo/ò zelo, per far pompo/à, & honefta moftra 
del merito fiio, e del fiio valore : faranno pcrnoi la 
materia dVna numerofà fìipplicationc, per diman¬ 
dare , con fperanza d impetrare la neceffaria mo^- 
derat ione del Theatro > acciocfie la /cena, hora_t 
ofcena, fi muti in profpettiua di honefli diletti, e 
confbli i noflripuri affetti con vero accrefcimcnto 
della Chrifliana virtù, e confìimata perfettione : il 
•che fè fìiccederà, nonhaueremo bifogno dell’au- 
uifò correttiuo di Si Girolamo. Non ambuletiuxta Ep.»iad 

tt HffiriofritBus infAminam:mnCantorisdiaha- na«.!“ 

catetidiilcC'doìJphtl Sctìiicuriim: 

nihil tibt in oi^qttijsmoiie ittngAi ttr, 

PFNTO TERZO, 

Se il debito,di Chrifliano Scntioretedi 
Predicatore fia buona ragione ver far 
l’ln§ìanzAà NoJlroSignoere . 

L ’im|fiegq della penna, fui foglio,e rvfficio deli- 
la lingua fili pergamo,fono vn duplicatore- 

non mancanopèrfbne, le 
tjualifi afiàticano , per opporli con efficaci rimediji 

ànur 


72 CAPO TEKZOf I ' 
à numerofi, c grauimali ^che fono cagionati dalle 
moderne, e mercenarie Rapprefentationi:quindi 
Eleggono vfoitidalle Stampe molti Libretti,com- 
pofti anche in varie lingue, à beneficio di varie na- 
doni: e fi odonoIjjefiò molti Predicatori, che, à " 
modo di Condottieri di chriftiani eforciti, con fa'* 
ere, & efficaciflìme concioni proclamano contro 
le difoonuenienti bruttezze del Theatro. Ma pu¬ 
re iforpenti non reftano incantati,- e dal Comico 
Nilo feguitanò di vfeire i Cocodrilli delle turpitu¬ 
dini : voglio dire : gli abufi non ceflanoj ócil Thea¬ 
tro non riceue la necefiaria moderatione. Anzi 
il Cecchino Rima vna guerra prelà contro le far¬ 
falle,òcvna fatica dinullaiLibrettipercotalmate- 
ria dati alle Stampe : poiché ne'’ luoi Difeorfi dice. 

Io hò veduto fuori duoi, ò tre volumetti di di- 
uerfi, i quali,dalla locutionein poi, Tvno è lo Refi- 
fo dell’altro, e tutti due fon nulla : venga il quarto, 
e quinto, e faranno gl’iRefli, e diranno lo medefi- 
mo,- e le bene teneffero diuerfe Rrade, haurebbe- 
ro nondimeno lo Relfo fine. 

In quanto poi a’Piedicatori,Beltrame più volte 
fi lamenta di moltii perche npn parlano con di- 
Rin tiene de’ Comici rei da’ buoni, e però non fan¬ 
no Rutto. A che dunque lèguitar di medicar il 
morbo della Comica Ofoenità conriraedij ineffi¬ 
caci ? A che continuare le fatiche, delle quali frut¬ 
to non fi vede, fo non il nulla ? Dotterebbero, di- 


TVNTO TERZO. 7? 

ce ir. Cecchino nel luogo allegato, gli Autori di 
quei Libretti contro le Comedie, e quegli infrut- 
tuofi Efclamatori torcere il corfo delle loro fati¬ 
che, e ricorrere con la viua voce a* piedi del Santo 
Pontefice. 

Pare, chcegli voglia dire àgli Scrittori, & a’Pre- 
dicatori. Voi fcriuete tanto, óc altri tantogrida- 
no da’ pergami, ftimando, che il debito di carità, 
ouero d’ymcio vi prcfcriua i tentatiui di tale im- 
preià : mà già che vano riefce ogni voftrosforzo, 
douerefteIcruireal vofirodebito con il ricoricai 
potentiflìmo Vicario di Chriftò, che è il Supremo 
Moderatore. La vera carità con quello liiono rì- 
lueglia i faci amic^. Il follecito zelo è buona mi- 
lùra di lineerò amore : chi ama molto, non lì fian¬ 
ca molto,per moltogiouare al lùodiletto. Il Sol¬ 
dato , che non elpugna il muro al primo afiàlto, 
tenta niiouo modo di afialire per elpugnarlo. In 
fomma il debito dice obligatione j e i’obhgatione 
richiede tutto lo sforzo conueneuole perdilòbli- 
garfi : dunque tentate l'Infianza appreflb il Som¬ 
mo, e Sacro Principe di Vaticano, òScrittori, ò 
Predicatori 5 perche per tentarla è buona ragione 
per voi il debito della voftra profelfione. 

lo ammetto la foftanza di quello comico auiii- 
lo; mà la tempero per Pelecutione con quefto mo» 
do. Si facci l’Inftanza pervia di lùpplica: poiché 
il lìipplicareà Principe anche Supremoc vn feruire 

K al 



74 CAPO TERZO. 

ài trono della fuagrandezza » Et i pratici, a’ quali, 
mi rimetto, fanno le formole conueneuoli,ònc- 
ceflarie, per efporre l'inftanze de’ Sùpplicanri : 'à 
me s’appartiene accennare gli efficaci rimedij , e 
norr moltiplicare le forme d'eloquenzatflcndo 
1.1 de vero ildetto di quel SdLXXxóyMorbos.:,nOKeloqmmmt, 
ìnpxQ. Jedremtdijs curar t.. 

cm.. 

FVNTO QVARTO. 
Setamcf^itàdi mo4erAreilTh:eatroftAhuona 
ragione ^erfar PInfianZja à Sua Sani ita 

F 'Rancamente fi accofta. il Suddito Oratore al 
feggio del fuo Principe, quando l’euidenza 
di vera neceffità gli apre la fliradat e fe fondate ra- 
, gion igli leruono di buon i A uuocariV egli con gra n 
fperanza efpone la fira petitione. Sopra quefto fon¬ 
da mento, vuole il Comico Cecchino,chc fabrichi 
ifùoidifegni,chiunquebrama>che nel chriftiano 
Theatro s’introduca vna Moderauone ruoua, c 
' più rigorofà di quella, con la quale i mercenarij 
Comediantidelnoftro tempo fanno leloroRap- 
prefentationi ► Quelli, che la vogliono,dice quel 
, Comico, dducrebbero moftrareal Santo Pontefi¬ 
ce co-n.fa!da dottrina la neceffità. Et io dico,che fi 
può dimoilrare in molti modi:, ballano quelli due: 
6cil primo fi èl’vniuerfale opinione de'moderni 
.Scokfi.Ì£kde’ qualiiiepur*vno è flatoletto da me 

fin 


PFNTO ^FJRTO, 75 
lin* hora,iI quale non condanni lecorrenti, e mer¬ 
cenarie Comedie, oue comparifeono vere Donne 
Comiche di profeffione, e parlanti d’amore in pu- 
blico Theatro, oue latino, che fono deboJidi virtù, 
e neconofoonoalciiniin particolare. Il fecondo 
'modo lì è la moltitudine di peccati mortali, e d’al¬ 
tri inconuenienti, che nafoono ^al permetterli 
l’Arte Comica mercenaria lènza vn’ aggiuftàfa_» 
moderationerche però la foa demoftrabije necef 
lìtà è buona ragione, per farei’Inftanza al S. Pon¬ 
tefice , la quale, fatta con tutti i termini di polfibi- 
leriuerenza, de in forma di lupplicante foglio, ot¬ 
terrà probabilmente la defideràta gratia :onde il 
Vicario di Dio Humanato troncherà nellesccnele 
iiociueolcenità, come Iddio ne’ colìumi lioftri 
tronca le luperfluità dell’operc lècondo il breuiflì- 
lìmodetto di.S. Agollino. Demin noflris morihus <te ilp. 

pruidii fu^erfltidoj^erà. 

PFNTO EVINTO, 

Se la certel(zja di efjere ajcoltato , efaudito , par¬ 

lando Ifene, fia buona ragione per farti nfia»' 

zji al S. Pontefice. 

I Nuitodi gran conforto fi è per vn’animo fup- 
plicante la certezza di elTere alcoltato5 poiché 
quella à modo di venticello foaue Igombra dal 
cuore il fouerchio di ogni timorofo>c ritardante-» 

H a af- 



76 CAPO TEKZO: 

affetto: che fè vi fi aggiunge la dolce fperanza di 
effere ancora aggratiaro > quantlo cip vogli il dirit¬ 
to di giuda, e ben regolata petitione s toflo fora¬ 
tore‘ftima di poter far fèntir il fuono della fup- 
plicante fila fauella all’orecchio del Principe filo 
Signore. E quello duplicato punto di ragione,’ 
cioè di effere afcoltato, edi effereefàudito,ferue 
alCecchino di radoppiato pungolo, per ftimolare 
gli oppugnatori delle Comedie, à far Plnflanza , 
per moderarle,àppreflb la fiiprema potenza del¬ 
la Vaticana Maeftà. Et io non repugno punto 
in quello punto j e l’accetto per buona ragione : 
ma fblo aggiungo, che, per legno di douuca rine¬ 
renza , fi pieghi il tutto con forma dihumililfinio 
tratto fuppliclieuole > e ^ero, che, data, che fia con 
publica, e fom ma autorità la moderatione, i Co- 
micipocomodefticeflrerannodall’offenderegra- 
uementeIddionelTheatro,&vlciranno dal nu¬ 
mero degli abulatoridella diuinapatienza,contro 
quali S. Leon Papa Isriue^. Abntuntur pane»- 
<JMg- ùa Dei ,0* ciui nonfunt in confa enfia, liberi ^fiumi 
de longn impunitAtefècuri 





PVNTO SESTO. 

; 

Se il terminar fatiche ìnfritttmfe , e cominciarne al¬ 
tre dt frutto yjia buma Ragione ^er far Nn- 
Hanla al Somma Pontefice. 

G Raue cordoglio fuol recare ad vn’huomo 
zelante Io fperimentar,che le fatiche lue-» 
numerar fipolfono tra le fatiche di coloro, che in 
‘lentum Idborant,htk: 3 ino per dar traftuilo a.’ ven¬ 
ti. Anche al Giornaliere punge il cuore, e graue- 
mente punge, lo dentare tutto dì lotto la sferza.» 
deli ardente Sole, e poi nel chiuderli del giorno 
crouarfi priuo del frutto di fua mercede. Certo ch;e 
il vano, & infruttuofo faticare li è giuda ragione 
di porre il termine alle fatiche : oue all’incontro il 
frutto li è vn dolce allettamento, per non dire, vn 
lòaueincanto,permuouere adatìaticare. (^in¬ 
di l’accorto Cecchino auuilà a’ Perfeciitori delle^ 
moderne,e mercenarie Comedie,che donereb¬ 
bero far l’Indanzaper la piGtelà moderationealfu- 
premoRegnatore dì santa Chielà*. perche con que- 
da niodOjCerminando il corlba’ìoro drepiti, foC- 
' penderebberolo lpargerfoglie,c comincierebbero 
àdidribuir£futti. E vuol dire. Nonpiùfacichereb- 
bsroin vano j, ma comincierebbero à faticar frus- 
tuolàmente. 

Io acconfento ali’auullò di quedo Còmico, 
perche mipare vn gentiiilllmo fiore del luo noliilc 


78 CAPO TERZO. 

giardino 5 e Ilimo, che fìa vnabuonaragIone,coii 
la quale, ipiegata con ihpplicance forma, fì può 
far iln£bahza perla Moderatone, fenza la quale i 
Comici impuri non ordineranno mai le loro paf 
(ioni, arcioni (bcondo il decoro de’ Cliriftiani 
Recicamentii poiché come in tutti,così in loro, 
anzipiu in loro, che in molti altri, s’auuerala fen- 
tenza di S. Bernardo . Familiare magts nobis e fi, 
carnis mffra/èruire vUijSfqitàmacii'oneseiiis, ^ 
^a0ones ordinare . 

PFNTO SETTIMO. 

> Se il non boterfi tl Pontefice ricordar diflint amente, 
le cofe tutte, fia buona Radane pr far 

ì' InUanzA. 

E ' Voce rlceuuta da’Saulj,che il Principe ha non 
sò che d’eccellente particìpacione con la Di* 
uinitàmondimeno tra’ mortali niun Principe fi può 
dar van to di elTere à modo del grande Iddio totus 
oculus , ^ totus audttus , tu tro occhio, e tutto vdi- 
to, che ode, e vede tutto. Qjfin di procede, chegli 
afiTari grauicon iloro accidenti fi deuono prelèn- 
tarealia prudenzadel Regnatore,epoialpettarne, 
come da Oracolo, la rifpoRa, e la determinatione. 
A quello principio di ben fondata, e praticata Po¬ 
litica mira il Cecchino', mentréljsiega, come buo¬ 
na Ragione di ricorrere al Pap^ nel Comico nego- 


TVNTO ottavo. 79 

tiojlfìiopenfiero, dicendo. GlrafFariimmenri di 
quella sanfifliina Sedia noo permettono à N. Si¬ 
gnore racordarfi diftintamente tutte le colè, e.» 
mallìmanacnte, che non b lòno prelentt r onde il 
tFattargliene,peròlenzapaflìbne^farebbe va ac>«^ 
qu ftar credito col benefìcio quali vniuerlàle. 

Noi adunque feguendo-iF parere di quello 
buon Co m ico „ dkiamovche anche per tal rilpetto 
li può fare rinllanza perla moderationerputcho 
fi facci con l' vlò dihumiiillihio Oratore^e con de- 
iiderio cfòttenerla tale , che per tutti'i Kecitanti 
fa vna Legge Papale, Itoljpita ne* cuori Foro, co¬ 
me fù già la-^Diulnanelletauoledipietrajaccioche’ 
mai la cancellino dalla memoria. TabulaykthxQ 
Scoto yfuemnt' lapidea:, vtprac^ta nunciuam 
memoria deleantHr iquodentm inìapidejctilpiliiry 
m» defaciltdeUtur... 

FVNTO OTTAVO. . 

Se ilgiudkio non errante deb Papa fia buona ragio¬ 
ne per far Cl ndanma’ appreffolui. 

O tengo, che ogni vero Fedele , veHitocori la', 
liureadi buovi CatholicOjdebba credere per in¬ 
dubitata quella propolicione.. Il gran Pontefice^ 
Koma.no Icriue tutti ifuoi decreti de*’collumi , e 
da olferuarfr dalla Chiclavniuerfale ,nejgabi«er- 
to della verità: e non elee dalla lègreceriadel fao 

Ora- 



80 CAPO TERZO]. 

Oracolo lettera veruna formata cori i caratteri di 
^èntìmerito errante, contrario alla legge diuina, ò 
alla naturale. Credo yde fide ejjtt non fojfe Ponttfi^ 
oem ftntuere aliquid edf vnmerfaU Ecclejia ohfèr- 
u^ndumt quodlegi Muins,, vel naturali contranuno 
ìlXl’.fìt. Scriue mòdernamcnte,eprouabcneìI P.Ferdi- 
i.§.}.n. rie Caftro Palao. Et io lènza aggiungere l’ 
autorità di altri Scolaliici,dico il detto dal P.Regi* 
naldo. Cum Sumwus Pontifex, vtfides no^ro-j 
“• docet, in noua legopr/uflegium hochaheat à Chriflo, 

fVt in definitane eorum^quA fecundum reStam Fi- 
dem credenda funi, njd agenda ad confècuttonem 
Ate^^nAfalutis, errare non bofsit;tutum eFiyin dù- 
hiji dare iudìcio ilìorum , qui cum t^fo confintiunt 
indoBrina. Cioè, tenendo il Romàno Pontefice, 
come n’anwnaeftra la noftra Fede, queftp priuile- 
gio da Chriflo nella nuoua legge, che egli non.» 

, pofTa errare nella definitione di quelle colè, che-^ 
fecondo la vera Fede fi debbono credere , ouero 
•operare per lo confèguimento delPeterna fàlucej 
ficuro parato fi è ne’ dubbi], lo (lare al giuditio di 
coloro, che nella dottrina punto non difcordano 
dal medefìmo Pontefice. 

E quindi io inferifco; Adunque il far ricorfb à 
Roma nelle difficoltà, è vn cercare ficuriffimo il 
r fbccorfb . Onde il Comico prudentemente confi- 
• glia i niinici delle moderne Comedie,che faccino 
laloro Inflanza al Romano Pontefice jperche la_, 
... > lira- 



TVNTO OTTAVO^. sr 

ftrada di Roma, dice egli, è quella, che non può 
errare. Quafi yogìia fignifìcarci, che poco ficure 
fono Rate le ftrade fin bora corfe da quelli, che-> 
hanno mirato per termine del corfoloro vna nuo- 
uamoderatiohedelTheatro jc chela ftrada verfò 
il Vaticano è quella, che non fa tramare per lèntie- 
ri di ftrauaganti errori, ma fa giungere felicemen- 
tealla bella Regia della Verità. Io mi appiglio al 
parere di quello Comico Configliere, e Rimo, che 
facci ottimamente, chi s’incàmina yerlò Roma, e 
giunto fi fa fentire, ma con voce fupplicheuole, & 
humiliRìmajaccioche più facilmente ottenga la^ 
grada della ChriRiana Moderatione, per vigor di 
cui ogni Comico improuido,& olcerio fi ritirerà 
dal vituperar il Theatro co’peccati,e dallo Iparge- 
' re quella femenza d'iniquità, che fà mietere il frut¬ 
to delia punitione,fecondo le graui parole di S.FuI- 
gentio. SemenìniqtiitAttsfemtriatPeccatorm^ro^ 
Htdus t ideo metatfradum punitioms inuit us . 

PVNTO NONO. 

Se l'chedien^a de Principi ad ^vn Ordine Papale 
fia buona Ragione perfar l’I nilanz^. 

I L giuRo volere del fùpremo Legislatore noniì 
regola fecondo la prontezza , ò durezza de* 
loggetti perfonaggi s poiché il Sapientiflìmo Iddio, 
benché pieuedefe la tralgre/fione di molti,non ri- 

L ' tar- 


in Ad¬ 
dir. *ad 
Jib.t.de 
Arbi¬ 
tra ri js 
ludica 
caf. 69 , 
n. 6 ;, 
ll« 66 », 


«2 ■ CAPO TERZO. 

tardò la promulgatione della diuina Legge. Me^ 
nocchio fcciue , che molto difficilmente i Gio* 
nani con la caftità ofl'eruano il candore preferitto 
dalfefto precetto s e nondimeno Dio fi compbc- 
que di coma ndarlo. Adoìejcentes difìcit'e admodum 
arcentur , cohihentur afornicaùontbusy ^ adub 
terijs} atq; ita quotidienon objèf uatmfèxtum torace' 
totum Decalagi ; ^ tamen tura ita flatuit Deus . 
Anzi aggiunge. Diximus , e^fe admodum dij^cile, 
imo ferm e im^o^ibiìe cohibere iumnes àfornicaito- 
bus i ^ aduherijs ; tamen dimnum prace^tum 
non e fi abro^andum, 'vel ex^refse , 'vel tacite. Cioè 
la gran difficoltà, e quafi morale impoffibilità di 
frenare le giouanili fornicationi, & adulteri], non 
è ragione di derogare efpreflamente, ò tacitamen¬ 
te alla forza del diuin precetto. Tutto il fuddettò è 
verojmàio non sò anche negare, che il Suddito, 
pronto all’efècutione del comandamentononfia 
vn’efficace inuito al Comandante : e la Legge, che 
è per effier prontamente vbbidita, fbllecita il Le- 
gifiatore alla fùa formatione. Dunque dice beno 
il Cecchino a dicendo, che i zelanti contro le Co¬ 
medie faccino Tlnlfanza al Papa perla Moderano- 
joe : poichéogniPrincipe Chriftiano vbbidirebbe> 
ad ogni ordine,che vfeiffe, di quello irrcuocabile. 
giuditio: e maffimamente in colà,che nonfininui- 
ice lo fiato loro, nè fcemala facoltà * 

Etioagginngoaldetto di qucfto Comico, che 

- ■ egli ' 


PVNTO nono: 83 

cglidi(cQrrefàggiamente,eforma concettò degno 
della pietà de’ Principi 5 e non dice, come vn’altrp 
Comico principale, ma troppo ardito, che non te¬ 
mè dire à me vna volta. I Principi non vbbidireb- 
bero all’ordine del Papa. Detto per verità teme- 
i:ario,& indegno di Comico chriftiano,& honora- 
to. Ma le ogni Principe chriftiano farebbe pron¬ 
to al comando pontifìcio, mólto più. pronti fareb¬ 
bero allo ftefTo i Superióri locali dello flato Eccle- 
fìaflico. Che fè pure alcuno di quelli, òper negli¬ 
genza , ò pérmalitia, trauiafle alquanto dalpre- 
fcritro fènticro 3 vn cennodi quella fùprema, e Pa¬ 
pale Padronanza loridurebbeàlegno. E quando 
perfeueraffe dirubbidicnte, il punirlo farebbe vn 
conformarli all’vfbcoflumato contro gli altri de- 
Iinquenti,e fecondo l’vflìcio della medefìma Leg¬ 
ge :come nota Ifidoroj-e lo fpicga dottamente-» 
S. Tornalo nella Somma. 

Buona dunque fi è quella ragione di pronta-* 
obedienza per formare vna lùpplicheuolelnllan- 
zaà N. Signore,la cui santa Charitàalle volte per 
buone ragioni tollera l’errore del delinquente, mà 
però benigna lomuoue,etiraàconuerfione,quan- 
. do la comodità li porge di conuertirlo. Patuns 
Charitas» pollo dir con S. Bernardo, diffmulat.ex- 
^edat ifufiimt c elinquentem yfed benigna trahìt, 
adducit , conuerit facit ab errore ‘vìa fuA‘. Ogni 
Comico olteno camminapcrvia degli errori jmà 

La la • 


T.,*. 

9i.a. 

c. 


ser. ffifà 
^.hebd^ 
pa:ru 


84 CAPO TERZO. 

]a Modera tione Papale ne Io richiamerà, fìippofta,' 
^ come io (appongo ,‘la prontezza d'efccutione ne* 
Principi della Chr iftianicà, 

PFNTO DECIMO. 

Se la Comedta riformata , e godibile da tatti/la baó- 
m Rag/ one ^erfar l'injian^ al Pa^a. 

T iro di valent*huonio (ì è coprire molte ragio¬ 
ni , e tutte buone (otto il velo di poche pa¬ 
role, e<li breùità : il Saggio alle volte fi (ìringe ne* 
detti, mali slarga ne’ (èntimenti : vuole eflcre te¬ 
nuto auaro nella fauellai ma prodigo ne' concetti: 
nelle parole è tutto laconicoj ma ne’ penfieri è tat¬ 
to afiatico. Di quella lode veramente degno (li¬ 
mo io il Cecchino per quel poco (critto dà lui nel 
(ho Dilcorlb, doue elbrta i Predicatori, e gli Scrit¬ 
tori contrari) alle correnti Comedie, che faccino 
l’Inftanza à sua Santità, per ottenere la defiderata 
Moderatione. Perche quando bene, (criue egli, 
continualfero le Comedie per le politiche ragioni, 
caderebberoperò (otto ad vna riforma, che sban¬ 
direbbe ogni vitio(c),e dilToluto da quedo elèrcitio: 
ogni luogo goderebbe di tal trattenimcntò. 

Tre ragioni egli tocca (ùccintamentetla prima 
fi è la riforma delie moderne Comedie: colà tanto 
necelfaria à noftro tempo : la (ècondalo sbandeg- 
giamentodi ogni vitiòlb daU’clèrcitiq theatrale: 

colà 


VVNTO DECIMO. ss 

cofa tanto importante per Io mantenimento de" 
buoni coftumi : e la terza l’honefto godimento 
della comica ricreatione : colà tanto bramata da’ 
popoli vniuerfàlmente :e non lènza ragione s poi¬ 
ché il Fìlolòfo Icriue. Cuf/i in vita reqUtes qUAdam c affai 
fit ytnaté* Hominesioco vtantur;videturetiam hic 
congrejjìo quAdam moderata , ^ dicendt ea^ qua 
oportet , audiendi . Le quali parole Eudratio ad¬ 

dotto da Vincenzo Madio coinenta in quello r 
modo. Cum probm vir in afsidtta rerum traBatio- 

• , . J • j par.i.m 

ne occupatam mentem habeat» reqme altqua , ac re- fine pag. 
creatione interdum indiget; ne diuturna defatiga- ' ‘ 
tione o^^rejjumingenijfui obtandaiur acumen^mo¬ 
re arcuum, quijìfemper intenti relinquantur 3 du- 
rum illud fuum robur amtttunt , laxtq; ^ inut ile s 
euadunt : idcirco iocoja quadam mediocritas exi- 
jiit 3 quA animos vrb andate aiiquantujum relaxet . 

E tutto ciò s’ottienecon la Comedia regolata dalla 
Moderatione, c per la quale può lùpplicarlì al Pa¬ 
pa , che la comandi. Formar dunque fi può la fiip- 
plica riftretta nel vigore dell’addotte ragioni j che 
i Comici, oireruando la Moderatione necelTaria, 
non feguano di farli rei di pena eterna per vn bre- 
ue, e momentaneo diletto dell’ olceno Theatro, 
conforme alla breue fentenza del Patriarca San_» 
Francelco. Vo’uj)tas breuis fana perpetua . 

; FFN- 


86 CAPO TERZO. 

w « 

PVNTO VNDBCIUO 
Stia quiete de'Predicatorifta buona Ragione 
^er fari Injtanl^ al pontefice, 

. ! . •> 

A *FnmiIampi> fpauentofì forieri di qualche 
grandinante pioggia, e rouinoià tempeila, 
iìibito fi dà ne* rilbnanti metalli delle campane» 
per difcacciare, ò per frenare Timpeto de’minac- 
ciofi nuuoloniyche nell’aereo campo comparilco- 
nobattagliando. Acoftumanza di tal fatta fi con¬ 
fà rvfb di molti Predicatori, i quali veggendo c5- 
parire fottoil Gielo della loro Città qualche Com¬ 
pagnia di Comedianti, li filmano minifiridi tem- 
pefia, fòmmamente nocìua alla fiorita campagna 
de’buoni cofiumij e fiibito alterati fuonanoaU’ar- 
mi, e cominciano à proclamar contro di loro à fi¬ 
ne, che,ò lèn vadano, òs’afiengano dal deturpare 
la chrifiiana leena con la theatrale olcenità. E per¬ 
che non liibito, ò non lèmpre colpifcono con làj 
perlùafiua nell’humore di chi può rimediare, le- 
guitano i clamori, e lèguitando firaccano la voce 
sì, che alle volte diuiene fioca, e rauca ; e con tutto 
ciò la raucedine, e con lei lo firepito predicatòrio 
non è digioueuole luffìcienza: fatica veramente 
grande, e grandemente dilgufiola, à chi, per zelo 
di giouare aU’anime, impiega ilfuo talento predi¬ 
cando publicamente. 



P^NTO FNDECIMO: tf 

Quindi propone il Cecchino vna ragione ; per 
farl’lnftanzaal S. Pontefice intorno alla Modera- 
tione delle moderne Comedie:perche niuno più» 
dice egli, diuenterebbe rauco , per ftrepitarlc^ 
contrp. . 

Quella ragione,per eflere accettata, come buo^ 
na, ò come migliore, vorrei» che mirafle,non tau¬ 
ro il difetto della voce nel diucnir rauco, ouerola 
fatica del Predicatore nello ftrepitare , quanto il 
decoro dell’Arte de’ Predicatori,éc il zelo della vir¬ 
tù chriftiana; perche come vero fi è,che molti Pre¬ 
dicatori IbnoC^ww muti, taciono nel tempo del¬ 
le Comedie ofcene,ftimando, e forfè non con pie¬ 
na ragione, che il predicare contro fia vna fatica-, 
affattoinfruttuofà 5 onero vna fèmenza dipeggior 
raccolta : così verifiimoparimente fi è,che alcuni, 
accefi di vero, e prudente zelo, e con fperanza di 
non poco frutto, fi fannofèntire, profcflando d’efi 
fere Cmes valentes latrare , CanivChepofTono ab¬ 
baiare j econ nuoue, replicate, e vigorofe fatiche 
predicano anche con perdita deU’amore di alcuni 
loro amici, e con ifdegno, & odio dì molti poco 
loro affettionati: fenza che io ricordi, che talVuo . 
alle volte è riprefo acremente da qualche perfona 
imprudente : così auuenne ad vn buon fcruo di 
Diofecblare, il quale, come egli fieffo mi narrò 
l’anno 16 40. faceua fpeffo in vna iìia Congrega- 
tion'e qualche gagliarda paffata controclii fiefoo- 

ne 

-J? 


8 8 . CAPO TEP20, ; 

ne àgli euldenti pericoli delle Comedie ofcenc.* & 
vn certo . nobile di calato, ma ignobile di virtù, & 
inuero troppo ardito, non fi vergognò, ne fi ratea¬ 
ne di opporfègli dicendo. Tanti Predicatori tacio- 
no, e voiperche parlate ? Perche impiegate il vo- 
ftro talento in tali ftrepiti ? Quali volefle dire ; il fi- 
lentio altrui fia la voftra regola per tacere rl’afte- 
uerfi glia Itri dallo llrepitaréferua di freno à voi per 
moderami dalli ftrepitamenti. 

. Io dunque inferifco, che per liberare da quelle 
faftidiolè cure izelanti Predicatori, fi può ricorre¬ 
re à N. Signore per la Moderatione, ma facendo 
rinllanza con fupplicheuole maniera aline di le- 
uare molti milèri Peccatori dal pericolo di cadere 
nell’ abilTo della fiamma del fuoco diuoratore_>. 

f 

OuU re fiat mifero, Icriue S. Antonio,»^ vt cadat 
in éibyJJumfla rnma ignìs demrantis . 

TVHTO tVODECIMO, 

Se la poca difficoltà del Superiore y e la molta lode 
del Supplicante fia tuona Ragione per fare 
PlnBantCja al S. Pontefice. 

G Ran parte della gloria de’Principi grandi fi 
è, potere con vn fol cenno recar à com¬ 
piuta perfettione quello, che ad altri lèmbra vn’- 
imprelà di nerboruto Gigante, & vn'altiflimo, 
Caiicafo digrandifficóltà. La fuprema grandez 

za 


TVNTO LVOÙECIMO. Si) 

zanene la facilità pronta all* efècotione di ardui, 
^malageuòliaffari. Non s*incontranoIcoglinel 
Mare,quando il vento di vn Signorile impero Ipin- 
ge la naue in alto, e la indirizza tra Tondofè cam< 
pagne del liquefatto argento. Io vorrei ipiegarmi 
lènza più allùgarmùe vorrei ricordare,che,nel por» 
re la neceflaria Moderatione al Chrifliano Thea» 
tro, fi fono trouate fin*hora, e fi troucranno per 1% 
auuenire, moltiffime, e grauifCme difficoltà dalle 
perfone ordinarie } tuttoché piene elle fieno d’ot¬ 
tima dottrina, e di santo zelo .• oue il Principe sa» 
ero, c supremo con 1.5, femplicc dichiaratione del 
filo volere fgombrerafaciliffimaraente tutti gl’im- 
pedimenti di tal Moderatione. 

A quello penfiero appoggia il Cecchino la fiia_Ì 
perfiiafiua, per muouer izeianti à far l’Inflanza à 
N. Signore dicendo, che in decretare la Modera» 
tione non ci vorrebbe molta difficoltà teche que- ^ 
fio santo, benedetto, e douuto officio farebbe di 
molta lode. ' 

Noi adunque pratichiamo volentieri quella ra¬ 
gione , formandone vna humiliffima fùpplica, con 
defideriodi veder pollo efficace rimedio al mol¬ 
tiplicato periglio della fàluezza di molti i cnon_» 
con brama di confègtrir il pregio , & il.plaufb 
deli’humàna lode } già che al parer di Seneca ad 
honam mentem non qmrtitir plaufus » 


M 


PW 



9t> 


CAPO TEKZV: 



PVNTO DECIMO TERZO. 

Delle Ragtcm Theologalt ^perfar 1‘InSìan^ \ 
al Si Pontefice per la Moderai ione. 

. .. . i , 

Acciam paffaggio dalla Scena alla Cathedra^ 
e dall’Arte delv Theatro alla Dottrina di 
Theologia : quefta con i caratteri piu grani, e piti 
maèftofi può formarlefuppliche fue,daprefentarfi 
ai gran Legislatore del Vaticano, per riportarne 
gratiofo decreto di pretta,efficace,c chriftiana Mo- 
deratione Theatralej la neceflìtà della quale fin 
qui noihabbiamo ponderato con alcune ragioni, 
nominate Comiche 5 perche fono portate da vn_. 
Comico virtuofo: bora ponderiamola con altre, 
che io chiamo Theologalii perche fono recate da 
perfonaggi, nella Theologia addottrinati. Ecco 
clue di quette ragioni, le qualiio proporrò diflinta- 
mente in due Punti : e forfo che à modo di due^ 
ftelIe,fcintiIIando nel theologico cielo, diletteran¬ 
no gratiofàmente i lumi de’^loro gratiofi, e pru¬ 
denti vagheggiatori : e cagioneranno, che pretto 
s’ottenga la Moderatione dei Theatro,per la qua¬ 
le i Comici Ofeeni non più peccheranno, rinun- 
ciandonel Recitamcnco airamicitia diChritto, 6c 
adhcrendocoiriniquirà aH’amicitia del Dianolo 3. 
ser. fu. come accenna S Chrif RenurAtat amicitijs Chri-' 
micicias lìi, c iu Je amicitus coniunxerit '"Dialeli . 

getum.' •* / , pyN~ 


9 % 


PVNTO DECIMO Q^AKTO 

DeU* efem^ìo degli amichi Thceflogi, pir 
far Uniianj^a^ . u. 




L a Sapienza de* Greci antichifeeegia di/è bel¬ 
la, e pompolà modra ne* vìrcuoit ammae- 
ilramenti de' lupi Soggetti, vno de* quali ammae- 
ftraméti fu farx:5parir le ftatue de' Maggiori,orriar 
te^ó inlcgne, & abbigliamétigloriofije poi aggiii- 
gcre il ttìoito^Sifuenns ficui tiliieritisficut tiìt» fe 
imiterete quelli virtuolì, farete, come quelli, glo- 
riolì. Pare à me,che voleflero lignificare quella ve¬ 
rità. L’Opra efemplificata ne* virtuolì nollri Ante¬ 
nati farà lempre all’animo virtuolp valeuolè^do 
per buona e gagli; rda protettione.-E certo non tie* 
né Iblpetto di trauiarc dal dirittocalle difódata ra¬ 
gione, • hi Itende il palfo, enei camino s’inoltra, lè- 
guitandolaguida di perlbnaggio eccellb, e molto 
accreditato tra’profeflbri della virtù;L’elèmpio de’ 
buoni è feconda lèm^^nza di molta lode,à chi pror 
fclTa vera bontà: & è arche vno dimoio pungente, 
per meglio lèguitar,ecólèguir l’aurea nocrccdedel 
vero bene.Hora iodico.che có quella verità fi può 
inanimire,chibrama farl’Indanza al S. Pontefice 
Romano, per ottenere la Chridiana Moderatione 
Theatrale: imperoche IpelToleggefinelle antiche 
hidorie, che tratto tratto i zelanti Velcouiy6c ipru- 
déti Theologi^quàdo erano trauagliati per qualche 

Ma , gran • 


r 


Oiiuf. 

3- de_> 

Ferir. 
Ck'7, I. 


92 ' CAPO TEKZO. 

gran difficoltà di dottrina,ò di coflume 3 e non po-^ 
teuano Theologando racchecarfì, ricorreuano al 
Succ^fTor di Pietro,come ad Oracolo di verità,con 
la rifpofta di cui fi tranquillauano perfettamente.E 
pet occafionc dìfimili accidenti fi formarono già 
molti fiacri Canoni, e molte Regole Sante, che bo¬ 
ta nel Corpo della Canonica Ragione leggiamo» 
& vfiamo. 

£ pécche.dunque non meriteranno lode colo¬ 
ro , che conofeendo euidentemente la prauità de’ 
cofiumì, cagionata dalle ofeene, e moderne B:ap- 
prefèntationi 3 e non potendo efficacemente rime¬ 
diare , praticheranno il modo de gli antichi Vefeo- 
ui, e Theologi» fijpplicando il Gran Vicario di 
ChriftoperlaModeratione? Col variar degli anni 
non varia quel fàcratiffimo Seggio la fua prouiden- 
zain fbuuenire : e dopo la canutezza dilunghiffi- 
mo tempo fèmpre iuifi mantien e giouane la pron¬ 
tezza di recar à tutti grouamento : c però con buo¬ 
na ragione fi regola, chi nel fare rinfianza per la_. 
Moderatione fi moRra regolato con Tesépio della 
zelante,e prudente Antichità. Il fictfe di prudenza» 
che fiorì con fbaue odore nel]’ antica Ragione, ri¬ 
fiorendo à noRro tempo, recherà parimente fbaue 
odore : c la moderatione nafeerà, (chi Io credereb¬ 
be?) dalFoccafionedelPecceffo deH’ofceno Rcci- 
tamentoj come da vna /pinola pianta fpeflb nalco- 
no le rofè fècódo il detto di collii. Screat moUs^ 

PVN- 


/ / 


93 



PVNTOr DECIMO Q^ 7 NT 0 

Sì riferifce U dcttrina del S ig.Card. BelUrminOf 
frefads vn Imgp dall'Opera da lui compaia 
intorno ali’officio del Principe . 

« 

^Vefto virtuofi(fimo,e dottiffimo Cardinale^ 
ornamento grande della Compagnia di 
Giesù, Ipiega molto di proposto il nome 
di Speculatore 5 emoftra^ che tal nome è vna di 
quelle miftichegioie,che vnite infìeme adornano, 
& arricchifcono la‘pontificia, e papale corona al 
grati Succelfor di Pietro, e Vicario delPhumanato 
Iddio : ecco le lue parole. ^uartum mmen Toni 
tificis speculato^ e fi : ipfe enitn propterea in altiffimo 
fafligio fedet fpecuU pafioralù S. Augulìinus 

loqmturin ipjòprincipio librorum qmiuor ad Boni- 
factum Papam ,* quoniam ad iUum pertinet fpecu- 
lari ex alto , quidagant Chrifiianivt inde malos 
admoneat , 'Ut redeant in <vìam bonam ; (f bonos 
hortetur, ‘Vt perfeuerent in curju, perueniant ad 

hrauium. Huius SpecuUtorisfigura fuit Profeta 
Hieremias» Sanilo Bernardo iefie., Sicenim loqui- 
tur Deus adHieremiam i. Ecce con slitui te hodie 
fuper gentes, ^fì*per regna» 'vt etalias» de E ruaSi 

^ d fperdas » éf dijfipes, ^ sdfices, plantes. 

Neq; fignificant Imc >verba Propheta » maniari d 
Deo, 'Vt ie 'Ugerat cum Regnis , ^ Regibus, (f ea 
fibiarwis fubqciatiJedvt in aito fedensyobferuet 

ma- 


1.1. de 
Cóli d. 
ad £u* 


94 c^po terzo: 

malosmoreSi co^ru^teUs omnes Regum, Re^ 
gncrnmi ^ cUmando, ^ vociferando Uberrimi 
imrepet vitia, prafèriim pu^bca Kegum^ Pm- 
cipuma^populoruinì pmasà Deoparatas pra- 
dicetf ipfequoqi cenfìtrts, jpAnifq; alijs coerceat 
contumaces { ^ eo modo dtfpcfdat , ^ deftruat pee- 
cata Kegum , populorum ,• &>’ Aàificet , ^ planPét 
•uirtutes i ac morte boncf . Q^pd tdem clanus ex^ 

^ pUcAt ElZjéchiel dicens Speculatorem de di te dòmui 

Jfraeh audies de ore meo verbum^ (3' annuruia- 
bis eh ex me. Si dicente me ad imptum . Aiorte 
morieris, non annunciaueris eìineon locp^ tusf tens, 
vt aaertatur a via Jua malay vmat : ipfe tmptus 
in iniqmtate fua morietur ■: pingumf*n aut*'m etm - 
j tua requìram . pfac tpfa , qua Domtnus 

fef. de Erdphetis yqui Pradicatores tllius ierrpont erdty 
fèf.'*4. dicit i eadem omnino wtelligt dtknt de f.ptfc&piSy 
4. ad quos practpue pertmet ojpctum prAdecattonts . 

Eptfeopòrum autem caputy & Princeps efl jummus 
Tontifex> Solebant autem Pontifices Adaximi , ^ 
Epifeopi relìqui, qua mala exfpecula cernebantyin 
conciomhut ad prafentes y per litteras ad abfentes 
Ep. k^. nunciare . lime S. Ambroftus ad Theodcftum Jm - 
peratorem fenbit yfe non pojje vllò modo tacere y fi 
qua mala faBa de ipfoaudierit » ^ ideo aquo ani 
moferat reprehenfiones fuas. Qm cUm itafinty ^ 
Epifeopi y ac Princeps Eptfeoparum y cuius totus 
mundus Dtcecejis eji y debenty ^ verbo y ( 3 " epifolis 

non 

' ’ ;■ " -<^4 f ’ -4, , . 

-J ■ ' ’ . 


PVNTO 'DEClim QVI:N^0. 

ton tacere •vìtU Princtpumj fed, lìt jdpojìolui 
loqtiitur, arfftere, obficrarey increpare , opportune^ 
importuni tn cmnipatientia, do^irina. Sed non 

minui Principes deoent pr^d^ere aures obedientes» 
cogitAreyPontifàbuSi ^ Mpifiopis molefiiMmèac-, 
ctdere , (l quando ad huiujmodi reprehenftones 've¬ 
nire coganturineq^ iUosfponte hoc ageré» fed coa^tos^ 
tum 4 comminatione diuina, tum ab ipfa charitate 
paterna, qua cogit medelas morbis adhibere, quanta, 
uis amarai 3 nefilq torum , ac prafertim honorabi- 
liores mifèrè pereant, €t certe ft Principes Cbri- 
fiiani libmter aceiperent patemas admmitiones, 
prafertim ex 'vera charitate prodeuntes, multa for- 
tafe dijcerent, qtea igrrorant, ^ multis detrimentis 
futurhi^ impendènttbm remédia adìnberenti qua 
nonadhibent» quia non efi, qui idos admonere nu¬ 
de at . Vtiri am multos haberemus T heodófm , 
mulios fimul Ambrofios i iBeenim ex charitate ni- 
bil •ville tacebat tdeex obeditnùa libentifìme 
omnia audiebae, txecumni mdndahat . 

lo qaì dirò breucimente, che queftodottiflìmo 
Cardinale fpiega due punti j il primo de"" Superiori 
Ecclefìaftici,e maflìmamente del iùpremotrà tut¬ 
ti, che è il Pontefice Romano 5 rofficiodicui fi è 
vigilare, e confiderare molto bene ibilbgni delle-» 
anime chtiftiane, e la corruttela de'cofiumi, per 
prouederui con buone ammonitionijC con efficaci 
limedij. L’aJtropunto Ipiegato dal Cardinale fi è 


96 c^To terzo: 

fpetcante a’Superiori fècolarì, e maflìmamente a* 
.^Principi 5 il debico de* quali fi è vdirc prontamen¬ 
te, & obedire alle paterne ammonitioni fatte con 
prudenza, ecarìtà, da chi prefiede alPamminiftra- 
clone Ecclefiafiica nel buon gouerno fpiritualo 
de* Fedeli. £ da quelli due punti fi può raccoglie¬ 
re, quanto fia ragioncuole, che Tlnllanza , per ot¬ 
tenere la Moderatone Theatrale, fi facci al Som¬ 
mo, e Sacro Principe, Vicario di Chrifto : perche à 
lui priiklpalmente fi appartiene il fare qualche pu- 
blica, vniuerlàle Cofiitutione moderatiua de 
gli eccedi del Theatro,alla quale obedendo i Prin¬ 
cipi, i popoli, lègua Temendatione di quei cacti- 
uicodumi,cheIbnocagionati,e fomentatidall- 
olcena, e fcandalolà libertà del moderno, & im¬ 
pudico modo dì fare le Arcioni Theatrali j nella.^ 
quale libertà mentre viue, peccando il Comico 
impuro, e procradinando la penitenza, con prò- 
mecterfi vna vita adai lunga, deue temere,che non 
s’auueri in le la lèntenza dìHugone Cardinale. 
Valde timere debet Homo procrajiimns^ve cum or^ 
ditur telam, idefì fe difponit diu viClmumt ^Domu 
nùsprifchdat in momenTo . 


•rvm-- 


97 

py^rro DBCIMO SESTO. 

Se PIm^otenxja delle fatiche di Thèologi, e de*^ 
Predicatori Jia buona Ragione per far 

rinlianz^. 

A Lia malignità, c pertinacia di vna fìerifll- 
ma Cancrena no badano tarhora gliordi- 
iiarij,ebuoni rimedijj benché applicati fienocon 
la diligenza di vn lòllecito, e valente Medico: im- 
perochc le radici del male, abbarbicate ben lottò, 
& inuilccrate ben dentro, contrattano ribellando 
alla potenza de’ lòliti medicamenti : nè il lenitiuo, 
nè ri corrofiuo, altre volte felicemente vlàto, Ibr- 
tilce il defiderato effetto / e però venir lì deue ali’ 
vltimo.piùvigorolo ,epotentiflìmo sforzo dell’ 
Arte: che così l’infetto corpo lì medicherà felice¬ 
mente , e ricupererà il delìderato vigore della pri> 
mieta lànità. Non è olcuro il mio penliero, vo¬ 
lendolo accennare, che Tolcenità, à guilà di pe¬ 
llilente Cancrena, infetta mortalittìmamente il 
corpo dcllamoderna, e Comica ttapprelèntatio- 
ne: e fe bene non Ibno mancati, nè mancano dot¬ 
ti Theologi,ne prudenti Predicatori,che à modo 
di Iblleciti, e valenti Medici,lì lòno sforzati, eli 
sforzano, con libri ttampati, pieni di ottime ragio¬ 
ni, e con prediche proclamate, e fornite di molte 
dottrine, portar vari) ,e patenti rimedi),* nondi¬ 
meno lìn’hora niuno è ttato,nè di prelènte lì è così 

N ■ felice 


9S CAPO TÈRZO. 

felice nel medicare > che habbìa fatCQcefTijir la vìo* 
Jlenza dellolceno morbo, riducendprinfetto cor* 
ppal denderaco puncodi fan ita con la necefiaria 
mòderacione. È fe pure alle volte in vna Città, ò 
Prouincia, onero Regno, fi è veduto qualche mi- 
glioranaento per la diligente, c ftraordinaria cura 
di qualche Medico ipirituale s con tutto ciò non è 
durato molto tempo je pretto fi è ritornato con la 
rccidiua alle lolite miferie dell’ofcenità Non fono 
molti anni^chencl fioritiifimoje benedetto Regno 
della|bel!a,e verdeggiate Sicilia vn Predicatore del¬ 
la Cópagnia di Giesù co fcritture compotte, e con 
tettuti ragionamenti,haueua fatto per diuina bon¬ 
tà qualche frutto di confideratione in quetta ma¬ 
teria: quando vn llluttrifiìmo Vettouo gli ditte. 
Padre se volete ttabilire il bene fin’hora fatto, pro¬ 
curate, che da Ronaa, e dalla facra Congregationc 
de’Vefeoui, vengaa’Superiori Eeclefiaftiti dicia- 
Icuna Diocefi dei Regno vn’Ordine, ò almeno 
vna letteraefortatorià à bandire tutte le ofeenità 
theatrali, e la comparfa delle Donne mercenarie 
in banco, ò in leena: altrimenti il frutto delle fati¬ 
che voftreluanirà. 

Ciò ditte queiriliuttriflìmo, e zelantittimo Pre¬ 
lato, ttimando ettetc moltodifficile il rilànareper- 
fettamenre,eftabiimente qucftopettilcnte mor¬ 
bo, fenza l’clficace medicamento della Romana 
Sapienza ,e dalla Papale Autocità. Ma io citte ai 

dettOr 


TVNTO 'DECIMO SETTIMO. 99 

dcttoftimo di poter dire, che il cafb della theatralc 
indecenza fia poco men, che difperato, fc fi tiene 
ii medefimo itile nel medicare, fino a quello cem< 
po tenuto, e iegnitato: e però cdnfefib, efière mol- 
toeuidentelanecefiìtà’difare rinflanzaal fiipre* 
mo Protomedico delle Unirne, al Vicario di Chrì» 
ftOvàNoftro Signorej dalla cui-potenza,'e iàpi- 
enza, come da Sacratiflima Ofiìcina,alenar fi de- 
uè, e domadar fi può c 6 humilifiìma fùpplica, l'ef¬ 
ficace Antidoto, e làuto decreto di vna necefiaria 
moderatione contro la furia dell’ olceno, & in¬ 
cancherito malore. Il Romano Pontefice non è 
vn mi dico Hippocràte, ma vno Ipirituale Apollo, 
per ilgombrarcdalChriftiano Theatro il grane no¬ 
cumento di tale, e tanto pemitiofainfet rione. A 
ini dunque lupplichiamo,bramofi di riportarne la 
grada di compiuta conlòlatione. Alla lua pu- 
blica Autorità , e Padronanza , dopo quella di 
Dio,c di Chrifto ,fi appartiene il nobiliflimopre- 
gio di Legislatore vnìueilàle relpettiuamente à 
tutto il Chriftianefimojcome l’Imperatore , & i 
Principi poflbno far collitutioni, e promulgare-» 
leggi obiigatorie de’ popoli Ibggetti alla loro giu- 
rifditione. Così tengono communemente i Dot¬ 
tori, ecosì breuementenotail P'Reginaldo Ieri- ^ 
uendo. Legesferrepotefìfilus fu^ertor,puhflicam * 
babens ahtorttatent : cjualts efì in primis Dms com 
parai ione totius mundi ; Chniìus deinde, c^mte- 

N. 2 nas 



ICO 


CAPO terzo: 


ms homo. pr^terea eft Swnmns Pontifex, ChriBi 
in lerris Vicariuscom^aratiom totius Ecclejìa ,• ac 
demumlmt/arator,^ Principesy/^m fibi Imperar 
torio- lura pr&jcripfermi compar ottone'populorìét 
qui smt in ipforum ditionei Ma già che habbia- 
mo fatta memionc de’ Principi, proponiamo vn 
dubbio ^.concernènte a quefto comico affare » c 
fpettante al tribunale-dei Principe fècolare,& E- 
pifcopale : forfè non sarà dubbio, mà lume per 
jfcacciarle tenebre di altri dubbi] con la nuoua lu> 
ce di più fpiegata dottrina» 


PVNTO DECIMO SETTIMO: ^ 

Se fipo£a far IT-nBanzjt al Principe Secolare, 
. ^ alPefcauoper laModeratione ^ 


B OniGuhernatorìs •virtus fe prodit in tempe~ 
fiate, dice Nifèno il valore del buon Noc¬ 
chiere fi fcuopre nel tempo della tempefta ; & io 
' dico;m.erita lode grande,e gloria {ingoiare quell’- 
accorto,e virtuofoPrincipe ,e quelzelante, epru- 
dente Vefcouo,il quale profeffa di eflerevn nuouo 
Tifìrieggendo lo flato, quafi ben corredata Naue, 
tra le ondofe, temped e delle popolari diflblutioni, 
fòileuatc concrO'Jarranqiìlliità de’buoni coflumij 
la conreroatione de’ quali deue fèmpre effere ad 
ogni buon Superiore molto raccomandata,procu- 
randone anche i’accrefciménto dibene in meglio. 


*PFNTO DECIMO SETTiMO. iai 
iChe pèfò fàggiamentc Giuftino Imperatore fcril^ 
fe à Daciano, che gouernaua la Metropolitana di 
Coftantmopoli. Semper noSìra S^renitati cura 
fuit fermndA ^oetuSÌAtis mAxiìn&difci^itn&^ qaam 
nunquam contem^fimm, nifi ^ in melms augere- 
mus . Ma perche tràle diiToliuioni popolarie tra 
le corruttele de* coftumi vna ne nafce, e procede 
dalla troppo licentiofa libertà de Comici Ofceni,, 
però non è fuor di ragione, anzi molto ragione- 
uole, che fi facci , con Iperanza di moltcrfruttOr 
rinftanza al Trono del Principe, & alla Sede del 
VefcQUO i per óttenerè qualche rimedio efficace-»’ 
contro gfineonuenienti del moderno^e dishone- 
ftoTheatro, e contro tanti pefi^ioli di peccare. Et 
inuero i Principi anclie l^i^ti .,-Sc i làntiffimi Vefco- 
ui, deuono dar orecchio-volentieri, àchi fàloro 
ìnftanza di Ibccorrerea'bilbgnripirkuali dell’Ani¬ 
me : perche la contemplationeloro fi collega con 
la compaffionedi ciafcun Suddito bilbgnofo. Sit 

S.GicgoùoyfinguUs CQw^ajjìom^ro- 
ximm, pr£ cuncfh conkmplattoneftifpenjus,ne alta 
petcns,praximQrum infirma defpiitAt. Sò,’cheNe- 
uizanofcrilTe, Epifcopt^m non habere potè lì afe m/ù^ 
per Laicum, nifi "Jjt a de lì teccatmn, il Seggio Ve-* 
fcouale non eflercitail fiio potere fopta lagentej< 
Laicale, le non doue fi troua rattuale maiuagità 
del peccato. Ma è fallo, e quello fignificalscon- 

do me il Menocchio^dicendo• Venmejì y Epifcc- 





102 CAPO TERZO: 

pam hahere pcteftafem Jptritmlem, qtMneb etUm 
pericalum eSt, ne committatur peccatum, cui fuo 
prdcepto obuism ire debet , vbi Princeps fceuUris 
negligens fit ,* cioè la verità fi è, che il Vefòouo’ ha 
Ipiritualegiurifilittione, epodeftà, quando anche 
vi è pericolo » che non fi commetta Tattualità del 
peccato « à cui deue opporli con la forza del filo 
precettOjOuefi Icorge la negligcza del Principe lè- 
colare. Ricordo per acconcio di quello il dubbio 
Icritto dal medefimo Menòcchio con la lèguente 
/piegatura. DubitarifolettC^msHiftrméSyOdidu 
mos e ciuitate expeUere ,• vel, ne impudica , inh$* 
nefia popolò exhibeant , indiéfapana prohtbere pòj^ 
/iti An fcHicet Princeps fecularts , *vel Ecclejia^i-' 
cus ì c rilponde. Tarn feculartsqukm Ecclefta^ 
ficus hos panie affcere debet ,• cumvterq} debeat 
conjpirare in fludium» (f (olicuudinet'vtgubeìnom 
Sto Fidelium bene fi habeat. Prmceps itaque fico-, 
laris primum ( cioè tra le lue prime cure lèculari) 
praflare hoc debet $ cune, ^ ad eum pertineat, con- 
feruari Keìigione erga Deum^ fit tpfms Dei tem- 
plum} ficut fcribunt Dodtoresì Piotar cus dixit, 
Princtpes efie Aiiniflros Dei ad curam, € 5 * falutem 
hominum. Et cum Htftriones y ^ Mimtfint ho- 
minesmali, ad Principem[ecularem pertinet, eosab 
*vrbe expellere, iuxta l. Congruit ff, de ojfitio Pra- 
fidtsxficuti ab *vrbe Róma eos expuitt Ttberms Ca¬ 
pir : ^ iam con fiaty Princtpes ò'eculares varijs pa». 

nis' 

A * , 


rPVNTO DECIMO SETTIMO, 103 

0is hos tìiftmnes AfecìJJe, Et aggiunge. Prmeps 
JEccUfi^fìicus Htlirionts, Mimof pxnis » fptrt- cHc. ad 
tualtbns tamen, ajfìcere poteji; C5* reBf, (futa Lai * Arbitra 
eus raùont » caufa peccati efficiturde Foro Epi- dlcum 
ftopucap. nouit. de ludtctjs . Imo, pxnam tenh “f' 
poralem mdicere potejì Ecclefia^icus hic Princeps^ 
ob negligentiam Principis fecularts hos non punte»- 
Stsi pcut fcrtbunt do. in cap. •vlt. de excep, in 
^ertachtnus, ^ alij . E vuol dire quello Dottore, 
che lì lìioi dubitare, chi po£&licentiare dalla Città 
grHìllrioni, & i Mimi : ouero impedir loro còn-» 
minaccia di pene ^impudiche, e dishonefte E.ap- 
prelèntationislè ciòlpctti airimperodel Principe 
fècolare, ò pure alia vigilanza deH’Eccleliallica 
Pallore. E rilponde, che tantorvno>quanto l’al¬ 
tro deue cailigare i delinquenti 5 perche ambedue 
fono tenuti alla fòilecita, e Hudioià conlpiratione ' 
indrizzata algouerno della publica felicità. 

E queft’oibligo appartiene al Principe Iccolare, 
eirendoeura difui,che ficonfcrui la Religione ver- 
fo Dio f e eheii Principe lì mantenga viuo, & ani¬ 
mata tempio dello Hello Dio lècondo il parere-r 
de’ Sacri Dottori y a’quali aggiungo, che Plutarco' 
auuisò,chc i Principi terrenifono miniftri del Frin- 
tipe celefte, lùpremo, e diuino , da cui eflì fono 
fatti, e conlèruati per la buona cura-, e laliueuole 
legimento delle humanepopolationi. Dal die & 
icorge venkein conlèguenza„che,,elfendogli Bir 



c . 


LP.fenr. 

§.Pafto 

rum. 


€J?0 TÉKZÓ: 

ftnoni, &i Mimi huomini tinti coù la fuligiflc-<fi 
maluagità, debbano per comandò dòl'Principc fo- 
colare eflère difcacciati dalia citcadineica radu¬ 
nanza . Così la Legge Imperiale preicriue ; c così 
Tiberio Ceiàrcefleguì, dìicacclando limili perlo- 
ne dalia Città di Roma. Anzi è Articolo di certiT 
lima verità, chei Principi di iècolarefca padronan¬ 
za con moltitudine, e varietà dipene hanno cafti- 
gatii Comedianti. In quanto poi al Principe Ec- 
cleliaftico, cioè al Vefcouo, dico, che egli può con 
pene fpirituali caftigare gli Hiftrioni, & i Mimici 
perche il Laico diuien foggettoai Foro Epilcopale 
per cagione del peccato. Anzi di più aggiungo, 
che il Vefcouo può intimare pene tempora li,quan¬ 
do per negligenza del Principe lècolare i Comici 
delinquente non fono caftigati. Sin quì*il difcor- 
fo del Menocchio, àcuiperconclufione aggiun¬ 
go , che, come San Bernardo difle. Vafiorum 
■ vigilarefupergre^ ad preces propter tentationii /«- 
Jìantiam^così dico io,è proprio de’ Paftori Ipirituali 
moftrarfi vigilanti per afcoltare le preghiere, con 
le quali iFedeli zelanti fiipplicano,e fanno loro in- 
flanza per la Moderatione. Vigtlentad precespro^ 
pter inììantiam ad ^Moderattonem T heatri». 


pf:?^ 


105 


DECIMO OTTAVO . ~ 

Si dijcorre della, (ieja materia. 

I O al detto aggiungo, e prego ogni Vefccuo, & 
anche ogni Principe ad applicare à se quel San- 
to auuiso di Chrisoftomo . Si quìs volment Deof^^J^'- 
commendatus efe > cmam habeat ouium ilìtus ìpu- 
blìcam qmrat 'vùUtatem 5 fratrum fuorum fuluti 
profpiciatìnuUùm enim o^cium hoc Deocharius_ 
efi. E quell'altro auuifo,che fpiegarEminentif- ^ 
fimo Sig.Cardinal de Lugo dicendo. Pralatus efi nitl»* 
caputpoliticum fuorum Subdttomm ( e quello an- 
che conuieneai Principe) quare tenetur eos guber- 
nare m ordine ad bonum commune aliorum ctuiumx 
fìcut Dominus teneturguber narefms feruosi^ prò- 
€ UT tur e i ne inferant damna alijs ciuibtfs .* tilt enim • 
qui caput eB politicum » tribuuntur, ^ imputane 
tur datnna à Subditis iUata» 

O quantogioua alla fincerità de’ buoni collu¬ 
mi la diligenza di vn Principe, che con vero zelo 
prouede per tempo, &; efficacemente a’ pericoli 
dell’infettione,cagionata da Comici ofceni, e dal¬ 
le Comiche poco modelle > e maffimamente-» 
quando alla vigilanza per li Sudditi congiunge il 
buono efempio della fua perlbna, mollrandofi af¬ 
fatto alieno dal trattare, e conuerfare con alcuna 
Comica, benché llimata molto, e molto comen- 

O ’ data 


t.^.coc. 
in obi. 
tu Va- 
Icnt. p, 
86. F. 


106 CAPO Tenzo. 

data. Piaccia allaDiuina Maeftà, che nell'occa- 
fìoni-fi poffa direcon loded’ogni Principe chriftia« 
no ciò,che ferine s. Ambrogioper comendacionc 
del grand'imperatore Yaìemìnizno.ScenicacuiuJ^ 
dam forma , ac decore deperire Roma ^dolefcentes 
nobiies nunitabatur . lufjit eam ad comitatum ve-i, 
nire, MifuSy pretto deprauatus, fine mandati effe* 
redtjt . Alttrum mifit » ne 'voluife emendare^ 
*vttta Adolefcentum,^ non potuijfè'vtderetmr. Da* 
tus eB ohtrectandi altqmbus locus, DeduBam ta* 
men nunquam aut fpectamt, aut <vidit . Pojiea re» 
direpracepit omnesagnofeerent^rritumeius 

non efe mandatum0 /idolefcentes doceret ab amo¬ 
re mulieris temperare , quam tpfe , qui potait habet‘. 
re in potevate 3 defpexerat. Sthac fecitycumadhuc 
non haberet vxorem , ^ tamen exhiberetfai tan~ 
quam 'vinóPus coniugio cafiitatem . Cioè à dire 
L'Imperatore Valentiniano ilgiouaneincefei che 
la Giouentù. nobile Romana fc n’andaua perla-* 
dietro alla beltà di vna gratiolà donna Comedian- 
te j e rollo comandò, che ella venilTe in Corte. 
'Rdà chi fii mandato con l'ordine, le ne tornò lèn¬ 
za l'elFetto, mercé che rimale prclò con vn buon 
donatiuo. E rimperatore mandò di nuouo vn' 
altro 3 accioche la Maellà lira non parelTe hauer 
voluto emendarei viti] de'Giouani poco modelli, 
c non hauer potuto. Fu condotta la Comica in 
palazzói òcecco che alcuni prelèro occalìone di 

mor- 


. PVNTO DECIMO OTTaFO, 107 

mormorare contro rimperatore; ma egli mai Ja_» 
fece venire al fìio colpetto, e non la vidde mai ; 
anzi di poi comandò, che le ne tornalTe al Iblito 
lùo alloggiamento, mollrando con quel fatto,che 
non era ftaco vano il luo comandamento } & am- 
maeftrandoconl’elèmpio luo iGiouaniamode’ 
rare gli affetti Iregolatid’amore intemperante ver- 
fo quella Femmina s la quale egli potcua polTede- 
re, e volle dilprezzare : e tuttopolè ad effetto, ef- 
Icndogiouane, non ancora ammogliato, e mo- 
llrandolì tanto cado, & alieno dalle Donne altrui, 
^comefc haucffe la propria conlorte à le congiunta 
con il legame di matrimonio. A quella gran lo¬ 
de di temperanza , che riceuè Valentiniano per 
bocca diS. Ambrogio, voglio aggiungere la lode, 
che meritò Tlmperatore Theodolìo Secondo per 
la lira gran diligenza in vincere la curiofità negli 
Spettacoli. elica, Scrittore di nation Greca, rac¬ 
conta, che quello virtuofo Principe confelsò in¬ 
genuamente ad vn Santo Eremita ,che nel Thea- 
tró, oue lì faccuanogli Spettacoli, & oue eglipre- 
lèdeua, e diftribuiua i premi] a Vincitori, mode- 
raua talmente la curiofità degli occhi, che non mi- 
raua ciò, che luccedeua ; e mentre tutto il Popolo 
attendeua con grande auidità', e con Ibmmo pia¬ 
cere allo Ipettacolo, egli fi priuaua della confola- 
tione, che poteua con la villa riceuere, e fellola- 
mente godere. Quella virtù è vno Ipecchio, in 

O 2 cui 


t.l.I.?. 
p• 1 • 

4 * 5 * 

pag.mi 

tisi. 


io8 CAP *rEKZO, 

cui poffono vedere la loro deformità que* Superio¬ 
ri > i quali non Iblamente vogliono con troppa cu- 
riofità vedere gli ijjettacoli, e trouarlì alle Come¬ 
die, mà le comandano etiandio, che fiano olcene, 
& illecite, lènza volerli configliare con que’Dot¬ 
ti, c prudenti, da’ quali intenderebbero la verità. 
Pofiono elfi applicar àie medefimi quel cafo Ipa- 
uentofo , che Gcrlbne, citato dal P. Martino Der- 
lio ,narra di vn Principe, il qual'elfendo auuilato» 
che fi configlialTe con Sauij, per làpere le lecite-» 
era no certe colè, che faceua, rilpole. Cur mefui- 
rerem à talibust eteriimfiso, cjmd difionjkkrent mU 
hi j ego tamen fic agere, C? credere difpofui, me 
omittam. Et in hac in felicitate pofitus, ^ prmen- 
tus morte repentina, de flit st, •vellet, nollet , nunc 
agnofiens in Inferno, qmniam Domintts odttobfirl- 
stantes vanitatesfitperuacuè . Cioè, non mi vo¬ 
glio configliare, perche so, che mi dilTuaderebbe- 
ro colè tali > mà io hò dilpofto di non lalciarle.» i 
E quefto infelice , opprelfo da repentina morte,le 
lafciò contra fua voglia j & bora nell’Inferno co- 
nolce, che Iddio porta odio àgli amatori delle va¬ 
nità . M à per tornare al d ilcorlo n ollro, e per ou- 
uiare à gli eccelli, & a’danni,chei Comedianti 
cagionano alle animecon le olcenità, dico, che.» 
buon rimedio , almeno per ragion di conuenien- 
za,farebbe lùbito licentiare dallo fiato iCome¬ 
dianti , quando meritano probabilmente il titolo 

' di 


*PVNTO DECIMO OTTAFO: 109 

di Oiceni : e tale fi può ftimare, che fiano quelli, 
che nellaCompagnia conducono Donne, Attrici, 
e lafciue, le quali con finti innamoramenti rappre- 
ièntati deturpano la Theatrale Honeftà. Che fe ri¬ 
medio di tal fatta venifle cenlurato, come troppo 
rigorofo, da qualche perfbnà ,fele può auuilàre, 
che confideri da fen no il contenuto in riftretto nel 
feguente Punto. Forfè cangeràpenfiero, e con¬ 
cependo voto di approuatione , fèruirà di amico 
feudo per difendere g e non di lància nimica per 
offendere la rifblutione del Principe, e la fua ripu- 
tatione ; e credo anche , non ftimerà degni d'eP 
fèrefomentati que’ Comici, che per la loro impu¬ 
rità fono nel numero de pazzi, e de"* quali fi può 
efclamare con Tacuto Scoto. O quàmJìultifunt , 
qui 'uiam ^Domini , qm p^lam eli , '0 leuis , defe-, 
runt} 0 mam DiAhoIigqu»grmis ejlg 0lahriOt 
(a , ambulane . 

) 

PFNTO DECIMO NONO. 

Se e ragion di Conuenien'I^q, che il Principe licentu 
dalloJlato suo i Cemedianti Ofeenk 

L a buona volontà del Principe ha tra gli og¬ 
getti liioi principali lapublica, e virtuofa fe- 
liticàde* popoli (oggetti : mà fintelletto fuo non è 
fèmpre di neceffità vn occhio linceo, che per tutto 
penetri profondamente, eicuopra di lontano, per 
- • - ~ ve- 




no TERZO. 

vedere ogni finiftro accidente contro il ben co¬ 
mune : quindi Ipeflb conuiene , che fi prefèntino 
al regnante Signore informationi fedeli, dipinte, 
e molto ben fondate,con fine di titrarne decreti, e 
leggi moderatiue, e prohibitiue di ogni disordina¬ 
to inconueniente. E nel cafo delle Comedic 
mercenarie del noftro tempo dicono molti Dot¬ 
tori , che non tutti i Principi fanno, quali fi deb¬ 
bano permettere , c quali bandire. Etio aggiun¬ 
go , che tra gli itcflì Dottori è non poca difficoltà 
il determinare con rigor fcolaftico, & aggiuftato. 
Qtyli, e quante fiano Ic’olcenità mortali del The- 
atro, che rendono le Attieni illecite, ofcene,e 
peccaminolè rpnde io, come non riprendo quel 
nel l'ib. poco i che il Comico Cecchini in vna lettera dedi- 
Rulri catoria fcriue ad vn Sercniffimo Principe dicendo, 
moder- V .A. vedrà, non efler fuori del ragioneuole, che vn 
med^ir Principe grande ammetta, anzi procuri nc'fijoi 
flati il Comico Trattenimento per edificatione, 
e gufto de’ fuoi Popolhperchegli parla di modelle 
Comedie, che recano edificatione, c non diflb- 
Iutione,epeccatÌ5 cosilo nonapprouolofcritto 
dalmedefimoComico,ouene’luòi Difeorfi au- 
uifà,che 

pig i. Il dire contro le Comedie d’hoggi è adulterare 

itempi: come le quello d’hoggifufle Io ftelTo di 
già migliaia d’annij e che quelli, che reggono Re- 
publiche, e fiati non làpeflero molto bene, quali 

Rap* 


- PVNTO DECIMO NONO in 

Rapprefentationidcbbanopcrmettercjc quali ba' 

dire da i loro goucrni. 

Io torno à dire,che non approuo il detto di que- 
fto*Comico:perche molti Signori,e Reggenti prin- 
cipaliflìrni di Rcpubliche, e di flati non fono, nè 
fon tenuti di edere, vn Arca di tutte le foienzepo- 
litiche, ò di tutte le pratiche cognitioni : che però 
fono capaci di nuoueinfortnationi, con le qua¬ 
li auuifàti tolgono i difordini con opportuno 
prouedimento. E quello lì è lo foopo di preten- 
denza liel fare Tinllanza à Principi Secolari con¬ 
tro le theatrali olcènicà ; cioè che le tolgano affat¬ 
to , come fono obligati : e per toglierle elhcace- 
mente, polfonofar intimar a’ Comici Ofeèni, che 
fi partano tollo dallo flato loro, e la partenza lìa 
perpetua 3 accioche non fi verifichi de’ Comici il 
detto di Tacito contro gli Aftrologi.f^ ciuilate ve- ub.17. 
tahimfts fimper, ^ retinétmus ; Quello rimedio 
è di molta, e molto lodeuole conuenienza,Ia qua¬ 
le fi può fondare nelle feguenti confiderationi. 

Pìatonenellib. 6 . 7. e 9- delle leggi, & altroue 
ancora, vuole fecondo Pietro Cafani, chegliHi- 
llrioni Ofeeni non fiarnmettano nelle Città . E S. auiu* 
Agollino ferine', che il medefimo Platone cacciò 
i Poeti , perche erano pcrniciofi alla Republica . 

Hor che hauerebbe fatto d e’ modetn i Co m edia nr i 
ò Ciarlatani Ofeeni? Ancl^e vn cieco giudichereb¬ 
be di quello colore. 

Ari- 



112 ^ CAPO terzo: 

c. 17, Ariftotile nel /• della Politica auuiCà il Legisla¬ 
tore , che, come deue cacciare gli altri mali della 
.Città, così ne deue eilerminare là oicenità del- 
le parole 3 perche dalla licenza dei parlare di- 
shoneftaniente fègue con facilità la turpitudine 
. de’ fatti. Omnino igitur ohfcenitas 'verborum per 
legislatorem exterminanda efì de cmttate 5 ex tur 4 
piter enim loquenM licentU fequitur €5* furpìter 
fAcer e. Che poi quali tutti i Comedianti moderni 
vlìnol’olcenità delle parole, ballano in prona i la- 
fciui dilcorli,e dishonehi innamoramenti, che pet 
ordinario introducono co la comparlà delle loro, 
■diremo, Donne, ò pure danni delie anime ? La.» 
publica fama,6c il Theatro lèruono di tromba, per 
farlentire quella verità , e di Ipecchio per farla.» 
comparire : chi non la fcnte, è lordo 3 e chi non la 
vede,è cieco. • 

Alelfandro , quel Magno Heroe , determinò,^ 

■pt. i, dice Dione, che il Superiore non deue vdire certi 
languidi Cantori, noceuoli a’ collumi, Cantan- 
tes langmda, deliciofa canùcA , neq', corrupto^ 

rum morum ìncitationes : mà deue difcacciar colè 
tali, prima lungi daU’animo lìio, e poi dalla Città, 
di cui tiene il gouerno : primum qutdem eijcers^ 
quàm hngiffime ab fuo ì^fus animo , dtinde à dui-' 
tate » cui praefì. Determinatio.ne veramente de¬ 
gna di vn’animo Magno,6c Imperatorio : quali, 
che chi gouerna per l’altrui felicità, debba dilungar 


PVNTO BBCIMO NONO. Yn 
& fteflb, &i i ittdditi (ìior da ogni minima ombrai 
diofcenità. < . 

Tiberio Cefàre, (erme Io ftelTo Dione» c con lui ^ ^ 
altri Autori, cacciò di Roma gli HiRrioni. £ Me* 
nocchio nel luogo citato al n. a i. dice il medefimo 
di Claudio Nerone, huomo empio, Claudius Nt» 
ro» vir aito^fui imftus» PAntomimùs -, ideft eos^ tfui m 
feenis imi farifilffjt aliqmrum perfinam, 0* morff, 
relegauìt : ut fcrikit Smtonius in ut fa . 

Il P. Maeftro Gio. Marquez AgoRintanQ,Predi> 
cator del Re di Spagna Filippo, III. e Lettor di / 
Theologia nelPVniuerfità di Salamanca Icriue.» 
nell’Opera intitolata, Il Góuernator ChriRiano» it.a 
con l’autorità di Gio. Bodino, che le Comedie fò- ' 

no vn grande abulb, e che i’occupatione de’ Co- 
medianti è vna contagione delle più nociue, che 
danneggino la Republica 5 perche le parole, gli 
accenti, i mouimenti, e gli atti artihcioli loro la- 
feiano vna impreRione lì viua nell’anima,maRìma. 
mente de’ Giouani, che applica iui tuttiji lìioi lènti- 
menti ì e può dirli, che la Scena delle Comedie è 
vna Scuola della DishoneRà. JE che quando Icril- 
fe Ariftotilc, che era necelTario ordinare, che i Sud¬ 
diti non andalTero alle Comedie, hauerebbe Icric- 
to meglio, che conueniua gettar per terra i Thea- 
tri, e chiuder le porte della Città a’ Comediantii 
perche, come dice Seneca ,»/M tam damnojum 
hnis morihus, quàm inJpe^aculo dtjidfrti exhc 

P per 


Hit f • c'^po •‘WH7X). _ 

• per quefta cagione Filippo, Auguftò Rfe di l'Xftn- 
cia, per publico Editto cacciò dalla Ffancia tatì 
i huoitìini : c che non !s ha d a^cttare^ che le Co- 
• medie^ìano piohafeite da Magiftrati,inà pcrliCeEi- 
^rìgraiii, c {cucri , i<^alicon prudenza {appiani^ 
plouèdered’honcftc ricreationi, con le qualii Po¬ 
poli conlèruino la iànicà, c non fiIcordinola mo- 
dellia. 

ij, Po. Il P- Adamo Gontzen oflèma, che ipelfe volte 
in Roma furono leuatcle Scene, &iThcatn,t.» 
furono banditi i Comicbperche fi dauano alFotio, 
& a* peccati. S cmA , The Atra (ape fuhlata j er 

I:finrÌ9n€s in ex liuw pul/ts nam otto» (S" 'oitijs in- 
fuefeebat. Vn germoglio di vitiofa infettionc me¬ 
rita ben prefto d’effere fradicato . 
ii.de ES Agoftinofcriuede’ Romani. Su&dt^nita^ 
tismemoves , ac, pttdoris ■* jiHores talium fabula- 
rum nequatjuim honorauerunt ; fed ftut apud Q- 
ceronem Sctpio 'loquitur • Cum jdrtem ludicram § 
jeenamqi totam probro ducerent ygenus idhommumy 
non modo honore Ciuium reltquomm carere , jei 
etiam Tribù mouerì notatione cenfiria wluerunt . 
Preclarafané , € 5 * Romanis laudibus annumeran- 
àa prudentia : fed vellem fe ipfà fiqueretur , fi mi- 
taretur. E conclude il Capo dicendo nel fenfo 
de* Romani contro gli Hiftrioni vitiofi. Nullo 
modo talts homines homrandi funi. De* quali per 
ilòiegarcrinfamia Lodouico Viucsj comentando 
^ ■? le 


pvNTO 'Cf^cmo mNo, u 5 

Ic'parèk A^ftino. Cum Artem hdicram ; 
£ctwi€ • JdfftfioHCS pcrditt^ffììs fìti^c ' 

niorUfis'»^ dt^lor*^^n€qmtkycum Quita;^ 
te Pro cmibM non héherentur , cum eram tam 
muieunttHa hommni flagino/orum,^ facmorofr- 
rum cìues . Excìptuntur ^b^^ Legò ÀBóres Attél- 
lanarumt^A fabuU femriores , mis haUeam 
prìfcam dtfcffìtnam redolenttbus condita : ideo nec 
deponmt in [cena ferfmam , vt alij Htfiriones* 
Così dico io, gli Accori modelli, e vircuofì fi hono- 
rino, fi ritengano, mi grìmmodefti, c yitiofi fi 
'vicuperino,e fi (caccino dalle Chiiftiane Cicca. Ca¬ 
tone , queirantico riformacore degli sformati co- 
ftumi, cacciò, fé à Plutarco crediamo, Manfio 
dalla Romana Sala del Senato 5 perhauerc egli ba¬ 
ciato la Conforte in prefenza di vna fua figliuola. 
Rigore gentile, ma chiaro Pegno di vn* animo ca¬ 
do , e molto puro. Hora noi Chriftiani, che do¬ 
neremo fare contro i Comici, e Comiche del no- 
flro tempo, già che tante volte in prefenza della 
mòltitudinc theatrale foglionovfarefcambieuol- 
mente talidimoftranzedilafciuoaffetto? Credo, 
che meritano il caftigo più, che Catoniano con vn 
bando eterno, e con vna eterna abominatione. ^ ^ 

IlCartagenalcriue. Gr&cit'utauBoreft Patria ho- }- 

ms.Comicorum *Theatra euerterunt » eo[jj longè à u 4 « 

[e relegarunt propterpulchriiudinem Faminarum, ij. ' 

qua in ets locisperfonam faciebantt (f ciuium ani^ 
mos tdaqmabant * P a Gió- 


116 C^PO TERZO. 

Giouanni Tilio nella Ghronica de'Magnanimi, 

cgloriolì Regi di Francia dice , che Sr Lodouiep 
Tanno J a 5 5. di Ghrifto, che fu il a 9. del.fuo Re¬ 
gno , cacciò dalla Gorre ì Gomediantr. D. Lu» 
douicus Hifirknes > Parajifos , €5* eiufìnodi homi 
nes nequAm ab aula exegif . Altri fcriuono, che Fi¬ 
lippo, degnidìmo Re parimente di Francia, li ban- 
dì da tutto il Regno. E Carlo V. gloriofb Impera¬ 
tore , fece rnaGoRitutione, accioche fi cacciafle- 
ro da gli (lati luoi : e la cita Pietro Gregorio, e no 
Synrag. fàanche mentione Menocchio nel n. 3 2. del Ino» 
1^'” (òpra allegato, oue numera di piu moke pe¬ 

ne decretate contro la maluagità degli Hifirioni 
turpi,cpoifòggiunge. Decimapanaefl,vfeci- 
uitate expeUantur . La decima pena fiè, che fieno 
cacciaci lungi dalla Città. Eneln. 3 5 * dopoha- 
uer dichiarato Tobligationc, che ftringe i Princi¬ 
pi, &c i Superiori in prouedere con accurata dili¬ 
genza , che le Città non tedino infette dalla pedi- 
lente turpitudine de’Comici dishonedi , fàggia- 
mente auuilà. FrìncipeSi populi facileprafa- 

buoi ,fi HiSìriones non recipiant , *oel receptos ex- 
pellantu cioè. I Principi, & i Popoli facilmento 
fbdisfaranno al debito loro, fè nondaranno ricet¬ 
to à gli Hidrioni 3 ò pure (è, hauendoli riceuuti, li 
condringeranno efficacemente aUa partenza. 

I Lacedemonij lafclarono di vdireleGomcdie 
turpi, dicendo, che neper trattenimento deuono 

vdiifi 


WÌJTO DECIMO y^NO . 11 i 
^irfi coloro, che contrafanno, e contradicono - 
alle Léggi, piùcacciaronoigliHiftrioni j co- 
stjensrcaHiitarcò-^i 

A quello allude Paolo Manutio dicendo. (h- 
mà^ias^i^Trag/tdias mnmdkhunti^vtnec [trio 
ntciocQ quté^^m audirmt'repugnans tAgthus.hek 
ggs ei 9 Ìm frohihentfiupra » inceÈuvft &t adulferia: 
frohihnt dólos , imu ftds tf»rta, cef.erAq. f lagitMi 
in fabulìSjf ulta, Poeta Oijs affngunt , jpJecpia* 
CHÌtÉts quomndam excufatto . fabulas ad volup4 
tatemfingi , mn^adfidemfPgrtl^ Voluptas eacor^i 
rxniptt imhàidfum animos . Hanc ob caufam An 
chtlocum PoetM i.qttmH 'otniUet in Lacedamonem 1 1 * *-, 
€‘adem hom expukrmtu tjt. 

Gi’lUttftriffimi, & Ecccllentiflìnai Signori dell* 
Eccella , c Sereniflìma Kepublica Venedana-, 
cacciarono da Venetia circa Tanno 1581. tutti i 
Comedianti, per vna prèdica lèntita dal P. Bona- 
corfo Siciliano della Compagnia di^iesù: alche 
allude il P. Mazarino pure Siciliano, e della mede- 
lìnaaCompagnia, oue Icriue cosi nel Difcorlb 5 8. 

Fece cliriftianamcnte quella SereniiSma Repii- 
blica, degna, che Tiraiti ogni altro Principe. Et il - 
P. Ganabacuita Autor Palermitano, e di nobile fa¬ 
miglia,in vn Trattato manuferitto delie Gomediei 
compofto Tanno 15 8 5 . 1 piega chiaramente que- . 
fto punto dicendo. Tutti i Principi doueriano 
aprire gli occhi à quello difordine delle Comedie, 

che 


118 CAPO . 

cheTanno petricaliaicomegiàibtio 4. atifìi (cioè 

I^ani^o 1 ìiS i .)che la Signoriadis}r£àcel% 0 omt-> 
nìo Veneto le ha bandite : e fk 'i> 60 è alcahi pii!^ 
voltebannotentato disfar riuocar il Decreto^on> 
dimeno fin qui (cioèi’anno r $ 8 5.. ) non rhannò 
ottenutov lo poihòiàpùto da ^vn nòbilé Vene- 
nano i die Id C 3 om 6 die eomindarohó di nuouOr 
ad efier fatte dà* Merceiiari) Comici circa fanno 
1615 . per grana di que* Signori : ma però la gra> 
tiafù certamente per leComedie honefie^e di ho- 
xieftotrattenimditoie non jpér fimptìTe, e di poco ' 
modella ricreatiònè,perche que* prudentillìmi Si- 
gnorinon vdlero approaarc l’Oleenità Come an¬ 
chel’anno 16 4 8 . ì'm edefimi concclfero per degni 
rilpettì licéza di far le Comedic,cioc rhonefte,ne!- 
le veglie deinnuemo» hauendole alianti prohibi- 
te fin dal principio della guerra col Turco. 

Ma noi jpalfiamo ad vn’altro Punto, che lèmirà 
per confermatone del ludetro, e perdimollrarc^ 
più viuamentela conuenienza, con che il virtuo- 
fo, c vigilante Principe Iccolare puòlicentiare dal¬ 
lo fiato filò gli olceni Com edianti, A’ quali, ben¬ 
ché habbiano molti gufti, vorrei poter Ipeflb ricor¬ 
dar la breue interrogacionc |di Ca Ifiodoro. 
bahent, qui Deum non habent ? 


PVN2 . 


r : 


v‘ W i- t 

> ’ v 


.Mm.Q ^ ,. 

noH ,iì«iTOfKrW?We»^?%^*» * ‘ 

d' ; OT.. : D: .fi:: r: or. ' o : ' ' 7 • : , '■ ■ d' , 

I ; I^ci^Ii gran^* porgono comoda occaCone 4 

; YirmoCP di della ^a ze* 

lance pietà. T$etatìs fl^diefetm roirum m^gna pe- in via 
rù»l4 pj^e^dunt ì dice N^di^o f'Leiolèe^nùà Thiea- 
traliibno perle anime pericoli cosi grandi, che»* 
mericanoL i appellacione di .pefteanorcalidima, e 
rouinante. £c à <]aeilo, ber^glio rnirando,e&ec* 
landò per ogni tcmpp> quafi,yaleinti Arcieri,! Dot¬ 
tori antichi, e moderni di SkClijeià, hanno fèmpre 
con Ogni sforzo di Ipiricp j e didp.ttrina tentato di 
alienare i Fedeli dall'affetto verfb fvitiofj Come- 



ghietrurar polliamo ciò, che molti fentano in <jue-' 
fto affare. S. Vgone Yefcouo Gratianopolitano, 
come diceiISurio,teneua.Iontani,non iblod^lla 
fua menfà, ma anche dalfùo palazzo gU Hiflrioni, 
vali diperditione, e ftrumenti di falfìtà. Propul 
non À menfa folum itus^fedà totisatrijsHt^riones» 
t4 <ncfH4 m vafa perdiiiom^, 0’ organa faljìtatts. 

S.Chrifbftomo dice. Cliidiftruggefle iConii- ho..'r. 
ci, rouinerebbe riniquità, <3c eft jnguerebbe il fuo¬ 
co di tuttala peftileiìza. IniquitAtem eueruret^ et 
omnem pfpim exiingucnt if . » ., , , . -, 

"■ ^ Et ’ 


in M.fF. 


CAPO TUKZO) 

to. A* Il medefìmo Sato (criuc. Vòrrci conc^cfé qucl- 
?s£ic’ l» > che lòno andati a glifpcttacoli i perche tac¬ 
cierei lungi tJàl (kcròécttò di quefta Chiefa. Hora 
che fi può pcnfàre,t hé haurebbe fatto contro i Co¬ 
mici, ò Ciarlatani moderni, e dishonefti ^ Certo Cc 
hauefiÌB potuto, gli hauerebbe licentiati per fóm- 
pre, e dalla Chielà fua, e da tutta la Città, e dalla^ 
V. (uà Diocesana giurifilittionc. ■ 

Clemente Alelfadrino vuole, che fi bandifeano- 
'■ dallè Rcpublichè quelli, che non hanno altro me- 
ftiere,che di far ridere . E tali fono gli ofccni, e mo¬ 
derni Comici, e Ciarlatani ; poiché le loro disho- 
nefte, e bufonefehe parole, & impure attioni alza¬ 
no la tenda nel Theatró al tifo popolarci e fono vn 
mcrcenatióLenoncdella difiblutioneimpudica,e 
foandalolà. 

Saluiano riduce la grande ìnondatione dc' Bar- 
barine* campi della bella Gallia, della feconda Si¬ 
cilia, e d’altri Regni principali, alla ragione di que- 
fte Theatrali vanità. £ dice, che gli ftclfi Barbari 
folcuano bandire i Comedianti dalle terre, che oc- 
cupauano a’Signori della Chriftianita. £ di quella 
grauc confideratiòne di Saluiano fi forue contro le 
ofoenità de’noftri tempi Baldelàno nello Stimolo 

H‘ alle Virtù. ' 

Il Religiofo Theologo Brefoiano nell’Antidoto 

cita il medefimo Saluiano, e con lui il Boccadoro, 

c dice, che ambedue atteftano, ch^ i Barbarifteflì, 

. ----- ,• 


.4 


PVNTO VIG ESÌMO 121 

di fimili fòettacolireftando amnciirati,e ftoniacati, 
fi rideuano de’ Romani, che da cffì così pazza¬ 
mente fi fuìfero lafciaci prendere, e trattenere : e \ 
dalle terre, che cfiì toglieuano a’ Chriftiani, (come 
fimilmente fannoi Turchi, Barbari de'noftri tem¬ 
pi) del tutto bandiuano fèueramente tal pelle d’- 
huomini, e tal generatione. 

Lelio Zecca ragiona de’ Comici con quello 
lenlò . Cum hodterna die hac Arte abu* 

tantur , ^ cbfcAna vbtq; mifceent : Deum tmenl 
ti humfmodt fpeót^cula fngtenda Junt ; ij à pìjs 
Principibus è^ent à Ctuitcìtìbus pellendi . Cioè 
chiunque riuerilce col timore Iddio, fugga lungi 
da gh fpettacoli de’ Comedianti, lì quali douèria- 
no eiifracciarfi dalle Città pei comando della pie¬ 
tà de’ Principi jpoiché hoggidì Ibno abulàtori di 
quell’Arte,e per tu.to frapongono lo Iconcio deli* 
Ofcenirà. 

AlfonlbdiMendoza Icriueintorno a’Profeflori. ' , 

Il r 'rr- . W Quo» 

dvll a Co.nic a del nostro tempo. Eximmo mmt- 
me e^e necefjArios , ac proindeplurimasi fùbejì- cau^ ^ * * 
fts, eos vt PrmcipeSt et A4agifiratusfìmdttus diffì. 
parent : mhil’tiimvttlttatis ,0 *plurtmHm afferunt 
m<:mnmti . Io (limo, dice quelloTheologo, che 
i Coinici non fiano di necellìcà a’Popoli: anzi ten¬ 
go, che i Prlnci pi, 6c i Magillrati per moltilfime ca¬ 
gioni li donerebbero licentiare ,* già che per verità 
non fono Agricoltori gioueuoli alla lèmenza de’ 

' Q_ bijo- 


t 


i2i CAPO TERZO. 

buoni coftumi, «là grandemente perniciofi. 
fin.l.*- J| Sig. Cari. Paleoco vuole, che fìleuinQdalla 
villa de’ Popoli le pictute de’ Mercenari) Htftrioni 
del lao tempo : e per conlèqucnza molto più. le-» 
viue, e vere perlbne de’ medelìtiii. AUquA piéhi^ 
rA aliqms nobts offerunt, Chriftianos quidem nomt-> * 
ne propter'vitam)^ moresi^diotamen omnium Lei 
’ ■ gum homìnumq; propter turpitudmem , ^ infàr 
tniAm repedend^n funt . Q^ales funi AdeyetriceSr 
Lenones, GrcuUtores, prx Higidrum MAgtftri, Ltt-» 
firiones mefcenurijt Parati» iMrconestaut alqhur^. 
fus ordìnis homtnes . • 

il P.Girolamo Fiorentino nella fua dottale (cola- 
ilica Operetta, intitolata Icriuendo 

intorno à quelle perfonc, Icuoprc con breui note 
il fuo fenfo» dicendo. Sì immodefiì agerent» roga- 

rem omnibus'VothiCharitaiispitnulisadaPtus i 

Chnììiani Principe} hanc Ctuitaùs pefiem longc 
propuifarent: opportune, € 5 * importunimparem^njt 
non denegar e tur, qmd barbari Imperatores concef- 
ferunt . Claudius Nerorelegamt Hifìriones : Tii 
berìus CAptr expulitix tota Italia • Si fèrue quello 
Theologo di termini conditionati, ferie per lo ri- 
Ipetto, che portar lì deue a Comicimodeftijixjua- 
li io llimeiò lempre degni di accoglimento,e noli 
di Icacciamento. Se vedeflì, dice egli» alcuni Co- 
mici,che s*impiega{feroinimmodelleRapprelèn- 
fationii e però fulfcro Olccniiiolpinto, c Q’^ona- 

to 


TVHTO VIGESIMO, in 

to con gli acuti pungoli di fanta carità,pregherei 
con tutto Taffetto i Principi, che sban deggia Aero 
lungi dalle Città vna pelle di tanta rouina : e ten¬ 
terei con ogni mezzo opportuno, óc importuno, 
che non fi negafiè a’ tempi noftri da’ Signori Chri- 
ftiani quello, che ne' tempi antichi fii concelfoda* 
barbari Imperatori. Claudio Nerone bandì gli Hi-, 
(trioni : e Tiberio Cefare gli fcacciò da confini di 
tutta Italia, (limando forfè la lontananza vnico ri¬ 
paro contro Pimpèto di quella rea v/anza, e di que¬ 
lla gente pernìciofà. 

Il P. Adamo Contzeu fcriue. Omnìno 
Luiionekj t medio folkndi : multò vero magis ex- 
terni: fmt emm oh Anemjuiìcruminf^mes, ^ 
m*gnas corruptelas indumnt. Cioè fi deuono le- 
uarc affittogli Attori Scenici, 5 c iGiocolatori,maf 
(i.ni nente quelli.che (bno di llraniero paelè: per¬ 
che qielf Arte b.irlelca, e di giuoco li rende infa¬ 
mi: 5 c elfi cagionano grandfcorruttele nella finez- • 
za de’ buoni collumi. Quali voglia dire : fono il 
vento boreale, e furiolb contro i vaghi, e delicati 
(ÌDri delle chrilliane virtù. E fono publici Pecca¬ 
tori, e Peccatori molto perniciofi, a’ quali fi può 
fuggerire, per ridurli alpentimento delle colpe lo-? 
ro.l’auuilb del Serafico S. Bonauentura. Qm nunc tntro. 
pecc^^t, incipit mori i vt completa morte plecfatur 
in Inferno, 




PVN- 


4 


124 CAPO TST^ZO, * 

TVNTO VIGESIMO PK/MO. 

Con altri Dottori (^Moderni fiproua 
/ V P intento l 

S Eguo il tenore della prona fondata sù Tauto^ 
rità di Valent'huomini del noftro tempo. 

‘ IIP* Fernandez piange il male di quelli vaniP 
fimi Ipettacoli con quelle lamenteuoli parole. 
Qmà malum nofira hac atate»^ Mali perpetrante 
Ò* Bonidejìent : fedquipvjjint ^ac deheant illud à 
•; Bjepubìica Qhrijìiana pr opulfare, quare tandem no- 
Unte ipf rotdermt» Deoqiludm reddiderint fub mor» 
tem feifeitantt . Et egli vuol dire. Gli huomitii di 
rea vita commettono in quella nollra età il male 
delle olcene Kapprelèntationi,e le perlbne virtuo- 
fc ne piangono amaramente: ma coloro j chepofi 
fono, e deuono rimediare, e non vogliono, a^et- 
• tino pure di vedere il loro errore nel punto di mor¬ 
te, & eflere allretti à renderne ragione al diuino 
Giudice rigorolàmente. O’che horrore, ò che? 
fpauento a’ Principi, & a’ Superiori negligenti : 
^ certo chi non prouede bora, non tròuerà balleuo- 
le difela per qnelPhora. 

Il P. Niccolo Baldelli Icriue in rilguardo deli* 
I. A obligatione , che in quello particol^e llringe i 
**‘“‘'* Principi ,& i Magiftrati. Peccant mortalìter»fie¬ 
ri mandent}fi prafient auBoritatem s fi (hmadias 

Appro- , 


7 >vnto F/GEs fMommo: 125 

upprohent , •vel ali ter Hijiriones in peccato foueant. 
Optimi facerent ift ex jententia Artfioteliscbfcmi- 
tates huiufmodi etiam per Leges exterminarent è 
ciuitate . Peccano mortalmente i^uperiori, fè di 
loro comando iì fanno le Comedie ofcene ile le 
autorizano j fè le approuano j onero fc in altra.» 
maniera fomentano gli Hiftrioni nel peccato: & 
ottimamente procederebbero, le conforme al pa¬ 
rere di Aridotile eflerniinalfero dalla Città anche 
con forza di Icritte Leggi limili olcenità. Piacelle 
à Dio, che il lèntimento di quello dottiflìmo The- 
ologo lèruilfe di Ijjecchio à tutti i Principi,& a^Ma- 
giftrati tutti : certo che i negligenti vedrebbero la 
bruttezza, e Ichifezza delle loro macchie. 

Il P. Filliucci pone quello,quelito. In che colà 
particolarmentepolTapeccare il Principe; EriT 
ponde, in molte, & vna è, le egli lia negligente in 
leuare le cattine vlànze degli Spettacoli, che reca- 
- no il moral pericolo di graueraente peccare . Si 
negUgenspt in non tolUndisprauis confuetudìnihus 
Eudorum , aut Speéìaculorum cum morali perkulo 
peccatorum mortalium . 

Il P.GiulioAlazarinofauellandodelladifferen- 
za tra il Principe Gentile, & il Chrilliano, afterma-^ 
che’l Chrilliano sàmpieglierà tra lentie buone 
opere in dar bando alle Comedie dìshonelle per 
tuttoloStato. Etaltrouevlà i termini,non deila 
loia conuenienza, di cuiqujragiohian'jc, ma delia" 

Eret- 


I 



12 6 CAPO TEKZO: 

ftretta obligatione, dicendo. Prego Dio, cheì 
Principi ,& i Prelati caccino dallo ilatoi Come- 
dianti,publiciCorruttori della Gàoaentù, c diro- 
chino i Thcatri,& i Palagi à quello affare deputati: 
così Dio gli illutniniad elèguirlo icome eflì fonò 
à farlo ftrettamente vbligati, c, non facendolo, 
Ibminamente rei di eterno caftigo. Parla chiaro 
quello dótto Predicatorei accioche fìa felice il fuo 
fruttuolb Auditore. 

Il P.Battilla Fragolò Icriue. Ex quibusinfertart 
teneri Principem relegare ABiones, Abboresqs 
ittrp'mm adpeccatum indtecentesi cumofficÌHm tUtus 
jìt toliere ea, qua àreBo,et à virtù te Rempublicam 
abducunt} funi occafioneSiVt Subdtti prolaban- 

tur in vìttAt bonis moribus , ac ìpfi P^eipubltc/t per- 
mciofà: Probatur : quia inter peccaium Ennci- 
pumnumeraturnegligentiam toOendis ludis, ibea- 
tris , fpeBacuUs ludorum» qua cum morali perì- 

culopeccandigretuher exibentur : cioè à dire. Dal¬ 
le còlè Ipiegaces’inferifce, che il Principe è obli- 
gato à bandire le Attieni, e gli Attori delle ofee- 
nità jche inducono al peccato, poiché l’officio lìio 
fi è leuar quelle cofe , che ritirano la Republica 
dalla rettitudine, e dalla virtù, e dalle quali nalco- 
no a’ Sudditi occafione dicadere in viti) perniciofi 
a’ buoni collumi, ót alla llefla Republica. E que¬ 
llo fiproua 5 perclie tra’ peccati de’ Principi vien 
numerata la negligenza di leuar ì Theatri, e gli 
' Spet- 


PVNTO VIG ESIMO PRIMO. 12 7 

Spettacoli di que’giuoclii,che firapprefèntanocon 
Yn inorai pericolo di grauemente peccare. 

Alianti di aggiungere altri Autori contro i Co¬ 
mici , voglio qui riferirne vn fòlo contro i Ciarla¬ 
tani j & è Scipione Mercurij Filolbfo, Medico, e 
Cittadino Romano. Nella prima parte de gli erro¬ 
ri popolari dice. Io hò sépre giudicatoperniciofiF 
lìmi nelle Republichei Ciarlatani 5 perche burlan¬ 
do burlando priuano il Volgo {ciocco di quel da» 
naro, il quale con tanta fatica guadagnò , e che 
doueua elTere il IbRegno della lìia pouera fami» 
glia.Ilchc fe fia di confideratione,ò nòiteftimonio 
neiìa DioniiìoScottoci quale in diecianni, che fa 
il meRiere dilàlir in banco, iì vata di hauer guada¬ 
gnato cinquanta mila feudi : e fè ben io hò cbn- 
clufb, che i Ciarlatanifònobugiardi 5 credo però,, 
che, fe no fono flati cinquatamila feudi,fiano flati 
vna gran fbmmaipoiche à i fùperbi, e faftofivefti- 
nientifuoi, e dev’ compagni 3 alla moltitudine d’- 
Hiflrioni,e Buffoni, che mena fèco , vi vogliono i 
' monti di danari. E perciò mi perfìiado, che per 
ragion di flato farebbe bene dar bando ài Ciarla¬ 
tani . Et il bandirli farebbe fàmiffìmacoj&, per le» 
uarl’occafìone dicommetter tanti peccati morta¬ 
li, così da i Ciarlatani, come dalle migliaia dliuo- 
mini, che vi Ranno prefenti. 

Quello Autore difeorre nel c.7. dell’errore,che 
£ cornette in flar ad afcoltar tali Perfonaggi.E nel 

> ^ A 8. 


pag488. 




r28 CAFOTEKZO: 
c.s.proua, come, per teftiinonio di S. Tomafo, 
non {ì può dar ad vdirli fènza fcrupolo di peccar o 
mortale. Puoi! Lettore bilanciar le Tue prone j e 
. lpe;-o, le trouerà di buon pelo, e traboccanti. 

Il P.Francelco Ribera della Compagnia di Gie- 
su, dotto Scritturale, e celebre Comentatore, & 
c.T.'di huoaaopieno divirtuofo,c religiofb zelo, fuppli- 
Mich^ clieuolmente prega tutti in quello modo. Omnes 
per Dominum obleftory'vt vel in concioniles f vel in 
fncris confefjionilf US j veitnpriunUscoSo^uijs , auo» 
cuncfi tempore fé dahtoccafto , slmonemt, 

^ Prmctpes,acR.egios Senjitotes, Pr4torefqìCiuÌ- 
tatum : riec tantum admoneamSedettamper le fune 
Chriflum obtejlentur , 'Dt in ijios morum Chrtfìt u 
norum corruptores puere antmadmrtant^ ^ Co- 
mAcHarum À^ores, ABricefq; procul reìegent • 
Vuol dire. Io prego tutti per amor del Signore, 
che, ò nelle publiche prediche, ò nelle facre con- 
feflioni, òne’priuati ragionamenti, ogni volta, 
che il tempo ne darà occalìonè, auuertilcano i 
; Regi,iPrincipi, i Senatori, e Gouernatori delle-» 
Città : ne Polo gli auuertifcano, mà anche li fuppli- 
chino per riuerenza diG;esiiChrifto,che feuera- 
- niente caftighino quelli Corruttori de’chriftiani 
coftumi, e bandifeano lungi con le Comiche loro 
i Conaedianti. Io confelTo, cherhurnililfimo, e-> 
giuftiflìmo prego di quello zelante Dottore do¬ 
nerebbe feruire per efficace Orator contro gli 

ofee- 


pvm’ovrcBSiMo vkimo . v 2 9 

ds^ni Fkolefroft deirArce mcrcenana j.acciochoi! 
tChrìftiano Theacio nominar ii f oteife giardino ^ 
idi Purità. , . ■ - !.. . i j ^ 

Il F. F. Radaello delld Colotnbe»TkeòIogo vth 
lente^ezelance Predicatore Domenicano, in Vn 
luogo parla con gli Auditorifuoi diqucÀo foggàt- 
to con tali parole. Non mi dice, <^c i'j^mici fetì- 
no le Comedie honcftb: perche io hò ragguaglio 
drquel, che fono: e S. Càrloancora : che perciò' 

eiTortaua i Principi à bandire dàllo ftato loro iCo* 

medianti,.chenefannoi-A]te. * ' 3 . _ 

Et io per conferma dell'auuifo di quello Predi¬ 
cato^; voglio potxequì là Paftoratc A^moifitione 
di S Carlo detrecata già inyn Concilioc^n que¬ 
lla formai i »' 

PrincifeSt €5* Magiflr^tus commonenios efcj ao, 
dùximus tVt hftfimaes, ^ M'móSt faterof^ Qr- ^t^; 
€t$UtèrrS:, & ms generis perétos hqmtncs Yfutsfi. 
oik»s ti jeÌMt : eioò. ,^oi habbiamo giudicaco, “■** 
chelii debito'della npllra Pallorale vigilanza l’au- 
uifare i Principi, & i Magillràti, che difoaccino da* 
loro Staci gli Hillrioni, i Mimi, i Circulatori, e gli 
huoniiai trilli; dic.otal fatta;. ' 

Non allego altri Autori j e fioilco il prefentel» 
Punto, in cui hòdimoftrato Ja conuenienza di li- 
cenciate iComedianti con rautorità del grande.# 
Arciuefeduo Milanefè S. Carip, e di altrrdottilfimi 
Perfonaggi. Epcrche ft può dimpllrare la ftef^:, • - 

R con- 







> ^ónsteniesisa iam»M'«aii'l a làgiofiorV: 'fìrà t 

Aj>£i(fdctt dt difcontò^te icosì ifòiiviJb 
campane à doppio contro la diuampanttCxanTuca 

elcdb^òrar- 

rdente vogtfa<^e^inge>frMÌldit i(dag^k»dt qtid^ 
di$hoileili:pimGerì<,GlietyQ^gèndfappKÌ£nMa(3(i»d 
-Thcatro^é^eritKjaaUfigian'geaM’oiemtàipcnaifb- 
!C<>nd<;^^^atickbab)enio^^é^àffindo;&otè. L»> 
^r.x.A^'^fcafuà'i itintnt pUteammMoii 

èr^um^^ fdeW*volttpraftm4per^qHashufitàamiitié 
lant^^petuenìuntAd^rntmLpamm,' x 

^ * i * .i J \ * i>* ^ ' > '- ’ ^ ^ • - ■. y .-il 

.<p^i|s? 5 jrO t^KSESlMf^ SEfO'^D&^r - 






« • ^ • "A -» ^ ■ 

4 tìiG^tudiiw il qu^i bubmibi'i^któ 
y^À vna vircttofA profeaìone^ o» 

' ^iortatò a^te volte ten^landati^j chei ^apve^ 
P^dronléModeratotì de4 gouèf no M fia^o rifblafci 
drbandire tuttii lègtiaci dì <itìelìft*I^ofeflìònc,'icii* 

zaidiftintìòne, efènza^rkgitàrdo de’ virmofi ; mà 
quello fu vn medicare-ii inorfcoeon troppo rigore^ 
perche,chi viue fanb nella v4mt,nqn deuecacciarfi 
ili bando, come ammoibàto,per cagione degli al«- 

tri infetti,e vitiolr. 

Notaci Cecchino nè’ fijoi Difòot^fi, che furono 

da 3Paì)a ^Niccolò j.baridin da Romà tutti gli Auuo- 

r - caci. 


no iicentiare i Comedtanti ofceni. 




■^A. .'X 



K I<i I 

catW.l?iCrQiiis^twi*N©taià,!p fimiU. Bdw 
ciò dire > che lo ftelfo dotterebbe farli* di qttelli, cìie 
bora con t&nta fed^ ffe^itano pft>^fl]¥)ni tanto 
neceflarie ? Leggiamo parimente, che dalla ftelfa 
fiiroHóv ciomoinfami. banditittttt^ Mate- 
maciJÌ 4 ^ R^r. iàppi a(i?iò i q^a^ito ,, c np- 

cdraria^ vàaLxdmGQza, ^ 
qitóHi nojxetanorM#ri©mÀtÌQÌ ymi. 5?rhpnp5ati,qqt 
me Iòn iqUelli de*" rwxftrittijmpti mà*|ì ben .peribnei 
chéjGon c®tn9«zzo,dattanQ^ier4 aUa Pirpriiantiai 
ChiMjmailtbb r&Kob 




c 

cQoipa 

(bren^o*cbe)qttisgt/pf^^^appr 4 rehfang 


no 





cp$; ^M^once- 
Ipoflaho 



5 



* * 


• Dal detto di quefto Comico: io:infcrilpo j che-» 
non li deuond lieentiare i Cqniici virtuolì, & ho- 
dpratriddpoftrat^rrypjfmà |beit5,ìji,y,ìfiofi , e di- 
shoineftii^Mli-iropogli Ofceni .xjtó^emrpanp le-» 


/ 


ion ^egoid’^fiej'no’battdo per molte Ragionìj ab 
Cttneddlieqinaliyoglio quìponderare, e lèrniran- 
Btì.4ibiU^iiÌAPii4>paticpncrogn danni,chq 

óceoiamo^atali Comediantii i quali, piaccia at 
SigPOfA^ihe liconuert^no pej tempo, e conuer- 
tieififprepafino alla morte 5 onde coniode loro fi 
ppifàdirela sentenza di S. Bernardino da Siena-,. Ser. de 
f'n ' R 2 egre- ‘ T" 




in Mac. 

p. 


— 

13 


CAPO TEPÌ20. ^ 

, Mbrim pa^àium^fnABoUnl 


o-. 


■« ^.r A A« ' i ^ Jt . . . 

PjR-A Ca I O N M» 


K: I 


4 


; r> 



Nticàtiiéntè nacquero più volte tra' Citta* 
_ dirti y pérrifpcttQ de* Comici. grauìffimci 
ièditiohi j è tùmultt con quelle rifTe, che ibno ilVe* 
leno, eia rouina dellaoiuile heneaolenzav. Htm 
sediùonfs, ^ ttimuUus^ auuifà s.Chnioftortio con 
^reuità ; ma con lunghezza Beltrame nel iùo Di^ 
^órlb. lotrOttO# dice, che;^uando furono in¬ 
terdettele Cotnédieiir Roma » & ih akfiluoghì yla 
cagione no fu per la Cóitiedia.mà pèrl’i^fcretez* 
za degli Àftoltanti, ! ^aM dal gridar^wa ^efto, 
è viua quell'altro Recitante) ven ina no tra dik>fo 
à parole ingiuriolè» c tal vcrtta dalle {Kitole a*fatti ^ 
òue che i Superióri fi rifbllero di Icuar la cagiono, 
per toglier l'cfTetto. Coririferifceal caj^ 25^ Sue* 
tonio . E Cornelio Taditò' nel lib. 4. degli Annah 
fnòftra, come torto Tiberio rinconuénienze 
Popoli erano tormontatc fino airintóllcrànza 
fendo che fi augmentaùano le fattioni in aiuto dO 
gl’Hiftrioni : ouefii meftieriformar Leggile jm:o* 
mulgarDecreti,perfèdar quelli nimultije coJirf 
taroccafione vi furono moki, che voleuanó,che 
grHiftrioni fufiero caftigati, non per léComedie, 
ma perle gran pompe contro gli Statuti 3 e corno 
coadiutori, e fecondatori dirifie. Adunque que- 

. ai 


^baftdi degìli^lrioni «Oh (cxùtóno pet la Ofi 
maediaf màper le sette votile-fàceuafiO'gl’Hifti^óiil 
con i Caualieri loro protettori ; c tal volta quefto 
euentoè nato dafredèrui diuerfi Theatri fauòrki 
dàlie parti > le <]^Ii, per leuar gli ftrepitf« fecero le^ 
uafleComedie. Ma dato, e non conceduto, cht 
Piffero ftate efiliate le Comedie per la loro olcenf* 
tà j horà le olcenkà fono leuate : adunque le Co* 
medie non Ibno piu quelle i e, le non Ibn quelli 
tion ibno bandite. 

\ lo ammettolo sciitto da Beltrame per quello» 
^e/appartiene ai bando de g^Hidrionì antiebr» 
'i 5 t Antoni loro ima non pólTo ammettere, conte 
punto di verità, il dire, che bora le ofeenità lòno 
ieuate i perche è contro tutta la Ichiera de* moder* 
ni Dottori, e repugnà aUa prel^nte, è giornale o* 
Iperienza, authehticata con la pubiica fama, e con 
la relatione degli Spettatori delle correnti Rapprd^ 
ièntatÌ9m ,le'òrcenità delle quali , ò pernoneflèc 
^udicàte difetti graui, Si intollerabili da molti, è 
per non effere puntoconofeiute da alcuni, operai* 
tri rifpetti, cagionano, che moiri diuenrano tanti 
Marti nel dishonefto Theatro, imbracciando lO 
scudo di prontiflìma difefà, e la /pada di gagliat* 
didima ofTefà à fauore de* moderni Comici', Con* 
trai virtuofì, e zelanti Ripr^n^i délfOlcenkà: e 
quindi nafeono nelle priuate €are,e nelle publiche 
piazze ^de contefe, e ride tra* patenti, di: amici. 


13 4L >C4^0 y,'Vv 

k;on gfaine (ianno 4 dlW&h^ricà dii^ia na m « còbi* 

r.9 4(i^éfti<jajiraii5 






% I '.. 


'f .' 


t ^ ' f 


ì ^ 


Potrei cer(C^:npa:Fare mola cifì à’confermatane 

4 d<detto^ìm^i^moitipei^uo >. bailando a'd»* 
(dmor^Ueilifit ■ ch« hauera-nocafà xtsllai Patiia !prót> 
Ipa* qaandoiVii^nOyeniiitì j&hahh<j^attoIe Afr 
4ÌC(niloro i QDme4ianti Oicent^ jSicdiké ìFramj&> 
In pa. ì^lM,3ria4olMooaeo , .^(inent Unisit-mt Perrm 
tnenjìbus hi in'vrlfthus. Inteùnt-quMUaìn fvrhthus 
^u^Afio ^ 

,J(^of<WUln£ràf^^i^C 4 iùSyliiUQltl^‘]pM:fslt€^^ 
‘f^aì S^¥i9im<t4n;rft f^miliai\isne^I$gfnimififMtis 
mf^icias : LHdorHfn^t»tditi9Sittiaknin’Optffirthts,m 
Sgtejii&Pts » ^ui òperé ttUi^Otìcijptatuéxno aecitrrunt jj 
spncurruntfamftlt» rHm^ntfffatranA 
jaSi^uellafqi tùM pubefcentts aàèmunt» mdtjfcant^ 
jqm Msdimre nupejmm ; vt citi'uà ras, quàntprret 
‘ /- - corripiat \ Et ioperò con» 

iòne, idigendo^ che per leuaro 
così amaro frutto, conuiéne diradicar la pianta;^ 
deHctiirpiCoiBedie, e licenciare ì dishonefti Rap- 
^re^ntaiati, i quali iono degni dell’odio comune , 
-pc^cIse4on efercitknobene, e con virtù l’Arce,che 
profilano. Odio Sgntts^ ep^ dice ChriibRomo> 
Moyfe qitì ^liuà , (luàm qmàprqfìièiur, exercet,' ^ 




Ser. de' 




«•ji i d ■ <■ 


i. * 


j ivii i» 




il 


A L** 




. h ’ 


< ■ 'f 


' 


fri » 



‘ . ‘ *.■ I ' * r' : . i* / 

*c3 •' AaX^-'T' -B.^'il* <0 ■ - ' 

'ìs-‘\vvn\o. V'wvìjikA^iiKI^ • * ' - '’ 

:l.!-:..^QÌb •!.■]■/' i'’ *,/. 'v • ^. ì ; :,*■' .'>V: y:':' 

* • . * • / 

Bri2V tòom finfidi piroia i ò dicòix^eti pcK 
^ùattiod ppdk) ài panton di pcrfiiader© coiiL^ 
ragìtxti^ ékp& al iuppUca fé con aifeft(>i-àl Ptìhapc 
]a di/lkéfttiariadàlfoS^a fiiò^ue' 

Comici, che non fono veri Comieiy mà iliftfìoiiS 
tarpila Mimidisboiie^ki/EOttona l^agione fì é 
^uella4'Aiilkkil«>ck3èrcfie fiqt^tér tut^iter 
ì«rrf^Fdi€*dal4èfit«e4e tnfpiÉuklifM sceniche gli 
jltfctìitrmii» £éiuott®noà fave gft Alt» 
raffio' dichotneftain'iàise*.^ eh© peìrò NafeianzetìO 
fcriffeeon accorto Iciinov Mktrt ytHtdke'ifactte^ 
ireéi 5c il fàrfe^^V 

px5Cò<fì diltmganb 

»'-'^Btl6*Ìa wi^to«c|ròpat© anche qìièltadfet'i'aCe‘‘ 
d« Aionii, cl^feièfeif©tìo^V4ire gl*Kiilrfofii j per- 
contrafan no, e c^ntFSdicono a He Leggi. 

" Chifoioduetroppo iibndamenti d"vn palazzo, 
tìemacctlinala roivnàc fe Leggi lEbno i fàldi fon¬ 
damenti del pahzzodellapublic'à felicità : i Comi¬ 
ci dicendo, & operando Oicenamerfte, va n no ad 
Oppugnare lafcm>ezza ditali fondamenti; dun¬ 
que bandire fideuonoprcftamente, e dìlcacciare. 
Non ai^ttidlcadererouinan^o, chi può mante- 
nettì fepugnando. Vn 


'.V 


, i. 









^ é 



Vn'àltrabnona ragione io riconolco nelle pa^ 
role diiA.i£ònfò dìMeiidoia, qiiand 6 *dice.de* Co> 
mici viciofi . i fJttrimttm sfftnmt 

nocumentìx non lòno valenti labri di qualchegio« 
uamento» ma aftuti architetti dimoltiflìiiionociii* 


mento : eperche dunqueiì deaonoritenere, e non 
più. toftoiicentiare dalla città > reuideoza del dan> 
no hiona la tromba > per mnouere rarmieontroi 
danneggiatori* . 

In Pi. Il F.Franc. Maria del Monaco fcriue in accodo di 
quello. mores in CttùtAttbus^ € 5 * Kebuspublii 

f tsei§ertunti cbrifitnmm in Deum charttate bis 
£fs exUrmittsnt^uia pueros virtù fibtts exmnt} ad 
inhoneBosamoresallicmnt.» erudiunt,vt amo- 

ribus dent operam^vtmuberes adament, vt paren^ 
tibus haud obediant , finet irrideanti ^ minime 

reuereantur, omnes contemnant. Peccane ergo m»r- 
talìter } (juia apùJlimd Oan&inum injìrùmentaì 
quia egregtj vitiotu Artificesì quta homicidiorum, 
.rixariif (urpitudinum forniteti quia Matronarum^ 
yirginum, yìdolefcentulorum , cogitat 'wnum orni 
ntum pjpmrfarum ortgines, ^ flabella . lllts tri- 
buiturgrauistlla temporis amijfioi tllis iUa numon 
rum frofuftoi iUislongaea ofitti tBis verba lafctua $ 
iUiS ad làfciuarum rerum plaufus^ voces, & rtfus $ 
ìBfS denique,quot quot à fpeBatortbus Ulte crimina 
fommittuntur : ipfòrum qutppe cpera in ^beatro 
nulla modefiia, nulla temperanttai.nulla pudici fiat 





V* 



V 


PVNTO VIGESÌMO SECONDO. 13 7 

morumttmnu eff»fio, nu^Uchrintani hominis 
ìfìgU jfedlajciuieniium , fed furentium, fid èe- 
fiùirum ffid firarum, 

A qu^a Ragione^di iiocunawo pofliaitia iùb- 
«ItcmarqueU’alcra del Rib^a *« diContacn, e di 
altri Dottori,con la qualci Comédianti fono detti, 
morum chriftianorumCorruptoress^f magnascorj 
rttPteUs ìnducunt . Micidiali crudeli delle virtù 
chriftianc , Corruttori dei buoni cofturoive ch^ 
alzanotrofeò airiniquità, e {piegano rinlcgne di 
"corruttele grandi. SuflScientiflimo argomento 
per allontanarli da’ noftri campi jgià che fon per- 
fticiofi Agricolton,anzi Guaftatoride’ben colti- 
.«ad terreni della Purità. 


Lelio Zecca appoggia la dia ragione di licétia- 
TC coftoro all’abufo dell’Arte,dicédo. Cum hodkt- 
nadic Arttahutantur.'Etix^^to elTendo neceflario 
qualche honcftp Trattenimento alle noiofecure 
deirhuman a conuerfatione. & elTendo perciò non 
folo permefla l’Arte Comica i mà di piu giudicata 
degna di lode,edi premio,gra vitupero merita^, chi 
abulàndo cotal’Arte,coucrte l’Antidoto in veleno,* 
&in vece di recar confolatione,reca vecidone alle 
anime incàute, & innocenti. E quello abufoe Io 
sfregio, che difForma la faccia de’ dishonefti Co- 
mediati.Onde polfiamodire della lor malitia le pa¬ 
role di Seneca. Ludricaprifeom inuenta traxitad 
vifias qmdhùnefi A cmsAdeUBAtmisinumtum 



■•X. 


■ ** 




. s cjpo reicLO, 

, ad voluptates corporeas pracipitéHs mtmìtm 
Fugo. ìmpulerunt: cioè. Conuertirono in n^aterìa di vitij 
fiTiiS.’ le giocofè inuentioni degli Andehiu; ^in&iò con 
***' fe precipicolè menti a’ corporali^naccfi inhonefti 
ié cote ricronace pisi honefta conlblatìone. £ però 
come a’buon» Artefici jfideue il lodatore ; così a* • 
trilli deuefi^lo sbandeggiatore. 

Il P. Battifta Fragofó ftwida la fisa ragione nell* 
officio del Principe , c ferine* ìnfertur , ttneri 
' Vrinctpew reltgsrt uéHionts , jiUo'^tfqì- tetum 
Ileip.p. turpium ad peecafum inducentesìcum off cium dlius 
tolkn ea , qua à re£to » 0* d •virtute Rempuhli^ 
CAW ^ ocfiffones^'vt S^ulfditi prOt 

hh^ntnr in^v'mabonis monhm iAc ì^fi Keipublim 
permeiofa. Probatur s quia ìnterpeccata Princ f 
pU numeratur neghgetia m tolhndit hudhy *Phea^ 
tris,^ Spt^acuhs^ Ludorum,qua cum morali peri’ 

culo peccandtgrauittf txhthentHr. ha jiz^or t §. 

"■ I S. c. 12 q. if. Ptlhuc. 1 .1. tr. a 8 c. t.ffL iif. 
X^auar. in Sum. c. 2 5 n. s. adfinxìoh . Dal detto 
s’inferilce, che il Principe è obiigato à cacciare in 
bando le Attieni »c gli Attori di colè brutte»,che 
inducono al peccato t eifendo loffie io filo leuar 
ciò, che fà trauiare la Republica dal dirittolèn* 
riero, e dalla virtùi & è oceafione a’ Sudditi di ca¬ 
dere ne’ v.itlk perniciofi 3’buonicoftumiit& alla^ 
felicità'delia niedefima Republica. Erutto que- 
fto fi prona j perche tra* peccati de’ Principi fian- 

noue- 


PVNTO VIGESIMO SECONDO. 1 5 9 

«Ottirt la negligenza di leuar que giuoch i, Theà- 
trJ, e Spettacoli, che fi rapprefentano con vnnao-. 

tal pericolo di grane colpa . f 

JD'VLTJMA ragione. 


J Osàm^ì rcriué S. Chrifi'^/V^»» Mmtrkum 
^icorruptorfém lùHenftm in Scen4 
Aeniium ferfcruttmHT- Horsù noi ancoraconfi-- 
deriatno la vita de' Comici ^perche la qualità del¬ 
la vita, che per ordinaria coftumanza menano, 
facendo Tolcene Comedie, bafta in luogo di mol¬ 
te altre ragioni,chc fi potrebbero recar al Principe, 

con fine di fupplicarlo à-liccntiare fimili perfone, 
Non farò io qui bora il dipintore di cotal vita» per? 
che il mio Chiaro ofeuro niente garbeggiarebbe,à 
molto poco t e però battami additar alcuni sbozzi 
formati da certi dotti Penelleggiatori : il primo de' 
qualific Baldefano, che nello Stimolo alle virtù, 
come in tela ,.rappréfenta così i Comici del noftfo 


tempo. ^ ^ .... 

Si fanno bene fpeflb Rapprcfentationi da per¬ 
fone d'ingegno vaniflimo,di lingua lènza ritegno, 
di bocca fenza riparo, di cottumi peruerfi, di vita^ 
liccntiofa, e fcandàlofa : non hanno nècafa, nè 
tetto, come i Zingari. E fono tal’hora da chi ban- 
dirle, de etterminare le donerebbe, ben vedute, & 

i * - r r > 

accarezzate. 

S a Bice 




CAPO TBKZO: 

Dice fa (ledo quafi di parola m parola 3 HcIk 
gtòfb Tlieologo Brefeiano neirAntidoto controifr 
Comediè pocomodefle al c; i. e di pìù aggiutige^. 
( come fecondo PénelJcggiatore de'turpi Comici) 
che edi fono perfóiic> non iòlamente pedime in fè 
B ede, e per ^ ilefK; j ma ancora Maeftrì d'iniquità 
pfr gH altri, e per ciòpemicioddSmi alk CictàÈ;'Ò^A 
B^egni, róliina de* parrimcmij, diftritttionc della 
più ftretta vnione , che naturai mente da fra mor< 
cali, che è quella de* Matrimoni j. Perla quakofa 
tn vedi, quanto dano meriteuoli d'edere adatto 
eRliìdj anziefterminati dalcomercio humano : e 
rion, come d fà riceuuti,dt accarezzatinelle città», 
c terre : non oftatite qual d veglia preteftor douen- 
doci premere più i'honor di Dìo, e la fàlute di tan¬ 
te anime, che per riatto delle RappreRntatip- 
iii poco honede d rouirrano, che qualunque altro 
Hirercffc temporale, per grande, cheiuffe. 

Il terzo Penrielleggiatore,che forma lo sbozzo 
della vita de* Comici vitiofi, è il P. Adamo Cont?> 


zen, il quale fcriue. 

■ ^cenicoS i qui mando y cifema loquendo , fallendo, 
fviBum paranti ex mea Repuélica profripfi : folent 
^erh hMufmodfhomines epe improhijpmi^um'tnim 
ppaupertàte fremantur, id agunt, vt turiatfolle» 
ganfrVt pepalo piaceant, hineiUa dicuntraguntqi 
qutiuS'PoUdipimus^ quìfqi d&kéfefur y bine nihU 
penfì h^ent, quid loquan^UTymodò pecuntam ext or* 

qtteant^ 


WNTOVlGEStMO SeCONDO. 141 

^e«»/VvB yaol dire. lohòbandico dalla miaJ; 
RepuWica <jae^Sceriici Attori, ehé fi guadàgtianò 
il vitto con ;le burle, econ roiccnità f fiebuomirii, 
di quella forte fi^liqno eCferc foellcratiflStni j per¬ 
che àftretti. dalla poueftàfattendono ad allettar lo ■' 
turbe ^ e piacere al popolo i qumdì fiforuono di 
que’ dettile di'que*£atti»co*^quali ogniftolidilfiim 
perfona fi iuole dilettare : e niùua confideratione 
fanno intornoallafauella » purché càuino la pécù- 
nia dalle borfe degli Afcoltanti» 

Il P. Paolo Comitòlo nel quarto luogo eiprime 
co* fiioi colori la vita de’ Comki turpi in queftó 
modo. Sf fpkurei À AfèpenipjtfuU fini^usptd» 

/it à Komams icmftatemtjpi ^ Megati funt ^ 
ijmd iìloYHm exemplot difctplmay atqi oratione fuo^. 
rwn Adolefeentum animi ad IflandaStfadapj^tbtdé^ 
pes pot 'tundas inàfarentur ; quemadmodum eii 
apud tLddtanum ; ^ms, nonhofee dtterrmot Epk j;,.c 
€Mri fe^atoretifordidìjj^mofque Luremes, 

SagitWt ac ììhidme fadatùSt omnn decori^ 

hojies capipa ìtjjimos , mn diedm ex vna 'vrbt eij^ 
eiendoPt fede fimbus- human a Natura extermin4m>-, 

J ■ yjf .A sh' 

dosputet y à quibus feiamus in pusrorum , in nfue^, 
num y in mrorumy inJenum, in virimum , in fvxO’ 
rum y in 'viduarum mentibus ratwms^lmnen pro&è 

eXÌingui'y omntmq^peciemhoneilifrtciiq^xonfìlqy 

t mortalmmanimts extur bari ? Sedhommesegen-- 
' - HSy prd'tdoiy fine honarct [mtexSUmaùoneyfm fin- 


f 42 , CAPO TEKZO: 

■ fuywe, iingUA^m^fmt mente, inqumatotivita tuf* 
pes,lfrobm,eiohfcAmtate verhorem inf$mes ^ Ec* 
de fu decre4is h Imperahmm Legtim ttotatos, 
i.t.refp. concifs dimittomut , Se glìEpicuFei » dkeComi- 
u°n.it.toIo, furono cacòiati da'MefTenij, e banditi da* 
liomanb pncbecol loro dèmpìo, e parlare inci- 
taiiano la Giouenm alle dishonefia: dii non 


mera degni di effere dilcacciatida vna Città, ^ 
anche eflerminati da* confini della Natura hutna-. 


nagliofceniComediantijpelfimi fèguaci di £pH 
euro, huomirii impurillìmi, deturpati co ogni libi¬ 
dine,e fcclleratezza, e capitaliflìmi nemici d’ogni 
decoro, e vktùj da’ quali lappiamo, che il lume di 
lagionerefta quifi eftinco nelle menti delle perlb- 
nèi e che tutto ilbellodeirhoncftà, e della pruden¬ 
za viene efterminato dali’animo de’ mortali? Mà 
, lalciamo di confiderar quefii huomini, poueracck 
. fordidi,epriuidi lpirito,dihonore,e diriputatio- 
nes huomini Iporchi ne* penfieri , nelle parole, c 


fami per Tolcenità, aireftcrminio de* quali con- 
Ipirano le Leggi degl’imperatori, 6c i Decreti di S. 
Cbiclà. 


A quelli Dottori moderni, che dichiarano la 
vita de’ moderni Comici Olceni, fi polTono ag¬ 
giungergli Antichi,non in quanto riprendono l’I- 
dolatrie, ò le nudità, eie dishonelliilime turpitu¬ 
dini de’Gentili Idolatri, mà in quanto riprende- 

rebbe- 





fvntò vigssimo semNDo. 14^ 

fQbberohQfa * & viucffero, ledtóhoneftà de* Ghrr^ 
ftìaniComedianti. Voi, òdishoneftiCGmcdian- 
li, fìece Tua iòrte di gente contanamata, dice ’&r- Wé<pej 
tijdiiancvLe ^oftre compagnie iòno diéibolicheir i*. 
dice GhrifoftoBOoX* Arte ì^oftra ènata dall’idola- 
tria, dice Gipriano. Tucce le voftre Rapprcféntarv in mar* 
(ioni o&ené fono piene di Dianoli, dice Sa|uiano. t ó^de 

* • ' / 1 iProuid. 

inCyC 




in Elu¬ 
cida 


jnatofidella sfacciataggine,diceCleménte Alef^ r; c.f» 
(àndriao . Voi fiete Jdaeftri di Sàtanaffo»* dice d”g. 

A nfelma. Et io dicoi infienie con Seneca. Voi 
fìete la rouina dé^ bttoni coEumi. Gontro di voi Jiu- 
fono le £eggi Canookite t àt lanperàttMÌe, i pii® 
gtaukc fàuij.Eiofo£dcll’Antìehk4‘ ipràdènti For¬ 
matori delle Repirbliche, ifimKJfi', egraiv'Mae^tl 
de’ primi Principi del Mondo ytuttiì Santi Padri >. 
tutti i Thcòlc^, ttìrtì i SoiriniiRii e mélfiflimi, c 
g'e^ui£mtSoGÌctOfiandciii,enK>derni,li (pali vni^ 
tameRtedinsìoErsno la vo{lravitiofò,epernicioi^ 

, vita, perla^ipaleiìeteiìmilia* GómediantiCine^. 
de’ quali fi dice,ebe fono Bjgnifixy necralia^fa- 
eilt Uar rfp^r//»f':Gete,cheper la vitaeat- 

tiua è la feccia del RegnOje della quale niun’àltra 
piiVvitiolàÉicHnicnte fi troua.. Voi perla voftra^ • 
cattiua vita meritate, ò d’elTer lapidaci dal Popo- 
foicome nota S.CriR. o di edere difoacciari fiibito 
dalle Prouincic, da’Regni, e dàlie Cittàjcomc au- 
iti£anocanti„e cantograui Doitorfi ò'almeno dr 

elTere 


I 




i 




IV-* 

i *» > n 


7c^po teìlzq: ^ 

elTere impediti dai recitare le voftre olcene Rap 
prefcntationi. 

Et io nei ièguente Punto voglio prottare»che 
vna taie Prohibitione fi c molto ragioneuole » 

, condo ii ricetto di vna bene fondata Conuènien* 
za: né credo, dirò troppo,eifendo troppo euidente 
iigran pèrigiio deiia {alate di moltinè credo, re¬ 
cherò, diigufto a^Cpmici virtuofi I poiché, chi vc- 
! ramenteè amatore della virtù, fi conlbia anche sii 
4a cònueneuoié oppu^nafiòne dei vitio : tò dire, 
chcfriceuein gradoiibene di coQaenienza,chì be¬ 
ne pratica de virtù,'e procura; d'accomodar à (c 
con yerica il dettol di S. :^irolamo Securùs , €5* 
Jorfhit, impilaf ,<fmfi mnòcenf^em énttDeumy 
tmuerfinimmi\.: 



n 




■j i 
' i - ■ 


< ■ 




; 


^ PrNTÒ VJGESim) TEKZO, 

$e fi* ragione di Conueniènz>a »che ti Principe 
i l ; cdare t ò Ecclefialiico ìmpedifea le Atri ^ 
4 iionia pómiciOfieniconté^ro»^ 
htiìtione.y i^uaHdonon li 
•vuole licentiare . 


f - 



Hrifbftomo Santo hebbe tanto finiftro con¬ 
cetto de' vitiofi Comedianti,che li po/è tra' 
{cguaci delle Meretrici, c tra le perfonc di vita, c 
di mente perduta, dicendo. Ita cura efl cIMere- 
tì icfjs amortius tmplicatorum , acperditorum Sce* 

nkoz 


V, 



... . ^^'745 - 

i^fÙSvnéèntifqm^depkMt^^ È noi 

dk qtfé ft'ò Mà eft t O poflSamo impài^tà'ré la ftnaichc 
fòrfr (tene dte^iEtS'nòÌGiittrrpi , cJ» 

..dtìlé Ibró iifltìidfitfèfte* Attiòró i'Je^tjdaK' poffono 
itti^diriìdal f rinéipeyò daf Vefc^^ fa Fro- 
httwtìbiw féctìtidò dirÌ%)Vdi ptutfé^è^'conue^^ 

EdiUa 

' ’idfe ditiim 

" f^^^i^nhppwprò%d/0rh'SfìthÀcp^^^ ito-^, 
odtumndo fr/iGtptumipfumidiMnum indurre (X’. 
dmt^mcìtfìmp^p'inam aduerfm corttemmnttSk ^ 
NMir^ekdiìHì^btóik^<?tèitóa€pìfcópale fi ften 
dt^ìkdi€^arittónè^dafarfic6 Bdktìdìal'fiopQ ««»“ « 
dicktó'Sf^tcacoii'fi'p^ohibifc^^ col Fon- 
fificiOTi^p^Poi >^boFdiainb*;'dnde'Ìì^y efeouo può, 
aiùtóndo toiftdflrò^récéttio diuìnó,inciniarla pe-* 
na della-ltcoinuiMCaktc cenfuf^^^ contro gli animi 
tròppo aicierr^^odiiprezzanti iCOsi fcriué'Àleuoc- , 

,;<diÌonfel ii^gé^ottàto . ^Sòycfie^cltra'mè nói c. 6. 
dicé;i‘òhó>Vfli Goncilio dJ Gartaginè Ipécifica di 
, Mohibiré 1©' Gomedie per le beftómmie j dà’Cò¬ 
mici vfàte in fceba cóntro Dio r e nel capr' 4 o. af- 
fermavche pure ,¥,&" altro Concilio di Gaitaginc 
prohibifce le Comedie , lpeaificando per récitarfi 
alla mattina neU’hora de’diuitì vffiepe godo, che 
horàdalleicenfe fonosbàndite le befiemmic, e-» 
che leAtticmi non fi.rappreientanDÌ%^mpi inde- 
‘■'‘■reontuKO ciò, quando fono imbrattate con 

T I' olcc- 




146 CAPOTEKZO: 

oicenità, itterìcaaola FibHibìtione «fife, & i I<^o 
Attori. £ qaeilo è conuenieiif^ per li detti degli 
Autori feguenn-Menocchionelluogocitatodice. 
DamitUntiS^ vt •Sitefontus in-vifa c.j.fcenamtìi^ 
firtomhts interdixit . Pàtdfts Orefus firAit, 

M-r.t: fìonem NAftcAm grauiffima wàtione obiìii^ ,nt 
Tlfeatrum lapi^ém in Vrbe confirueretm : vf* 
^ Ctnfons cenfuerant§ dtcensy inimwffìpum hoc fih 
fcAeUatori populo ad nutriendam dtfidiam , lafiò^ 
uiaq'i commentum.QÀopf rimperatore Domidano, 

, come nota Suetonio, con accoigimento di proni* 
do, e fauio Gouernante» prohibì la leena à gli Hi- 
Urloni. E Paolo Orofio auuilà, che Scipione Na- 
ficafi oppolèconla forza divna grauiffima Ora- 
tìone al Decreto fiabilito da*:.Cenfi>ri> cheli Theà- 
tro fi fabricafie di pietra : e difie proclamando, che 
tale fiabìlimento era contrarijlìimoalla guerriera. 
' natura del bèllicolb popolo Romanoi e che làreb- 
be fiato vn fomento di viltà, e di codardia » & vna 
fornace di lafcluo, e dishoneftoincendio,inuen--» 
tata, & àccelà per ardere, e confiimarc la nàtla^ 
fortezza. 

1.1 medefimo Menocchio aggiunge. 
fws Impera for fyJÌHÌttSolemmtatem.Vlmpemote 
Anaftafio prohibì, e leuò in tutto quella fàmofL# 
e'pOpolare Solennità, chiamata colnomediMa- 

iifma.la quale era Spettacolohoncfto,ma cagi^ 

^ naua non piccoli inconuenienfi. Come anche in 

^ N ‘ - Ve- 


Tpyi^TOV/GéSfMÒTER.ZO. 14^ 
Vcnctìa fò già prudéntiffiinannente leuaco 16 

Spettacolo detto de’NkoIotcU de’Cafteliani in 

manto al colpwfi, c còmbattere co le canne d’In- 

fe, perche ne (èguitìanò tal volta ferite, & anche 

Vecifione de'cotpi . Èt.hora ancora fpeflb /peflb 
fi prohibilce quel pppoiarc combattimento, ben^ 
che fia fatto fenza le canheie fenza molto perico^ 
lo di vita , quando fifcorge il fofpetto di qualche 
grane inconuenicnte : Còme hòfàpùtoda vn gra¬ 
tti pctfonaggio pratico di quella Città. Che rifo- 
lutiofie dunque fecondo il diritto di buona con- 
uenienza fi dourà prendere da Superiori cóntro 
gli Spettàcoli dishonefii, da quali lèguono rut¬ 
tò dì tante feritei-^iritttali, e tante morti allò 
etnime di que’Fedeli, a quali manca il buon ca¬ 
pitale della virtù, e la fortezza dello (pirito? Chiun* 
que ipalfionato in quello affare data fèntenza, 
crédo, la darà col voto decifiùo per la Prohibitio- 
hc, e col defiderio, che ogni Comico olceno s'e¬ 
mendi , c fi rifùlua di morir al mondo, per viuerc 
à Dio nell’eternità / /)»«* vìhìs in carm , auuilà 
S, Buonauentura , morere mundo , vt peji mortem 
viuerf tncipias, 

Nel hb I s. del C. Theodofiano. fi dice. Ludi- 
cras Artes concedtmus àgitah i fedprocaX tfadtiffn 
aiqimdecorHmSpsBàCHlitmdcnegamus . cioè. Noi 
.&;còncediamò i giuochi burlefchi , mà non giagli 
Wceni j C disfionefti. E quello comando della-. 

T 2 Icg- 



S« (Jd 
Rep. c. 

4e. 

1» 4®^ 




' t %• de 
cluùx. 

t. 

de Ce- 


148 






? » , y 


Si- 


manca ♦. ^ 






che feguti^ap^ila |e^ub]i<^ .^prphitkonp Je 
medie, e.rppi^lirQinp iji^^lTjfa|r(3iA< Econoe hiQrai " 
Cbnftian|4 cppì|ia.^rf|diq^9,fto liimeflon elcon© " 

dalle Iorp|é^i,E5rf JCpm^ „al r,ì(ipbpq9h,DjcM<juelr- 
anticarifiiealÌAno H^iIJnrn^fnmrm Jf 



« ’,A 9 ^ 




A 



non ammeteeoano i Mimi in leenajaccioche non 


S c-' 


ne ieguitatie nei popolo v,na mimica imitatione . 
iM^jjiiienfes GaBi 

imitandme^t^m éol^unie ai> 

usrebbe ièruire diji^^npro^nale f^r.4;n«>ftra:*^ 

nauigatione : e fuggirel|Ì£i\ftJi’ÌRgpAt£0 di nfmki 


(cogli di oicenita. 


! ^ 


^ Ijt 4 * 


'.t 


Il Viug? ^ 

m c nre fu:jp|p^}>ita )à lY^c c Sjj-i^. e la, msi^zi a a Co- 
media perliij^^^dicenz^j», ^ |onoi;a,.anc9ca Eo' 
berte|l 0 * Jp€rche.dpni 5 oépon faràconueni^nte i-._* 
il prohihire^a^pderi;^ pe?>|a fj^pitujdinef pfijk%, • 
cagiona j^rÌLù;ipj[e40pii3aM i|>P.QilQei^a^h^ 

HC ^ ' f;'^. :' '/V-f-V)!» y <+•' ,> I f), V^*' '* J' i- *'■ ' >' -i l ^ 

(^ell'apticpj (B-mifc|o,Comico» nomato Eu- , ; 
poli, fù fecondo il comando di AlciE>iade fòm- 
mcrfò.nelprofondo4.elai3fe,in pepatdella latiri- • 
ca iuamordacii^v^pcrchei modem ‘ 

*■ ^ '• ' ’ Co- 


TvmqvipESìMO'iMzo^.:^^^^ 

• 1 /^* tit 



non 



ro turpc^&'òfcenaj/acfciatagginc, 

(j, del Ìj!^ntip/)CO^ > 


-r *3 


f ì4if ^ 



ìhfj r\.viì 

.'1. ; , .s.. wv». *>. .v'iA .)(E=vif.,* 

“■- cHefiprpàbfc 


r/c^ 


•, < k 


*■ 1 -:l 


\l^ 


fcanogiSp9C,cacoli|^,che abpodafip;. ‘ 

{^ro|^Vane, ^ olcene, 

fj^a ,,qtt£ nequitU » verini j 

lemre^rofufis piena jmt ., E quelle macphie^ . .C 
YegjTonó nellafàccia della Mercenada^&Ofce^ v ', 

|ia,ly0nicaiB. . - ^ n- 

S. Epifanio nella compepd^ta. Dfottnnqj^II^ ' " 
Fede diceixhe tra gli aìtri^gni, co* quali la Cl^iell' — 
idi Giesà Chrifto fi cppofce, cfief di|ferente; daìl^J' 
SeUe di perdittióne;vn,o^ qucfta^ perc^q :7 ••' 
bilce gti^Spe.ttapoli ,• lal^rq^amné^ >& altri defili* « ? 

ti. Et il f'.Ribadamèi^a poita qiieftb Juogob«Ì lib 
della t^ribolatiòqbVelo intendp degli ipeftacoj*' - - 
olccni,6c ilÌecitf>eperqdegntdella Prohibitjoqp, ^ . < 

'li SinOdo CoftantlnppQlitano VI. ptohibilèf-^ - 

affatto i A|imi, & i loro Spettacoli., Prqhi^^,o ^. i v 
nino eos y c^m dietim^ 0 e^upi^pi^Or 

eulit•■ ' ., ■.= / '} \ , A. 

■ Nel Decreto fono riprefi i yèfèoqf^: pen:lxe|%i'f-|[^ 
feiano leggere a'Fanaulli le Comedie|djsÉQneÌ|e. 

Cile meriterà dnnqkéal SdperiorcVfe Je/lafcief^^^ r. " 
recitare daXqmldi 6lceni fnprefcnza'di Faciuriv ' 

«U 



5* fi? 


<• 


£ph. 


1^6 Cli PO TERZO. ■ 

dt Giorni* e-d*aItFh ne vortà ìmpéditle conliLì 
Pròhibitibnc ? • * , : 

# r 

Si Paolodibé v OMnìsHmmundttU rtec nomine^. 


iOUt 



aut 




mo- 

inll. 


Mt m 

aut fcurrilitas. Non fi parli tra voi 
s. niiébte i rie con ftoltezza, ò buffoneria. E ctwc 
tàli^è^è^b^ta' S.'-Paolo, che riòi fuggiamo, c dr* 
fèéèdànSc^ibrid a parerè d ChrifòftóWò'; 

‘ r udi'fkgtiti ^ràcif^ì^ ^Aultis tfuadèns, nJtJdiAuiìàìh 
€5* fcurrilftatem à no^is ló>i£ius repélUhus, £^'è 
ww4! iMio'ria k ragbrie di S. Bernardo .prò 
otttìfi *verh reddet 'vnufqmfcfu^ raùoHeht in diè 
iwtìHjt'^umiÒfpà^ispro ver^otmpuritatis,^ tur- 
pitiidinis ? ■ Se Q<\[o fpauentofo giorno del Giii- 
dkio dourà ciafeun di noi rènder ragióne di ogni 
paroletta ociofàmente proferita; quanto piìi firet** 
to , e rigor^fb farà il conto, chédoureftio rendèrè 
per la paróla d’impurità, c di turpitudine ? Ma fè 
•vògliàmo, oltre la ragione di Bernardo , coiifide- 
rarne qui vn’altra fòla ,ce Taccenna S.Chrifi nell** 
allegato luogo dicéndo. DUholus in vrbibus 
^heatraconpruxit y^ 'illos rifuum , turpiuWt 
•Volupfatum incentores pxramt , i^ms abìììnentia 
qmcfue aitumentofecithts artibus aptioresyVt per 
tllorum famem vmuerfas vrbescommuni pefìecor- 
rumperet. 

Quello Santo Dottore vuol in foftanza figrti- 
ficaie,che èinuentionc dd Dianolo la fabrica.* 

de’ 


* X > 


PVNTO VIGES/MO T^ZO. -15 1 
4c*Thca|cri>Scil rAcitamentode* Comici dishor 
neìli/iqualipAr effere periòne biibgaoiÀ, &.a|& 
fantine ,tancoi)ift(ft>no .acce ad .* 

neyncive tutte }a fittà co^ pacati delle 
ni. I^nquemoltocQUuenè^uoIe fiÀ,,chcfi^r©- 
h^ìicano tutti i Recitame^fi di Comici rjtalij 
accioche la diabolica fraiide no ^roaidiitràbocs 
eoa molcipet Teterna dannatiojue. MàVogfi^ ^ 
ptcemere ynpoco più il penfieiò yltimo diS>(^u)h 
ioftomo. ,• ,1 


. -r vÀ' .y -Nr/T A;. 

Sf froud con,altri Dottori > che le Come àie orditìe^. 
• : tic ^jeene finomuentiomdiahlicai enociné 
s^buonicoflumitepemdegnedi 






» if 

' -'<t 

<. X 

\ 

t 


\V 


L parete di Sr Chnfòftoihò Ibttofcriaono 

' ìJÈL^i rftltlil J^QttQiii-nel punto, che le Attiont 
Xh^t^U{Qho muenti0ne,6c opera del DiauoloJ 



Sfc^Agoilino dice^chè gli antichi Romani non vo- 
leuano i giuochiiceniei 5 naà i loro fa!fi Dei ( di¬ 
ciamo noi i veri Demonij) ve li fecero intro¬ 
durre lotto Ipecie di Religione, e con obligo di 
voto >• àcciochc ceffalTe Vna gran pcRilcnza, che 
correua à diftrutciqne de’Cittadini. 

Tettullianofcriue. Qrca ‘voluptates Speéfa 
culorum intelltge, omnia à Diabolo ef e mufmta. 


;J. t. de 
ciuit.c* 
s. 


,> 

de COfé 
C> ó* 






r'^ 


r 



’i $ « - C-A i^Ò-^ ^'ER \ • 

lìitcìidiÒGhfiftianocche tutta la voluttà,itegli' 

‘ ' ^i&^'a^oli trah eTórigine fua Ha Satanaffor • 

-;:^®vEph^eni SifOi pìakoiicììtui^Sfè^ 

Ri'épiiifm 



aeì^. Rs^PIIÌho àttóffì parlmente^af^feH^^ 

^ ‘ ^pi^j?|à^rtìtàionò1tìuentionièc'0è^óh 

timni^ D^omorumefe, * ^ • ‘ ■ 

u^às Saluiano Icriue, che l’lmin.ico 0iaiiolp c To- 
prouid, pgjfarore degli Spe 

:>vsv" m. . 


ÀEi 

‘‘;-3 




Kag> 



tr 




64* 


. 3 V) 




1 _ _ 

.- • V . » i> ' ^ i \ 1 » • \ * 't V l ^ ^ ^ ' 

; vi = \ i y ’l r Ì[^ ’^\« :. :>. 

I ■ ' ' • ^ 

.''Ma2àriht)4lFtìtnà', thefe^C^^cdlé i 6 le 
Tragedie heb|)erp prinbipi&dà’ Di^uòli, infti- 
gatòrl d’buc)nniiii iuftie4|*l&'idipktrf àfarciò in_* 
hòhorc degli Idoli . J 

.a?É quelli GÌtati,Dottóri non: alludono aìl'opi- 
siione di coloro» che »cóme nota B^ittàfine^ ì^' 
fèro, che inuenitorc delia Coitìcdia fà- vn|*ldoló^‘ 
nomiàto Comedo ,:Dio del Tripudio/ e per dò? 
alcuni tollèroocGafione per biainmar la Cóme-*? 
dia jdaquedoDio, edilTèro, che ella era (lataot 
trouata dal Dianolo j poiché gli I doli eranoDe- 
noionij y Ma gli allegati Scrittori vogliono dire, 
che per fùggeftione * & ingàtrno d^l Dia- * 
uolò gli hudmini trini haitno introdotto nel 

ueperolie 
cola 



W 2 <tTQ TIC ESIMO ^ERZO: 15 $ 
cdà^rógioneaolc per regola di buona conmenien* 
za l’iitipedirle con la Prohibitionc 3 «làlfinìaine n- 


téjeflcndo molto nociuc a* buoni coftumi. 

’ Francclco Patritio fi dichiara, che non appro- 
ua:tl recitamentò detla, Gomedia 3 pcKhe nuoce 

alk bontà de’.^oftumi , e rende gli huomìnì cfFe- 
minatiiiedishoncfii. CQmAàum^ qutm in Siciìm 
frtmàm:)a4tnu(n]tam dicunt » in SptUaculis reci-ì 
(ari npnflaeet 5 coVrumpif ^anf^i hominum moreSi 
aafjs efminatóiir€ddt(, ^a4 lUidinm^ 
riamai 'compedH » 3 . • ’ » ' ì 
. Il P. Gioi Stefano Menocchìo con prùdenza_> 
concede, che c.colà ragioneuole, e giufta, che i 
Principi alfine di ecmcijiarfi la beneuòlcnza de* 
Popoli j noniprobibdlano loro il dolce tratteni- 
mentodegli Spettacoli,, ma Spettacoli moderati, 
& honefti 4 .e^non smoderati, & o/ceni : perche 
quelli, come perniciofi abbuoni coftumi, deuonfi 
leuar dagltocchi dè’ Cittadini. uEc^uum ejì , di¬ 
ce ad Uneuolentiam conciliandam ^nncU 

f tbus *vtiU »ji ab honeSìts Spectaculorum aliano* 
rum ’wluptattbus Populum nonproh'tbeant : ijsni* 
mirum , ofuibus faluo Mumìms metUt 0* honprei 
fuo in tempore,^ ftto in loco fy ut fctlus non fit: nam 
fide (urpibus t cbfcaniseti Spe^aculis loquamuf} 
tuiufmodi nojirts- temporibus Qomadia funi , quas 
meritò publica Itbtdtnts profibula , impuduttÌA co- 
ffto'ria, obfcAmtotismagificria, omniumq} turpiuu 

V di- 


<!e l'hiK 
Reip.L 
;x« ùc.^ 


I.J.infK , 
Polit.c, 


1 . 54 ' ^ CAPO T.EK^t 

àtnum thtatra, pùMmus: appellar&'^ms à>^muì^ 
oeuhsfr&cuhemou^endas. anfiofi Con quefti brut-'^ 
ti titoliclnama raddottò>AutareIe mercenarie,^: 

; impure Comedievdegne diprohibiriotie ,• perche 
„ j j ^ in efféhoà vreggonfi^ necdonfifcfè non impurità^^^^ 
«em mqmèm: ,r dice il mèdeiimo, nihttAlmà 'viSaì^:. 
aut: a udvasf^qjt^m'A Jfr^phai T^AdulutOm i 

mm faÙàctaSi, Aiuliei^u»limp»dkìùa^'^{c*trr^^ 
kcMifordi4ù^ ParìitJìtof.» tanonui 

queft e Comedìe: nfiri^'dìrà 
ttem dij!òlutk , per oeulorum , nuffum khndi^ • 
menta t jìmpìictum: mentiÉus. lethalc: euenenum in» 
fiilUnt yOmneeii genuscorrupteU i ex qmBus ItMdì» 
ries exardefcunt , alieni thori 'violamurtM atrona» 
rumpadieinavìtiatur,. intmmtiai tixa ^ p Wonei- 
exìBuntinciuitatihuf, mAufnepmtandemàprim» 
th adtèm prQgvefum , ìntegras' ^efpHèlicas còr^ 
rUmptt,eteuettif* ^ ^ ‘T 

^Tyllag^ Il P. Grefòltio TÌfefifcé>'chc fèmpfe S. GhièfS-,, 
UT co'me buona Madre.’pfòhibt'con fèueriflinai-Edit- ' 
ti tutte le Ofirenità Theatrali. SemptrEccìeftà—^ 
Dei, bona Parens, Speifamia omniaCinorum, = 
*Theatrorum, at^^ Scenarum [euertfjinhi EàiBii 



Fi’mun P.Famiano Strada nota fecondo Io fcritto da 
].^.pro- Hèrodoroì.ó in Erato„ch:ein Athene Frinico Poe- 
pag s!- ta rapprefèntò nel Theatro la prefa, e la rouina-» 
delia Città diMileto, & hauendo facto lacrimare 

abbon- 


j^y]<ircmiUE^IMOT£%ZO. 15 5 
.abbÒndantemente gli Spettatori, commoJIì alla 
ricordanza della miferia de'lóro amici fouinati, il 
^agiftràto Athenìefe .eoridannò in pena pecu- 
tiìarià di mille d?agmfc-l'Autote dbU’Attione ,npej- 
«hébauclfe rinoaatii la memoriadifVii! domeftico 
«wilb:eprldiiBieonpublicoEditto, cbe màipìà 
rieirauuenire lixapprelèntafle tjiiel laèrimolb, e-» 
tragicò ìùcceflb^ Ma io dico, chei Comici Ofce- 
sjfcrinlc loro-Tragedie, cX^haedie,6t Opere di- 
shonefte ferino amararii'ehtfe piangere, le perfonc 
virtuofe per compaKfion'e della roui na Ijjirituale, 
chemoltiflitne Anime chrilliane rieèuono vden- 
doi‘ Comedianti é• meritano la_. 

prohibitione. • ^ ' 

Il‘PVTar<faÌBÌoGàllritìb ferine,.elle ie'*Attìonì d^co. 
impndiehecfi deùoria eftérrairiare fecondo la ci* 
uile dottrina .deglibuómiuifeuij,è feicondol'inte- 
erità della Chriftiana Religione. FahtUsjwpu- 

elle àuilts S.ap4entmm w 


forum doStnnx, integra Keltgio mkt. , 

Giouanni Rodino riellib e.della Repub. al c. r. nei Go- 
citato dal P.Gio.Marquez Agoftiniano,difeorre *Sft. 
della riforma de’ coftumi per mezzo de’Cenlbri, p.' »»* 
e moftra la neceflìtà nell’abufo delle Comedie, 
dicendo. Sono grande abufo le Comedie, e l’oc- 
cupation de’Comedianti è vnacontagione delle 
più nociue della Republica : perche le parole, gli 
cuenti, i raouimenti, e gli atti artificiofi, lafciano 

V 2 vna 


f CAPO 

vna irapreflìone fi viua neiranimo.’c maflitiia- 
mente de’ Giouani, che applica iui mttiifiioi lèn- 
timenti^ e puòditfi, cheJa.5cena delle :CcMriedic 
cv^nafcuola dieIla.DishQneftà; Eché quando diP 
^le Ariftocile wche era neceflario ordiàancykrhè.i 
Sùdditi non andai&EQ alle Comedie, hauercbbei» 
detto meglio , che cohneniua géttai: per terra i 
Theatri > e chiudete le porte della a’ Come!- 

dianaE che non fi deue alpetcaf&^«hfiie Come- 
die fiano prohibite da’ Magiftrati/ichc fònoipér 
ordinario i primi àvederle s ma da Genfisri graufi 
checo prudéza làppianoprouedere di tiereationi 
honelle,per non fi fcordare la modeflia, e per con- 
feriiare la sanità > 

Il Pi Gambacorta nel Trattato manulcrittoin- 
■j tornO' alle Comediedice > che Panno i j 94 . nel 
mele d’Agofto la prudentilfima, c Screnilfima Si¬ 
gnoria diGenbua con publico Decreto vietò le-# 
Comedie y. chealPhora vi. erano ròci Comedianti 
dopo hauer tentato piti volte indarno dipotercon-, 
tinuare, fi partirono confali.. 

Dir. &. Pietro di Gufinan narra, che in Spagna Fi- 

lippo II Regnatore di tanta prudenza,determi¬ 
no di prohibìfc le Corn.edic : e leprohibìcon eter- 
naiodc ciel lùo gioiiolo nome. E le ben dipoi 
concede licenza di farle AttioniTheatraIi,lari-> 
fein/èàcermimdirapprelèritarrolaraentecofelpi- 
licuaK.,. lènza milcuglio di veruna ofcenità .* come 

hò 


TVNTO via ESÌMO %EB<ZO, 157 

hofàputo per ficura rclationcdivn grauiflìmo, e 
virtUofrflimo Religbiò Dom^tticanovjljth ouel 
tempo yiuma ÌQ Spagna ^ ;v - ,i v- s ’ 

(^efto efempio douerebbe fèmirc di Regola à 
tutti i sauii Principii^ à tuttiji ISupenbri Goaeinàìi- 
ti > per mouerli ad impedire ogni o^ena Attiche 

con la loro efficace,c conuenicntiffima jtohibj- 

tiene. Chi gouetna feconda la norma, e^gefti di 
vn Monarca fauiffimo., merita la gloria di Monar- 
chatra*GouernantÌ. 1 , 

» ' • ^ 4- 4 '«1^ • 

Goncludò col parere de'mcderiini Comici,tra*^ 
quali è Beltrame, che nel cap. 2 7. dice. Il leuar 
la Comedia icandalolà' recitata col mal coRume 
dalle perlbne poco timorate di Dio,c bene. Et 
io dico,cbe le Attionide’ConsedjantiOlcenirono 

di quella fatta,e pero degne di leuar fi con la Prohi- 
bitione 5 acdoche quindi ogni mileroRccitanre 
peccatore prenda óceafione di .confonderfi , di 
conuertirfi , e di ricuperare eon la .penitenza l’in^ 
nocenza perduta ecd peccato. Jnnocentiam-j , ser.Dó, 
'dife^. Buonaucntura ,jpÉ-cr<f;?r perdidit ycam p& 

muns refumat ^ 

» ■ _ • . I . * 


««• * 

ErN- 


r 


,j8 fMc^jrm'TìKz^o 


I f . 







Intorno Mia^le^atA Contiehiertfja * 

^ ^ t. ^ m * V .r'\ ♦ a ■ # ^ 




■ 


.i, i. ■-. » f .. 


"jO!) OM 


I i propórre coirliumìUflfinìiiriuerénaa alk bé- 
«ignità de’ Principi documenti gioueuoli per 
-ifofficiò della loro ignorile grandezza ré gouer- 
iiahtepraderizà,fùóle efferc molte voltiè'argomS- 
tò di vnanimoftinàolato dabuónzelo ,e Ioniatiò 
da ogni vitiofa, 6c intereflata paflìone. lanonfcres 
do reftar ingannato per certo zelo indifcretó, h 
perqualclie vehemenza troppo grande di proprio 
ièntimento ,quando dico jtidióo, e torno à dire, 
che fecondo le regòledi buona conitenienza può 
ilSauio Principe, e iSuperiorelicentiarda’con fi¬ 
ni della fuapadronanza iComediantiofdenij one¬ 
ro prohibìr loro il Recltaméto delle ofcene A ttio- 
ni. E quello par, che miri all eftirpatiorl dell’Arte 
Comica, vfata olcenamente da’moderni Men- 
cenarij Recitanti nel Thcatro: mànon è cosb per¬ 
che mira fòlo alla Móderatione neceflaria di tal 
Arte, òc alla deftruttionedeirofcenitài 

Hora voglio qui breuemente ricordare il detto 
di vn Santo Padre, e la dottrina di vn gran Scola- 
Mat flico. Il S. Padre è Chrifbftomo oue dice, ^uod 
ettam ah eMrtecatceorum, £5* textorum multa ab- 
fcìndere oportet} etenim ad ìuxmiam déduxerunt, 
necejjìtatm eius corrumpentes . cioè. Anche dall* 
ì Arte 


PFNTG VIGSSlMO0rAR.TO. 


Art^€^Càlzblari,;c Teffitoribifògua tagfìarmof» 
tccofèiperche t’hanii o ricforta èfèf tBc^àrtlàXùfl^iV 
MvJuoga di feruÌE alla ncteflìtà^ Gosì^èfaiiiiifò 
def Sauij[fi può ^dire deir Arte de*^ modé^flìGòmici' 
mcjcenadj : biiognalenar dWlei mólte: còfèVe tra' 
q^ueftè i^pitele OfienitàjpercheiComièiimmo- 
dfeAi fòléruómrdcirArte,non perricréaiTfòlamén- 
tèj 'po^Ir;con?vna neccflaria confòlatione j, ma 

per fomminiffirarcancora, benché dicano di non - 
penderlo;, mólta elea alle fia mme degli huma- 
nr^e fiiilanbfi affetti^^^ legóféi ^incendio di 
màlTccuérllelaEoumalpirituale dì moltó àilime 

nella Chrifiianitè. 


|J 7 * T > r' 


Il gran Scolaftico Ja cui dóttrina io reco , è S. \, 
Tornalo, il quale porta iUuogpdi Ghrilbflìomo f J 
da inecitato ìnlegna,. come ncll*ylò> di certe 
Arti fi trotti il peccàt<5f;ò non fi troni , e poi dice. 

male: 

non illieta yfunuameé 

próffcìumVnhetpUà cìùiteftt extìffÀndA.tecun’- 
dìini documenta;. Platonk. èioè. Se alcuni pili: 
volte fifernifieró male delle opere di vn Arce,ben¬ 
ché fufle di quelle, che di lor naturà non fono ille¬ 
cite ,. deue ^officiò, del PÓncìpe efiirparle dallà 
citta lècóndói documenti del buon; gpuernofirit- 
tr da Platone. ‘ - i - 


E la ragipn di tiò- viert accennata giuditiola- 
mentedaCaietano^che comentando quel tcfto 

dice. 


aò ^^CdPO TEB.ZO: 

idiCc. floCyiactur aà cura Trinc'tps fpcBà^^ 
mam^uef/afur circa comfuune bonum t wlrnalum» ; 
i^apdex multitUdinefcìti Cf propUrea Auter in lit^ 
Cera damnauit Principem . cioè. > II porre buoo ri- 
Iterilo a* difetti dell’Arte, par, che s’appartenga-i 
alla cura del Principe j perche egli s’impiega intor^. 
no al comun bene, ò male, checònoice per rela¬ 
tion di molti : e però S. Tornalo condanna il 
Principe, che non corregge gli errori^ che li com¬ 
mettono nell’Arte. HoraJo replico , che molti 
debolidi virtù più volte lì lèruonomale rielle Cor>. 
medie ©leene, le quali lòno Opere dell* Arte Go- 
mica, che non è Arte illecita di lùa natura, nfà è il¬ 
lecitamente vlatada’Còmicidishonelli; dunque 
tocca al Principe per l’plficio i’eftirpar tali OpereJ» 
dalla lùa Città, e cacciarle via con vn’eterrio ban- , 
doj altrimenti lì morirà poco ricordeuole de’do¬ 
cumenti del gran Platone,* e quello, che più mi, 
punge, poco olferuante de’ diuini precetti del Su¬ 
premo Principe Iddio. Quella ragion Platonica, 
e Tomiriica può lèruir di lancia, e di Hocco al 
Superiore, per ferire, e far morire dentro i confini 
della lùagiurifdittione i fieri, e brutti moftri delle 
Comiche, c Theatrali Olcenità, per le quali l’huo- 
mo fi lèpara da Dio, e cade in quella gran milèria, 
Api,a comune ad ogni grane Peccatore, e di cui S. Ago- 
in op“ù ùitio afferma. Magna Hominis miferia efi , cum 
f, 'c % pc/f/H ejfe, 

PVNi 



, •■'V 






■ V ^ 


C VP-'' 
<>■ . 




tèi 


. VVNTO VIG ESIMO ^^IHSOk 
Cm(iUrécconto divnfatso diyn Stg, 

Venettano, 

» ' . ' ' s ' ' 



. . . i ■• ■ ■ .* ^ ‘ \ . 

I O qui non deuo, nc pólfo i c, fe poreflì, non-* 
vogliom voFuna maniera tacere la belliilìma» 
Itupenda, generoià .prudente, e (anta rifblutione 
prefa vna volta da vn nobilifsimo perfonaggio dèl¬ 
ia Città di Vcnctia j à cui N jftro Sig. Iddio multi- 
plichi lèmpre piu la copiolà benedittione de’ fuoi 
fauori. II perfonaggio fù l’illuftrifs, Zaccaria del 
calato, nobililsimo, e fioritilsimo de’ Signori Con- 
tarìni : del qqalè con bdono, e graqe ftile di Lati¬ 
nità il M. R. P. e dctjco Theoicgo, D. Franccfco 
Maria del Monaco Tfaeatìno, Siciliano, e nobile-» 
Trapanefe, hà mandato alla Stampa queftoafFet- 
tuofo racconto. 

.T^os hicy Vostippeììo Zaccharìtt Contàrfrit ìllu^rif \nVì^. 
fmi cheres_. Exeretterum 'virprAcUrijfimey [ìcut “or/f" 
oUme feOula Ager» *vtmametiam e tumulo, omnium 
optimorum memoriadignum caput. Paueantpo¬ 
lir emam tUam vocem tuam CAter^rum gentium-^ 
Princtpesi •vt quondam ademortuipene cadaueris 
pofìremos nutus ìfeneti Patres . R.em, qualem à 
grani {fimo aque , aedo^t^mo viro accept, etiam 
haire , pena quem fìee fìdes. Exegerant ante tri- 
gipta quin qui,plus mfnus,annos, efuis laribrs Vene- , 

X torum 


ihP CAPO TEKZO: 

forum Palres venaleshofce Hìftrìones: tanfum^ttìa 
honis fnori^Uì ole^ènt» f opuUrunitrunqmmtit¬ 
ti . DttfétMn IBudfèii^Héfe torniiptur^iptiMam, 
*vtfrium finis 5 0* /Òlkf^'ftitefienti fu^ercilio dì- 
gnunit a^tefcentuìorumhUriuiipUm cotrarium: 
Cffthe ìuiùìt^t,-4A^àìjfìd^^ 

*0enei A ^ipuiUcàt^tstdiurifx Pfioturìtfors tum tfi 
f&rì ttmtn m SendtuW’Volmì t Auditori f rxt 

Comchcànfiìto^èthifiansfdputì^^ t ptttuinA- 
rK 'vth téla iUrutn 

Hthrìotus ptUereniur. O faBum ìsuìlis •vfttfttam 
feeulis mtérmoriiurum. O vox omni àtf petennhr . 
Et io aggiungo. O rìfblutione degnìfama d^fle- 
rè traportata hciridioma di tutte leNationii ac^ 
tìochedatuttri Principi, da tutti i Magiftràti, da^ 
tutte le Republichc, e da tutti i Superiori, e Popoli 
Ea Ietta, ponderata, &: imitata ; Et io à cpcdcvrine, 
per fèruirc all’vàie dell’Italiana ChtiftianiEàv ku 
ipiego nel riòftrri volgare ftilè tficendó ^ ' 

Vói, o ceneri ardenti, e genèrofèdeinihrilrifii 
Recarla ContarìnÌ5 Yòiquìappello'io, &:inuo- 
co à darpelbj& autorità allé dottrine naie* Tu,o 
ClarìBimo Alunno della Veneta Scuola,&:lllu- 
fìrilsimo figliuolo della Serenils. Madre, Veiìetia, 
alza di nuouo dalia gloriola tomÉràrifòrtò, come 
già infermo alzafii daltuo lèggici il capo degno 
di efiere con eterna memoria di tutti gli ottimi 
Pèrfònaggibonorato^e xiuerit». Tutriifriocipi, 

' j J?o- 


TFNTOVtC^SIMO \^VINTO. ^^3 
c gran S^nmi degli altri R^ni copo^ 



no, rimbombo, € mono di quella ma vltima voce, 
fatta lèniirc nclScnafOjalIa forza della quale i Ve- 
incti Senaton,c Padri tofto fi arrefero 5 benché ve- 
nilfe da bocca dì vn corpo qpafi ìncadaucrìtp , Sc 

(accompagnata con, gli viti mi cenni delìa^Mortp. 

Pondera tu, che leggi, il Icguito calo» il quale ti 
rapprefento fecondo la narratjone fattami da vn^ 
grauifsimo v^almcntejedottifiimo Petfonaggio^ 
à cui deui preftar l’bonore di pjeniflGma credenza, 

Erano feorfi circa bentacinque anni, da che i 
^rudentifiìnai Senatori dell’eccellà Città di Vene- 
tia hmeuanò mandato via i mercenarij Come- 
diantiper quefia fola ragione 5 perche recauano a’ 
buoni coftumi nocumento, & alla pòpolaretran- 
quillità turbationc r Quali do ecco , che alcuni fi 
lèntirono effer moflì ria Ipirito contrario alla già 
decretata dctcrminacione 5 e fi sforzarono di mof 
tor, efe fi doùefle annullar -iJ Decreto 5 comò 
che fulTe affalpieno di ferietà, eIblamente degno 
del fenile fiipercrliQ , e della grauitàde’Vecchi, & 
affatto contrario all età fiorita, òc allegra de* Gio- 
uani feftofi,cgiubitanti. E quello sforzo haueua 
hormai operatotanto, che fi era quafi vintoli par¬ 
tito : nel qual punto fu di tutto auuilàto il Conta? 
tino, alla cui virtù allhora fi appoggiaua il nobilif- 
fimo, e gran pelò di Procurator della Republica.» 

X a . V«- . 


V 


i«4 CAPO TÈRZO. L 

Vcn€tiana. Egli, grauementc commoflQ^écoii* 
do la grauezza del corrente ^aib, volle tofto, ben¬ 
ché giacéflfe infernEK), elTere portato in Senato s ouc 
giunto, & vdito il configlio propofto intorno al ri¬ 
torno de^ cacciati Comediantt^ alzò il languido 
capo dal guanciale 5 e formando la voce alta, iò- 
nota, e graue, parlò di modo, ccon efficacia tale# 
/ , che|iporrò l’affenfb di que*prudentiffimi Signori, 
eSenarort: ondefù dinuouo^labilito,chegliHt• 
^lrioni fi cacciaffero da tutta la Città. O fatto n(> 
bile, e certo degno, che la ricordanza fila mai lan- 
guifea n elio fpatio di tutti i &colifuturi . O voce/ 
generofa, viuace, e più dureuole d'ogni più forco 
bronzo5e che merita diconfeguire reternità j per 
efiere al gran Contarino Venecìano eternamente 
di vna eterna lode nobiliffimo argomento apprefi 
. fi) tutti que* Principi, e Supèfiori grandi,che deuo- 
\ no fecondo la conuenrenza, e pofTono fecondo il 
comando, liberare da grauiffimi peccati le loro 
. Città, licentiandcvgliofceni, & impuri Profefibà 
dell’Arte Thearrale. Onde concludo con il gran 
par. 4. Cancelliere Gerfbr e. Rex inprìmfs , etaltf Chrim 

rationahltteriJknéÌt,mJììq^ 
P® remedto frouidere ptr edtBum , ac probtbitio- 
mmgenerakm, attjìpfr coa^tomm ìnobedtenttum: 
0^ apparir e pofetifos caligari ad tBud exeqmndu^ 
•velati SotìBa Ecctefia Proti Stores, (fratta ìaus»^ 
benedillo fit omnibus tlltSy qui remedium ponere ni- 
tenfur,^vmfqHifqijecunduyfresfuaSi PFNn 


; mNTO vie m IMO, SESW^ , 

Se, il Prm0fK» ò Superiore non mlendfiUcentiàrtJ 
j Contici Ofeeni, ne prohtkire le Attioni , pc^ee 
V d^rjovo pojtfiua licenZje di B^ecit^re • 


I L , e dotto Leggifta Bartolo prudent*- 

mence aiiuiià. Sa,quapariuntjàagnuin pra |"M< 
iudÌ0Ufn,^fimt eumplend caujiteognitionetra^an- 
e/4 . Si deuoho tr<^tcar^ con diligenza di piena co- 
^ gnitione quella ^ofevdallc quali neiegue gran pre- 
x^iuditio. Le jnuerò ècertiflimOjche dalle Actioni 
de^Comediasnti Ofeeni lègue pregiuditio grande 
alL'anime de’ Eedelt'. dunque deue ogni Superio¬ 



re, o 

cenza di tali Atrioni.' 


Menòccliio nel luo2ocitato dice . Cumtotmàh 
laex Sp' é^d ultsÀfthQnefìis brmntur , nece^e hahent 
ij» i^HtbttS pQpulìjCttmf^ ctAioUa demandata tfly 
emntm adhi^Yedibgentiarn^ne tu p^s Ht^rioneSy 
Mtmi ‘vrhesi^ etuiurn domosinjiùant lalioqut 
non mtnm ij , t^uàm altj dehncjuunt f cum facete ts 
tutdeatur, qui non prchtbet , cumprohibere ptffu.z 

vuol (ìgnifi.'are,chenalèéidocosicopio{à moltitu¬ 
dine di mali dagli Spettacoli dishon eHi, la necedìca 
, tonftringe i Superiori, die fi fèruanodiogni accu¬ 
ratezza, e diligenza, acciòthe dagli Hiftrioni,e da*^ 
Mimi non rìceoanoinfeuione le Città, ne le Ca^ 
^ de* 


)ìè6. CAPO TERZO. 

de’Cittadini: altrìmenci non menoeflì manche* 
ranno y^ne gli àltrì deìinquenrìi poiché'colui li 
'«AóÀrà fadtor del male^ che non lo pfohibUce,<te 
Io-vieta, pocendblo vietar,& impedÌFC c<Sn la Pro- 
hibitfone. S, Bernat’do feriae. fmendare 

fofpttneglmttparticifìefi procul dubio coJiitmt,PdXt 
%he chiàinytinitàlco di; a(ra>Ito,éhi vU^e 

ÌÀncM. fèfilhsmdi^flàKtoré.'PapàÌSiuIió Ilf .àizei Ae^ì 

^ arUufamuri efuffer fe ìpfdmfiiétì & 4pt$ 

«pi- no» cur»tymfiat,per eos^ cfuos ipfi eohbtpif poteiìi^ 

- ' lo nonriprouo ciò ,che Lelio Zecca tbrifle de* 
Comici moderni. Sfient péìlandi -, w/ pr^ciendi 
panit. traues , qui priusiuxta Tlatoms hntentiam 
Brop.ji-^crut» ditta , o faaaJpeBarent , © approbarem, 
' -Parla <juefto Tbeologo con la di^iunriua, volen¬ 
do, che i Comici fi caccinoi ò fi riueggano le cont- 
pofitionije di pilli detti,òc i fatti lorofi confide- 
^ ’ lino priuataraente nell’attuale Attione del recita- 
mentò priuato alla prelènza di Giudici r che fiano 
Thuomini graui, e prudenti s dopo i’approuationc 
iide’ ì^ualipuò il Superiore, 6t il Prìncipedar licetì- 
"za di recitare al popolo publicamente.Mà io dico, 
•che è meglio ,c più ficuro non darla j benché fi dij 
con la debita Moderatione :perche haomini cali^ 
per ordinario promettono àifai, & attendono po¬ 
co , inafiìmamente nella lunghezza del tempo. 
Elfi fèguono il coftume del debitore aftuto, & 
isfacciato., che molte fiate non ofierua i patti ic- 

con- 


TVNTm^i<^^IMOmTO. fif 

ifentìol^ilreloidetco diPj^w&jChriiòlogo'. Callì^ 

déhitomtfip p4&0tn9nf^mm 

Góftoro)» 4ice Gir6kmoJÌQreilfÌP#?!>ln4U^Cp9iei 
dÌQcri0^,fanno i^eflb molte Àmonìfen^^^ttnl^ 

ofecmdc^ó W ne'primigiQrntjI*? fjmno5Bteehónj?i 
£^ i Sed Óì<tÌ!0Ìi mgenmm ejt,, n}iplurf ì dllif Mnt j| 
mà ^ ttroi & inganno d el Dianolo, pei^allet^r più, 
copioiò num0ro;4» petfonetf^crehp aJPfvln 

pim fi y cgg^jnó i mali» eie dis^ioneAa : aìityldmofi 
dà ftioco alla mina i ie ne fèguc hj-omnaidi molc^ 

animei • . 

Così in vna Città dijtalia PànnO: ré 3 5 • vn Prinh 
cipc rcftòbnrlato da’ Co tnedia n tf^ é* quali «gli ha-^ 
acua auiiifato i iche; agermt '^trd Umtes mokefiia, 
j»n eceedefireroiconìfim.della modéftià .*màPfit“ 
ceffo de’Comici fu vn naanifeffo Ichetno al co¬ 
mando del Principe : eia burla dishoueffathea^ 
tarale burlo statciacaóiehte l’aucoritàdelizeianccit 
Superiorei: ' ^ , ' ■ 5 

lo per me porto opinione,che fia anche ffrata-i 
gemma Diabolico il proporre nel publico Cartef* 
lo d’inulto Argome nr i Spirituali : per esempio. La 
Oonuertìone del Figliuòlo Prodigo Lc lagrimi?j 
di Maddalena : esìmili rperehe quefto fic vna vifi- 
tuale protefta di volere, offeruare la debita Mode¬ 
ra tionc recitando; nella quale poi fì manca, inlè- 
gnando,e dichiarando moke dishonefiànella tef- 
fitura dell’Attione - Hò fàputp da pcrk?na degnif- 



ìèt o CAPO Te^xo: 'v 

fìmadi fede, «che andarono già nel' bel Regno di 
Sictlia alcuni Comedianti profeflbri di fpiricualità .* 
fàceuano le loro Arcioni in calè di vari) Caualie-^ 
li : proponeukno Argomenti Ipirìtuali .-.bà poi in 
^ttidichiàrariano iti ntiodp varij.peccati,chc quel- 
te Arcioni, dette Ipintuali, erano più perniciolè, 
che raltre, che hanno titoli dishonclli. Il veleno 
addoicitopiulfacilmente li piglia, che amareggia' 
to. E l'acuta lancetta nalcolla nella Ipugnapiu 
agcUOlìménte hadopra per ferire. 

Legga,chi vuole,il c.i s nel Trattato della mor- 
tlficatione del P. Arias, e trouerà quello auuilb. E' 
Rato artilicip di SatanalTo il procurare ,che nello 
Comedie‘àlle voke 'fi dicano colè buone, e cho 
muouono a diuotione: c che perlònebuone vi ftij- 
no prelènti 5 accioche in quefta maniera piglino 
autorità, e credito ( & io dico, accioche moRrino i 
Comici di voler olTeruare la debita Moderarione ) 
c così nelTuno tema, ne fi vergogni d’andarui, 
quando fi rapprelèntano colètrille. Però è otti¬ 
mo il documento del citato Girolamo Fiorentino 
Càtte^ne^^tiA ful> bone fi a recreationis gelamento of~ 
prmtur . Ad labefA^antks mores fint artefatta . 
Auuerti, che lòtto il manto dihoneRa ricreatione 
non fi ricuopra la dilTolutione de' coRumi. Et io 
aggiungo lùpplicando al Superiore, & al Princi¬ 
pe, che vada molto cautelato nel dare la licenza 
a' Comicijla quale può dar veramente, màriRret-* 

ca 



t temimi della debita Modcratione 5 
b'enS è itt«j 4 to meglio il negarla E fi ricordi,che gli \ 
Spàftanl fuhmouermti et apud^ 

J^ómanct’prmòMcdit^fioScemcorum fuit : dtifir 
defi^f^9napuifi^ Scriue il P. AdamoContzen,', „ , 
evairf'dite, che gl*Sj>artani procederonoconpm jì^c ij 
lodèttdlb accortezza >* licenciando i Comici, che 
itiódefandóll: e'elici Romani vlàrono prima laf 
Modér^ione; ma perche non giouò^lè nesbri^ 
gaffonoi efiliandoda RomagliHiftrioni» Onde? , 
il P. Pietro dejGufman f come ho detto , loda pru^s.®!' 
dentémente ìa ptima rilolatione prelà d^IJRìèdè 
Spagna f Filippo IL intorno alle Gomedie, Ie qt]a- 
li toilè alFattocorrlà totale Prohibirioncv ne volle 
per vnpezzo prelcriuere a’ Cornicila debita Mo- 
deratióue, perfiiadeBdofi, che ella non làrebbe 
Rato rimediòdiingamente dureuolè ,•& efficace. 

Et dpiacetfc à Dio , che il rimedio di quella Pro- 
hibitiond fufib: perlèuerato : quello mancò, che 
era ilprelèruacmocontrorofcenitàje quindi pre- 
ftoàficbrnò l’infettione i eia pefte della comica-» 
dishoncftu,che è il defiruttiuo de’buoni collumi, 
e delM chriftianapurttà. Felice, chi ,ben coman¬ 
dando, comanda lungamente il bene: merita-» ^ 
gran lode in terra, e gloriola corona in Paradilb. 

Io concludo con FafFetto, e prego del P. Fran* 
celcoLabata nell’Apparato Concionatorio alla.» 
^3iWh,Comadi^. propofit.a.ouedice. Videanti^ 

'' " y 

- 


ITO CAPO TEKZO: 

’itftendant per vìfeera mifmcwdU Keipu^. JpfùdtX 
iMtoreSi pr 'msquÀm h/tc permittant ,an fcand44 
ìwminttrueniat nulla modo confentitmt^ea r/*' 

pr&Jeniurt , tfma fuper capita ipfarum hoc mtcrnU 
tas defcendet : nec Kex * nec Papa ad kuiufma»,, 
di tllictta dare poffunt fàctdtatem j neqs prafìtmen-:, 
^ dum » quQdidconcelJèrmt i nec(ciermt^^c, q\oc\ 
Veggano, & attendano con gran diligenzaìSi- 
gnori Supériort, auanct di permettere qnefti Spet-^ 

. tacoli, fè qualche fcandalo vi fi cagioni > e noa^ 
premettano in modo alcuno, che gli Icandalofi 
fianorapprefèntati $ perche quefto peccato Icen*- 
deràfòpraicapi loro ; e dico, che nè il Re, nè il 
Papa pofibno dare licenza di fare colè illecite di 
quellacondirione. La licenza fi può concedere 
àque* Comici virtuofi, che recitando in leena.» 
&nza bfi:enità, e viuendo fuori di leena lènza.» 
viti|, menano la vita da buonichrillia Ai,e da buo'»' 
niOomedianti j onde àcialcunodi loro fi può acr 
comodare la lèntenza di quel iàuio, che dilTe. 
BanusHiBrìa Bentpmlogumjàenè medium Pabur 
le, nec non bemeatafirophem agtt : ita bonus vtr 
yttaprimordi media, é^fnem teBì adminifirat^ 


CAPO QVARTO 

0EL FINE PRETESO 
> in rinilanza'* 



N peribttaggk) di guerriero valore > e 
che éfa> graa capitano, procedendo 
àirvia Accademico, fece già dipin* 
gere in cela vngro(rò£|efance, che 
col piè premeua Tacutezza di molte 


(pine, c còiròèehio V'agheggiàiia Toro di vna blo- 
da> matura, e.gfaiiellata ipica : è défidèrò-, che da 
gli Spettatòri'fi a-igémeittaflè, che egli trà gli aita- 
ri di Marce tutto dVfàticaua labOrioiàmentecbiL^ 


dileguo di conlèguire il frutto di vn gloriofò fine: 
prudentemente inueroj perche , chi s’àlf'acica per 
confèguire vn nulla, conièguilcc la nota dlmpru- 
dente. £ chi làuio afcelè mai l*alte montagne» 
per (èminar nel vento ? il giuditiolb trauaglio de« 
ue ricompenfarfì con buona mercede . altrimenti 
rinfruttuoib (ine del trauagiiante (èrue di grido 
per publicare la milèria della lùa inconfìderacio- 
nc. Chiunque opera, e fatica fecondo il diritto 
di ben regolato intendimento, fi prehge il pro¬ 
prio , e fruttuofb hne, nel conleguimento di cui fi 
conhpiacedi poi,e firipofà tranquillamente. Hora 
vediamo vn poco, qual fia il fine, che nel far l’In- 

y a ftan- 



17% CAPO QVAKTO. 

ftanza pret^.deper ^oiprq*, che p.arImo, ò fcj;!- 

apOiò piceli^ ano, <Mlìih|anBifaÌ 
uore delle Chriluane Comcm^^ le Co- 

medic-bruefe dèi tìbllio teritpó* è cPntfoil<É2me- 

dianti ofeeni, J^TÌfth didòtatóggetto non c di 
Bjfìiifco, che vccìda ,nè di Medufà ,cheinipiecri> 
njà èdi tl|e|priere^ vira» che auwua^ll^ virtù 
c#di fonte ,i on4a;dicuigrimpicfacj cuori ipszza. 
pIiV felicemente, chp non fpiez^ò il force liquore 
del famofo Carcaginefè la ^(Ipfà durezza delle 
rupi alpine. Yoglio dice r quede Ibn cole da pen- 
fa^e, e da ruminare, per cauarne fratto. ergo, 

• d^oconS. AgoQiìna,jre^»enfmscogìtaff,,Cfve~ 
lufmmda, ammalia fpiritualiter ruminante, vti-- 
UmJ^nece^arium cibumm^risAnimis protéidetet 


TVNTO P RIM,0. 


. 3'.- ' 


Se Parlino eontro i Cornei , / contro leASpmeàht 
*2^erJone vitiofei e parlando » che fine; x 

■■rA:'-- v’ i^Qiri.preteniUno^,/ i,- r 


i. 


? 1 *■• *« ■■ 
0 .*■ . ■ 



Oh tf aa^glia per cauare dal cupe).fondo det; 
pózzo la' prétiofà gioia della verità, chi af- 
fcrnria, die neimóndo ùioltt impugnano lo fioc¬ 
co del jor pangentp/crmóne «per ferire «tirando: 
fioccate controi CpmÌAiTe,eoùtr<oleConaedio 
lorOjr Moki, ferine il Gecch^(> >i><iafimafiO:IcCo- 
mediè più per tener vino l'vjlò dd dir male » chej> 

.... •> ' ■ "j; V'-- - , ■ pgj 


VVNiror^K iMù. in 

p«f jnale^ehe ci fìa. Et io dico, che molti efàggc- 
rateo il mcjDÒ minanierav .che Beltrame lìv riiblìè c^ 
pórc6 qaelbo litoio'al capo 19 -del lii^o^J&iibè^rfòii 

E poi diftefàmente fcrilfein quefta'breuifol-ftHav©< 
de*. Comici vitteperad^e delle Cómedie biaEtteaìe. 

. b:'Di(>i&nèpiarla<ombritSt^èf«^ 

aiai.sgìQhBetddiCòmici fiiflret»:>peggiori de? 


Vifiiprii Tra* Greci v ie^ra'*Roinàtìi 
iiilbiioiftinprcfiate Corteedic i & in c^ni tempo 
vi è ftato i chilha voluto dir loro contror poiché 
tutti ràà^jfoniOiAàtfcE yn*<%>ihiohe j nè tuttiiC^' 
ijdcifankftaltèiiiodefti. 


r, <» I « 


i; ‘ Bai iàuto'di^Belftàme non dilTiiona la* Jzitti- 
pogn^jdiTclio icsoè di Gio. Bàttifta Aridréino, 
detto Eelmtca'Comiciy il ^uale^ferine in vnalet» 
tera ali'IlluflriE. &Eccelentifs. Sig. Marcò Àhtd-> 
nio MoreEM, Arilbafciadòfe’per la Serenifs. e Po~ 
tentifliina;Eepn'blica della bella, egran Gttadi 
Vèoeda ài .Giniftianiflim'ò Eè di Fraricià, che egli 
vdendo inPar^itanto lacerari ComiciFrancc^' 
conclufè, ò ibnjmcrgérfi con néìfrementèE- 
geo delle malcdicenze, ò còn gli fteiE pérìièn» 
felicemente al porto* ' ^ ■ 

In fomma pon èrr^dalio fcopo del vero, chi af- 
ietma ^ebe contro le Comedie, ecohtro iConiìci 
fi fauellada molti, e molto acremente. Mà io 
quic onfidero, che due fòrti di pcrfi>ne muouono 

la 


174 C'^POTERZO. 
ìalifigua contro quello duplicato iòggettoiecò^ 
me alcune peribne di quelle fono vidolè; così aU> 
tre fono vìrtuolè : c credo » che delle Yitioiè l'ad» : 
dotto K ndreino parli nel foo Raj^onamento^nti* 
telato La Fòrza joue'dice. '■ 

O quanto sono inetti »ò quanto {cioccai, e pi> 
ut digiudicioeolofo, che airaèfatti agii Stolcit e(è* 
uerieollumrcon roracejìina di peftifera lingua^ 
van detrahendo il più nobile » il più leggiadro ,A: 
pregio ei^rcido » chedall'humano intelletto fitL* 
mai ritrouato, cioè lo ipecchio dellehumane at* 
rioni t il libro della vimi, & ilTheatco degli accL 
denti « quale altro al Hnenòn è, che la Comedia 
E nella pag. i 9 . dice f sQdonfi altri Arillarchi 
calunniatoriancora conbocjche, non nieno sboc^n 
cate,che auuelenate elciamar dicendo, che rei fo« 
tioiCotttici» ^ 

E nella pag. 2 6 . aggiunge. Altri Momi mor> 
daci, biahmatori del tutto con bocche auiiele- 
nate gridano.* cioè contro la comparlà delle Co« 
miche in Theatro. 

E nella pag.45 Icriue. Altri foggiungono^àcui 
fò loro madre la difforihe Chimera, nudrice la-* 
pallida Inuidia, la^e il fiele mortifero delle Hidre, 
cfafce le crude lerpi Arimàlpidi. E quefti dicono 
contro le Comedie. 

E nella pag. 70. auuilà.. Anzi dirò còntra i bia-' 
limatori: die inceruieiie à quello auudenato mal- 

di- 


TFNTO PKIMO. iji 

<lìccntc quello, che perTappiinto in p.crfbna del 
milièuQlo; fi«iboleggiato in vaa ìmprcfaio vidi» 
chéatoroìion era, che vo Bafiiiicowitipialc rim 
ua entro vn'oppofto Secchio : dcilmottQ riiceaa. 
Jh Aumtm^ Molliando,chememrevòteaacon^ 


randa in lui il veleno^ iè Rdfo vccidedi. Qosì il 
Maldicente quanto più con lhigaa peftiièia cerca 
di peftifeitar auueienando la Comedia j la Come' 
dia., liicidi/sìmo Ipecchio, riflettenda contro la 
fiedb il veleno e Kauuelenave Tvccide « 


i,ne* qu^i dall Andreioo, chi 
biatfima dè CoraedÌ£,:ò i Comedtanri, è chiaiiiato 



Calunniator mordace, e inaUgno auuerfario.'& è 
paragonato ad vn SerpencB*ch©recifi) fi {contorce» 
e morde. Nomi tQtti,che fi conuengono à perlài 
ne vitiofe c Mà.vctofiè, nc r® Io niego i che 1 *An-* 
dreino in qui^rC^ra^detta > La Ferza»nónfi di-^ 


ente. 




delle Comed^,ede*Comiciiiè pec&ne viciofe, ù 
TÌrcuolè t & io hùprefi gii allegati luoghi iniènla 
contrario alle vitìofè, per interpretar in meglio le 
dubbiezze, dcolcuritài giouandomi lèmpre dilo- 
darc, e difendere, quando pollo, i Comici, cho 
profefianola virtùv Solamente vn luogo non è 
capace della miaintcrprctatione,, elfendo chiara¬ 
mente contro iOirifiiani Prcdicatori,cioè peilbne 
al palei; comune vir(Oofe:fi dice cosi nella pag. ^ 2^ 

Quanti 


‘ Qjwnti Predicatori, e follo io', à còmfnacetiza 
xii alcune Ipigoliftre, e picchiapecci j e per efola^ 
matiohe dialciincgclofè mogli yhanfio'fatco ful¬ 
minarla matcinàié trombe Buahgelicheiconuer^ 
tiro il predicare in làtireggiare con intentione di 
fogac iiComici dal Theactoi e richiamar i'XDdforci 
ài lettcJ.. Ocàrùà carnale» Cosi sforHiQd’Andrcfr. 
no, e iè fcriua con-penna troppor acutamente c&I 
lui tépràfà r prego, u faggioLettoie à confidcfarlói/ 

Io non cred,Q che Precficatori Catholici con»» 
nettano il predicare in iàtiieggiare con animo di 
offenderci yìrtùofi i'& innocènti, quali fono i’Go- 
miciimòdelli: ma credo ^ che edr mDff dà vero , e 
Rudente zelo ragionino alle voitccontroiComi- 
ci immodeftiv & olceni , iqualicome vitiolì me- 
ritano dieffere fugati dal Theàtro , e dalle Città > 
aceiochèf oniGderiho, e veggano Id ff ató lord 60 
il pef icolp, dedaidailnatione perla ' vicina morte i 
e COSI procilritK) Pemendatione da' peccati loro. 
Cfinf derate , ^ •vedete » auùilàua Si Francefoo, 
qHonìamldtes mortis appropinqmt . Màritornia- 
mo a confìderare le pctfonie vitiofè, che parlano 
contro le Gomedie , econtro i Comici: e già chlè 
V TAndreino non dichiara, quali fiano jinueftighia- 
mole noi, e ponderiamo ilfìneloro con leièguen- 
ti Aggiunte, che fono alcune ftille, canate col 
lambicco del noftropiccolo, e dcboliflìmo inten¬ 
dimento. ‘ . , : ^ 

'-^1 ' A G- 


prNro TKZMo: iw 


AGGIVNTA PRIMA. 

^i AiatHenitori delie JBaratterte parlino contro 
5 le Comédie» e. contro tiComkhje per 

. . -qual fine, ^ 

- - t * 

' * i ' .... 

? - J >' r • f 

I Giuoeatori di carte poché volte comprano po- 
derivò fabricanopalazzi condatiarj ammaP- 
fati giuocaralo.e vincendo.'niàpcrlo piùchi vince 
tre.vdcc,' n'e perde'quatÉrOi on,deralla fine ri Gb 
iiocatòre può Ibmmàre dalle parcit:èjCfaefià.:^rito, 
vn puro nulla, anzivn danno moltiplicatojperche 
k> fiànao veriffiraò il.detto del'B. Francefco Bor¬ 
gia ,;.I>ucadtG a ndia nel Sccoloye o e li a B el igion e 
Gerierale della .C-Ompagnif di cioè che if 

giuoco fa perdere quatetògioie jii[tempo,il dana-* 
ro, la diuotione, e Ipelfola colcientia : in'lòmma_» 
chi giuocai per ordinario perde j ma chi mantiene 
il giuoco, per ordinario vince . Mi dichiaro meglio 
con ricordare,che in alcune Cittàfi trouanoperlò- 
ne, le quali conuertono la cafa loro in vna véra 
ratteria,mantenendo il giuocoper ogni forre di Gi- 
uocatore ,e cauando giornalmente da rutti i Vin¬ 
citori emolumento tale, che coneffopoflonoma- 
tcnerfi con riputatione. Hora à quefteperforie-» 
poco piaciono le Comedie, e meno i Comichper- 
che feemano il numero de’ Giuocatori s mentre-» 
mplti allettati dal Theatro lafciano la Baratteria;e 
^ / Z per 









•|>ag.l5 




17 8 

•per godere il giuoco della Scena fenza pericolo di 
grane .daanbfallal)brfà,ibT3aindonano il giuoco 
delle.catxe.ve vantìoà ridere nel Theatrojconfolé* 
tamente 5 oueneHa;Baratccria Ipcflbfi ràmaritano 
cordialmente. 3 dtrarne,dice,,che.certi:Manteni- 
itori dc’,ridotcijic:cuono:di{guftp,^uando i Comi- 
fcigiungono: e quéiGiuocatori ,elle hanno vn taljs 
,‘che:rare volte perdono., hon^hannopeur 
tbene^ che viiìa altro tratteniimento, che il giuocpi 
•e non mancano diporre In diigratia i Recitanti. 

. Ji còmico Cecchino ne’.fuoi;Difcorfi hàicrittq^ 
fche vna volta àtrarriuo Ilio in Bologna gli fu det- 
’rto da vncertoiMaftroDionifio Bruni , padrone di 
vna bottegadi carte da ,giuoco > quelle prccifè pa- 
:role.. iSeioaionamafli tanto voi» clc.vollrc virtUj 
e le io non hauedì qaalch'altro.comodo fuori del 
fnellìer delle carte ,tion potrei far dimeno di non 
vi maledire, e defìderarui ogni male? accioche la> 
Scialle di venire in quéftaCittàjpoicheiìatc cagio¬ 
ne, che iBidottilì chiudono, e che con elli la mia 
«bottega fàllirca r perche la Nobiltà fi trattiene con 
ile vottreComcdie,'nè più figiuoca. 

iir 

rmedic vitioìè, niàauth^ticaàgucl.benc, chedalle 
virtuoTeComedie meglioj chedallevitÌQlè,nafcc 
iinrilguardovdclla;priuationedel giuoco, padre^ 
fjmàluagio di moltermaluagifà. Al propòfito diche 
^per-accondoSékramcicriue quefto racconto- 



.V 


PVN^O PK/MO\ 179 

- Vn^ anìio non furono Comsdic in vna Citta 
mndc ditali! : cl*anno fegucnte ve nc furono 
mtafi tutto l'an no c certi di quelli, che cere ano di 
louar’ìn tutto^fc potelfcro, feCoraedie, diflerò al 
Ppincipe , che farebbe ftato bene àieuar tanteCo- 
fnedic : e ft conie f anno auanti fiera farro fènza ^ 
che fi poteua ancora fat'lenza quc€*altro, enon^ 
dar tanta occafione afpopolodi tilafFimentd. Il 
Principe rifpofc^chehaùerebbe fatto rifleflìdne fo- 
pra quefenegptio i;eper all’hdra le la pafsò cosi. : 
Finito il Carncùalei trouandoli i detti ancor col 
Principe per altri negodp,. egli mandò à chiamar à 
fe tutti coloro',che faceaanolc carter cchicfe lorot 
qual’anno haueuano fatto maggioriaeccndc,ò il 
già paffato, ò il prefènte feoribr. Rifpofèro ilpaffar 
to : e chiedendo là cagione, differo r l’annopaflato 
non vifurono Comedie rqueft'ànno le perfòne fo¬ 
no ite alla Comedia .'e fi è dato dodici mila mazzi' 
dicarte manco del folito. Ali’hora il Principe, ri- ,, 
uolto à quelli nollri poco amici, dilFe. Che dite 

Signori ? con quello gran numero di carte fanno 
palfato quanti fi faranno rouinati ? quanti figliuoli 
haurannorubato incalà ? quanti hauranno cerca¬ 
to dhngannarhl compagno?quante male giorna¬ 
te hauranno hauute le pouere mogli de' perditori > 
le Comedie leuano l'occafionc di mo ti mali: e 
quando fi recita, io sò, douc è il popolo » e che co- 
fa fa/e ciò, che può fare-, llando colà rinchiulbà 

Za lòiaz- 



ttó CARO QVjqt^TO. . ^ 

felàzojpcrò dateui pace 5 ciré' io ; altreiì ccccoìl 
prorfkcoL delle anime,e de’corpii : E cosìco* cetìfii?. 
iéguici gli moftrò la verità lènza tante dìfputet.> 
Que’fto racconto di Beltrame mi'fàricordàro- 
ctò ,ìJre’mi diBc iAaircIìo> capo de’ Oonùcè Vni£4 ' 
liinnaa 64d. irrEiòrenza^ cioè,’fche'm;< vna: Sére^*' 
niiBmai e principaidfima Città d’italta GorfaialTQ<> > 
cd, che dopo che vi s’era introdotta la frequenza ■ 
delle Comedie r etano Icadutedamtglie in minor i 
numero di quello,che per Tinnanzi eraaudenuto:, 
c tutto lì artribuiuà al celTamento del giuoco, ca¬ 
gionato dalleComedie,e séza le quali molti gino- 
cando fouinaiìo i patrimonij , ediuentano< 3 ia-« ^ 
riddi delle proprie facoltà,per non dire abiflì di j 
calamità, e mille mali. 


t Màio dico, die quelli, & altri limili racconti / 
iùppongono,che le Comedieliano hon 6 llc,per 
clfcre ftimate lecitee quel Principe di Beltrame^ 
crèdo , le fupponeua tali, e però con elfe cercaua 
jìlbene delleanime ,e de’ corpi : altrimenti, lè era- 
noolcene, certo non giouaùano al profitto delle 
-anime.-ma comunque fuflèro,almeno cagiona- 
aronoioftaccamentoda que’peccati, che logliò- 
;no comiueetere i'Giuocatori,e>dc’ quali liè l’ofiì- 
<ina diai>oIica, & internale -la cafà del giuoco, 
«qnando'merica il nome diBaratteria, il cui padro¬ 
ne, c capo principale difficilmente giuftificar fi 
puè dai peccalo mortale^ onde egli, come vitio- 


PVNTO TKIMO: m 

Icj:^ viciofamente procede parlando, e fparlando 
contro le Comèdie,^ controI Còmici iènza di* 
ftinatserel^orodall’alcliimia, il bianco dal nero, 
la Vinù dal vitio, & iComicimodeftl da* vitupe-’" 
fofìMiroi. Eglinon s*infìnga ,neprofeflÌ 2elo, e 
baon fines percbe il filo zelo , dilò còfì S. Cbrifo- - 
Homo, Fotuis furòr efi » x^Uis , ó più tofto habéda 

' foror,>che vcro zélo j éc il filò fine e moltoceo, eE- lu' pr» 
fendo per realtà vn brutto intereffe di guadagno 
illecito, e pecca minofo. 

Non cefca beneda ^irittiale iàlutc del profi?* 
mo, chi la céica con vitibfò affetto, e con oltrag¬ 
gio del comtìnSignòrel' 

AGGIVNTA SECONDA. 

StJt ^onnedi vita merttricia parlino ^onfroìeQt* 
medie , e contro i Comici , e per amifirn 

, t -, - -i , 

N On'iliaiicafìó le Hefcne del noftre^tempo^r 
e fe-MDG^aré/clicde airanncailtitolodifa* 
ceUadi Mafceve di Vedereinoipoffìanio nomi¬ 
narle modertìecon appellacione di “laccio, edi 
rete del Dianolo .* e ctslcuna di cjiiefte, mentre^ 
vende nei ^pablico mercato déMa dislioneftà 
candide margarite della propria piidicitia, brania 
frec^enzà ,e mokitudine dicoinpratorir eperciie 
ibno .molee fornite di tal -brama, efiendo rnolre 
di vita perdiita> icandalofa:» e rmeretiicia jqmndi 

anebe 


I il CAVÒ QVAKTO, 
ànche molte tendono molti lacci, iptegano mol¬ 
te reti, deviano mólti artifieij , per allcttare, de al¬ 
lettati tràtferiere ipaz’zij e folli Amattìridella loro 
Vana, c fallace Ipeciofità. È fi trouano di quelle^ 
che al lèptir nominar Gomici ,ò Comedie < fi Idev 
gnanO fieramente,- ,c;È»iafimano rabbiolàmente,^ 
diuentàrtdo; nuoue' fnrie di Venere con ^ mcta-^: 
morfolc di vnlnrcrcflàtO Cupido^ c con ftupore; 
j,. della lielfa Dishoneftà. Beltrame dice. .Sò,-chc^ 
molte Cortigiane riceuono dilguflto,quando i Cofs 
mìci giungono j perche i loro Amanti fisuiano, e 
vanno à trattenerfi alla Comedia. Il Cecchino 
j. ne’ Difeorfi fcriue così. Mi fono imbattuto io in 
molte Città, doiie fi rapprelènta di notte, de hò' 
vdito Cortigiane principali | maledir- con gran_» 
rabbiat i Comedianti, e le Comedie ; e ditnanda> 
to, perche ? leppi, che le gu'allauano le vifitc , i 
trebbi, de ì giuochi in cala , e dauano loro molti 
altri incomodi, edanni* Vnàtrà le altre hebbe 
à dire. Haucùo pur’acquiftato mezzo il Signor 
N. e poco vi martCauà, che non fulTe tutto mio: e 
dopo che fi fanno quelle maledette Comedìe, 
rhò perduto affatto i poiché la lèra Uà Occupato à 
quei gufti, i quali non finilcono, le non ben tardù 
Onde non v’c altro tempo, che d’andar à cena-.: 
dòpo cena fi Va àlctto i tutto il giornohànegotij : 
tal che quell’hore,che erano mie, fono diuentate 
della Comedia, 


U 






MO, 


iti 


Le parole di qucfta .fem minella moftrano,quaI 
-fine ella,haìiè|fe,i quale J’Hafc^^ per ordina¬ 
rio l’a^rè pari\&c 4 quando jpàrtàrtó^^ Co¬ 

mici, e contro le Cqmedics^cioè,cofterjhaijeuayn 


fine ingiuftq,che/ì cacciaflero tutti i Comici, an¬ 
che iyiTtuoft, e modeìftivefeuà^^^^^ Theatrp 
rlcComcdic, fi priuaiTc il popolodi yna gioconda» 
,e virtuQfò.ricrjCatipnerdipiu ha»eua Vii fine yitu- 
pérofq» e diahoneftq, mischiato ancora col gua* 
;dagno turpe » per cagione di cui quella, e tutte i* 
.altrcMeretrici yiuonp infeliciflìme yna morte yi- 
taleconeuidente pericolo jdeirecerna dannatip- 
ne. iDunquc'noi'cPmpatìampIc per così gran mi- 
fi;ria,epiangendo preghiamo il gran Signore delle 
liiìlèricoxdie> che conceda loro cpn vera .conuer"* 


iìone dol^roià conpitionc. JEche,penfino con-» 
;frutto il figolficatodi queftc parole di S. Chrilbì- 
ftomo. ^Md^irfi^^l^^ffurarecorjfus, anima 
iUHtéi^iélucHtfi ^HÌd folatij nancifcarnurtmciìS 
comj&Hndi ìfi Pgnem Àternum} JE noi tra tanto Jti- 
miamo ‘fifepiti di grilli i doro jftrepitan rida menti 
contro il mewcode’yirtuofi Comici, c dèlie hone- 


• * 


fji CAPO {lVAKTO\ 

k 

AGGIVNTIA TERZA. 

'jOi ferie altre0rfin£;fj[bf iriprendort& ' rKj 

■f’ ■ ' <,-'-kCp^edif^'i 

.■ *. V" ' r ' n ' * ‘ ; 

E ' Pretendénza di anjtfioingiufto voler conleij' 
touine altrui fabricar àfc itelT^Tedifìcio deb 
la gloria.’ non làrà mai degno di vera lode^, cbi, 
con riprendere altri ingiuftamente *vuol nn'ijftrar 
le ftelfoirreprenfìbiléiqueft'o è vn’andar alla Icuó" 
la deli’Hippocrifia per con&guir il Dottorato del¬ 
la Vanità. ' 

Ci fono alcuni, e me ne fono accorto io, fotiuc 
il Cecchino, che riprendono le Comedie, nòn_> 
come colè degne diriprenfionei ihà per modrar 
con tal mezzo loro ftelE d’vna vita irreprenfibile^jt 
volendo, che fi facci quefto concento* e fi dicaci 
O fo MefferN. fa rifleflbfopta materia, che può in 
qualche parte non eifer ben olTeruata s c che vo-. 
gliam noi credere, che faccia nel ri manente bi» 
fogna conclùdere, che einon torcerebbe ilpenfie- 
ro, non che l’opere, à foggetto, che haueffe punto 
del dubbioTo, non che apparenza di male. Dot¬ 
trina vfeita dalle fcuole delPHippocrifia, la qua¬ 
le , tacitamen te leggendo ài cuori, li conftituilce 
in fiato di buona opinione di lor medefimij e 
quindi perfuadendoli al dilprezzo delPaltrui attio- 
ni, mofira, che quefto fia il vero prezzo de’ fiioi 

coftu- 


FVN70 PRIMO. i8s 

(ióftixm! ; colè » che moke volte ricfcono fallaci », 
yedendQÌncìampar nel biafinao anche »chi crede 
incontrar gloria . Ritroua poco bene colui, che lo 
vàcercando tra le rouinede gli altri. 

Con tal tenore difcorre quello Comico, per di- 
mokrar, che alcuni vitiofi, e che ambifcono Tho- 

norato concetto dihuomo irreprenfibile, ripren¬ 
dono le Comedie 5 quafi che elfi viuano fuori del 
tiro di ogni giufta riprenlionc. O liurea di finiflì' 
ma Hippocrifia. O rugginofo metallo nafcofto 
•fotto la coperta di oro falTìficato. Così procedono. 
alle volte molti dishonefti j riprendono le disho- 
neftà, per voler,che li formi di loro honeftiffimo 
concetto, & cflì poi nellècretofono vali pieni di 
mille dishoneftillime bruttezze. A/ ulti 
fxctis videntur odi^e peccafa.tjuiarepreketìduntiCs, 
pmtuntpeccatores 5 tamen in fecreto cordts cum de- 
le3^tioae afpiciunt} ,jt impune p(^ent , exercereU 
ferine V Eminentiffimo Cardinal Bellarmino : ^ rnrrai.: 
vuol dire, che malti fono fecteti amici del vitio, 
c piiblici profgflfori della virriijhuominidi buone 
parole, e di honefta apparenza, ma di cuore mal- 
uaggio, e di animo leelerato. E quelli,volendo ef- 
lère Catoni controle Comedie, fono Caini pieni 
d’odio canino contro i modelli Comici loro fra¬ 
telli. 

Altri fi ritrouano, che non fono di mente tanto ^ 
tenebrolà , e cieca > mà pure viuono tinti con la.,, - 

Aa fidi- 


èJpo (ivÀìLTà. 

-faligine deirintèreffe, e (i quéreìaiio de* Coti»* 
dianti, e fcoccano qualche ftralc di riprèiifione^ 
cohtro le Coniedie. Quefti ìòno ìMàhtcnitófi 
de’ giuochi di palla à maglio, di pillotta, di palio 
jie, e d’altri hmili, i quali da molte pcrfoneretta¬ 
ne abbandonati per cagione delle Comedic jonr 
de feema loro non poco Tordinario guadagnò, e 
jieceflrariopcrmantenerfi . Yn Pallonaro, pochi 
anni fono, dimandò à Carlo Siuelli, detto trjLi» 
Comici Polpetta. E qiiando ò caro Amico partii 
rete voi da quefta noftra Città? quando ceffercte 
dalle voftreComedie ? gli altri anni fièlgiòmo d* 
hoggi mi trouauo di guadagno circa trenta foudy 
Jiora il giuoco del pallone par fallito^ Scio no gua* 
,dagno vn foldoper rilpetto delle Comedie: bene- 

^ ^ m ‘ m , A - ^ 


an-: 




'no giorni troppo critici al mioinfermo interelfe? - 
Ilgufto di queftopouero Artiere fi amafeggia- 
ua moltoi perche il dolce mele delle Comedie^ 


con interelTata metamorfolè gli fi tramutauain.» 
àmarilGmo alTentiojequindi eglifoioglicua la lin¬ 
gua in crudojfè querele, & in qualche rifontita ri- 
prenfione con interpretatiuo biafimo della co¬ 
mica ricreatione. Mà forlc non mancano altri, 
che di Artieri fi fanno Arcieri, Ac incoccano le-» 
iàctte contro il dramacico berJ[àglio,e,biafimando 
Tenza ragione le Atdoni Theatrali, rendono se-» 
ileìfi d^gni dieflere nel .Theatro biafiraati. Ioli 

, rimet- 


\ 


q>V^TO ynj MU^ - TTT” — 

tiéietto alla confidcratioqc det pradente Letto¬ 
li , c lo prego ad effsr loror le non rigoro fo, alme¬ 
no giuftoGiudicc,e non tralcnrato Cenforc Qu^a- 
do la Co^®*^** ® rapdefta, bialuno fi deue à luci 
Blafimatori : e quando l'Arte Comica fi vede efle- 
rc con virtù effercitata, merita il bel fregio della-, 
lode, e non il bratto sfregio dcl vicupeio. Ma 
gran dilaucntura di qucft'Atte, 
chenelcaojpo dellefueyirraofc attioni più toftó 
le perfone vogliono Ipigolar'i biafimù che pren¬ 
der la ricca mefle delle fue buòne qualità r mà fac- 
,ciano, quanto fànnOr quelli tali «che la diligenza 

loro non farà mai, che io Ipigoìare faccia abbon - 
. danza tale, che fei ua peyvn buon raccolto : è c òsi 
folto il grano della virtù,che,le lappole de' biafì- 
mi non poffono formontace, ancor che diano 


»oia. . - . 

Ragiona Beltrame deU'Arte Comica eicrcitafa 

modella mente .*nè io mi dilungo dal fuo parer^ 
in quefto punto t ma il punto fta, che molti mcr- 
cenarijComivi moderni fi abufano deli ArtejCui 
Comici hoiiorati fi mutano in vituperofi Mimiip 
con le Comedie ofiene procedono ofi enamer te 
nel Theatro: contro quefli chi vibrerà la fpada^ 
della fua lingua, potrà nominarfi virtuofo, e Iqde- 
uole feguace dei magnanimo Alcide, e gloriofò 
deflruttore de' moftruofi ecceffi Theatrali. E fé 
conuertiranno lafciando ogni ofcemtà,^ 

Aa 3 ‘ordì- 










Fcf. 

hebd. 

ik. 




rt& CAPO QVAKTO, 
ordinando le loro paflìoni fecondo la regola del¬ 
la Ghriftiana Giuftitia, viueranno felici,& à cia- 
icufi di loro potraffi accommodare la breue ièn- 
tenzadis. Bernardo. Feìix» qui fajpmescorfo^ 
rk fui pro^tir iuflimm ordmut^ ” 5;'' 

7> r , N T o secondo: 

Si fÀtlmoferfone virtm/è contro $ Comict , e U Cai*: 
medie s e paHando, che fne 
“ pretendono, 

N On merita il titolo di mordace Zoilo, nè dì 
pungente Momo, ne di feuero Ariftarco, 
chi fornito di vera virtù non può lòflriic rinde- 
gnìtà del vitio i e biaiìma con parole di prudente 
Cenfòre » chi mena vita degna di elTere bialimata. 
Sopra la fermezza di quella baie appoggiano la.» 
colonna della loro riprcnlìonc coloro, che parla¬ 
no contro i Comici, e contro leComedie con la.* 

debita diUintione 5cioè lèrbando la lode, e rho- 
' > • • • 
note a modelli, e vibrando la fpada della linguiu* 

contro gli immodelli. £ perlbne di tal fatta, ze¬ 
lanti , e virtuolè non mancano giornalmente, oue 
lì porge la nècellìtà di ragionare contro gli aHari 
dei moderno Theatro. 

Non mancano parimente Autori, che Bam- 
panoLibrettiin quella materia:nè làcri Dicitori, 
dhe la i|>iegaao al popolo con lunghe prcdicatio^ 
“ ni. 


V 




ut; Horà diquefti tutti vediamo vn poco, qual 
(ìa il fine ncirinftanzafero: forfè troueremo qual¬ 
che granèllo d’ofO> tme tal’vnò ttòuato non hà| 
icnonarcnc* V 

Beltrame difeorre in taLmariicih. pgnVnO cij^^ 
tmera^per lò fuo Urie : 6c il fine di quelli ,che ftàm- 
pt»no Libretti contro le Gomcdie(fc ben difeerno) 
non può cfler’altro, che far conofeere a* Comici, 
come la lorofàlutcfiaquafiidifpefata j àccioche^ » 

laftino rArte. oiieramcntefpauentar leperfòno * 

^on minaccic dlnfèrno, fè vanno alla Comedk4 
accioche lalafcino . òfar, che i Superiori scappi- 
glinoalla loro dottrina, e che non permettano li¬ 
cenza dì efèrcitar quèfl'Arte j accioche in qual¬ 
che modo s'annullino le Comèdiéèd eeboà dalfi 
ad vno ftudìo di gnfto, e non di prófitro : ed ecco 
à ftender le reti, per imprigionar i venti. 

Q^fto Comico comicamente conclude conJ 
gentliezzajhauédoprima toccato trefirii,ifprìpo 
in ordine a* Comici, il fecondo in rifgUardo degli 
Spettatori, Sc il terzo per ragion de* Superiori : itià 
io ( ben difcei n o ) flimo, che tali fini non fieno 
prètefi da* virruofi Compofìtori di ^efli Libretti : 
e credo,che B,eltrame s’ingannimolto,'e chemol¬ 
to offenda qùe* virtuofi, dotti, e zdanti Theolb- 
^ logici quali,fcriucndo contro ftllecieeComedie, 

■(perche^niuno di loro scriue, ne parla controle 
Cqmcdie, anzi le accetta per lecite ) fi ptefigono 

.I " ' - 


l 





rao ' 

in 



t. 

49 Ada* 



, doèottiener?,chc fi mod^ji bafteupfi 
oaentc il ChriftiaiiD Theatro," accioche i 
tiptiyi fapcìiid iipfó fedtajmcnci 
Moderatione pfcfcritta da S. Tomaio, 
(p:iSeo|afticiI^i.o(c^ri^ ; \ 

Et vnfiacditalfattaniènt^a moltaledei, ppiefif 
ipiira rna vita giocpnda sì, ipà lodeuolc, c noa# 
trafcpratacpl diiprczzo dell’anima » e deJiayimVil 
i.fer. dice S* Chpioilomo, Uuddtsm a^a? 

1 cohtha^l éfifnì^ ntgUgtntum ifentì4mMt 
Mpì^mus pdutMm , 

'mii AternA Opet arij confldHamur . 


T V :^X 0 ter z o : ! 

pdtvati^ni ptjtufa , (cvmf fine » da ch & 

’ ' fedii " 

eUtiJìa 

No Scrittore, Theiorierc di belle ienteiìk 
^ ^ ZC f ilriue, che, fecondo Fiatone,grandifiì* 
v|na fi>pra tutte le virtù fi è la Prudenza, con la qua¬ 
nte fono gouernate le colè domefiiche, e le ciuili. 
tEt io dico , che quella virtù rende accorto ilFrin- 
.cipe , e Superiorei accioche goucrni tutte le cole 
. bene 3 e tra tutte anche vegga, e prouegga , che-> 
_ gli eccclfi ordinari) dcirÒlceno Theatro non de- 
turpino la bellezza del fuo reggimento, e la finez» 
- za della Prudenza iùa « . 

II 





■'♦SPi.' 


/ 










m’Y 






i 0 f 


W^ótió ThtàtrrflèV'é |tìe^cffàÌTO di hoggt 
Atttóhi^é’^òcMtfcotìicd^ c Giariy 
lacaniper lo pià partorifcono gran pfeg^ 



no a 

virtuoìì,e molto più à quelli, che, poco fondati 
nella ^rdv, tacili al don^nlfe Setta fou^isu 
Ipiritual^ ;© pcr^dèuéfi con pi^udciìzà dal Supe-' 
'riore precedere molto cautelatanoente nel conce-’ 
^eèe la licenza di ràpprigfèntìré 5 la quale fi pulì 
concedere j'mà’Con là ’4ebita MOdérationc,* alttik 
mennfàrà peceaihitì(^lìi %ppròri^rid6'gli Attori 
Glfecniye le A<rfcnfi’ifilél?fé di0fi:ehità^ contro Iìu 
fèntenza yhiuerfale de* lìtoTtori, :Sia là Ircénza^ 
vn corfettiuo delfurpcidilettolnon vn tàcito coh- 
lènfò in pre^iùditio deH%onefto,tratteriiméto: fia 
yna facoltà di nceucre nel Thcatroconiòlatione, 
non vna comodità di precipjtarfi nella' diflòlutio-’ 
ne-iìa vnalieenzarjftretta, e limitata dentro i tery . 
miniprefciittida* dot||ré zelanti maeftri di Theo” 
lógia j c non vnà liberiaindegna di nojnarfi Ghri^ 
fiiana MGderattone'Theàftàlev B quella Mode-’ 

. ratione appunto è quella, che ptetende, cpmv 
fine, chiunque fi affatica xon jzelp regolato da.» 
lcienza,e da virtù nel far l'inftanza, e nel fiipplb 
care i Superioriic talModefàtrone è di due fortij 
le quali rpieghetò nelle dtìè lèguentì Aggiunte-^ 
con defidério, che il pratichi con virtù ciò, che 
fipreicriiie Oon prudenza, e chetuttì noilca.ccia’- 
ftio jlpeccatoi per non dar àll’inferno matefia d’ 


CAVO 

chm^abbtuciamcnta. Fhd opera, auuiff vn iatiiOiÌBipè^ 

Adam, rfmur : m^riamCebem^ mde^s: repeUsmns 

peceatum . • “ 

? V 

i4« À G G I V N T A, F R I M A.' 

^^IhModerafionel^refie. 

!■ , ■ • 

I L dar precetti con breulea non é breue lode del 
Precettore:matal’horafliceede,che nel brc- 
, ue detto fi naiconde qualche oicurità } onde pren¬ 
de occafione di dichiarare à iuo volere , chi vuole 
dichiararfi à fiio guftole coiè ofcure. Quefto au- 
uiene anofiro tempo per finifira ipiegacura di co¬ 
loro , che leggono, intcrprctanp, Ac vfa no à lor 
modo, & in lènlò di bafteuoIeModeràtione ciò, 
che molti Dottori hanno Icritto breuemente circa 
jMAj. lyl® lecito deir Arte Conaica : della quale S. To¬ 
maio prelcriue quefta Moderationc. 

Non fi ferua alcunoper burla di turpi parole, ò 
fatti 5 onero di colc nociue. al prolfimo, le quali 
fiano di lor natura peccati mortali : nè vfi il giuo¬ 
co ne’ negotij, e n e’ tempi indebiti .• altrimenti il 
burlare, & il giuocare làrà vna cofa peccamino- 
là , òcolcena. locandigenus dkttur Jlagitìofùm, 
obfcxnum , quando fctiicet “Vlttur aliquìs caufa 
Ludi turpibus verbts, •vel fa^tU ; Delet 'mm his, qua 
•vergunt m proximi nocumentu, quadefe funt pec¬ 
cata mortalia. Et non adhibendo Ludum negotùs, et 
temporibu^indehitis, " Mo- 


PFNTO TÈKZO. 195 

Moderatione tale, cioè fuccinta.e breuc lìc 
mclla di s. Antonino nella {ommz Htflriones non 
vtantur indtferenter exercìtio adreprAfentanditm ^ ^ '• 
etiam turPta. Gli Hiftrioni vfino l’efcrcitio loro 
con rilguardo, c non indifferentemente per rap- 
prefèntarc anche le turpitudini. 

Tale fi è quella di Caictano, ouc dice ; Impu- 
dieoramaliqmdnotahliteradmixtummn hahtant. 

Le Attioni hiftrionichenon habbiano colà alca- 
na impudica , notabilmente annefla, e trami* 
{chiara. 

Tale c quella di Saltò. Zjidus non jtt illicitus ya^ 1. 

tione ìnaterUoi»frena , lì giaocodeìh Ccenz non.» 
fia illecito per ragione della materia olcena, 

Tale quella di Viguerio. Dele^*tio non quAratur 
iniurpibus faiiis t vel •verbis ad lapiuiam prono- 
cantibus. Il diletto non fi cerchi nelle turpi Atrio- ' 

ni, o nelle parole prouocatiue alla dishoneftà. 

Tale quella di Graffio. J^n fìt probabile peri- 
culnnt anima : ^generaliter non contineat in “• 

turpitudmem , Nella Theatrale Rapprefentatio- , 
ne non fi troni probabile pericolo dell'anima : e 
parlando in generale, non vi fi contenga turpi¬ 
tudine . 

Tale quella di Sanchez. Mon jìnt res valdcj j.,, ^ 
turpes , ac adVenerem txcitantes . Non fi rappre- 
fentino cofe molto bruttc,& eccitatine aU'impuri- '»*• 
tà. E nel t. I. Op. mor. dice. mifceantur 

B b 




tr.?o.Cx 


, ^^4 , CAPO 

rtf ìdtreé^s * rfr Ptr 

Nonfi frapongano ncWe iècnc cofe, le quali di 
retcamente # eper fé fteflèi^rouochinó aHàdisho-' 
néftàv' ^ ' v 

Tale.quella diFijiKuccì. ‘Ufi: turpes non rrpra^, 
\%^^fentet y *veleo modotl tftad Venerem 'vf plùrtmurn^ 
1. f^iiiteh X’'Atcio'néCQmica non'ràpprelèutiogget- 
■ tòfornito diturpittjdierric vfi inodo,chefia pet* 
lo jpiùcoincitatiuo di libidine . ^ 

Deteit. ’l’ale quella di BQhaccina..Nb»/«rpr/^r,6?/>f^ 
Lulud^ , aui cum reprafmtattcne iurptum txfrfta* 

fttfi TArteHiftrioBicanoniì eiekk» bruttamen- 
' te, e dishoneflamenteiouero con rapprclèntatio* 
. ne dicofèturpi. r 

„ ! Tale quella breUiflimadiEmanuelesà. 

«J». * delie agartt. 1 Comici non éccèd dno i termini dd^ 
l'aModeftia. 

Lafeio molti altri Dottori, dalla Dottrina de* 
qualipigliarlìpòtrebbcroalircformuledivriabre* 
, ucModerationc, con le quali tutte fuccintameri- 
te fi preferiue a’ Gomedianti, che nòn abufino i* 
Arte 3 ma lene lèruano moderatamente. Non 
abutÀntur Arte, sed 'Vtantur moderate. Econu* 
quefta breuità fi regolano molti Superiori del no- 
ftro tempo, quando richieffidi dar licenza a-Co- 
. miciin voce, oueroin ifc*itto,la cohccdonocon 
raggiiinra rilhettiua ; c moderante . 

. ttkìlcbJcAffttmmiJeeatfir: purché ninna laidezza 

detur* 



deturpi ófcéuamcnte le Rapprclètitationi. 

Mà.cfee'? la fireue Moderacipne cpit^^euità fi 
palfa: cioè poche volte il Theatro refta priuo di 
Ofccnità - 6c il precetto ftretto viene largamente-» 
interpretato, 6t in foftanza trasgredicof.^Qnde-» 
nonfi rinacdiabafteuolmence al|a lpirimale roni- 
na di molte anime con vna breus Moderatione. 
Doucrebbe adunque ogni prouido, e zelante Su- 
pcriore, quando dà licenza, prelcriuere vna Mo- 
deratione, non breue, naà lunga, chiara, e diftin- 
ta,m vari] punti. _ , » 

E ijuefta io chiamo la Lunga, debita, necefla- 
ria, e fiiffi-iente Moderatione. Confideriamola 
vnpoco'agiatamente,e rniriamoi Tuoi belli fregi 
allume di prudenza, e di ragione: e preghiamo 
ogni Superiore à ricordarfi il debito, che egli tiene 
d’olferuar la Giuftitia, la quale fùgià da’ Sauij an¬ 
tichi rapprefencata in forma d’occhio d’acutifiìpi o 
feuardo,'perche ,come infegna Platone, ella ve-, 
de il tutto ; & io dico, che il prudente, e giufto Su?j 
periore deue mirare acutamente tutte le circo- 
ftanze indegne dell’Arte Comica,per leuarle dal 
Ghriftiano Theatro con vna gialla, làggia, e lun¬ 
ga Moderatione. 



196 CAPO Qf^AUTO: 

^ " AG Gl V NT A SECONDA. 

Della Moderatone Lunga . 

L a publiea, c la priuata ricreatione, originata 
ne*popOli dalle (cene, richiede ne* Superio¬ 
ri vna grande accortezza» e diligenza d’inftitu- 
1. j. tionc :c pcròfaggiamcnteIcrifle Niccolò Biehoin 
rifguardodc*Magiftrati quello»che dire fi puòdi 
ogni gouernantc Perfònaggio. A Magiflrattbut 
inilitMenda sedulò funt , qua in fcents puhltcis, mel 
priuatis agunfur. Bilògna diligencemence ordi¬ 
nare quelle coie, che toccano alle Rapprefènca- 
tioni delle publichc, ò priuate (cene. E chi vago 
della ragione in quello fi è, forlc refierà appaga¬ 
to con quella» che accenna il medefimo Scrittore 
dicendo. 

Qém precipuaJpes Jtt puhlica felicitatis in tihe» 
vali mfltfuùone Ceutum, ofortety n)t ^Theatra nulla 
etccafionem mtiorum contmeant i fed tantum pra* 
cepta^rtutum. Appoggiandoli la principale Spe¬ 
ranza della publiea felicità nella liberale^ c vircuo- 
làinllkutione de*Cittadini,fa di me(lieri,chei‘ 
Thcatri non contengano veruna occafionc di vi- 
tiofi affetti, màlblo prece tei di virtuolè imprclè. 

A quello bcrlàglio dunque miri, quafi valente 
Arciere, quel Superiore, che brama colpire ne! 
bianco del publico,epriuatòbene Spirituale per li 


TBKZO. l ìr 

popoli à fé fòggetti: c Volendo ricrearli con gK 
fcherzi , e gmochi tHeatrali de^ moderni, e mer- 
cenarij Comici » preferiua vna lunga, c necelTaria 
Modcratipne, con la quale il Chriftiano Theatrp 
comparifea giardino di virmofi diletti j C noin bc^ 
fcaglia di peccaiftinofr , & o/ceni difetti.. 

Tale Moderatione è quella, che il P. Adàmò' 
Contzen, Theologo della Cpinpagnìa di Giesù, c 
Profeflbic delle (acre lettere neirArchiepifcopalc 
Accademia Moguntina, propone co quelli Punti. Kt 

1 ^hektndpparatuiCòfnÀdidrum 

sd virtuiem e^cittt témeos , {jut pronuactanty cfuH 
eos,auì fptBant, audtuhtefj Nthtldicaturin Thed^ 
tro Chrijimnorum, qmd non dm pojpt, ^ in ttm*' 
ploi ■ ■ ■>,' 

2 Cefinum fìtea moderatto , non modo gratti- 
tate •viris ciuiUter , éi culto moraiis placeat : fid 
^uam in omnem reliquam vitam retmere 

fibd^Or. ■ ' 

à AffeBum^AmAntisnmquam veritSy dut ge\ 
fiibus exprtmant , ne eo quidem fine ^ nìt cali* mttn~ 
fus exttusimpudtcitia ofiendatur: qutamwhus li- 
btdànit contagio fus eB, minima aura ìransfunditur: 
atienas Ubidines mprouida mentes fecurè non au- 
diunt. 

q. Nulla feenam mulier ingrediatur : ahfit à 
*rheatro ettam habitus tllius fixus : nunquam prom 
Jtaut , adolefcentem famineohahitu fimulare fami-: 
nqm f Ctiam[anBam » 5« Ne- 





iucrì^gratìa: tumà, 

n^l^imqy 0 >ht. 

Il j *,.11 '*èquai 




^ ato can 

•toJ* Iw. i. ..■ * 


•r J 


I ^ 





ìX 




Lèu 


f-é. ..• -v • ^ 

^ I L ap^^r^o Xh^^falejt .q Ja coniica 9 dinpQ{ì* 
^PJPr} »ftttdio;!?ccvi 3 ll>moi:o. della wtù. canto 
S?‘ 4«0”*a^afttogU5p§tfa^ fidica nel.Chri- 
lW 3 .p 9 \^ca«<>iOW>Mftt^ dire an- 

;.?'iO=-;0-?q',<-:.^ r- t;- i'.l / 

, .. .. . .. i fia creVchen^ 

iòlopiaccia^le periònegraw ie ben coilamacé , 
ma trhe conuenga dipiù ^ Recitante in wtra W 

v-u '-v ^ . -A., 

5 Non fì efphina già mai con parole, ò con gé-- 
fti raffenro amorojb, ne pur con intentione ,c fi¬ 
ne» che fi dimoftrirelìto mifèrabile della dìshone* 
ftàipcrchelalibidineè vn morbo coptagiofb,U 
quale vien portato, c fi trasfonde con la fojrza di 

minimo,venticello.*le raiendhn- 
mane, pocp fornite di prouidenza, non odono 
con Scurezza il racconto dell altrui libidini. 

4. Donna vera non comparifca per atteggiarci 
{cena: ne huomp veftito da Donna: io non hò 
appróuatomai,che vn Giouanetto con l’habito 
• donnefeo rapprefènti vna femmina, benché.» 
fama. 

* . > • , 

j Ninno efcrciti l’Arte Scenicaperintcrefle di 










P VN^O 'i Jì K 2? if^ 
o : c «itìhò vi sniffiÙ qoàfe ironrvi- 
rià coiì^ltra fofté di anci c nòti tnhntehgàfèic la 
faa Fainigliaton alftd atìòiàhiettbd.’^ ^ ^ ^ .v 

• Gcirm éèn^fcguirvf * ' ’ 
mico Att«ggiam€iK&^ fé da’^igirtb^ri Sùp^cribrit fi 
pT^fcriucffe^a^Ck)miéÌ ja litènzàjte Modrtàtibfi^ 
co* (ìidctti punti allegati da quello Thcologojoue**’ 
ro cGoit)! lèguenti apportati dal P: Giulio Mazari* 
Ito j'SjetìiaBO, dotto, e famofo PrédScàtotedféiraii 
Gompagnia 4 » GÌ€sii'.( Egli difttngfrc'tónqticfto^ 
ordiìn€r«la<Kloid€radbike » che-^f n^a’dbuéiffi dare 2^ 
Comcdianti. »' * 

-I -FaccÌBOi Superioririuedcrele Attionirèdif- 
fctifcanokiriaiiìoiie jcfeie^osì i ò>nafediàiiti fìpai^f 
tiranno pretto. - >■- >:>••■ j 4 

2 Nonperniéltano^ ehè Dotinfe récitiiibV rié^ 

Giouanettivettitida DonnaW • ■ ~ 

3 Non vi vadalo ad vdifb Dònne fritte i o 

mc 4 tomòno le<hònéfté . ’ - " ^ ■ • ■ * ^ 

4 Non"fifafcÉnófarèd&nótté*‘ tio 1 

5, Mandino qualche fedele ad vdire, per catti- 

^re iComedianci, iè tra/gredirannq la data Mo- 
deratione. 


Io aggiungo per vltitnovna terza Mòdératio- 
ne>che propofc g à vn ThéolGgo, dicendoin que- 
fto modo . Non condanno il Supefiore, quando 
alla licenza, che dà a* Comediantt, ò Ciàfrlatani» 
aggiunge tre cole. . 

^ I La 


! 


200 CAPO QVAKTO, 

1 LaOaufùIa. DummodombilcohirApidtm't 

^piefétem » € 5 * bonos mores, lem ter mifceatur : nec 
JÌ 4 t qmdqHAm negatijs , nut tempori bus indebitis . 
Par che niente contro la Fede, pietà, c buoni co¬ 
lami fi fraponga, ne meno leggiermente nell'At' 
tione : ne fi facci colà indebita a' chriftiani negoi 
tij, onero a'tempi. 

2 La cofà di aggiungere nel fecondo luogo, è 
la Frphibitionercioè, dandofila licenza dirappre- 
Tentare, fi prohibilca, che non compariicano in^ 
scena, ne in bancoDonnedishonefie.ò credute 
tali i nèGiouani veftiti da Donna. 

3 Nelterzo luogo fi vfi la Miflìonc, fi mandi¬ 
no peribne fidate, le quali, ò fi trouino prcfenti, ò 
s'informino daperfbnaggi ficuri, e vinuofi, fc fia 
(èguitp qualche difetto, contro la fórma della da¬ 
ta licenza : e fé fi troua, fubito fi reuochi la licen¬ 
za, e fi caftighinoi delinquenti con la giudiriale, 
ouero con la fraterna correttione : ò almeno fi 
prohibilcano in tutto, e per ièmpre le Actionigià 
recitate, e giudicate olcene. 

Da vn grauilfimo perlbnaggioholàputo, che, 
pochi anni fóno, fi recitò in vna principalifiìma.* 
Città d’vn S.egno vna Comedia tanto ofcena, che 
il Configlio Reale comandò, che maipiùfirap- 
prefentafie; Comando inuero lodeuoliinmo,e 
degno di publicarfi, e praticarli contro tutte lo 
©leene Rapprclèntationi. Hora io qui conclu¬ 
do. 


tvnto tbk zo: 261 

do, e dico, che fe il Superiore pre/criuerà à (c ftcflb 
Tofleruanzadi quelli 3. Punti, formerà, credo, 
vna Modcratione,nè molto lunga, nè troppo bre- 
ue : e /però, farà funiculus triplex , vn triplicato, e 
forte legame alla sfrenata libertà de’Comici Ofcc- 
ni 3 accioche fi frenino dalle turpitudini, e fi rilbl- 
■uano di atteggiare dentro i confini deli’honello 
infieme,e del dilecteuole’, fenza mifcuglio di ve¬ 
runa olcenità . E quello è il candido giglio, che 
gratiolàmente fiòrifee nel giardino de’ Comici 
virtuoli. 

Chi sà dilettare in fienie, & allettare con le vie¬ 
ta, sdegna d’elfcre llimaco vn mendico Lenone 
di turpi diletti, e di vituperofi allettamenti .• e per¬ 
che intende, che molti lèn vanno al Theatro per 
riceuerdiletto,e dicono con Seneca. InThe 4 - «p 
(rum volup tatti caufa ad deleédandas aures oratio^ 
ne , 'oel voce, vel fabula ducimur, però egli procu¬ 
ra di dar loro diletto puro .lineerò, e virtùofo, 

P V.^N r O QJJ A K T O. 

Sefi debbano punire i Comedìanti , cenando mtLs 
oferuano hp-efcrittai enecefjaria 
dModeratione, 

a. 

L troppo rigor del Superiore Ecclefiallico, ò 
dei Principe Secolare,non è vago fregio me- 
rutuole di vera lode: il goucrno troppo Ipinolb 

C c reca 



2C2 CAPO Q^JXTO. 
reca trafitture troppo pungenti. Fà fonar le trom^ 
be a’ feoi vituperi» chi goucrnando ambifee U 
vanto di foiierchia rigidezza, e di vna certa feuc- 
. . rkà, che può battezzarli col nome di crudeltà .* 

lio.S. in 1 ^ • • ir 

pc loc. ^lerumq, (erme S. Gregorio, m *\ìlctfcendk vitijt 
crudehtas agitur y 6^ iuHniti putatm^ E tale cetw 
to fimQftra, quando fi fulmmana rigorofo lèn- 
tenze,.e fi piombano alpri caftighi, oue fi può 
pafiare il tutto, con leggierczza di pena, ò con fi- 
lentio dipermiflione. Vero è, che per schifar lo- 
fooglio, non fideuelpinger la naue neiràrenot 
voglio dire; fi deuc fuggir ben si il troppo rigoros 
ma fuggir anche li deue la troppa dolcezza, nè 
quella fogge, chi via la Permiflìone tacendo, e 
non la Punitione calligando,quando l’errore me¬ 
rita il calllgo.. SApe ritenti dcinmamm peccati! y 
foriue vn moderno,& allude al detto del Reai Pro¬ 
feta.^ alieni! par et fermtao.. Et aggiunge 
A^fforilTe S. Bernardo. Accedtt ad filici tu* 
dintm meam : cum et meam, (A proximi confitene 
tiamfiruare necefie fit * neutra mihifatis e fi nota: 
exigitur À me 'utriufqi cuftodia. Cioè chi gouer- 
na altri à corregga , e cuftodifeanon fololè, ma 
gli altriancora da’peccati. 

Non eft crudelita!) crimina prò Deo punire, feti 
pietas, diceS. Girolamo. 

j.,dePro E Saluiano. Poteflas, qua tnhihre fielu! po* 
quajìprGfat, dekrefieri > fiiciempatiturpert 

' ' pur art : 


TVNTO QVy^KTO. 20 Ì 

petrarì : in e$»iu>s tnim manu eji, 'vt prohihat, iu- 
ketagt tfi non f rphtket aimtti, E S. Fulgenrio» .wt 

JFirmat erroremy qni terrore ifiu tepore pe^fas 
filendononuftrMit'ueritatetny 

E S. Valerio dilcorre grauemente in proua di ^con. 
quello.' & oltre Falere cofe riferilce que' Verlì, guu.7 
/pfe iféerenefas , quìn ipfeprohAturamare , 

prohihere 'vale/, nee prohthere volte . “S 

Ecpndude.chefifàreodelmedefitiiocaftigo, 
che merita il delinquente. namq, cenfemr, sjp-j 

*vtycum quo partmpae errorem, aternam retnbu- s»i- 
fionis cum eo fortiatur vltionem , 

Et il Sinodo Pillenle. ^on ejì liher à conferì fu, 
qui xquod emendarepotef, emendare negligit,qua~ 
propter fine dubio peccati se participem ficit . E 
qui vale la regola. Quitacet, confentire videtur. rtó$*fn 
Ei’auuilòdi S Gregorio,’ Confnttre videtur er- . 
rmtiyqui ad re feconda,qua corrigi dehent, non con^^ 
occurrit, Horluppofteqi* elle molte autorità di 
tali ,e tanti Dottori, fifa luogo al prelènte Punto. 

Si deuonopunireiComedianti, quando non ofi 
fcruanola prclcritta, e neceflaria Moderationo ? 
onero può il Superiore lafciarcorrere lenza impe¬ 
dire , e lènza punire, e così vlàre la Pcrmilfiono 
in quello cafoj come fi via lecitamente in altri an¬ 
che peggiori ? 

Rilpondo r. In molte Città ho trouaro, che fi 
preferiue a’ Comici vna breue Moderatione ; tn à 

Cc 2 elfi 


I 


504 CAPO QVAKTO 'i ^ 

cflì poi non la offeruano : & i Superiori non cerca¬ 
no d’informarfi della tralgreffione ; e pure potreb¬ 
bero,* attefo che la prelùntione c contro i Comici 
ofceni 5 ^fernet matus femperprajumitur malrtsi» 
E però i Superiori non fi douerebbcro fidare : ò al¬ 
meno quando fono informati da perfonc zelanti, 
ò dalla publica fama, doucrebbero procedere agli 
atti della meritata Punitionej è pure non vi proce¬ 
dono molte volte :anziinvna Principal Città vn 
Theologo di qualche credito mi dilfegià in difefii 
de’ Superiori Ecclefiaftici. 

La licenza fi dà a* Comici di far l’Attioni mo* 


defte: eflì le fanno olcene:iI Superiore non sà , 
che feguano tanti peccati ne* debolidi Ipirito: £c~ 
clefì^ non iadicAt de occttUis $ la Chiefa non giu- 
. dica intorno alle colè occulte .* & i Superiori pru¬ 
dentemente lafciano di fare quefto giuditio degli 
occulti errori } e però non procedono alla Puni- 
tione de’ Comedianti. Così diffe quel ProfelTore 
diTheologia:mà fu detto veramente poco fon¬ 
dato : come può da fè ogni buon Theologo fàg- 
giamente giudicaretimperoché non occorre per 
quefia incidenza delle Comedie ofeene far giu¬ 
ditio delle colè occulte ; batta il farlo ,c fi deuefa¬ 
re, delle cofe patenti, e manifette à tutto il Thea- 
tro 3 cioè delle mortali ofeenità, che gfimmode- 
fti Comici dicono, e fanno publicamente sùla_, 
Taccia di tutti gli Spettatori 5 e dalle quali, sa ogni 




prN7o 5 P^ATi To: ?of 

pradetlte Superiore, che (èguono nc* deboli df 
virni moki peccati j e però deue rimediarui con 
opportuno ,Òc efficace prodèdimento, vlàndo la 
Bunitione . Si può dire in quello luogo il detta 
di Giulio 3. /» Qoniìtt. Cum Accépimus (fc, Non 
permietitur aBegottoproprix ignorxnttx , 0* culpx 
ahenx. Altrimenti feguirebbe con facilità errore 
fi m iUts , qui fetre yt^ curare per fe ipfòs dehent^ 
ignorantiaproprioyculpap peroni t fere tur at- 

legaùo, 

Dico di 
tus indi 

fiubdìtorum, quorum fanguts de manu ipfius requi- «<'• 
retur i ita € 5 * tilainquirereadcorrtgendum'y nam .^^ 
ìncumbit tilt ex affino fupergregtm fuum vigilare} st ’ 

tnfirmttatìbus eius reme ita adb bere} non tan¬ 
tum cum ilUs certo nomtì fèd etfàmcUmtllarunL» 
habet indiciat qua dent et occ^fionem timendi: cioè. 
Aggiungi, che, come obììgo del Prelato fi è, cor- 
reggerei peccati de’ Puoi Sudditi, il sangue de"* 
quali richiederaffi dalle lue mani, fecondo il pro¬ 
fetico auuifo di Ezechiele 5 così dello ftefib Prela¬ 
to il debito vuole, che egh facci inquifitione de* 
peccati per correggerlii imperochc i’incumben- 
za dell’officio Paftorale richiedeil vigilare per laii» 
faluezzadelgrcgge,& il porgere buoni rimedij. 
alle di lui infermità , non fblo conofciutecon cer¬ 
tezza ) mà anche con que’ foli inditi], che gli por¬ 
gono 


piu con Reginaldo. Adde^quod 

fènetur , vt corrìeere peccata Cuorum 


3^ tAPOi^^VARro. 

gono oecafione di temere. VtrAddóiriti^ eR^ 
{crine^ P.CJordopo, frAc^ptum hoc (Mlgare om-^ 
5.}^ MUemefltmagìs kie Mgm S/tpermes, 

^ PruUtoSt nempi non tmmm exmt/ericordùil 

om ^ - * 



Rifpondp 2 II Superiore lòdisfà con bafleitole 
prudenza ali’vfficioi ecoicien^afila. men^e {ire- 
gola in quello cajb.iècondo la rilolutione appro- 
naca vniuerfalmente in vna piena cófulta di hao^ 
mini vir tuofi, pratici, c dotti. 

Non è auouo l’auuilò a* Superiori Ecclelìaftl- 
ci » 5 c a* Prìncipi lècolari, che dcuono fèruirii del 
confi^odi qualificate perfòne.per concludere» e 
decretare ottime rilblutioni. Scriuc per accon¬ 
cio di quello,, c per moftrare Pobligo loro a’ Ve- 
E;oui di configliarli vn Moderno , e ralente Dot¬ 
tore in quella maniera. 

A Gregorio admonentur Sptfcoptgraucs^exper» 
fofji *viros fuis confìltjs adhétre c. tfioie i. /. 
Qmdt €5* habemustn Concilio Laodicenfìy •vtm c. 
RJto. dtji, 9 5. Vbi Clof. verf Inuideant. dicit » t^e 
orgumentum contri Éptfcopos, qui malunt habert 
ihtter^tos, quàm litUratos circu fe, Et perpìura 
perpauitur Genuen inman.paÉor r. aa. riu i^. 
6tab eodem Greg. corrip 'mntur Eptfeopi, qui negli, 
gentes , 65* defides extfìunt. Et quod dici grauius 
e^,qui con film Sapientum,^redu fuadentium non 

, ■' " /»/«- 


ffnto qvakto. 20 f 

fofcif^t ì per fe ne^fueunt aftenJert , aie 

eàteroftlnm po^ntaddijcefe. C. Feneenti. dtfi. 84, 

Laicào il relto {cricco dal Ikdetco Atìtorc per 
csonfcrmadi quello Punto i^dc aggiungo ii poco 
Bocacoda Bartolomeo VgoJiuo. ybtCQmetdure- De o& 
cttandAfmtymJpmendumeJi, necontraim&smo' 
m fmt : tdquod m pnmts erit l pìfcopi munus: non 
folum entm potejìatem haéet f/^pra peccatum ; fed 
ettam *vbtpeccati perù n lem ejt. E obligo dcU’offi- 
cio Ep lcopale vedere diligentemente, che le Co¬ 
medie, che deuono réeitarlf, non lìanopregiudi- 
ciati a’ buoni coll limi .'perche il Palloc delle Ani¬ 
me tiene poteftà,non lolo lòpra ilpeccato, ma di 
più ouc fi tioua pericolo dipeccare. 

Dunque, dico io*, quando! Comici procedo- 
nocon ofienità nelle Kapprelèntationi, cagio- 
nandopericolimortaliàmokidtbolidi virtù,il Su¬ 
pcriore EcclefiafiicO deue,le può,fienarli elfica- 
Cefffcstttc eoa ìa-'Punitione. 

Ma veniamo a^ Principi, a* Gouernatori, 6c a* 
Magillratì Sceolarìjpoicheda elfi principalmen¬ 
te dipcndonoiComediantiin molti luoghi. E qui 
ricordiamo quello,chehàfirittovitimaroente lo 
fteflb Dottore. 

Adda! ^ Frincìpem debere confutere doBìontl 
nec eos attendere, qui FrtnctpU ^mantur •volupta- 
tcmt (^ debet Confultov in piena làertate relinqui, 

*uthbitcdtcOittquicqtiid^entit . Vettìmaduerten» 

dum 


208 CJPOQVJKTO: 
dufft* ^fuòd huiufmodtConjultores cdlleant èiydé 
quthus tnterrogantur : quid mtm meri fcholafti<i 
cus cummorétbus poUtifisì quid poUticus, 
qui *vtx •vnum, aut alterum Itirum emluit , cum 
tnoralibus ? cioè. Deue il Principe , e molco pia 
gli altri Superiori di minor padronan2a (ècolare, 
rcgolarfi col eonfiglio de’ più dotti s nè mirar co¬ 
loro , che profelfano di elTere cacciatori làgaci del 
guùodel Padrone:6c i! Configliere deue godere di 
piena libertà.per liberamente elporre ogni Itioièn- 
ib : ma però auuertalì, che, chi conhgha, habbia.» 
vna perfetta contezza di quelle colè, circa le .qua¬ 
li h richiede il lUo coniglio : imperoche lo IcoJà- 
ilico puro poco praticoli è degli affari politici : & 
il puro politico, che può Papere de’negotij di mo¬ 
ralità, e di cofeienza? 

Ciafeun Principe Chriftiano llimì dato à fL» 
l’auuifòdiS. Agoftino. Elige tìbiConJìlìat hs bo- 
nor, Deum tmtntes , €5* •verttatem amantes : [Ape 
enim A dulatores bianda facie decipiunt ammas aum 
dientes[e , perpetua mortis laquets intertmunt • 
cioè Eleggete per voflriConfìglicri huomini vir- 
tuofì, che temano Dio, e che amino la verità3 per¬ 
che i Confìglicri adulatori fpefle volte con vna_, 
faccia ferena, e lufìnghiera ingannano le pc rione, 
che danno Tofccchiea’ configli loro je le vccido- 
no Uringendole con i lacci di vna perpetua morte, 
io noto quella parola,con la quale lì può forfè 


in- 


tv:k^o 20 9 

intendere, che S. Agoftino non tanto proponga 
vn configlio, quanto ehclpieghi, & intimiynprét 
cctto 5 e co^qualc noi horadiciamo, cheil Princi¬ 
pe è obligato di fèruirfi di Cbnfiglieri idonei alla^ 
comune, c buona a tnminiftratióne del fuo goucr- 
no,altrimcnti commette peccato^ Vrmctpfj pec^' 
f4w/,icriue il P; Cordono ,yr mn Mhthni ad deli\ nfcj’ 
beranium de rebus cùmmHntbm mr&sìdQneosx f^ àtf^ 

pmulant Subdtiorumfitgtiia pubica jfS prafirtim 
Reiptiif, B^li^onmotim * \ o ; ^ - 

Il P. Cornelio à Lapide ferine .à comendatiorie j;, i^f.' 
de* Principi sani ji Prmeipumpars 

tfinonptrua , fapientes haberey^(equi Corifiha^.^^^' 
rios . kfio emm ftt Princeps fapienitjìpmHS p de fm 
fententtd omnia gerat, (ùperbitm hunc ifidicabo mdA 
fiSt quàm faptememltnquie Liuiusl. q^- Ita Alt* 
X^nder habutt CaOtShenem t Sctpio Panetium , 
pofybtum ; myiuguftus Areum , ^ ^Athenodorunt^ 
^Dautd NAtban; Ioas loaàa; Cyrus Danieiem: Ari 
taxsrx s Sfdram, Nehemiam, fum ‘vt ornamen-»! 

fa, rum nìt adiumenta Re^ni. Hoc Vlt^ispptms: 
•voluisapud pfimerum , cum Mìneruam» idfjì Pru-i 

dentUmpc affatur. 

• Af qui ego ific mhìfìc Ajp(las , cafia Diuay ■ " ^ 

• Vel tercmtum cantra hommes concurrere pugna r 4 \ 

Aùfmftefretusconiiteò Dea y^adiutrìce, ■ ' I 

Qacftiduc Autori ci auuifàno colè molto impor¬ 
tanti j poiché ij primo dice, che iPiincipi peccalo,* 

. 5 ■ Dd fp 


jio CAFÙ QVAKTO. 

fe non filèraono di buoni Configlicn per la publt- 
ca felicità 5 e fe diflìmulanoimanifeftt, e publici 
peccati de* Saddici, e naadìmamenceinociui al 
ben comune, 6c alla Religione * ^ 

Et il a. nota ,chc non è piccola parte della là- 
pienza de* Principi , che habbiano appreflb di fe 
huomini forniti di fapienza, iconlìgli de*quali le- 
guano» diligentemente : imperoche , dato che il 
Principe fìa fàpientiflìmo,fè egli vuole fare tutto* 
le cofe regolate col fuo parere, fi farà,dìcc Liuio» 
giudicare per vn perfònaggio più tofto lupeibo,. 
che fapiente. E quindi leggiamo ,c he, per orna¬ 
menta del Regno, e per aiuto, Alcffandro hebbe 

Call fthene per fuo Configlicre 5 Scipione hebbo 
Panetio, e Polibio > Augufio que* due Areo, óc 
AthenodcHO 5 Dauid hebbe Nathan > Ioa loada „ 
Ciro Daniele 5 & Artaffcrfc hebbe Efdra,e Nche- 
mia ► E quèfta veritàefprefie cop ipoetici colori il 
Grande Homcronelfiiofamofo Vliffe , mentre lo 
lapprefcntbcoraggiolb combattente contro vn-r 
nùmero grande di nimici 3 perche era aiutato, c 
protetto da Minerua , Dea delia Prudenza. In 
lemma il buon Principe hà bifogno deH’opera di 
buoni Configlieri : & io ftirao v eriSma la fènten- 
zadelPEmincncifiìmo Signor Cardinal Bcllarrai- 
!ul£ no^ Grmiffmapma Frincìfumelft quando Deus 
permtttìt dtcìp’iantur d mahs ConJIti^r^js, 
E' grauilfima pena de Principi, quando Iddio 

per- 


TVNTO QVjìKTO. 211 

annette » che fìj no ingannati da camui ConO* 
glieti* 

AGGIVNTA 

£er queft4 materia • 


F Orfe giouCTa alla preiènce materia de* Prìn» 
cipi,cde’loroConfigliw ladnplicata nar- 
fationéjConla quals. ipiega due cafi occorfi nel 
fècolopatfaco LodouicoZacconij e però io qui Ji bro ma 

,. * ^ ^ i r * ^ j nurcrit 

Togiio aggiungere con ia apicgacura viaca 
queir Autore. Puc*^ 

Vn Screnilfimo Principe,bramando, dice egli, c.<ì. 
Pubenttarein alcunibenÌTÌcadutiad vna Vedouas 
«non valendo far cola ingiufta, lècrecamenrej» 
feriffe in Francia, in Bologna, & in altri luoghi, 
per (àper quello, che le ne diccua; onde, dilpucar 
co il calo, hebbe da ogni luogo, Come delìdera- 
ua ,la rilblutione. 


Veduto poi ciò, che quei confìglihaueuano ri- 
Ibluto .non li fermò, e conferì il calo con i ruoi 


Configlicrlrefcnzadirecolà alcuna delle rilblu- 
tioni riceuute da altri, impolè loro, che vedelTero, 
e ftudialTero ,perdirne rilolutamente ciò,chene 
lèntiuano. Tre erano i Configlieri 3 e quando fu 
il tempo di {piegare il fentimento proprio > due-» 
diflero,che il Principe poteua benillìmo,ccon_> 
buonillìmaragionelìibentrarein quei beni. Eli 

D d 2 moC- 


-r -r 


2 12 


€APÒ 

tnolTero à tal rifòlatione, non perche la ragìonf: 
così dettaffe, ma per fodisfarc al Sereninìmo, che 
jfì moftrauabramofb dìhauerli,mali voleua con 


qualche ragione. 113 'CÒnfigliérc non rilpofè> 
cofa alcuna. Et il Principe vedendo, che egli con 
gliocchi fidi in terra rion parlaua, gli diffe. E voi 
che he rìfolucte ? Quegli ricusò di (piegar il (ùo pa- 
f ere . dicendo . Q^eftì Signori hanno detto aliai ; 
ac il mio parere elfcndo lontano dal loro, io, co^ - 
ine (òlo, non lo dcuo dircrper non farmi giudicar 
fra gli altri, ò fciocco, ò fingokrc. Et il Principe 
aggiunle. Anzi sì , voglio, che voi lo diciate. Et 
aftretto dal comandàrriento lo diflfe in que(la_> 


forma. 

Signore voi non potete fubintrare in quei beni 
per quella, e quella ragione, ( e le (piegò) le qua¬ 
li fecondò il giuditio mio lòno molto buone, e 
prouanoefficaccmcntc. 

II Principe, vdito il parere di quel 3.Conlìglie- 
re, tófto lì Isuò da sedere, llracciò colcricamcn- 


tevn foglio, che haueua nelle mani ,•& entrato in 
vn’alcra camera, lalciò i Configlieri pieni di con- 
fufione, c di marauigUa . AlPhora quei due, che 
haiieuano configliatò , che ilSereniflì'no poteua, 
dhTero aiterzo .dopo il detto di cuiquel Signore 
lì era partirò da loro in collera. 0 .ì voi potcua- 
tc puredir, corno noi: Dio vi perdoni: non viac- 
eorseùate, ciVl Piincipe così vuole ? Voi vedete 
. : ■ la 


TV^^O QVAKTOy arf 

]a-^a intenticele jcranaatcà contriftare > A quc< 
ilo auaiib rì{po(c rhaomo fàggio V Signori io fò-' 
no qui, per con figliare il giuito.-c non hò detto 
cpfà, che io beniflìnio non la pofTà prouare. Po» 
co dopo quei Configlieri partirono da Palazzo rK 
tirandofì eiatuno alle proprie occupationi: mà 
quel terzo, penHindo, e ripenfàndo bene iosde- 
gno dei Screnifli aio,difègnaua dimandar licenza, 
c partirfì dalla Corte,temendo, che la fèruitùfùa 
' non tilde per efTcce mai più grata nelPauùcnìre. 
ih mentre thè egli ftaua sii quello penfiefò ^ e su 
quella pratica , ecco che il Principe lo manda ì; 
chramareiòtandatofubicoodedalui. Ebèfìcte: 
Yoi pai in collera ? Et egli. Io non hò cagione ò ' 
Serenidiino di edere in collera j mà ben mi di^ia>c 
ce pur’adài, che il parere mio non habbiafòdisfat> 
to punto all'Altezza Vollra. Et il Principe ^ An*v 
zisì , hàfodisfattò. Hor lappiate, che io npnheb* 
bi collera d'altro, fè non perche, hauendpio il ca¬ 
lò, già difputato,e rifòluto in mano,& effendo, 
come voi diccfle, gli altri diie haucuano detto li 
flranatnente. Haueuo ilabilito nel mio penderò, 
quando voi ancora folle dato di quel parerei dii 
mandarui quancoprima via tutti tre, per mollrare 
a’Con figli eri, come fi debbano configliarc i Pria- » 
cipi ; ma già che voi, rilgiiardando lòlo il giudo, 
m’liaueteconfigliatoil-douere,fatc intendere da 
parte mia à gli altri due, che noanu vengano più 

in- 


I 


é 


> 4 


*r4 CAPO S^VARTO. 

innanzi i e che tra tanto tempo^fì leuino dallo (la* 
to mio 3 perche non voglio appreflb di me perfb* 
ne^ che mi con(ìgIino iècondo le mie voglie > òc 
intencioni, ma fecondo il douere ,e iècondo 
buone Leggi II fatto fi diuulgò pur troppo; e per 
Redolo me ne detti alquanto mi fù narrato dal 
proprio Serultore di quel Configliere. Ma (è noi 
ci vogliamo ben valere di tal efèmpio » due colè 
principalmentebifògna ,che noi vi confideriamo 
lòpfa,.!*vna (pettante al Principe, c l’altra a’ fuoi 
Configlieri. Quella, che al Principe i(petta ,fi è, 
che, nelle cole ardue,e diifiwultofè fia ièmpre be> 
ne d farle dilputare fuori dello dato da perlòne^ 
dotte, e neutrali, per così poterle proporre, come 
jfoogliate di ogni difetto d’interelTe, e dipàflìone. 

L’altra colà, che appartiene a’ Cdnfiglieri, fi è, 
chenon debbono mai configliare à v ©piacenza vn 
Principei ne acconlcntire, che egli commetta vna 
colà ingiudajpoicheil Princ!pe,le bene molte vol¬ 
te per voglia, òperintcreflc, appetilce, e vuole que* 
da cofa ,ò quella 5 con tutto ciò egli tienei Confi- 
glicriiaccioche lo conliglino benc5 e non perche 
lècondino la di lui opinione, & adherilcano al luo 
male. 


Sin quiilZacconi nel primo calo, à cui voglio 
àggingereciò , che ricorda d’vn Principe antico l' 
Arciuelcouo , e Principe di Fermo, Monlìgnor 


Grò/Battida Rinuccini ne’fuoi bdliUìmi» crudi- 




TVNTO 2if 

ti 0 ìmi»e pijitìmi Dilcorfi. Mt ricordo, dice,dr 
vna beUiéioia rì£blurioae di quel Rè deU'Egicto r 
cheper giuocareàiidaua volécierì rubando,quan*^ 
do giimancauano denari. Codui, ftùnolatadaUa 
cofcic nza, ricorreua adiuerfì Oracoli, conféila a- 
doifiioi falli se nel (éntir le rifpofte olTcruò ,che 
da alcune di quelle Deità veniua alToIuto da'furcv 
màda alcun'alcre condénnaco. fn queRadiuerfì'^ 
tà di pareri Tingegnófo Principe fece fubiro legg^ 
che tutti quei Simulàcruche l’ii tueuano codenna> 

to.fuflcro come veraciadorati,& à qucglialtri,co* 
me Deità bugiarde,leuò afifatco radocatione.Ec io 
qui al narratoda Monfh» cfclamo. Oche bella Io- 

1 C7> 

de.emoltoconueneuofe ad vn buon Principe fi èi 
chcegli amile ribolle de'fuot veraci Configlierv 
oche {cacci lungi dalla fùa Corte, cpriuid*ògni 
honore quellr,che , allectait dal proprio inrerefle, 
s’accomodano al guRo del Principe nelcófigliar- . 
Io, enon ardifeono, ònon vogliono, riprouare, e 
condennarc le di lui maiìifcRe,& ingiuRc pretén- 
lìonr. 

E’ pur troppo vero, che alfe volte auuiene, che 

vn Principe vdendo, che vn CófigUcredàla ri^o- 

Ra conformcal fuo guRo, ne gode, c lo ricono» 
ice con honore , edonariiio. 

Narrali dìFederigo Barbarofla Imperatore,che 

caualcando vna volta in mezzo di due Dotrori 

'na,iichielè da loro la ri- - 

Ipo- 



Safonio 
to. 1». 
an.Chr. 


!>im BAVCr 



\ 

% 



fpofta à quello Dubbiai le ritnpcmtore era pà^' 
4 i:one dituteo il mondo, al qujie vno » detto Bul¬ 
garo* rilpofe di nò: d’altro, chiamato Martino, 
i^ofè di si i & à quello ri nperatore in premio 
della rilpolla à le gradita, c fauoreuolc, donò lo^ 
ftelfo Cauallo da in quel giorno eaualcato: on¬ 
de ne legai , che BulgaroLcon grana poi dicelTe. 
AmifieqHum, quUdtfei nquum, quod n.n ftit 


squum 






vn’altro calo, mà è calò fi ito da vn vecchio, au- 
toreuole, dotto,e principalìifimo Predicatore ,* il 
quale ihauendo predicato molti anni ad vn gran- 
i^lsimo Principe, vn giorno, per auUilàr lui, che 
fecondo iConfiglieri taceua cole ,che non douea 
fare jcper riprendere iConfiglieri,ehe lo confi- 
gliauano, non totalmente lècondo il diritto della ^ 
ragioae,màfecondo la volontà,e palsione prò- • 
pria diluii vn giorno,dico , mentre prédicaua in 
preftnza di detto Principe, e de’Configlicri,fia¬ 
le con beiParte di poggiare,quafi vinto dal lònno, ^ 
ilcàpo fopra le braccia, ò come le fufiè aftretto à 
trattenerli vn poco in ponderare qualche grande, 
& inlblitopcnfiero. E (landò così più deldoue- 
re, fù Icolib dal compagno.: & egli fingendo di 
hailer’ alquanto dormito, dimanoò perdono, & 
al Principe,& all’Auditorioiquali chefuflc reo 
d’hauer vlàto vn’atto di poco buona creanza nel - 

" cofpct- 


<TVNrO QVAKTO. ^ 

i^lpettoditaliperfonaggi. poi aggiunfè. Ma 
io lbnoàncht in qualche parte degno di perdono^ 
ó ciò dico, non per hauer hormaipredicato 30* 
anni alla preiCenza yoftra ò Signore, e per eflcro 
già vecchio, come vedeogn’ vnó j ma jierche non 
bruendo io quella notte dormito à iùScienza.,, 
iiiìhàa({alico »„e vinto il iònno, quando io meno 
yi penjfaua, Horsù hò dormito vn poco: mànoiti 
yóglipthpra maàear di direin publicqciò ,che hò 
yedufQ, in fègteto,, e dormendo. Pdreuami di 
ctìereiin Vn mio viaggio, e divedefe, viaggiando» 
y n a gtan turba di Uernon ije poi v n’a 1 tra, & a n^ 
cora vn’alcta .che fotmauano tutte va’ordinata^ 
proceifione, dietro cui Icguiua molta gente : e mi¬ 
rando iò*-io. che li£aceaa',viddi molti,che pri¬ 
ma' haueuo conolciuto, òc altri, che di prelcnte 
c anoico, e diflì tra me ttcflb. Ohimè, che fignifi- 
ca queftoÌpettacolo?<^elli ,gìà vn tempo fà.lb- 
nomortì’:cquelli, che ancor vìaono,che fanno,, 
andando in frotta co i Dcmonìj ? E p sfiati quelli, 
viddi molti della Corte, nè li voglio nominare, 
ma non ne pigliai tanta marauiglia, quanta fii 
quella , che preli vedendo, che dietro que’Coid- 
giani veniuano i Configlièri voftri ò mio Signore. 

E per fapere ,doue andana no 5 e che colà far vele- 
nano,m’accoftaiàloro,dicendo. Edoue n’an¬ 
date voi ? Quelli, che vi vanno innanzi lòno De*> 
moni) : e quelli, che vi accompagnano. Cono al- 

E e irefi 


1' 2ie CAPO OyAKTO:^ 

-trefi Spiriti Infeinalii però mirate, doue n'an Jatcf 
'■< ciò, clic fate. Et eflfi rilpondendo mi diflcro. 
Deh lafciatcnc andare ,ò benigno , & amoreuol 
Padre 5 perche noi per li noftri cattiui confìgli,in- 
-tereflì, c paflìoni.cc n'andiamoail'inferno. Edet-^ 


to qucfto,camminaronoauanti, A guendoil lór 
viaggio ; nè fi tofto furono palfati, che io viddi voi, 
òNoftro Gran Principe, venire tutto addolorato^ 
c mello ; e vedendouì, mi vi feci incontro, e diP 


Ser» 1. 

de Na- 
<l\AiDÒ. 


iì tutto humile ,e riuerente. O' Signore fermate* 
Ili qui, fermateui : non vedete, che quelli le no 
Tanno ali’lnfcrno ^ Dèh lafciateli andare : & vdi* 
te me j che, elfendo vollro Predicatore, e tenen¬ 
do conto delPanima volita,come della mia, non 
li deuo le non dir il vero, auuertirlo, che non li 
/ègua, le non vuole trouarlì nell'etcrne pene,oae 
em milèramente làranno tormentati. Mà voi Si¬ 
gnore mirilpondclle. Non volete, che io anche 
iìa, doue Ibno i miei Conlìglieri ) £ qui appunto 
fui dellato dalmiobreuelbnno j òchoralèguo la 
prelènte predicanone lècondoPobligo dell’vlHcio 
mio. Et io àquello calò, e molto più al primo nar¬ 
rato dal Zacconi, inferifeo, che il Principe vera¬ 
mente salilo ode volentieri il parere de' Conlìglie- 
ri. JQj *4 ex T>eo ejì fapientta » scriue S. Bernardo, 
UlutAns e Si , non aùundans infmjenfu , fedalteno 
magts ac^uìens conlìiio: e lo prelc, credo,da queir- 
oracolo Apollolico, SapientiajquA deJurJumeji^ 


^VNrp QVAKTO, 

Ma non mancano Signori, che» 
come non credono queiranticp Aflìpma>»f«io 
[olus fdfts fapit , così non odono volentieri gli 
altrui Configli, portando ièmpre auanti gli oc» 
•chi della mente loro rimmagine del proprio pa* 
rete , come Antiferontc portaua l’immagine di 
ié ftclTo i e fono fimili à quei Principe, che per co- 
ftante certezza tcneua» e le ne gloriaua, eo fifjje 
ingtmo , vtcun^afua cxeqm pefeffententta , «//f. 

Ile fiperluadeua, che non egra • 
ue errore ilpra^clf,il modo, che tcneua colui, 
del quale Gorneljp ailuifa i Confiiijquamnis egre^ JJj 
gij\ qMo4tpfì nonà^ejAti i immteus ,0 a4tterfìis 
ftrttos pctfucaxv In fomma d sauio Principe, per 
non errare ^ non ildcgna^ d’vdire i buoni Confi- 
gUeri. quelli, fe fon buoni, dicono, con riue- 

renza sì, e lenza interefle, ma con libertà, e for-' 


rezza i loro pareri, conofoendo chiaramente la^ 
verità di quei Gregoriano , e Papale documento , 
/'tie e fi Confìliumt cutrobur fortuudmts decfi..H.ot 
qui ripiglio ciò, che Paddotto Zacconi aggiunge 
intorno à quel fogno dicendo. Con fi bella, e fin¬ 
ta vifione quel zclantc,e fàggio Prcdicatorcauui- 
sò il Principe, che auuertilTe molto bene à dar l’o¬ 
recchio a’Configlieri fuoij & anche auuisòiCon- 
figlieri à proporre i configli loro fecondo ildoue- 
re : perche, in quanto al Principe, lèi Configlieri 
per Pinterefle j ò per la paffione, vogliono andar* 

Ee « all* 




CAPOQyAKTO: 
alllnfcrnojcffo dcue moTto%en« auueitìre di ftòti 
volctandaruì. Quefto miè piaciuto di dire pet 
li Conj&glieri : onde riduco il tutto ih breuita, o 
dko. I Principi nelle cofe graui, c d^ìnrportanza 
jfaranno molto prudentemente, à non Ìlar(ènéi> 
a* ioli Confìglieri fùoi, mal 3 imamente doue irà 
rmtercfle delr anima propria s e ne (criueranno 
altroue s e iè dopo elTere ftato eiàminato bene, 
e rilbluto qualche calò da valenc huomini fuori, 
troucranno in Corte i GOnfìglicri piaceuòU, & 
adherenti alla loro cattiua inchnatióhe i li ca^* 


cieranno via, priuandoli della carica di cohiìglià* 
re ; per.>he al certo di rado, per non .dire » iriai* 
buomint dì tal fatta daranno al'Principe coni¬ 
glio buono, e regokto iècondo il bene delP- 
cterna fa Iute. I Configlicri poi, le vógliono dar* 
ottimi configli, fi Ipoglino prima dilpicgar la^ 
loro lentenza, d’^ogni tncereffc, e paflìone :e noti 
pieghino mai, dòue mirano il Principe malamén¬ 
te piegatòsà Itr imenti a Ipcttino e flì d i clfere accòrti- 
pagnatida’DeiriOnij airinfeliciflima pifgmne dell* 
Inferno fecondo la propofta di fòpra,. e deferitta-» 

proecflione » 

Io dal Zacconi, c da* fuoi Ipiegati raccoti poflò, 
credo,in ferire. Dunquedifsìcon ragione fili prin¬ 
cipio della mia rilpofia s e quiloraffermo,che.» 
il Superiore nel calo delle correnti Comedie Ibdis- 
fà airvfficio fuo, e fiiacofcicnza, r^olandoficon 

.. .. li 


tvnto 

5t C<MÌfigSc^^»>ha<E>m*ni virtuòfi » pratid,fe dotti: 

Hota ^écificacattirèfeiè accon^ 

tìo è<d ©dbbid,e déi^a PeftìMfóonè. 

- R^fjiólido s.così loftinno la Pctìnilsiòncdd 
pèccacb de*C<vràiei offccnii fll*fckà> iìaJ 




ragioffeiO 

lnattH:a,e 




'*- 


Hò dettò : O che alienò paia'buona .‘perche^ 
^rne hel'cìllb» ift'ciii'fifòb^cdtibitai^.che coliJ 
iìcbba f^é ì che il Pèni- 

tSikè%lcbiiìrihe^!oVi» pi^àtOiiÈ tiOfn Io cònfeiTa, 

biaddtiiiìntédicbhti» 




e coli Cut- 

|{€nZ 3 ch^ ^ i _.xi ^LJk-_v::« 

pcccalb» nbh 
defeUu intef^ttAtts formaUi : con tutto ciò Me» 
gaia jcitato^jaloi^of CàrdijFmledéÈu^ par^ che 
tcègalà'feòtetìià'€ÒBctóbìa''^,fònbc PHnninén 
fimo» ciocithé |)ti^iìCòbfefIbre^ Talsolu- 
tione al Penitente, contìngerefoteH » quòd ^ 

^AniUTJt haéeAt caufam rationa^iiem , 
in fuA apprehtnpont X tAcihdt ilIud peccàtUm ^ ad »«** * 

njitAndùmuérbi gratta darrinum fuuni , •vel alteri- 
us^ . Solerte érgp fape Confefarim esciiitmdrt^ , 
quid Tanitens tìcYattonfili caufa id neget ifaltem 
eid^itiMta ji atqsadeonon ejle defed^um ftrmalem^ 

^ - ^ “ pd 


Zii CAPO QJ^AKXO: 

fcdfolum. ip^erUìemintegriutisrfqmltté. Cornei 
4icO) ip cafobafta yna ragione > che alme» 

no appaia Suona, e fia apprefa per Suòti^* così nel 
calò noftro può baftare per far,che lecita fia la p&r> 
nai^one dc| pet^cato de* Comici piceni; ma quap? 
do quellayipianchi, io fttmo, chefir illecKa aifi- 
iutam^nte, ' Et à quello rnVoiupuo per,li molti • 
ma breui Punti, e dìllinti nelle lèguenti Note, c li 
quali yorrcirchcfulferqpdorpfi fioridiìdpttripa-#, 
per reridcrcygpxitp j,, pcjG^qfi? il giardino, dell 
ChrMianai |^lod§raf^np.dql -iOi.cui 

odono pic:cnità,e (è E^tono mali odori di (coftpr 

matico^umi), & infcftid’impurità .tutto vicpcat 
gionajto da quc* milcri Comici, poco modelli, à 
ciaicun de*,quali couienoil dcqp di S- Pietro Chri- 
foldgo.. Sem fi iC^^us ffutrèdwA loca immunda^ 
ferqmrit , nefstt fétores àmttteri tffd mutare . 


' P;T 4.'-^.PjE. M ^ ^ 

Vuntit co 4juah fi riprcuA | come diecitA « lcLm> 
. ’ . Perm j^one delle comiche 

impurità, 

V Oce difaputaicrolgatilfima certezza c quel¬ 
la di S. Agoftino. Nullum peccAtum tmpu^ 
nitum: impunito non retta peccato alcuno ; e con 
ragione inuero ,*perche 1 impunità del cattigo Icr- 
ue di eloquente perfuafiua alla tra^rettionc de* 


promulgaci diuieti : c quei Supettóre, che cptnàn^ 
dando c difiibbidicb , fé iafcia inipunicoii delin^ 
óuence*par, ctìe lo ren^ audace ànubUb^rròre^ ' 
Adunque,qUandòfi è predricca a* Coitiicilalecie^ - 
faria Modcratiotìe , de non I-olTcruano ,ldrucciò- ■ 
landò nelle (òlice Oicenica « fi deUono cò^^gère ^ 
con la Punicione » e non toMeratfi con la Fcrmif- 
fione^ '* ■ . - . ■ ; 

Io potrei con le (ble'ròfè, colte nel rofàio de* 
Santi Padrivcomporre la ghirlanda à quella veri* 
tà.-Potrei'dfreGotfCelàrio. Nomjuéutdmproprie 
mea, hùtaifi pr cfirum j fed ^Àcumtji cUrotunL ^, 
ie 4 torumijsPAfrfémprata peràgràhs ydé'iilorum 

rofeto collegi,qttóruM rofé aéfm ÌMtert Dèiy àcXlèr-- ' 
ìeit cfHod camem affumpftt , manétme ngàntur .Ma 
io voglio aggiungere alle rofe de* Santi Padri Ie> " 
viole, i gigli altri fiori di‘rtìolti Scrittóri, eia- - 

Cfi, e profani/ét antichi, e rnoderni ; e Voglio Ipe* 
rare, che Ara accettato per vero il mio parere, fon- 
datbsnellcdoctrine, e ncllé-ragioni di tanti per/ò» 
naggi, e tanto addottrinati , & accreditati. 

Dico dunque, la Permifiione de* Comici tra* 
igrefibri c illecita per quelli Punti. 

/ Così vogliono le Leggi Imperiali. Giacomo ' 
Simanca , Vefeouo Pacenlè, pòrta la Legge di 
Theodofio , e di Valenriniano lib. / j. Godìcis i. *.& 
Theod. tir. 5. oue fi parla con tal forma. Prafeat KU; 
Vrl>mm non Indisfumptuop onmnt Ctuimestneq} 


iÌ4 Cd?Q 

'rnhonefium m puliti 
€ts Sfe^cniisa^ipermittant, 1 FccIqc^ d^ik Git- 
tàn<^ip^aggr 4 U^t^o coai giuochi d( molu Ipcù; 
p^fljjetcftno^He 9 ip! pubiici SpcctacoIifiÉicci 


tuV<k* 


cofa akun«icurp«iingiUriofa, oidishooieda. Oudp 
(ci Comici la faranilu^kiiod deuoao cdibpc impunU 
tiiccoadotralkgaca L^ge^c fecoiido Tauoiio di 
quelfamofoGlofacorc,che fcrtlTe, Non mpunìk 

Chi big^niaail'Sup^rtQPe,rió goda 
ÌillpU0Ìtà;:<4/pj^|i!?:/ 1,7 

a» Cp^i?4aok>k')^ona>^ÀHtlotclicà;^ohtica.' 
Àùftptik poccacoid^ (ùdd^tpo Simanca h 9* do 

R,cj>.c. aik fcfuje,- » ’u^/ vft}lor\ 

rkv^ fitenh 

*u^benkt*ipt*nmi Se alcu lOt. on à ito, ò i. bni^a x*. 
to (àravcdutoxra^iclfore dc’ prclirittiA rUinr>,,bi-’ 
(ògner^riia caftigato , c punito con battim oiv 
Equc(laT|^na iì addaua al dorlode’ Comici Oice« 


3. Menocchio neirAddit.cir.a 1 n.22. comìn» 
eiaà numerare le pene conilicuite pmdentemen- 
te,egiufl;amence contro idtshonelìi Comediantii 
c le riftrìnge in vn Catalogo di dieci (òrti di Punì- 
rioni. Leggale, chi vuole, e credo ^ riptouera 
Permiisione delle comiche impurità.. 

4. S. Paedo a’ Romani c. /. dice . Dìgni funt 
morte y non folttm cjut ea facìmt, fedtjui confenti-. 
mt faaentil/Hs, È nelladi(b s 3iC> error. il B. In¬ 
no* 


V 


vv.^To qvakt:o: >225 

ttocemio auuifa. 6rròr , cui non refijìiiur, appro- 
htitur , ^5* ueritas , cum non dtfendi tur , oppr imi- 
tur: negligere quippe» cu m poffis detur bare peruer- 
foSt nihil ed aliud , quàm fouere $ nec cartt fcrupu- 
io jòcieUtù occulù > qui mmifìBo facmori , cum 
potili , defìnit ohuÌAre ^ E vuol dire S. Paolo, che 
fono rei di morte, non fblo gli Attori de* peccaci, 
ma anche quelli, che preilano loro il proprio coii- 
fenlb : e tale fi è quel Supcriore, che non punilcc, 
roà tollera ,c permette gli olceni Comici 5 poiché 
la tolleranza, e permilfione diuenta vq tacito, o 
virtuale confentimento al peccato dcirOlcenità. 

■Il B. Innocentio poi figuifica, che il non refiftere 
ad vn'crrorc può nominarfi approuatione errate: 
celie quando la verità none difeià,rimane inde¬ 
gnamente opprefla jpoichc lo sprezzare di punire 
i trilli, potendoli punire, altro non è, che vn fo¬ 
mentarli : ne viue lènza rimorlò di occulta parri- 
cipatione colui, che può opporli, e firitiene dall* 
oppofitionecontro vna Iceìcraggine manifella.Ec 
aggiungo con il P. Baldclli. Siquidem crtmtna ìV 
reàè dtcntur ih committere » qui» cum poffìt emen- 
dà re , non corrigit. csp. Pritterea 2 j. quefi. g. 

Le correnti Olcenità del Theatro fono errori, 
e peccati manifcHi .* dunque deuono vietarli per 
l'addotta Ragione Canonica, c Scritturale : & an¬ 
che per auuilò di Moralità : poiché Seneca in Tro- 
ad. Ad, 2. dice, jgW vetnt peccsre, cum pop. 

Ff pt 


*2 6, CAVO QpAKTO v. 

fit.i iuht* Chi può vietar, ne vieta il peccato,fa 
eomanda. E Filone centra Flau. F:riuc. Qui 
c<^Jiigare , mt fàìtem cahtbere cum pojpt , non co- 
hihetipalam efì , tum pèrmmer€,ac peni mandure^. 
Chi può caftigare , ò almeno impedire yn dclin* 
qacntc > c noi fa, (cuoprc chiaro» die fo permette, 
e, quali dilli, lo comanda. E cosìpuò dirli coru» 
giuda querela di que’ Superiori,,che polTono con. 
la funitione caftigare i Comici dishonefti, ò al¬ 
meno rafrenarli, néfen, curano: certo che vfàn- 
do la Petmiflione, & il lilentia» diamio fondato, 
in.ditio, fe non di elpredò comandamento ,.alme^ 
nodiyitiofòconfentimento. ai, male? poichéle- 
, 4 , con.do.S.Bernardò. Siler&ycumérguerepojjisyefi. 
j ” confintire . Se puoi con riprenlìone vietar d male, 
e taci,tu predi conlenlb al peccato . Il Principe 
giufto, Icriue il P..Nkcoiò Caulino,non permec- 
deiìi ta il male j perche, come diccua ^gapiìó alPIm;- 
smw. p^atorc Giuftiniano. Commettere,e permette- 
mo“di ré ,x:hefic^i mettaiioi delitti, mentre iìhàpiena 
iiSoni autorità d’impedirglijèquàfi vnà cofa.medclima.. 
p^s Credo, clje il detto fin qui Baftcrebbe, per moftra- 
re illécita la Permiftìortó • màaggiungianio anche 
altro.acciochela batieria numerola,e rinforza¬ 
ta più facilmente Ipiani Póppofitione deli'inimi^ 
comuro: 6tacciocfeéi'Stìperiori piu fondata men¬ 
te conofoa no la necelfitàdclla Paninone, conia 
quale, dtuono caligati Còmici^honeftivper^ 


VVN^O 227 ^ 

che cagionano, che molti cadono nell'ifermità 
del peccato mortale, anzi nella morte, iécondo 
rauuifo diS. Buonauentura. ejì 

totipma infirmìtai » no fira efi mots : qui nuncpec- 
cat ^ ìncipit mori t vi completa morte pie^atur m 
inferno . - 

NOTA SECÓNDA. 

A conferma dello fìejfocon S. Tomafi. 

L *AppIicationc del rimedio ad vn grane morbo 
in ottima congiuntura liiole effcre»non folo 
buon fondamento di prefta fanità al graue infer¬ 
mo > rhà anche materia di molta lode al Medico 
giiiditioib ì il quale nondimeno biafimo non me¬ 
rita , quando fi aftienc.dall’ordinar medicamenti 
nuoui, non fperando alcuna diminutione del ma¬ 
le,anzi temendo maggioreaccrefeimento. Que- 
fta pratica vale ancora negli affari della moralità, 
e nel rimediare al morbo de’ peccaminbfi coftu- 
mi : & è conforme alla dottrina di S. Tomaio, 
da cui io prendo altri Punti, per riprouarc, come 
illecita la Permilfione de* Comici dishonelli s c di¬ 
co, lèguendo l’ordine de’ Puntilòpra notati • 

5. Punto .S. TomaioIcriuc. potefiprohh f; 

bere , non peccata fi à prohtbitioné abftmeAt» non * 
fperans correHionem , fed msgis , malum àf imans 
ex téli frohibitione occajìonemJitmere»' cioè. Chi 

Ff a ” può 


2 28 CAPO QVA%ro. 
può yfarela Prohìbitione,non pecca, fè non VvCa, 
quando non (pera correttione ,màpiii tofto oe- 
cafione di peggio con la Prohibitione. Adunque 
pecca ifecondoS. Tomafo, chifi aftienèdal prohi- 
bire il peccato, quando fpera correggerlo con 
Fiohibitlonejenóftimàdar^occafìone di alcroma- 
le peggiore. Nel calo delle correnti Cotaedicjt 
ofcene conila per detto vniueriàlei e per elperien- 
za, che la Ptohibitione corregge molti peccati*, 
nè da leifegue altro male peggioreidunque la Pcr- 
midtone detta , nonprohihitioms , che non prohi-^ 
bilce , è illecita al'Superiore Ecclefiaftica, ò Se- 
colarcv 

E con quella autorità , c dottrina di S. Tornar^ 
fo fi rilòlue vn Dubbio modernamente occorlò- 
intorno alla licenza data da vn gran Prelato. 

Vna Compagnia di oiceni Comedianti giunà 
ad vnaCictà principale delia Dioceli dimandano 
facoltà dal Superiore di far le Comedie.. Egli 
non la vuol dare, màpermette, che vadano per la 
Dioceli lenza prefcritea Moderatione.,e lènza PtO’- 
hibitione. Si dimanda .‘riè tal Superiore pecca . 

Rilpondoj ciie pecca perla dottrina di S. Tò- 
maio, mentre egli può prohibire lènza timore di 
mal peggiore, ccon lj^eranza di correttione. 

6. S. Tornalo dice. £ex humanA dicitHr ali^ua 
permittere , mn qmftea approhans yfed quafì e a di' 
ti^4re nonpctens'.. L’humanaXegge permette al-, 

. ' -. cuna 


7>VNrO QFJRTO. 229 

cune cofc, non qùafi che approui la loro iniiegnì- 
tà, ma quali che lìa impotente à dirizzarle al be¬ 
ne . Certo non fi può dire, che il neruo deli’hu- 
mana Jhegge fia così fiacco,che non polfa dirizza¬ 
re al fegno di honeftà, e di giocondità le olcene 
Còmedie r & i loro Eapprclèntanti : perche tal 
direttione non è imponibile, anzi è faciliflima à 
c hi viiòlé v ia re il modo, aut prohìMnonh, AUt co- 
hikitimts>aut punitionis, auPfahtm fraterna corre- 
òdiproliibitione, òdi cohibitione, òdi 
puniclone i ò almencr di fraterna cprrettione ». 
Adunque illecita è ia rcrmiflìone» 

7. S. Tom. auuilà. CprreBtopertìnemMVr&h- 
tosy qm ordmattir ad hmumcommme » ^habet 


s.s. 

c. 


( t»* 


•uim coaédifiami noif eft dmittenda fropter turba/- - 
tìoritmems, qui corripitur ytum quìa, fi propria^jt 
fponte emendari non lielitycogenduse^ per panaSyVt 
peccata dimittat : tum etiam quia jt incorrigtbtìì^i 
jf/, per hoc prouidetur bono communi 5- dumlèrud» 
tur ordo-iuftitiat €Sr vnius escempio alq dcttrrentur» 

E vuol dire. La corretcione Iperrante a’ Prelati,& 
ordinata al ben comune, e che ha forza coattiua, 
non fi deue tralafciare per rilpetto della.turbatio- 
ne di colui,, che vien corretto: fi perche ^Ib egli 
Ijjontancamente non li vuole emendare, forzar 
fi deue con le pene àlalciar i peccati: fi anche per¬ 
che, le quello reità incortigibilc, cosi prouedelt 
dia comune vtilitàj mciitic fi.olTexu^il giulto, o> 


con: 


2 30 CAPO ^ARTO, 
con Icicnapio di vno gli altri fi frenano dairin- 
gìufto, 

E nell’ a.?, ad /.l'addotto S.Tomafbnota del’!- 
la fraterna correttionc. {jrMUÌor^JI cura PraUto- 
rum iVtdicit Au^u^inus i.de ciuit* e. 9. Et Hit- 
ronymus intendit dicere ^ quoà adSaceriotes fpeeUm 
litèrpértintt. L’obligo difar la fraterna correttio* 
jicftringc moltopiù. i Superiori Ecclefiafticbcomc 
diceS. Agoftinoje S.Girolamo intende,che tal cu¬ 
ra fi conuenga ipecificatamente a’ Sacerdoti. Et 
io dico, che niun Superiore > anche lècolare, Ai- 
mar fi deue elTente dal correggere almeno frater- 
< riamente. 

Adunqueparlando noi de* Comediantiolceni, 
diciamo pure,che, chi è Superiore, non può la¬ 
nciare la correttione, ò coattiua.ò almeno frater¬ 
na, fe tali Comedianti non fi vogliono emendare: 
pcrche,cjhi goucrna, deue attendere al ben comu¬ 
ne, &:all’oireruanza della giuftitia: E quello du¬ 
plicato debito richiede la detta correttione, e per 
conlèquenza rende illecita la Permifiione lecon» 
do S. Tomafo, al quale aggiungerò altri Dotto¬ 
ri nella ièguenteNota, e Icruiranno di fbauilsimi 
Cantori corrifpondenti al choro della Tomiftica, 
& Angelica Dottrina 5 la quale {è vorranno vdiro 
con buona diipofitionc gli olceni Comedianti, 
Ipero, che fi rilòlueranno di praticar il documento 
inor. di S. Gregorio. Purgemus lugendófrius, qua feei^ 

muSi 


PVJ^O 

mus, poH confempltmur g 4 udÌ 4 y ijm quarta 
mas,. 

nota t e r z a. 

Si conferma con Autori ^omifi, 

, \ 

A ,L chiaro lume dì altri iliuminati, Se ecccl- 
lenti Dottori poliamo mirar più chiara¬ 
mente »e conofcere qu^efta verità : cioè che illeci¬ 
ta fi è la PermtÉionc de’ peccati >.c delle bruttez¬ 
ze , GXM le t^ali i Camici dishonefti infettano Ia_f« 
purità del Chrilliano Thcatro,enei TheatroofFen-' 
dono graùemcnte: molte, anime de’Fedeli poco» 
fondati, nella, virtù:. £ però, io qui aggiungo di 
quefta proua il punto» 

8 .. Silucftro. dice. Quscritur *. Vtrum correóSio Vt&il'. 
fìt PraUtis t» pr/Kipto. E.rilponde.. 
ficmdum. *rhomam. y omnes;Do^òrerJoqté€n~- 
do dt correBioae , qua e^: correStio ^ punittòi: 
quia fi SuhÀitm tamkm tmetm dicere Prelato 
• *utpmiatj etiamilktcneifirrcarrig^e pxccatum-^^ 
mamfefiamfitkpana aterna.montiSiCÀoèx Si diman¬ 
da Se il Prelato ètenuto acorreggere per oBligOi 
di precetto . Eia rilpoila fi da affermariua secon¬ 
dò là dottrina dì S. Tomafò, e di tutta la ichiéra-j^ 
de’ Dottori, parlàndofi'di quella còrrcttiònci.clic- 
corfettiotìe fi è infième, e puiiitiònc 5 perche fé ili 
Sttdtfito vìufld aftretto ad auuilar’il Prelàto^ ac- 

_ ^ .... - — - • w — ^ ^ ^ ^ “* 


2 32 CAPO (IVAKTO, 
cbchc punifca, anche il Prelato refta obligato al¬ 
la correttione del manifefto peccato fotto pena^ 
deU'eterna morte. Adunque il Superior Eccle fia- 
ftico ,ò Secolare dèue punire il peccato de* Comi¬ 
ci oicenì, che c publico, c fcandalofo • 

Ne batta dire. Il rimedio della correttione noti 
gloua al mòrbo di tali delinquenti. Perche fi ri- 
fponde con lo ftcflb Siluettro. 

Quàniocorreé^iononexpedit delinquenti^ ime 
loc.cic* forte noceti témen Commumtaù frodejl» eorrige- 

re tmeturì quia bonum Commumtatts efi meltm bo^ 
noifìrns . Si vero loquamur de correzione fraternay 
multò magis tenetur iquàm alij. St vero non corri-, 
giti €5* emendati cum poteB» mortali ter peccat . 
E vuol fignificare. 

Quando la correttione non gioua, anzi forfè 
nuoce al delinquente, ma gioua alla Comunità j il 
Superiore è obligato à correggere : perche il ben 
comune di tutti fi deuc anteporre albene partico¬ 
lare di yn folo. Màfepoi parliamo.della fraterna, 
correttione, dico, che ella e vn legame, che ftrin- 
ge molto più il Superiore, che gli altri j onde Io 
egli i quando può, non correggi » 6c emenda » fi 
fàreo di colpa graue, è mortale. 

Caietano dice,. Superior , quipotef obutartint 
somU Suhàitus pecceti ^fine rationabdicaufa nonobui- 

y^Perm. 


at, peccat . Etfimtliter qui potè fi punire , c ?fine 

fapermittitimpunitos,peccat .cioè. 

Pec- 



3 > VNXO. TO. 211 

Pecca quel Supcriore $ il quale può impedire, che 
il iùddico non pecchi » e lènza ragioneuole cagio^ 
nenonTimpcdilce. E parimente pecca, quando 
può punire, e fenza cagione ragioneuole ù aftiene 
dalla puniciqne. 

Hora io dico nel calò delle correnti miièricj» 
Theatralì, che il Superiore può facilidimamente 
ouiare à moltiUìmi peccati, non Colo dirn Caddi- 
to, mà di molti lUdditi, con leuare i Comedian- 
ti piceni : e li può caftigare per lo merito delle lo¬ 
ro Oicenità : dunque egli pecca uon ouiando, o 
non caligando, mentre non troua qualche ragio- 
ncuole cagione,’ la quale certo diihciliilìmamen- 
te trouerà, iè vuole « come deue, diluentemente 
ponderare Tobligo della iuapailoral vigilanza, 
per non farli reo della lèntenza del medeiìmo Ca- 
ietano , che aggiunge nel citato luogo. ilio , 

cui cura non eSi , an cues errenU non oportet folici^ 
tum ejjfè , iam iusUcatusì^, Non fa di me* 

lliere prenderli follecitudine di quel Superioro, 
che non li prende cura, le i Sudditi lùoi errino, ò 
nò i perche la lèntenza giuditialegià c data à lùa 
eterna condannatione. 

IQ. Bartolomeo Fumo neirArmilIa scrino^ v. per- 
^ermiJpQftccatorumfnerationahihcaufa pecea-> 
turni fi 9 rétionahUs autem eaufàcjiyvel •mtatìo 
maioris medi, melinduéfio maìorhSoni: vnde Fra» 

àliquu mkh propter tei 
■■ r ■ Gg ■ nnh 


Ì34 CAPO ^P^ART^. 

rkndam fmm , ^ hmuptndi» nHì^peccAHt. Si 
a'utem fAcerent praptet alt^wd comrit'ìiufrt prò. 
prium, •ot'qum lucrmtUT Mtqmdmunus » met fa- 
mrty hufftfmadii gramter peccarent . Vuole, 
che s'ihcenda.che la Permiflìone de* peccaci è ille¬ 


cita, quandononugiuftifica'con quàlcK^'cagio¬ 
ne ragioneuolc ; e ragioneuole cagione fì è, ò Io- 
schifamerito di maggior male, q rindutcfoue di 
maggior beriev onde i Pifclatr, Ouero il Padre non 
peccano, permettendo alcutlimalì'perragion di’ 
mantenerhpace,ò di faraltfobeTne. Ma fela Pcr^* 





la ecr- 


modità, come fui guadagno efi qualche donatiuo^ 
ò fui fauore altrui, ò cola limile j ellS pccchercb- 
bero grauc'mente. 

Io qui confiderò, che nelpertttettcr'eglrollc- 
ni Comediànti non fi fchifa la mifèiia di maggior 
inalè, nè fi confèguifòè là ita dì' màg^or be¬ 

ne : come pur troppo iìlgtidbyniuèidaltf nauuilà:-» 
con cerceaza i e la tromba'dbllà qqotidìanà ielpe-' 
rienza coli replicato rimbombo Ce. lo confcritta • 


Dunque non v*è ragiorieudlè cagione di perniet* 
terli : e la Permilfione è pccCafò damorr ifcUlarliim 
mòdo alcuno . quando per luo cornodo, o^ef fùq 
Q pèrcompiàc^rb'af fàuci ed 
erlbn àggio fijdii|>iace ài sOnamQ Ida^ • ’lf 
diuina fia lèmpre la reffofa della dollrà'huùiànli 


elle; cosila're 


-V ,‘ 






1- a 







^Mrro : 5 3 $ 

hCi Cibifognando, fcnaprc vretcnaoIa Panìtiotier 
CMnkgm fiMtia dice racuto Scoto, ^ 

homo, neoffendat hominem mortaUm, potius 
Pffendere^Deummmortalem, 

N 

S Eguitianio loilcflb tenor 4 i p^oiia ,• e battia¬ 
mo Io, fteflp chiodo 1 per calcarlo meglio, v 
per riptouare,corno illecita, la Permiilione de’Co¬ 
mici poco amici di modelle Rapprelèntationi. 

ir Lof cn2o Peirino àuuifa. teneri ^rslatum ' 
fuh mortali corrigere SuhditQs eiiam cum perielio 
*vitày(juta pérfona puhlica, cuStos iujiitu, et 
(xempUr SuhéUtorum : €5* PaMor bonus ammam-j 
fuam ponti prò ouibus fui$. lo: i o. Cioè. Il Prela¬ 
to è tenuto lotto pena di colpa mortale alla cor- 
rettione de’ Sudditi anche con pericolo della vitaj 
perche egli è pcrlpna publica, e cullode della Giu- 
.ftitia, e vino elèmplare de* popoli Ibggetti ; e lè-r 
condo l’auuilò di Chrillo il Fador buono pone la 
Tira per faluezza delle lue pecorelle. 

Aggiunge quello Dottore nel n.a i.QuòdTra' 
Utusettamteneaturfub mortali inquirere deSubdi» 
ti peccato quìa tenemr ratione offcijcurarei quan- 
tumpotfjl, •vt SfdtditìbpniJmt • Che il Superiore è 
^che obligatoibccopena amrcalc difare inquifi- 

Cg a tìo- 

li-* ^ w_ ^ 


O T A CLV A R T A. 

Si aggiungono altri T^ottori . 



Iti CÀm S^AK’EQi 

tione tntorno-a;! peccato del Suddico>} perche Ììl» 
ragione dell’officio iuolocoftringe à proctrrareji 
con tutto il filo potere la bontà, e perfettk>nc de* 
Sudditi fiioi. 

E cita egli per rafferma del filo parere s. Toma* 
fi), oue cìprefTamentc il Santo fi dieffiara con que- 
1 fio efempio. Sieuf deè^t peemUm oeditorì, 
debtt €um requirere , cum tempusfiterit , vt et debì- 
iurn redda fitta qui kabetspìriUéalfter cur4m alìcti^ 
ius , debei eum quasrere ad hoc » quòd emn corrigat 
depee^eate. bi corne chi è debitore di pecunia ad 
vno , lo deae cercare»quando è venuto il tempo 
di fòdisfarloi così dii tien cura spirituale d’alcu¬ 
no, lo deueccrcare àftne di correggerlo dal fi*o 
'peccato,' .. 

aindiinferifeb, è dico. ^èdunque il Supcrio¬ 


re pecca, rnentrenon corregge i Comedianti O- 
feeni, iquali fono sudditi fiioi,e per la iponcanea 
foggettione, con che K dimandano licenza, e pcf 
la ragione de’ delitti ofeeni, che commettono 
nella fuaDiocefiv E pure cgliGon: tal cortettione 
non corre pericolo alcuno ,nén che il graue della ' 
vita. Male non vuoldcercare, ò far cercare iCo¬ 



mici, almeno smrormi oaperione virtaoie,epra- 
tiche degh'éccèffi lorb-, c*lì corregga con- d*ligei>; 
zaefficaccnacntcv■ 

12 cdp\,I^ Pèrmìpone dtuina 

psjsffo Cbcrado àì^eìiPtrm de fenec 

ber 





Pf^N^tfQ^VJ^Tò: 217 

tPyPtc •ptSlfitscptkftns : fid fi ccnpdf' 
retur méthm , non rat iene malt^ fd rattone tWtus bù' 
niyqmdtxeoelteitttr ìtuncfermiftere malnmieJi 
hmum. Il permettere il mak ^ non è co fa di faa_» 
natura buona, ne vtife, nè clpcdiente : ma fe fi 
confiderà il male, non in ragion di male, màirL> 
ragion di quel bene, che da! male fi caua, alHio- 
ra l5UGna fi è la Permifiìoncdelmak. 

lo dico, che nè bene, nè vtik, ne colà^e/pedb 
ente, degna diconfideratione, fi trahe da’ Come- 
diantiolceni} anziane deriuafnomolti, e grani 
mali: dunque non è bene il permetterli > anzi è 
miale ,òc è peccato la loroPcrmiifione s poicho 
non è fondata in alcuna buona legione. £ le 0> 
fccnità Theatrali de’Comici fbnòpcrlopnVpec- 
cati mortali , Icandalofi, epubHci r Òc il non refi¬ 
fiere a*^peccati publici è errore di approuatione-, 
quando vno è tenuto alla correttion^ : come ho 
prouato cohefio,c. érror dp* ti.'Vkierrór , cui 
non rc/ìffitur^pprebafur. E Graffio ^iega, iilad 
intelligi in dehRUmamfepis, 7 )ii tenetur ad corre- 
Bionem-ewum > qui ph Jubqcmntur, S’intendo 
neli’incidenza de’manifefii delitcijoue il Supe- 
«Ore cooftretter per obngo a correj^cre f d^lin- 
i^nti^y’ccali fono iCotnediantt dl^hènefii .* dum 
pecca quel Frìncipè, 5 c ogn’altro Supcrior,che: 
con lord la Permifiione,cnon la Correttione.' 
polche cosìnon rèfi^e, e per confèquenza appro>^ 






f. 


■2 i i CAPO i 

ua il male degno di Punitione. £ queftofboii è Io¬ 
dato nè pure da* medesimi Comici Mercenarij, 
profelTori dimodcilia, in prona 4i che baila quel 
poco [i che Beltrame Comico icriue nel iùo Di- 
icorlb. 

Non lodo, dice egli, il rapprcicntare coic ico- 
Ha mate fenza la Punitiqne. £c il Comico Andrei¬ 
ne nella fila Ferza icriue. Quando qucili Profei^ 
lòri delll*Arre far voleiTerp Attioni ibrdide > non.» 
iàrebbe loro conceduto. £ poco dopo aggiunge^ 
Non farebbe così fatta licenza comportata, ma 
cailigata. 

Noi torniamo a' Dottori, che fono i noftri fidi 
Achatiriel viaggio dellapreicnte prona contro Til- 
IccicaPermifoonedc'Comicipoco hpnefti,a* qua¬ 
li ricordo, che confiderinofoeiro > e con fru«o la 
fcntenza di S. Ambrogio. Quid nobis mijerius, 
quiproijdfmrin,hattf^viiaf^2ejidiq^ ad Ubores, 
pranì M^pluptafe^, h £ja^^o;ifid$ratione jdwcnti 
buòna madre,dVmeiidatfonA, ■ ^ ^ v . 


’f • 


N Q J A N T A.; 

. Sicontinudi 

ttriargoincnti à conferma di quello .fog- 
_gettò pòiSamoraporre dalla dottrina del 

citato Graffio :e làranno altri frutti del foò Poma- 

• ^ t. ^ f ' _1*_11» 



allegato luogo al Ui. 5P.fcniK così 





7>VMW 

f 3 s otnnts Videles tenearrtuf 

corrré^e fisccafa tmrf4Uà 3 AÌtài iacemìo 'oidean- ’ 
tur approbArei d'tter tanren ad hoc tentantur Pre¬ 
lati 5 ^ atiter Ftdeles: nam Prdati mente y h^ay 
^manu ; mentetfnproband&ìlingua retrehenden-' 
de» increpandei mmii> coercendo . htferiares 
^etnmente >- €5^ Imgua. Vtrol dire, N(?trfr, che Cc ’■ 
bcnccùtti f Fcddi’ fòggiaei'anoaH'obìfgacione di 
correggere i f>eceatr mortali 3 alfrimenti il filentio 
loroparérebbe afpprbuatione : nieticcdimenaro* 



li r perebd il Prelàto è retiuto à còrireggere eon Ia_. 
mente, con la lingaa,e co la manoj cóla men te ri- 
ptòuàndOjCÓ la lingua riprendendo, e Igridando s 
e'con la ihahò caftigando : ma gl'inferiori Ibno 
ténatf folo alla correttione di mente, e di lingua ; 
rComcdianti ólceni fanno peccati mortali, e fo¬ 
no in fiatodidannatione per'fontenza comiine : 
dunque il Supcriore c obligato a correggerli con 
la mano della ^ufiitìa punitiua > e pecca viando 
la Permiflìone w» : 

14 11 medefimo Graffio net luogo cit. al n. 2. 
dice. Qiùdam aUvìi ^nimaÈeyègmkré» jìgmfune 
éFtm ytttojt^ Alcuni ttttlfond tei pcriorrraturaj j 
comojfono gli atti yidofì^ per efompio il furto ^ e 
ì*àdufierÌQf. Etkoe laxprtétèetf èt'e^^ 

ititela Legge, là 
e bri i; Oiattrofceiu de'Go^ 

me' 






2.40 CAPO Q^J7{T0: 

mediatici dishoneftì * in quanto o(ceni • (bno rei,!e 
mali di lor natura, e fono vitiofi i perche l’Ofoe- 
nìtz intrinfece, ex natura fitay intrinfocamen- 
te, e fecondo la foa natura.ècofà vicioia: dunque 
la Legge gli prohibifce ; e fi deuono punir coloro, 
che li commettono i e quelli, che li commettono, 
fono iComediancidishonefli.’dunque detti Co- 
medìanci deuono edere caligaci dai Superiore, 
che è pcrfona publica, e jprincipal Miniftro della 
Giufticia. Non impugna la Ipada il buon Capita-* 
no, per generar folamence timore nelflnimico, 
ma per ferirlo ancora, cper debellarlo con TÌtto- 
ria compiuta delfuo valore. Voglio dire. Il Su¬ 
periore , come può giuftamente allertar con pre¬ 
mio, econ honorei Concici virtuofi j cosìcoftrin- 
ga prima con la minaccia del caftigo, e poi con la 
l^unitionereale i dishonefti Recitanti j che in que¬ 
lla maniera fi farà imitatore dello fteflb Dio,di cui 
nota Procopio. F/ LeiemcufloSanf{c\oè grifiae- 
liti) nunc propoJitpprmie alìexit tfiuncfuppUcij 
cominatiohe conHnnxit, 

Inox A ,s e s x a: 

r: - ^ • ; 


Vuifo fià già (dis.Chiifoilpino» éfi confcr* 
^ ^ ma con 1 elpcrienza, ch^ chi entra in vil» 
vago giarda» fo?} prenderne 



PrT^TO^^RTO. i 4 t 

j^alehc’g»ti<3^o fiore ròiàporm Io ag- 

giungdbrcucmentcinqueftaìNota àlcaniiPumi 
prefi 4al jQ^ardinp de* e /pero, chepa- 

ceranno’ò frutti fiorìdtbuona»;e4otta3agrieòi- 
l»ra, e eoa efiìci coiifblcremo. 

15 Sta fcrìttoiaqaelìLibrOj chela Fermiilfio- fucila p» 
uè de*{peecati lènza cagion ragioneuole.lèmpre è mV *. 
peecaro luorcalesi^j^agioq ugioneuòieìàràjper» 
inettereryn'piCGioi male, pcrXchitarne vn mag' 
giore s cpiue ìaiiìàiiiì permettete Meretrici, accio- 
che'firfijggano acquai-altti peccad maggiori. Maj 
upn è m?i"ieGjrco^^etmettere alp^nmale, ò pecca? 
j^'pet proprio-cpmpdp ,‘pper gttadagno ,oper fa¬ 
tare ipcrebe.grauemencè fi peccheriaV' 

Morappfto qtieftofratto , 0 fiore di4oftrinai;, 
colto in quefto Giardino . io dico , che il male, ca* 

gipnato da’Comedianti oicenì, non è piecolo.ma 
-grande à difiniraca/nèconlaPermilfìoaediqtieb 
16 fi faggonp altri piali maggiori i anzì^ ne fan no 
moluffi Ili , e grau-(fimi. Adunque non può il Sa- 
périore permetterei Comici ofcéni>nè per filo co* 
modo, e gufto, ne per Ibdisfare allfaterefle di 
qualche particolare , nè per compiacere à chi con 
Icccere, beo a parole fauorìlce gagiiardamente,» 
perfbne di cotal fatta, e macchiate di tarpitadine 
.thcatrale. La compiacenza altrui, ò Pintetefio 
proprio non deue, come Icado, riparare i colpi 
delia punitrice GiuHicìa. 

/6 II 


16 li inedefimo Giardino nel e4;ek. l|!'iititii/ 


propone quefto cafo. . 

Vn Signore,© Princìpepermetteuai-che fi far 
ceffeneliaGittàcérta fòrte di peccati publicìv o 
fcandalofì Si domanda . Se peccò^^ Rtfpondedi 
sìVe rnprtalnntehte; ‘ ^ ? ; 


Et io qtrlda quefta ri^òfta inferifeo. Adunquis 
eflendò le moderne Attiòni de’Gòmiciv e de-» 


Ciarlatani verameme Ofccne per pubiica fama, c 
per grido vniuerfàle > e però eflendo- peceati' put* 
blicii e fcandalofì, la loro^Pcrrnifflone è peccato 
mortaleVccidafì quel vclenofoOrago<,ehe vo- 
cide moltipublicamcnte : cioè fi caitighi la OfSó- 
xiìtàcon la debita Funitione .' e certo non merita 


efrentiòn da pena, chi non procura efrentarfi dal 
vrtio... ■ ; ■■ ■'■ 


17 Nelloftefró c. ai nù. 2. fì'dòmandà. Vnj- 
Principe,ò Signor, ò FreJaco, ò altri, che non vob 
le caftigare alcuni peccati de* fìioìSudditi,© Seru^ 
o VàfTàlii, ò in qualfìuoglia modo àlui fòggetti, 
nè li volle punirei quantomericauano; peccò? 
E-ifpondodi sì, e mortalmente di peccato di omif^ 
Eonci imperochepoteua, e non volier e dirafH. 
anche, edere tenuto à tutt’i danni, da quelli fatti 
al dannifìcato j perche chi può, e ehi per rvfficio 
liio delie rimediarei e punire,nè lo fecci nclo vol¬ 
le fare, par, checonfenta al male, che è fatto. E fè 
quelli haueffero perfèueratonel mal fare perla fi¬ 
da- 

g k— ^ 



Haciaforfb, che haueaano nel Giudice, di non el^ 
fer caftigati, tanto più grauemente peccò. 

• Così difcorre quefto Autore, & io aggiungo » 
die aòauuiene nella Permiffione de* Coniedia n^ 
ti olceni, degni d'elTer puniti ^ e però in£erilco,che 
la loro PernaiflGone è colpa mortale. 

18 Io leggo apprelTo al medefimo al nu. 6. Si 
domanda. Vn PrelatoIbleua apportare nella lua 
Diocefi alcuni yeramenteiinfagii.'come fono for- 
nicarij» còncubinarij,igiu.ocacori, vfurari, ò dmi- 
h.Sepeccò? > I r . 

Rilpondo di sì, è mortaliuente : quando’puo- 
tc prouedcrei è'rimediiarc » nè prouìdde, nè ri¬ 
medi ò> màio foppoftò» potendo far di , meno, © 

lop^wlCs.. '0 •.■ .riq- j 'T''- ■' ■ 

lodicoicheiComiciofcenLfono infami, e fo*? 
no per elperieuza di danno maggiore, ©he non fo¬ 
no le nominate pèrfon© peccatrici. Dunque laj 
loto Permàffione © illecita, è mortalmente pec- 
caminolà. Ghi medica le ferite mortali, non tra-? 
fcuri le mortaliflirae:ilbuon Medico foccorre alla 
grauezzadi ogni accidente con efficace medica¬ 
mento. Voglio.aggmngére'qui alcune poche, 
màaffettuofo parole di quefto Dottore , con lej> 
quali patetÌGamentediceefoIàmando. 

Opouero Chriftianefimo quanta poca prcmilìone 
fanno quelli, che poflbno ? oh come ftanno le lo- 
fo.còlcienze^ e quanto gran conto hanno da ren- 

Hh 2 de- 


244 CAVO Qmmm : 

dere al flipremo Giudice.Ghriftò per nottcorreg- 


gere? : ; 

Quello affetto, di queftb zelàfìtc Dottore è; per 
vero dire.vabuoaMonitore ad ogni Princrpe^ic 
Superiore. jaceìotcKe. rifoluano d'accendere cotLi> 
iiiolta diligenza’,&:actortezza all’obligo del lor 
gouerno, e. della; loro vigilanza 5ccìme. di certo 
y’attendeua.coàfomma lode vn ScremAìrnodel 
noftro tempo» il quale dubitando<fc'pQteua»Ò4r et 
permettere le Gomcdie de* mertejiari|-Keeitanti . 
neltempo, thè Icorre dalla.fetta dituttli Santi fi¬ 
no al princìpio deirAduento (quafi che fi perfua- 


■ 


I _ ^ -« — — _ Il 1 I ^ ^ k M . 


mo per confulta. vn.dotto TKeològo i.e. celebre^ 
Predicatore dellaGompagnia diGiesùinterroga- 
dolo ». Fotta io Padre permettere, che nel v oftro 
Àduento, non. nelPEccIefiaftico, cioè da.ogni. 
Santi fino al principio di Dicembre, iGomieimer- 
ceneri j faccino le foliteJoro Rflpp^efentarioBÌf¥t 
cofetto,- che temavi! nuouoattediQallàinia Gitcài 
thè,tomeiàpete,tanto fièramente è fiata traua- 
gliata nel pattataaffédio: e-.non vedendo,schemi i 
debba rifòluere,peraVÌhQfàttachiamare,pei:rfèn- 
tire il voftro parere : ditelorliberamente.'. Dilfèlò, 
quegli con fpe dita libertà in quefià forma. lopofi 
fb fèruire al yofiro comando a Sèreniflimoi rifi 
pondendo > e come Theologp, ecome Pfedica- 
toreicome Thcologo dicOi Ea Comedia e o buo* 

na» 



Basò ìiwIi^fFerente, Ò cattmai &:o(ceftà; fi puòpeF' 

Biéttefe , .quando è buona , ò indifFerenté: ma non 
gtós'quatìdo fi è càttìuaviSc oiefcna jpcrcHc,fele 
piàiolè<atriuecagiorvarOi<ierrórtionit a’ buoni co- 
fiumi Vfét o n d a gofi òKca^jd ntf ntà u Corrum- 
fUnt mores Ifonoscoliòqutà Che coÌ 5 cagio- 
nerannogli atti poco mode ftirappicfctirati ? ogni 
S iuio lo puGgiuditare v. Io poi come Predicatore 
auuerto, e dimando. Se V: Altezza teme'alla^ 

Città; comàfià detto vii iii nino flagello di nuouo 

alfcdiO', le pare , che buon mezzov per placare lo 
filegno di t>\o\fine quo fruSìraiìi^iUt y qm cufto-: 
ditXùmitAUWy fia il permettere le lolite Comedie 
Slérctmaries lè quali lono per ordinario piene d-- 
©Icenita ? E di piu-ftima V.A. ben-fottopermette- 
xe,cheiComici 01 s.eni;.cioc perlònc infami, eni-- 
miche di Dio, guadagnino ; con burle di parole, > 
edi fatò poco modèfti, vha lÒmma grolla di da¬ 
naio in quella Giitav che è fiata v poto prima d*a» - 
t^iJtoafifìitcàvethèfbrlè dinuouo riceuerA' 
Pafflitione d^vn^Icroalfèdió ? Sia ella il Nèfiore à 
le medefiinacon prudènte rilbiùtiòne : à meba- 
fià quanto,per. vbidirIà,hÒ:détto. II Principe guftò' 
della n%)fià,data con quella difiihtiòne; c riibi- 
iè di non pennettere quelle Comedie ? comeap- - 
punto mi narrò Panno 1043: iijmedèfimo Padre 
Theològp y c: Predicatore : 6 cv io qui Phòc voluto 
weuenaeme narrare , per feruire al virmofó zelo^ 

d'o* 




2^ CAW JlKARrtjO, 

d’ogni buon Principe, c vigilante Supenord. Io 
sò, che al gcnerofò Corficre balla il fi^hio della-# 
iìbilance verga, & il cordon di ieca. Concludo 
quella Nota con leparole di Cbrilblogo a’benigni 
ser.(5j. Lettori. M^^rrt Ufrìfum» fi dejìieratts 

audtre Utius, qu/s feqw4nt»r. Tollerate.^ che io 
differifca vn poco il uno p irlare, le voi bramate dì 
lèntirpiiVlpngamence il reftp delle prone. 

NO T A S E T T I M A. 
S'^àdmono Anton ddU Compagnia dtGtesàl 

D Airaccenhato Ci^rdino facciamo palTag- 
gio ad vn’Horticinó vincai non mancano 
ne rion odorofi, nèr[u;ci faporiti per accrefcer la_, 
hoftra coniblatione : voglio dire. In quella Nota 
fono per arrecare altri Punti di prona, prefì dalie 
dottrine d’alcuni Scrittori della Compagnia di, 
Giesù. . E per dar prefto cominciamento, arreco 
nel primo luogo quel poco j. che scriue { & è il 
Punto 

DeCha' ; ^ SuatezinrìlguardodellaCorrettìonc. 
8 .s.t.n.' Vraceptum hoc magis cbltgat T^rdatos , qmm alt- 
*“ OS, Eih&c oblìgatto FrAlatorum dapUcitsr 'diciso- 
let maior 5 nempe ìntenfitH , qma mjìngults aédtbus 
efl. gramor i ^ extsnfitte , ama ad plures aédus Jè 
extenditc pnmnm argumentum èdìtn tpfopracepto 
(hantatts :Jeemdnm,vf Caietdmt notmtt, ^fin* 

■ ■ '1 


^VNTOST^^KTO. 24 > 

ih D. ifhus iOritur txìpptfà. Ciré. Il preceti 
to ideili Chatità più Ùrtrgé li Supcrioie, che gli al¬ 
tri. E quiÌRcs( riKgiireiito, & cbl godei Superio- 
reiì iiiol due niaf g'orc in ruc it)anicre,cic è inten« 
fidamente j pei che più grauè fi troua in ciafi:urio 
ano i& tfici finamente jpcrchc fidilàraànume- 
to di più atr; il primo crefeimenro è nello fteffo 
precetto della Charità j irfeeondo.come notò Ca- 
ietano » e'lo-giudicas;1Fomàfo,naIce dalla giufti- 
tia, per rifpetto deiròfiìcio della Saperioritàv 


- È)iinqueil Prelato, permettendoiComedian^ 
ti-Ofleniìtìelicorréggendo.almenopàternamènf 
te nelle debite èircoìtahze, peccal e più graue^' 
me A«e, che gli aleri- . 

19 Reginàldo dilcorre in modo, che là Iuce> 
della ìua dottrina reca chiarezza alla lèntehzatìo- S/'? 

t> ^*4*441^' 

fira . Noneiìa.lfflinendum Àetìrr€ 3 kne ittdictati iii'- 


re^icieme bò'nwn corh^mrè i fertiriente ad folòs 
tJèiy^mpitr’aipfus "Mtnt Bros'i quia bonumeont' 
mune , tatem coi tip t iUamptbrreptm *oiroJlmiU^ 
terpeiorp»t\ rxigtti 'oe càtèri inde ittnorem h'itèe^ 
ant » neqi exempto ipfirn peccent ; quia Pefìdente^ 
jlniellato Stultus sapientm erh . Et qiti non n>ult 
amore iuiìitta , cogetur ttmorepana, p intramòdei 
pa limites continere, 

E fignifiea . Non fi deue affeneré dàl’correttiuo 
giuditiale,concernente al ben comune, c Ipetcan* 
tea’ ^lì Miniltri di Dio, e dèlia j(ùà giuilitia : per^ 

ebe 



che il dirittodelbea comanàlerichtedejchf lì eotfi 
leggaU delinqaeocei^tco che ^li corfecco Sfac¬ 
ci vecifiihilmencereo 4 i colpa,epiù malua- 
gk) i accioche dal caftigo di Idi -naica il timore al¬ 
trui > ' nè veruno pecchi per'f elèmpio della fua 
punica : lo Solcd ydice'Salomone>prenderà (ènno 
colla villa di vntrillo caftigaco^ e ichi non vuòIq 
frenarli dencro i confini della modellia per amore 
del giallo /farà forzato à rafirenarfi per ìtimor del 
caiiigo .'£ quellòfaranno i ComiciOfceni, quan¬ 
do iÌf>uon Superiore pieno di santo zelo, caftighe- 
ra gli eccelli loro fecondo fòbligo della tira vi^f 
ianzayincenta al comun'bene, 6c alla conferua- 
tione de* collumt ^ircuofi. X>a comica llolcezza 
diuericerà còl catligo prudenza theàcrale. 
tiijì; * naedefimo Rcginaldo confiderà, che va 
*f- ’ modo di Permìfiioneìecita^elcgàle fi è, ^u/a mn 
p^iM/wJf^d/^ferrf/wrspcrchenoatfipu.aifee vn’cr- 
rore , mà fi xo\\cx2i , fiùfi aà eonferuandum 
^ bonuin iuxta ìHud» ^uod DommuSt CAdtit 1 3. prò» 
bibet , cóUigi ante mepem , w f/rtì cum tis 

traàicttur triticum} fine adeaitMium aìiquid 

magiitilUcitumsqmmoé>fermtttunturcommefa* 
f ioncs m dit *Domimco ex cap. Dentqi dt^. 4 Cioè 
La Pcrmillìone, e Tolleranza di male non è Icci- 
ta«fenon:indÌrizzatab alla conferuationedi qual¬ 
che bene,c> alla fuga di qualche male di maggior 
rilieuo.'le quali cofe non fi trouano nella data^ 

Ter- 


TVN^O ì^FA^Tv: ^49 
Perniiflìone delle Gfcenità Theatrali, dunque è « 
illecita 5 fi perche non ftabilifce, ma deftrugge la^ 
Legge 5 fi anche perche, come fi nota nei cap.* 
Cum iamdudum de pral/endts. multaper paftenda 
à Sttpertore'tuleranturyCjUityfi inÌHdÌ€mfn,etdeorum 
feiltcet approbationem adduc^rentarymn toUretret, 
dice Taddotco Rcginaldo. £t io concludo, che n. j»; 
tanti Predicatori, tanti Theologi, tanti Scrittori,© 
tanti huominizelanti fanno con parole, con -Icrit- 
ture, e con altre maniere al Tribunale de’Supe¬ 
riori infianza tale, che effi non poflfoao diffimula- 
te gli eccedi delle Olcen ita, nè-tollerarli giufti- 
ficatamente con la Permi/fione. Onde pruden¬ 
temente dice del Gouernatore j e Prefetto il me- 
defimo Rcginaldo, ciie il Confeflbre deue inter- ée pru. 
rogare^ magno fhtdio curet , nè qmd pecca- 
tum pptblicepermtìtatury vt Concubinatus, Circtt- *• 
latorumi^ Prajìtgtatorùmltédicra, ScenicommU* 
centÌA. 

2 I . Il P. Vincenzo FilKucci fcriue. Aà hoc vt 
Fralatm fub peccato mortali teneatur inquirerejf 
peccata fubditi adcorreptionemfaciendam yfiH^cit 
Jiifpicio y *vel dubia cognitio ; ratio e Sì , quìa, cum 
teneatur ex officio vigilare fuper gregem fuum , 
edam tenetur occurrere malti dubijs . Accioche il 
Prelato fiotto pena di peccato mortale fiatenrito à 
cercar il peccato del fiuddito, per farli la correttio- 
ne, bafteuole fi è il fiolpetto,© la dubbia cognb 

I i rio- 


par. I. 
irr.é.de 
Charta 
te óiip. 

ì- JK 7. 


250 CAPO 

done: iai{>eroche, effendaegU obligato per Tofit* 
ciò à vigilare fbpra il gregge luo» è parimente oblb 
gatoad ouuiare dubbipfimalùL’ofcenitàchea' 
t]rab>ér>^gie*rjrrf ^6 da’ Comici dtshonefti » non fi na* 
fcondQnQiòtto il velo del fofpetto » ò della dnbh 
biczi^a .•màcomparilcono.foaichecatenel Thea^ 
tra: nè può il vigilaotq Superiore ignorarle: dun¬ 
que è tenuto à correggerle jaltrimenti fi tà reo di. 
peccato con la Bermiìfione... , 

2 2., Il E Ferdinanda deCafiropalao^ al&rmai. 
StjÌQmnei^QUtgentmcorrtgere peccatorejiiai Pr^. 
iatLi et Superiore^. vefpi^u. jMkditQYtsm ArB^ 
*vmcuIq (enfntur.: vf conii<it ex. cap» 

0, De y.egutisjuris. ^tradtt S. TJiQmas» (^cttm 
eofDoiforeicommunìtcw .. Alìqui^mlum banc 
0mtm okligationem ex^.mt[encordt« ottn. Alij ' 
n^ìmeKiufiitia * quia ontmesa off eia, xoffetum 
tnim Ulud eaconditionsA eommumiateJatm % vi 
Suptrior [ubÀitorumvttia corrtgat , eQmmqsfalu-> 
itm procurU . Vnum tamen. in qua amnes. de- 

<^ni emuenirt,» teneri Prdlatum^ ^ Dùtmniim^ 


mniiunumcofreQtionemfuhdmmm^ cum deèerent 
ajppmereymAnifeJiare in confeffone hancctreum- 
Bantiam offe^ ypu per fona. Ir a. dacei Saar^ V 
Im. (£ alip 

Vuole auuilarci quello Autore ».cbe*iè bene^. 
tutti foggiaciono airabìigadone di correggere i 
peccatori j nondimeno Fobiigo de* Prelati ► e de* 

Su- 


TrNTor^mro. 25 r 

'Superióri è nodo dinmiggior ftrertezza , fecondo 
la dottrina fpiegata ne* Canoni, óc infègnata da S. 
Tomafò , e dà’ Doccori eomùnemente : de’ quali 
- alcuni Mentono, che cotale maggior ftrettezzavie- 
ne originata dalla MifèricOrdia : altri di rrwglidt 
ièniire la traggono dalla Giiiftiti-a j perche na^o 
dairofficioimpofto» il quale dalla popolare co¬ 
munanza è dato con rigore di tal COnditióne,che’ 
di Supériore corregga ivitiofì difetti ne’ fudditi, e 
ne procuri accuratamente la fàlute. Ma tutte le 
ièntenze de’ Dotti fi accordano in queftopunto^ 
che quél Prelato, e quel Signore, che lalcia la cor- 
rettione de’ iudidiri, douendola fare^ è obligato à 
mantfeftar’in COriféffione qiiéfta circoiifianza di 
carica,ò diperìona. Cori in/egna Suarez, Va¬ 
lenza, galeri.tra’quali fi è il P. FagundeZjda.» 
cui ioprendo per la nOftrapfoua il Puntò 
- 2 3. . Poiché egli nel Precetto 2. diicorrendo del 
Superiore dice * ' Sìptperjona , a 4 (fuam ex 
pertinet regimen Kap. ^eluti /udex Prdtor , ^c. 
tenetur ettam expltcareemm circumjìmtmm^qudn^ 
do Kon occurrit Kttp. incommodts, cum pc^ts 
transfert aBum in mdtenam iujìttiA »’qm in aìijs 
perfonis petrticu'ìarilnd's non cbmantibus erat coritrd 
chantatem. Eft communis hu dcHririA. S vuo¬ 
le , che intendiamo. Se il Superiore è perfona, à 
cui s’apparréga per officio il pubiico reggimentò» 
comcCiudice ,=Gouernato.re, e fimiie ,è obligato 

I i 2 ad- 


2 5 2 CÀfO ^AKTQ. 

a<l efplicare quella circonftanza di Superiorità j 
quando, potendo, non hà porto efficace rimedio 
à* publiciinconuenienci: e di talobligo quertaè la 
ragione.•perchequell’arto, che oprato dalle per- 
Iòne particolari, e mancanti-, era contro la Chari- 
tà, da ini è trasferito in altra^ materia, & opporto 
contro la Giurtitia. E quefta dottrina s’iniègnai» 
comunemente da’ Dottori : e noi dal loro inlè- 
gnamento poffiamo raccogliere la neceffità della 
$unitlone contro la tralgreffiojne de’ Comici ofee-? 
DÌ,edishónerti. 

2.4. IIP.Niccolò Baldelli parlando deglc^- 
jrt.i.j, ftrioni turpi dice. Magt^ratus, ^ Pr'mcif?esHO» 
d«i8.n. peccare , fipmahquo tempet e ad nìitan^ 

dammpopulomaioremlicenttam HifirtontinotL~^ 
punirent : éjuia,mt- dùcei S. ‘Thomas, ^ahj, Peri 
rmjfio, qttafolum^t no» ptmtendo,non auumapproì 
bando , licita eji >ft fiat ex caufa ; etiamfi ahoqutfit 
de re iUuita : •vtfifiat na.g. ad*vitandum matus ma^ 

ium: ^ apptUaturPermiffocomparatiuavel To^ 
ìerantia : 'utnotat Glef c Omnts d. s-^Et m ca fti 
de Comadijs , qmd poMnt fermtn a Principe fine 
peccato 3 (Xprefedocef JSlauar. Confici. deP^fit- 
PiS n. 2. ìib. f . Vuol dire quefto moderno valent’ 
huomo. Pare, che non pecchino i Magiftrati, nè i 
Principi, le in qualche tempo, per Ichifare mag¬ 
gior licenza popolare,non punilferogl’Hjftrionh 
pere he,, Comes. Xomafo, òc. altri iniègnano, laij. 

Per- 


T^VNTO QVAKTO. ss? 

Pcrmifliìone, fatta con il fblo non punire, mànoii 
con l’approuare, è .lecita , fc fi £à con ragiono ^ 
ben che per altro fia di colà illecita : per elèmpio, 
le è fatta per euitare vn male maggiore; e lì ap¬ 
pella PermlUìpiiecomparatiua,onero Tolleranaa. 
E nel calò delle Gomedie, che lì polTano permet¬ 
tere dal Principe lènza peccato Joinlègna Nauas- 
ro elprellùmente,- 

AlPautorità di quello dottlllimo THeoIogo,gia; 
mio Maellro in Roma, dico, che ella torna per 
accpnciodella mia pronai imperoche non è par^ 
lare allbluto, ma conditionato ,* & è rillretto alla- 
dottrina comune della Permillìone ; oltre che v-là 
la parola, •videntur\ la quale moRra beta sì il pa¬ 
rere alhrmatiuo, màpure con qualche ombra di 
dubbiezza, e non con piena, c perfetta delibera- 
rione di compiuta, e totale affermatiua ^ 

Dice pei. Siproalicfmtempore:, quali che àgiu^ 
ditio luo il permetterei Comici olceni per lungo 
tempo, come làrebbe di tre, ò quattro meli' con¬ 
tinui, veramente lìa illecito ; 

. Dice. Ad'Cuitandam inpopulo maiorelicentìatn? 
quali voglia dire, che non è lecita la Permilfione 
della comica diflbiutione, quando non è impedi- 
tiua della popolare maggior diflbiutione : come 
forlè làrebbe in alcune Città nel tempo vltimo di 
Garneualc jmà non già nell’altro tempo dell’an¬ 
no , e maflimamentc dell’Aduentoi perche non li 



J54 ^MJTOì 

vigono ne’popoli diilblucioni maggiori, che> 
non è la impura del Theatro'O/ceno. 

Dice. Permtffj€omparatimUcita.ejl,pfint ex 
tMpt . JEc io dico,che nonT’è alcunatagioneuo- 
le cagione di permettere le trorrenti, e comiche-» 
-turpitudini,che fi veggono, e fi odono à noftro 
tempo con dolorolè lacrime dellepcrfone zelan¬ 
ti, e con grane rouina di molciìfioie anime poco 
fondate nella virtù. ‘ 

Dice finalttjente, che Nauarro infegna, che il 
Princ^e può permettere le Comedie : ma s’inten¬ 
de, vi:è cagione fufficiente. Aggiungo: Na¬ 
uarro parla della'Comedia Satirica, & io parlo 
deiroicena .'leggali iltélftoiperche chiaramente 
conferma il detto mio. Non voglio anche tace¬ 
re ,che Nauarro ragiona della Comedia Satirica 
breuiflìmamente, quali per tralcorlb, & inciden¬ 
za : onde farle vale più ,per colorire la fua dottri¬ 
na , ebeper prouarecolà alcuna contro di noi, lè- 
condo rauuilo di Maleardo. ^De probaùomhus . 

Conci. OuA dicuntur incidenter s torte ad colorem, non^ 

1145 n* ^ ^ 

IN aUpropationemdìcuntur. Vn detto per inciden¬ 
za non è fondata ragione, mà forlè vn vago co¬ 
lore < 


AG* 


rV^Q SVAKTO- ts% 

^ I 

‘ * AGGIUNTA 

AMa Glo^a fatta dall* Autor è affa dottrina del 

KBddellL. 


L a comunicatione de*DottiiUòrcfler nutriec 
y gioueuole af parto della baonaopioione : e 

chi ièriue per comune vtilità,non deuemoftrarft 

troppo teneramadre del fùo parere'. Io ho fatta¬ 
la ludcttaGIoiaalIadottrinadel'P. BaldelfileGon- 
do la mia debolezza. d^ingegnO j, e di fàperetmài 
tacer non voglio » che dopo fatta, rhò comunica- 
ta con letteraal medelimo Padre * e da lui è fiata 


ptenamenceapprouatarpoichehauendolariceuu*' 

tain vna mia, perconfìderarla » me là rimandò» 
con fcriuermi raggiunta del tenor figuente. 

Ho veduto la carta », quai’hora le rimando » Ss 
approuQtuttala.GIofà-sche ella aggiunge in di* 
chiaration delle mie parole jé fé le pare può an- 
cor aggiugere, che la Permiflion comparaiiua fò* 
laméic è lecita a* Prindpiin cóparationc di qual- 
ch*altro male maggiore,!! quale nopoffono impe¬ 
dire fe non permettèdoje non punedo il minore; e 
per quello fi dice comparatiua e noti: atleta. 
E nelcalòprefèntccon cHe altro male maggiore 
pofibn venire in compaiatione leComedte ©lee¬ 
ne ,che p 
i Principi 


;r impedir quello, polfano lediamcnte 
permetter quejftc ?La maggior lceo23> 



CJPO 



JT 


c diflbiiition popolare, ancora per li virimi giorni 
di Carneuale,può da loro facilmentéimpedirfi in 
millcakri modi, cpn le gioftre, con i palij, con le 
Tragedie,e Rapprefèntationi facre, ò almanco 
indifferéti, con le Zannate honefte.e ridicole, &c. 

£c in Roma.^ià molt'anni rEminenti/Tìmo 
Cardin.Barberinoà queft’efFetco hàcoftunìaro di 
far rapprefentar*in mufica cofe bellilsime di S. 
Aleflio., di .S. Theodora, &c. 


E veramentefèiPrincipi vogliono, non hanno, 
che temere della licenza, e diflbiution popolare,’ 
quantunquein tutto prohibìleano, c iempre pu- 
nilcano le Comedie ofeene ; £r iii Roma qualch* 
anno, cheli lònprohibìte ancora le mafebere-», 
tanto il popolo le le paffata con quiete. 

Queftopenliero,chei Pdneipi, moralmente 
parlando,n 5 poflbno haner cagione fufliciente di 
permettetele Comedie, e di non puniti Come- 
dianti, le io non mi pento, forle voglio aggiun¬ 
gere al mio libro 5 le mai li venilfe à riftamparc». 
Roma I s.d’Aprile i 6.41. 

Io godo,che il benigno Lettore polfa dal poco 
di quella lettera far congettura del molto, che-» 
quello moderno,c pratico Theologo Uà pcnlàn- 
dodi publicareal mondo, per auiiilar delPobligo 
loroi Principi in ordine alle Olcenitàdel Theatro. 
Spero , chelalua dottrina,le raggiungerà, làrà 
nuQuo Antidoto contro la violenza di quello 

mor- 



7>FNT0 QVAKTO. i\7 

inorbo. Odiando la lalute (piricuale di molti cor* 
re grauc pericolo, fi moltiplicano le medici¬ 
ne con molta lode. Ma tr^ tanto applichiamo 
alcalònoftró la dottrina,che quello Theologo 
bàllampatonel 2.Tomo,infegnando,come fia 
lecitala Permiflìone del male, e dicendo alla lun¬ 
ga . J^tus , à cutuf regimine éeriuatur humunum •• 
regimen ^quamuts {le(kmme bonus i Jummèpo* 

tens 3 0 * nuUumpe mahtm , cjuod non maxime o de^ 
rtt 3^ efuodpròhthremn pojjlt ;plura tamen de 
f^éfonon prohtbet ^fed permttettin untuerfc ^ neys 
fublatis (Imuleodan'furmàiora bonaj *ud rtefeqmn» 
tur rhatora mala, : ^ hoc modo Mat, \ ptrmit» 
iunmr m agro zjZjania creCcere j ^ próhibeneur 
eradtcart , nefmul cum ets eradtcetur ettam tritim 
• cum : auodeftpermittere mala , neJtmul tollantur 
ettambona. hety. S. Aàgufìinol z.de Ord.c,;^] 
t. 1 . permtttuntur Meretrices , nec toEuntur dtj» 
febushumants^auiaalioofuiomnia tmbartnturlim 
btdtmbiif : auod e fi permttt ere minora mdla , ne^. 
feauanturmalora 'otredenofatCatet ada, ir. 

(] ìo: a. J.S. ^ho. cum perm £ia mah non (te ex fé, 
tntrtnfecè mala i (ìautdem altoqm nec Dtocon- 
ueniret , nec nìlla teda ineeneione pofet bene fiert^Ji 
fiat ex rattonàbiìi caufa , poteiì ettam efie bona mo- 
raliter :^ taltsefi iudtcanda exemplo tpfius Deiy 
quando fit, ne bona maiora tmpediantur i 'uel ne^ 
malaoccafoneneuriautinducantur. 

■ Kk Aque- 


5 58 CAPO (IVARTO,- 

. A qpefta dottrina aggiungo, io bora, c dico.. 
Con kuare le Coroedie ofccne, » non fi leuan^ 
Jbenimaggiori j.nè meno fèguitano maggiori maf 
lij.eome altroue io prono con autorità , e con ra^ 
gionc j dunque leuar fi deuono le Comedie oicér 
ne, & v(arèla PunitÌDne , e non là Pcrmilfione; 
è le alcuni Superiori sauij ; e potenti non for 
disfanno alPobligoloro> IO humilmente li pre- 
^ à ponderar,.e temere per tempo qiieft'a lènten- 
za di S Francefco, che è vnaparticellad’vna fua.^ 
epiftola a’Superiori... 

Rogo/vof cum reuerentìat ne propter curas» 
fd Pop folecifudtnes huius/eculi ,/Domtnum ohltuiont tra- 
Ke^or. datis , ^ Àmttndam eiuideclmetts;» quìa omnes 
iUì» qui eumobliuionitraàuntàm^ndatis eius 
, declinanty makdióii funt r. (Squamò fapunitons 

(f potfntiores fuerittt in hoc feculoy tanto maior^ 
tormenta[ufìinebmt in Inferno 

isr O r A O T T A V A. 

Si continua l'allegattone con altri tutori 
della medeftmaCompagnia,. 

D Alla Cathedra Scolaftica, c dal PergamO' 
predicatorio, & anche dal Magiftero'del- 
la Spiritualità efeono moltiplicate voci di valenti 
' Soggetti della Compagnia di GicsiV, i quali e fco- 
lafticamente e predicatoriamente, e Ipintual* 

mente; 


VVNTO SFJRTO. aro 
inente oppugnano le'Ofcenità delle correnti Co¬ 
medie , e dichiarano illecita la Permiffione de* 
ComicidishoneftÌ 7 & iodalleloro fcritture pren¬ 
do altri Punti per la propofta proua. 

2 5 II P. Arias nella 2.par. del Profittoìpipìtua- 
le nel trat. della mortificationerilponde all’Obice- c. ly 
tione f che far fi fuole, che i Prinqpi, e Gouerna- 
tori permettono le «correnti^ e mercenarie Rap'- 
prelèntatiònì j-e dice, 

• £' certo, che alcune cole fi permettono iper¬ 
che non fi conofcono bene tutti i mali, e danni > 
che da cjuelle ne fèguono alPanime : e così occor-» 
re in quetto, che le i Superiori intendelFero diftin- 
tamentei grauidanni, che airanime chriftiàno 
fèguono Oalle male Rapprelèntationi : come lo 
veggono, cioccano con mano coloro, che trat¬ 
tano l’anime nel foro della coicienza : è ben verì- 
fimile, che eirendoui tanti lèrui di Dio , e zelanti 
della^ua gloria, e che hanno il gouerno dcllsu, 
Eepubiica chrifiiana , che non le permettereb¬ 
bero' 

■ lohora fondatosi! lofcritto da quello Theo- 
logo, e Maeftro di colèIpirituali, pregohumililfi- 
mamente i Signori Prelati, & altri Superiori à pro¬ 
curare d’intender e igrauilfimi, emoltiffirai dan¬ 
ni cagionati da’Comici olceni,- &ad vfare con¬ 
tro iloro eccelli la giufta,enecelTaTÌà Correttio^ 
ne : già che non è valeuole Icudola Permilfione j 

Kk 2 per 


260 CAPO QVAKTO: 

per difendere dalla faeica di colpa mortale il Sa^ 
periore. 

26 GuglielmoBaldefananelIo^Stimolo alle-» 

virtù ( fi dice, che è opera compoùa dai P Ber- 
p.i.c.9. nardino Rofignoli della Compagnia di Gitsù) 

ilriue. lo noasQ^come fi polTanain alcun modo 
qaeùi Spettacoli con apparenza di ragione alcuna 
difendere«/e fiamoChfiftiani.e vogliamo vipere., 
c morire nella Fede di Chriftoj poiché queltà non 
iblamente prohibìlce » che non fi cengia fi.uola^ 
aperta d’impurità, come è quefiajmà non perr 
inette nè anche vna parola sconcia . Le Repubii> 
che con tollerar li Theatri infami, pare, che tenga¬ 
no aperte le icuole d’impietà.ji e .d’immondi- 
da. . 

Quello poco dell’allegato Scrittore moRraJ 
bene, quanto illecita fia perTuo parere la Per- 
milfione de’turpi Comici, e delle turpitudiniloro. 
Ma fèntiamo vn’altro, che fi aggrega alla Com¬ 
pagnia di quelli Religiofi oppugnatori delle Co¬ 
miche Ofeenità ,& è 

27. Il P. Pietro Giullinelli, che nell’Antidoto 
contrale Comedie poco honelle dice lo ftelTo 
fcritto da Baldelàno > e di più foggiunge, che il 
Dianolo fi trouain tali,Spetacoli,incamminati di¬ 
rittamente alla dellrutuonede’.buoni collumi ,c ( 
per confeguenza alla/ouina delle Città,, c delle-» 
Republiclie, le quali al certo, ò rnalamente fi ten¬ 
gono 



WHJO gvAKro . ^ >61 

gon®, fè non p.ene di gente vitiofè, ò finalmen^ 
te jnaan cano, permettendolo cò^ì Dio ^-all’hora-j 
fpec^al mente /quando non lòlamcnte vienf ro* 
uota a la giuflfifliciià fiia vendetta da* peccati dc>’ 
particolari , che tanti fono > mà ancora da* pecca* 
ti, per così dire, delle Riepiibliche medefìmé. Io 
qnaltcon introdurre abufigeneTaliin pregiùditiò 
della di aina. Leggenon phr nòn ca ft igeino i de¬ 
litti, mà li fomentano: c con tollerare quelli Spet¬ 
tacoli infami, pare, che mantengano aperte Io» 
scuole deli’impietà , & immodeltia .i 

Getto chi vuoleda-lènno ponderare il le riio di' 
quello ScrittoTe, credo, rilbluefà'di giudicare, che' 
molto illecita Ila la Permtdione de* poco modelli. 
Comedianti Chi nuoce al publico bene, li. deue 
con publieodecretocalligare, òdillaeciaré. 

A quello vitimo allegato -aggiungo il PrCio- 
wanni Gondini, il quale nel IXrettorio Spirituale 
per viuere,'ctnorireingratiadi Dio, eda luica-' ' 
uaco da’sacri Concilij,santi Padri , e Dottori del* ' 


la Chiefa , £riucin vnluogo, per moilrar il danno 
cagionato dalle Comedie, quello Ilio lèntimento. 
Se lòlamente il leggere cole vane, e dishonelleò 
tanto nocino a’ collumi j che làrà vederle rappre- 
fentare, cornea! dìd’hoggifi rapprelèntano com^ 
tanti balli, e danze dishonelle ? indegno spettaco¬ 
lo de gli occhi ChriRiani, e degno d’efler pianto 
con lacrime di sangue > tanto più, quanto meno 

.. .. ■ fi, 

» 


1262 CAVO 

li conofjpno i danni, li ali fono tanto grandi,' 
che ftpQÒ temete yn grane caftigo di Dio per qud- 

It. Ptaccia al Signore di dar grada à coloro , thc 
gouernano,j>erlbandiredaIIaChriftÌana'RepubIi- 

ca iquefta pefte deirAnime, auanti che venga il 
caftjgOjÉellaOiuina Giuftitia. Tra tanto.procura 
tn di fiiggìre da! Thcatri> e dalIeGomediei enoa 
permettei^icileni.vadinoituoi.^eruitori» c mol¬ 
to rtìcinoi cuoi dgl inoli. :■ i 

2 8 II famofo Predicatore P Giulio Mazarino 
!ì3aauiia. 1 Superiori.buoni, sauij, e timorofì di Dio 
nonperrtiettono a’ Popoli per conuencuolc trat¬ 
tenimento >fe non i’honefte,^ & honorate Rap- 
preièntationi. 

E nel particolare delle Comedie aggiungo.' 
Non fi poflbno in conto verunolecitamcnte per^ 
mettere^ perche la Permilfione lecita c tempro 
ordinata ad ouuiare a* mali maggiori i ,il che non 
c nelcafo delle Comedie^ dalle quali Icgue, oltre 
tantimàliinconuenienti jchecon autorità, ò per- 
naifilone publica de’Superiori, s’imparano per fa- 
re,.molte sceleraggini,mentre fi veggono rappre- 
lèntate. 

Dice poi a’ Principi, il che vale per tutt’i Supe¬ 
riori . Sappiano, che làranno da Dio ièueramen- 
te caligati, per haucr mantenuto con la loro au¬ 
torità vn publicochialTodell’vnOje deU’alrro fef 
lo, e tenuto aperta vn’infame scuola d ogni Ice- - 
leragginc. ’ ' Enel 


TVNTO QJ^AK^O. i6s 
Ewl Dimorfo 5 8. ferme. Non ècredibile, quan-^ 
so fia riprenfibile la tra fi araggi nede’ Principi, e> 
dgrPxclà'ti, che laleianodi procurarecoft^dicti, e 


cjón penala hberatione di sìgrauev t cOntàgiòlbl 
male dellaChrifiiana flepublica f e che fiiman<> 
leggier maliei ouc con tanta ageuolezza,, e dob 


cezza tante aninie i 


13 , 


danno i’vltima rouina di tantiiiaoaiinf;. Prego» 
pio',.cheillumihsì supremi Gouernatòri; che dié*! 
no con publieo Editto à fi grande abulb eterno»» 
Bando 5-caccine^ dallo ftato i publici Gòrruttori 


della Giouentàve daacchtnoi Thearn; 6ci Palagi > 

' Jt" ■ l«*ft •‘•'ra « 


a 


: ooài 


efiiguitlov come efii fòao a farlo ftrettamenceb-.' 
Bligati,, e non facendolo, {bmnaamenfte rei 
terno caftigo. 

- E chi opponelfe contro il difcofilo di queftoVa»- 

lent’haomolanaaninèttidm&del Superiore, con 

la quale parr, che tal volta fi pofià dar lùogp' alla-» 
Fcrmiffione con non punire • io ripiglierei alle¬ 
gando ciò, chè ilmedefimo ferine nel Kagiona^t 
mento 7 7. Gi con quello tratto di fpiegatura i 
* Moltomcnollimeralfi manfiietudine tra’ Su-- 


periòri,,e Prelati vnacercalanguidezza, 6c indul¬ 
genza, la quale neldiuino colpetto, come il più 
delle volte non è lènza colpa, così, non di rado, 
none elènte di gaftigo- A quelli èdettO'. N'olite' 

tacjre Jf*per miqmtutfmetm ? quomamt€mp»s' 

... “ 


^64 CAVO QVAKTO< 

thnts ems tH a Domino , ^ictJlitudìnen^ ìpfiretti* 
hmst et^ /fr: 5 \ .Sì. Però deono i Prelati bara itto- 
ftrarfi infuoco, &liora iu colomba : taPhorazc- 
lanti.4 & cificacit è tallioraièmplici, e man/ìietii 
fithemoftrinolcmbiante.d’huomo/ò di leone, 
comfortne albdogno ; adoperino la bacchetta , 

Iàhjahiia:4)r«MÌano'IV&inpio.diGhriftoman/ùe- 

tOTAfgnelIo ,.che contra la- cicca maluagiti degli 
Hvbrei Gl 0ftrodi fpe^To pieno,d i zelo, e fdegna cc «5 
edi Datiide j 'la cui màniìietudineiìi tanta, che# 
palTò in eiempìo*. dMemento Domine Dauid,(^ 
omms mmfmtndmis ems.ps^ 'xiit^iE non dimeno 


dii\Qe,lntqn;iS^h9^od}db tibornnmrus fitm ps, 

i -i '8 ZmUuì fuper tniejiùos, pétaem prceaeorum 111* 
dens ùs, ya. Ciò inlcguòvdice Agoltino lo Spirito 
in Santo mottiandriì lotto {imbolo di fuoco, e di 


coloonba * - ùdeMolùm h^fbeantj, apparti m colum* 
ba ^ne Jìmpltcteas, njel mem^etetdo remaneat frtgi* 
da, m t^nefventf. E-Paolò perciò dice ad vn Ve» 
feouo . Argue cum omntimperio: £<. ad vri* altro. 
Atgue cum omnt potenti^-. & adopera bora lo {pro¬ 
ne. & bora il freno. Siati Pallore{imile ali’Agri¬ 
coltóre , il quale, per far crefeere le piante, {i lèr- 


ue dell’acqua ., e del ferro ; & egli con rhan{ueru' 
dinefhaffi,econ{cu 6 rità ragli,- Però conclude# 
A mbrogio. * 7 ”eneat ergo PraUtus feuentatem, 
manfUetudinem , 'ut altero dtfciplma feruetur ., ah 

toro inmeentia non opprimatm > 

Con 


TVNtO !IVJ%T0: 

4Dòn ijuefto Predicacorc morto à noftrò tempori 
accorda vn*altro Predicatore, che ancor viue, & 

•è ftatomoltì anni Fredicator di due Romani Pon<* 
tcfici, cioè d’Vibano Vili, e d’Innocenzio X. Re- 

y 

gnante,dce 

29 IIP. Luigi Albrizìo,checonla&a lolita ciò- , 
quenza > e belliHìma prolà Icriue con zelo predi¬ 
catorio ad auuilò de* Superiori. 

Giufta cagione per certo di riconolcerfi colpe- 
noli hanno tutti coloro, a' quali fù da Dio lòpra.* 
gii altri conceduta la maggioranzai qualunque^ 
voltagli errori delle perlòne alla lorogiurilditione 
Ibggette con làluteuoli ammonitioni liberamente 
non correggendo «lalciano, che i viti;, non isbar- 
batià tempo, mettano alte radici j che s’introdu¬ 
cano abulì ,’che diuentino coHumt volgari le più 
Icoùumate dilòrbitanze del volgo. A niuno ù 
dee tanfo addolTare la colpa degl’inferiori, quan¬ 
to alla negligenza * 6c alla dapocagginq de'Su¬ 
periori,! quali iomentano il malore della peHi» 
lenza con non so quale impiaùro di piaceuoìezza 
milenlà> quando farebbe necelTario il taglio di vna 
auderità rilènrita. Ridirei troppo languidamente 
quella verità inlègnatamida S. Cipriano, lè vo- 
leilì con le mie frédde parole rintuzzare il vigore , 
di quel neruofilfimo Itile Affricano. Parli dun- 
que egli ftelTo. Imperitus Medtcus, ejut r«: iapfi». 
^entcs vuinerwnfinus mmu parcente. contreBat» 

' . ' LI 


266 \CJmj^AKTO.. 

recejjìlfasm^erum. 

(erUAt ) ex*^gerat:.afierìendum, vulnus ffl\ ^ fè* 
€Andum»g^ f,ulmmmibm Am fiatai fs. medtU fof^ 
ttQrt cumndum:. Vocifeutur^ damtt itcit ^ €J* 
sojici^eratur JEgtti tmp»ttens.per doloiemgrattAS 
itget pò 0 mdum xcum fenjèrtt Jdnitatem, Gfie fc 
ìlCcrulicoper non disgultare rinfermo j lafci^ 
incancherire la piaga , chi lo rifanerà ? 

C^nefto Eccellentiflìmo Predicatore aggiunge 
' poco dopò'cosa i SeiCrincipidalpoltaloroein^ 
nence non badano àT moti difordinatidel Pop<>- 
lo, chi guarderà da tuoiulcuoiì ammutinamenti,. 
e dalle inquiete feditioni lo Stato ^Se i Prelati, co-' 
me diligenti Coltiuatori^ non vegghiano fòprai; 
; fèminat! del gran Padre di famiglia ,chi terrà lon* 
tanoil maligno Soprafeminatore delle zizanioi 
E con qual fronte ardiranno di volerli honorarej»- 
col titolo, e fdegncranno,d*elèrcitare l’vflìJof 
con qual'colcienza goderanno le rendite, è ricu- 
ièranno le fatiche ? liete luce del mondo, dice S* 
*o.,, Gregorio,mà quanti hauete illuminati ?- 
«lEuàg. Tacio il rello Icritto da quello làcro Oratore», 
in cui, chi è vago di leggerlo, trouerà nuoui argo-»^ 
menti per la nollra prona 

u.f«- 50, Il P. Adamo Contzen dice del Principe 

Ipecilicatamente . l^rmcipi liceretaltatn^ 

ducere nonpo^e permttiert. Non è lecito al Prin^ 
cipe introdurre gli Spettacoli piceni> nè li può 

per- 



IPVN^O QVAKro, 2(57 

s’pcf Iti attere. Eie parole, ftidette da quefto Theò^ 
^logOVÌòno veilite di chiarezza j ma quelle , che 
iaggiuoge, tono armate di Ipauento. Tiai »pernia 
^t^um malwn *i>no •verbo , •vm fched^ toUere Prin^ 


•^ps^ potè fi ; €5* tam factle ob/tfierepotefi , U 

nénjàetti feruaftipfe ftonpoteff. cioè. Perduta.* 
la (àluezza del Principe (intèndefi, ie non fa per 
tèmpo la debita periitena:a ) fe non toglie vn ma¬ 
le di tanta rouitìà 3 |)Otetìdo egli tenario con vnu» 
rtèmplice cònTàndò ; formato con> Io llritto , ò 
■proferito corf là linguaHoraiodicò,ic diman- 
•d'O'. Ecòniepotrà, chiyieneaftreftodatalè?obli* 
‘g^ri'Oìie ,'tràlì%fàrefenzapmcolodiiuaialtitc la 
PUhitione de’Còmici yitiofi ? Chi tèi fìnge , ò Pel 
Crede, preiendevolàrèPènza le piume al Cieloi 
ma più infelice del fauolofb Icaro infelicemence 
rouinerà nell’Inferno. 


Et inuéroeglifèl merita permòlteTagionì, vna 
delle qua li àccenna'S.Chnfò Homo,dicendo, /pfè 
negotio communicas ; ^uòd non prohibes , ne fnei- 
nut cowmtìtatur : nam qui prohberepotejì mm^ 
qut tniuriafn factt, ^ non prohibet , fs non mino» 
rem iuet panani , quàm qui inturiam facit : bbfè» 
ero igitur , ni pducamus no5 . 11 Santo con que-^ 
fto parlare ti fà intendere, chetufti partecipe-» 
del negorio j mentre non impedilci, che nonfi 
comtnetta il peccaro:imperoche,chi potendo im¬ 
pedire , non impedifee ringiuriatore, ne pagherà 

LI 2 il 


26 s cjvo qvjkto: 

il fio non meno di colui, che ingiuria con reakà : 
prego dunque tutti à confiderar t iò bene, per non 
s'ingannate. E prego con maggior affetto, c fbp- 
plico i Signori Superiori à non laftiarfi piegare da^ 
qualche apparente, e non ben fondata ragior.e,^ 
alla Eermifiione degli OfceniComedianri;,iqua* 
li non oficruando la debita, e prefèritta Modera* 
rione, deuon fi^ggiaceremeritamente alJagiur^ 
dica Punitione,ouero alme no alla fraterna, e cha* 
ritatiua Correttione,daUa quale lecauerannofiut* 
tod’emendatione, potranno Iperare di conlcguir 
il bene,che s. Girolamo ^iega, c ome goduto dal 
Giulio in morte, dicendo. ^uftus in morte^mn (a» 

tti IProu* » 9 J 9 

ium potentias mahgnorum Spmtuum non metwp, 
fèdin pace qmefctt, quia Deumprote£torembaèef^ 
cu^odem. 


NOTA V L T I M A. 

Punto puro Scaldico per quefta proua^ 

D ai P.Hurtado prendo l'vltima saetta da_a 
Icoccare contro l'illecita Permilfione deh 
le Gomedie olcene. Qnclk) Autore rìuoltato. 
l'-occhio à quello berlagik), e l’hà mirato per mi? 
liuto, óc alla Scolallica diligentemente, e rigoro- 
:fòmente> Nel volume 2 . delle tre Virtù Theolo* 
giche alla dif 17 3. s. 2 s. subfi 11. tratta De T*er^ 
miifìom Qom&éanm ^ incoino alla Permilfione^ 
: ' ' del- 


TVNTO S^AKTO. 24^ 

JeHe Comedie i e protclia trattare De oéie&o fir 
cundum fe per intrinfècos iHìus conceptut» notLj» 
per locum extrmfecum ab auctoriwe . Intorno all* 
oggetto per fe fteflo, c fecondo i fuoi intrinfecB 
coiK etri j e non fecondo la qualità ellrinfeca » nè 
fecondo l’argomento preio dairautorità. Eciui 
prona, e riiblue, che la PermilGone delle Come- 
die ofeenc è pce fe fteflà illecita .* quia ex T hom4 
publuum non potèB permtttty ntji m per 
aiud vitetur ahud, ejjuod fine tUo •vitari non poteji : 
perche à parere di s. Tomaio il publico male non 
Iipuàpermeccere,.fe non acciochfe col mezzofeo- 
lì fehifi vn’alcro, chefchifarnon fi può lènza quel¬ 
lo. £ da tal verità tnferifee t e conclude Hurtado. 
Juitcem Scholafìicum Saltn^ittcenjis^ <sAccadetnm 
peccare mortaliter , ejuotiesperfmtttt ComadiaSym-^ 
fi ex prof cripto QmpltjCafleUA ,* quia •vel vna eB in^ 
gentijjìenum malum, quod tenetur auertere excha» 
rifate » éSt munere : nec ex cu/ktur per opinionenLj 
probainlem t quia talis:nutta eB. Cioè. Lo Scola* 
feicoGiudicedellafamolà Accademia» e celebro 
Studio di Salamanca pecca mortalmente, ogni* 
volta, elle permette le Comedie fuori dell’ordine 
preferìtto dal Reai Configlio di Calliglia j perche 
vna (bla Comedia smoderata è vn grandilfima 
male» il quale egli è tenuto à difeacciaree pei 
Legge di charirà » e per obligo dell’officio : nè può 
vafeifedi probabile opinione pei ifeulà 5 perche ta^ 


^Am urAwro: 

Ic'òpihiòflc nòn'fi ritróua • A^gmi»ge-di piu 

ila Aatorèicfae conla'Pertnifllìoné’déileCoiricdie 


■TPn 


,iioniìleuano:siiàggiori mali. Nun^ùam% dkce- 
^\s'*i>iiiyne^iAtidtutfuhlic^ , autfecretòtaut vul^ 
coftfil^one.à me i alijs excepta^ màlnm ali-^ 
auod iommunè ^itàtum eJìe per Comjuitas . io non 
viddi mai, nè (entij publicamentei ò j[ècretamen> 
té joueroin conferìionevdita da me,Òdaaltri,che 
qualche male coriaune fi fia ^/èhifato per mezzo 
delle C^medie:perche feì gfùochi fi lafliano per 
vn poco ,iì ripigliàno poi con pai ardore dòpo 
Gomedie5 benché ’forlè.non :fi confumino tante 


cartein tuttoil corfbdéirahno, quante fi fàrbb^- 
bero confumate , fè fuffero mancate le Comed>e. 
Le detrattioni pòi fi fomentano, e fi moltiplicano 
con le Comedi e. Le rapine, &i furti fi fanno len¬ 
za le Comediè 5 bene molte volte fi rubano le 
borfè nelle Comedie, nelle quaili nafcono Ipv.ffe 
riffe, e fi fannomòlti peccati di dishoneflà. 

Il P* Diana tra le fùe rifolufiohi propone quefto 
Dubbio. An MagtSiratuspirmttendorecttatto^ 
iì kef ftem CowaJiarum tutpium, peccent mortalttery 
cioè. Se i Magiflrati pecchino mortalmente con 
il permettere il recitamento delle Comedie poco 
modefte. 

L’Autore nella rifpofta niente accenna di fuo 
parere, ma rifblueil dubbio dicendo prima . Af* 
firmcitiue refpmdetHmtadus. Hurtado tiene la^ 

fen- 


l?a«er€ pptt^ta 

foa Cilgi4n-<f»fóggiu(ige * 

ffttìNi^iii^s BMdeìhyr H^!i3olp>3iW§IH;:ailHe*j 

tifceatla (entemzìficgsttaa. - 

ibBaldelliiioijCk Q^icgatp 4ii ibpra^^ fàcendoU vi^j 
glofà, cHe-è ffacaconJfermat^con lèttèsaf ièiitta^ 
dal medejGmo Padre ;ondè e^t, o niènte, ò quafi. 
niente fauorilc& alPimpanitàlde* poco modeftij 
Hecicaixtenn*: • . . ? 

ì k 4 , -■ 

e : E cpdie. dunque può il .^peripre perniètteré°' 
senza Pùiiicio»ei Camediand dlèenù ctiefono 1*' 
orìgine dicanci naali.^ Ei radice^troncai quando 
ia piantaedinòcunzencoi Akizi'nemeno£tolle*i 
là no que’ gerrìioglMà toIiei^n:ra de* quali è troppi 


po 





Còndudiamo dunque condueaucoritàila'pn't 
ma è di vn Comico moderno, la feconda è di^vn? 
Santo Predicatore-i liComico è il Cecchino , il 
quale nellàprtmapagiha de; fùóiDifc^orrì incorno^ 
alle GapaÒdiedicèa*Xetc<oPÌ ihqùeftbmodbU ,, 

Parendomi^ che ne i dubbij l’hauer riconb ài 
piu dotti, óc intendènti, fia il vero, e fìcuro modo 
per rì£>luerlivdeliberai per ciò in negptio tanto > 
importante,.come è quello deiranima; e delPho* : 
nore ; d^andar con ogni fpirito alla dottrina'de 
fdcrofanti Dottori j e quiui far òpera dirippfar la-» * 
mente,ÒCadicurar lacofcienza circa là diuerfìtà^ 
de i pareri> e varietà de r dimorfi intorno i'i^ùrte^ 
^ L Co»- 


2 73 CAVÒ QV^W. \ V 

Goiiitcai e molcooculatamente vedere, e (èn(àei* 
menceconofcece, fé fi può efcrcicare, e di efia le* 
gicciihamence viuere je triouai,che non^lblo chi 1* 
efercica, ma chi la permette, & alcolta, pecca, e 
pecca di peccato mortale i quando però la Come* 
dia non habbia quei requifiti, che S Tornalo, 5. 
Antonino, & altri ilàcri Dottori hanno ad vniuer* 
Tale intelligenza lalciato Icritto. 

lo noto nella Ipicgatura del parere di quello 
Comico quelle pocheparÒle. Trouai, chc,chi la^ 
permette .peccadi peccato mortale. £t aggrun*^ 
go,che la mercenaria Comedia d'hoggidì non hà 
per ordinario i requifiii Icritii, e prelcntci da* facri 
Dottori s come hò già tante volte, 6c in tante gui* 
le prouato : dunque la di lei Permilfione non e le** 
cita al Superiore, & egli è tenuto ad vlàt la Funi* 

.rione. • - • ' • - 1 ..;': 

: 11 santo Predicatore da me citato è Chrilòllo- 
mo, col quale diciamo. Suntnt h/tc $tlerando^ l 
Quidhac.dementia pausì Hac n/obti freeit enter 
dfcere ftafui} •veruniamen verttus (umt « è fruffra^ 
(f firn fruSu mtht odium comparem : •videe entm_j> 
non luumes tantumyfed Senes injanire , (juo um^ 
gràtia tnaiQremm modumeruhjco. Cioè.b’ polli- 
tvle, che cole cali fi debbano, e fi pollano permet* 
tere, e tollerare ? £ qual pazzia peggior di quella., 
può trouarfi ? lo Ijseìrc volte hò determinato dirui 
quelle verità i mà hò. temuto di non dirle in va no^ 



TVNTO QVJKrO. £75 

c dicendole d’acquiftarmi Todio voftro lènza.! 
.frutto, veruno : iinperoche ben m’auueggio, che 
il morbo di cotale ftoltezza infetta j non lòlo gli 
animi giouanili, mài senili ancora: onde io no» 
conccpilco molto roflbre, e gran vergogna. 

Dio benedetto, dice il P. Gambacorta, dia la* 
me, e grana à tutrii Fedeli di Paper conolcere, e-? 
fchifareeosì fatti precipiti] 5 òcalli Pallori, e Princi¬ 
pi zelo,c vigilanza,per ouuiareàfcandali cosi 
perniciolì. 

JEt io prego il medefimo Iddio ad operare col 
luo potente aiutoj accioclie niun Pallore, e niun 
Principe Chrittiano Gonlkleri,come colà di legno, 
la tolleranza dell olceno Theatro,e non lèn curi. 
Non è molto, che vn’amico mio, huomo grane, 
e dotto fi fognò di leggere in vn Libro di varie let¬ 
tere quefto titolo. 

turpesfmt toìerationesT'heatrorum. 

E gl» patue, che la lettera fulTe di vn’ Eminentilfi- 
moSig. Cardinale , e principaliflìmo Pallore di 
molte pecorelle di Chrillo. Ma il fogno fu fogno,* 
e non fi vidde realtà del bramato effetto 5 e pe¬ 
rò tutt’hora feguita di comparire nel Chrilliano 
Theatro la mollruofa moltitudine delle turpitu¬ 
dini con danno , e con rouina di molte anime, al¬ 
la faluezza delle quali donerebbe ogni zelante-» 
Superiore con tutte le.fiie forze, e diligenza inui- 
gilare. Et io dico, che gran lode meriterà quel 

M m . eliti- 



274 CAPO ^AKTOi 

Chriftìano Regnatore,e quel Paftorfpirimale, che 
contro i moftri deirOicenità, fi. moftrerà vn’Her- 

cole ve,ndicatore:e per leuar ogni comica iitimon? 

dezza, vferà la meritata, e necefiària Puniciorte. 
Senza la quale certi trilli viuono fecondo la loro 
peflìma volontà, e danno in quella gran pazzia,, 
per cui dicono, le noi dobbiamo dannarci, dun¬ 
que facciamo ciò, che ci piace: e di quelli lalciò 
Icritcol.’acutilfimo Scoto.. Licetpana Peccatori 
aqttalis ft, quantumadàitetnitattmt tamenOL^ 
aquahs ejì , qitantum adacerbitatem ^ Htc nota^ 
Jìuftitìa m quorundam , qui dti unt Si damnart de» 
bemus ifaciamus , quacufnqy nobtS: place ne: FaU 
fum dicunt 5 quia Jì deberent fibt oculi erm, leutus 
eSeey'Vt erueretur 'vnus, quam •oterq}^ eltus efl, 
tnodicam ft brtmjufìinerey quam grauem: fic leume 
ejìdùjiinere panai Inferni prò nino peccato, more ali y 
jìue proàmbus » quàm prò centum j quìa fecundum- 
pienfuram peccati menfurabttur pana, 

P V N T O / N. T O. 

Se fi debbano far r tue dere le Attiont auanti di re¬ 
citar fi al Popolo fecondo la debita. 
Moderatione .. 


rie Cipriano làggiàmente diede, vn làgg'O 

auuilb, dicendo. Nemo diù tutus.efìpericu~ 
loprox: mas., Niuno Uà lungamente ficuro nella 

vici- 


ep 
11. ad 
Pomp* 



WKS![0 QviNro. 27 $ 

vicinanza del prollìmo periglio, Certo è, che 
proflìitio periglio di cadere, e di peccare mortai- 
Wnce, trouano nel Theatro molti deboli di Ipiri- 
to, quando fi recita qualche Àttione infetta di 
Ofcenità.. Dunque ilbuono,e fauio Principe, Se 
il zelante Fattore Ecclefiaftico, deue comanda¬ 
re , che, alianti fi conceda la facoltà a Comici di 
rappréfentare, fi riueggano diligentemente le lo¬ 
ro Comedie, e le altre Rapprefentationi ; che così 
niun Suddito retterà eljjotto alla rouina Ipiritualc 
per colpa del Superiore, Siaflicuranole ttradea’ 
Viandantiperla buoiia vigilanza del Principerche 
fe poi quelji fiprecipitano per qualche balza, egli 
non è con ragione cen furato. E felecoie diuine 
fi riuCggono, molto più riueder fi dcaon le profa- 
pe. Euf b.Cefar.ttriue de’Giudei antichi, ^ 

. ^atcogthrjturnonalios'hymnos, odasfufeiptre, 

auÀw eas . cju&a Sané^Qper 'Prophetas ej' 

lene cQtnpofitA . Jpud Indm ejtam prìfeis tempo^ 
rtbm dmmoràm cantuum mdtcium non multitudi- 
ni tradthaturs federant ahqw.cjudimuis paucijfmh 
dtuwo fpìvitu hdic tlidiei qtiihusp}tuffìifiodo 

ceb^t proph6t(XTi4yyi l^tbvos coTijecTAY€-/vt itdi 
ac condprcbareiea vero , aliena à Spirilu San- 
^0 viderentur , tmprobare , atq^reijcere . 

Lo Scoglio fpiega. Plato fententiam Hebrjio- 
TU^n jcciuens affìtnìat ^ ìoymnos de T)eo fcriptos » a 
vins s^picntibiiSpriffS dttudtcandos ^ quanìptibucc 

Mm 2 



27 6 CAPO jgFJKTO. 
decantentur. Dice vn valente Moderno V'mgri» 
df dii uesp'&fictantur yqat iuxta. Piatom/èntenitamto- 
illparj. rttm dièta , faófatfiexpendants an honefìa , ^ Re/. 
' tubile A pYoJìi:ua : nec prodeant, donec fmgula prò- 
bentur. Cioè. Huominigraui riuegganorAttioni 
auanti d'effere rapprefèntate. 

Platone vuole y fcriùe il Calano, & altri , cho 
grHiftrioni, che profelfano di dire, e di rapprelèn- 
tare cofe honefte, fi efaminino , e prouino, (è i 
fattirilpondanoalleparole.epromefleie con tale 
conditione sì dij loro licenza di recitare. Io vo¬ 
glio riferire qui vn poco del molto, che Platone 
ferine nel l. 7. della Repub. oue inducei Cittadini 
à rilpondere a* Poeti Tragici, e grani in quello 
modo; 

J^lite.credere, facile a nob/is admittii vt feems m 
foro conjittuatis , 0 * clamofos condmatts Hiiìrìo^ 
nes\ in/aniremus enim 0 * nosomnmo:, 0 * Ctui^ 
tasomnis t fi anteciuam MagiflrAtftS' ^tidertnt» 
quA Compofui/ìis, dicendaadpopulum iudicaue- 
rint , ddmttteremini . cioè- Non vogliate portar 
credenza ò Poeti, che noi facilmente perraettia- 
ino, che voi nelle piazze noftre alziate le leene, e 
vi facciate comparire per lo recitamento gli Hi- 
ilrionidmperoche noi con tutta là Città faremmo 
flolti, le riceueffimo voi, lènza che prima inoltri 
Magiftrati habBianoriuedute le vefire Compofi- 
tioni,.6c appLOuate per degne dielfere publica- 

mente 


WNTO QVINTO. 277 

inente al popolo rappceientate. 

Q_iello Piatonico Decreto può fèruirc di fuc« 
gliatoio ad ogni buon polìtico,e chrìftiano Su¬ 
periore j accioche non dórma nel grane bifogno 
della riuifione > con che fi deuono moltoaccura^ 
tamente efaminare le Attionitle’moderni,e met- 
cenarij Comcdianti * 

Il P. Lodouico Gellotio nelI^Oratfoni Icriité^ 
Antk amente appreflToi Romani firecitauano pri¬ 
ma le Actionipriuatamentéallaprelènza de'Cen* 
fòri deputati, e poi in publìco'. £ talcoRume^ 
vorrebbe egli hora nella Ghriftianità, dicendo 
*Utmam hoc more apudhonelìaS i rehgto/as atf^ 
resScenìHmfiri faMas ^as priuattm ante depo-^, 
nerent, quàm eac Populo in fcena cantitarent. £c 
aggiunge,chegià fiì solito in Spagna non proferir¬ 
li dalPHiftrione parola alcuna in (cena , la quale,? 
fuflfe priua della cenfijrai) 5 c approuatione de'May 
giftrati. 

Etiodico,chefareligio(ìffinna Italia douerebbedi- 
uentar in queftò maeftra d'ogni altra Nationejco- 
meinlei rifiede la prima fede della Religione . 

Lelio Zecca dame lòpra allagato auuifa,the 
t^^neprA^ciendt viri graueSy quiiuftà Platoms fin- 
tenttam eorum dipla,^faSta fpeéìarenti Cf appro- 
barene . Si donerebbero porre lopraftanti , e fb- 
praintendentihuomini di fenno, e di granita ji 
quali fecondo la norma di Platone fulfero vditori 

.- a&t 


278 c A PO Q^VAiJEi m . ^ 

de’ detti proferiti da’ Comiici ìsQ Spettcatori de’Jo' 
ro farti, & Approuatori dei tòrto 
j „ Il P- Baldelli dice de’ Principi . Optimi facerent^ 
/ì> exprjtfcripto Platoms l 7Àe Jjegtbus, nm prtus, 
hceret Hijìriom bus e yCfua m e^enP 

ipforum FabuU ultgittmiS MAgffìrdttbus approba- 
,ta . 'Octimamentefarebbero,feconformeali’ot' 
dinelKatònieo noti fuife lecito à gli Hiltrioni^i 
cprnpafire in leena prima, che' le loro Opere Dra- 
naaòlpbe non fuiferp approuate dal confenlb de’ 
leggirimiMagiftratl. ' 

Jtag.iio II p. Ma^arino Icriue con breue, e rilbluto ajiui- 
fpcosì. Faccino i Superiori riuedere le Ajetioni. 

Nè rjuèfto Ipiaceràa’ Comici virruoll ;poiche 
il Cecchino, il quale profeffa di eflereComico vir- 
tuolP:>*dice ne’ fuoi Dilcorfi. Non ci vorrebbe in 
molta difficoltà ,• perche fi come in molti 
paefi della prancia aflìftono per fua Maellà per- 
fbne, per vedere, fe fi rapprelentano colè contro 
la Corona : e perche in ogni luogo non ve ne po¬ 
trebbe alfiftere per intendere, fc v’c nulla contra 
i buonicoftumi ? 


<3e fi». 
Vidu. 


Credo, chebaftino gli allegati x\utori per ba- 
ileuolmente prouare la perllidfiua,che fi deuono 
riuedere le Atrioni auanti il loro publico recita- 
ment 0 5 accioche non ne legnano peccaci ,e da’ 
peccati la mala vita, che Ibmmerge i Peccatori . 
neìi’Inferno. Mala ^ita , dice S. FuJgentio, de\ 


prjSiTÙ 

fttergit /» ^artatum : 



a 



2&r 


A G‘G I V N T A. 

’ ' peK ìduhiararelchtdSlfet *père à témpó ‘ 

il Giudici ne liti HUifìme delle yiitiorii- 

Theatralh. 

t 

I ’ "’OradòIà di Plàtohe già hà dato la iùa ri/pò- 
fta queftp'tìubbio .• mà noi terchiamo in 
oltre altrertlpòfte dà’quàlehe oracolo della Ghri- 
llianità. VogHo'dire^I'Rètiiibri de’comici coiti* 
ponimenti detiono éffere gli'huominigraui» &i 
publici Magiftràti delfe^Girtà, fecondò l’allegato ’ 
parere'df Platone:nnSfètòndo il buon gouertìo 
della Chriftiana' R epliblica éìir farà il Giudice |>èi* 
quefta reuifionevc pèr fentèfntiare, quali Come- . 
die,quali Giuochi, e quali Spettacoli fiàno-forniti 
di virtuofa honèRà f <^uali! d i vitiofà tu rpitiidinc ? 

àìtfge^no,e quali mae- 
jine ? Quali meritino l’ap- 
plaufo efìlarante,.e quali le fischiate vitupet- 
ranci ì: 

Menochio nel luogo citato al n. 47. ferine per* 
conueneuolezza di quello d abbi o in modo, che 
loferitto da lui mi pare vo thefóretto per arric¬ 
chire lapouertà delia noflra dotti ina ; 

‘Dubiiari Jòlet » auuira egli,<^«/r futums (It lu- 
dix\ quxjim honellk/vel inhonepée-Comudin, Ludi ,. 



"lì; 



58^ CAPOQVAKTO: 

^ SptctacuU) Plato fcribtttadMagifìrajus Cìui^ 
tatisboc pertmere.Nosdtpngmmus>et coptmmus 
dmscaftis.Primm tlì,quandomanifefl'econjiat dx 
honefta te, hdex laicus , W e^eUftaliu uspoteft ad- 
mitter6 >wlrepellere. Si fuole confidciare con_. 
dubbiezza. Chi fia per efler Giudice intorno all’ 
honefte,ò dishonefte Arcioni del Thcatro ? Pla¬ 
tone vuole » che,cjuefta cura .fia gettante a Ma- 
giftrati • Noi diftinguiauio, due .cali • Il primo fi 
è)’quando uianifeftamentejlì vede 1 honefto» oue- 
ro il dishonefto fregio delPActione 5 & ali’hora_» 
può il Giudice laico , © l’ecclefiafticoapprouarla, 
ouero riprouarlaSrcpme quando fi f orge cort 
euidenzaPvfura dVvn contratto, lo può condan¬ 
nare tanto l’ecclefiaftico Giudice, quanto il feco- 

. . lare, conforme à grinfegnamcnti di Bartolo, e-> 

doluto 

Segue Menocchioa fpiegar’ il fuo penfiero di¬ 
cendo . Secundm cajus eSì, quando duhium eSÌ . 
Crediderim ludtcemeccleftadìtcum cognofcere de- 
bereìcum agatur deaBu t exquo peccatum, •vel 

non peccatum causari pote^. 11 fecondo caloc 5 

quando y’interuiene dubbio intorno all lionella, 

onero didioneftà j & all’hora credo, che il fenten- 
tiare appartenga al Giudice ecclefìaftico 5 per die 
fi tratta divn attione, dalla quale può cagionarli, 
ò nò la miferia del peccato. E così il Concilio 
Cabeliionenfe determina, in rebus admimiìran* 


TVNTO.QJINTt}. ttt 

itó ciutUtn Magifiratum ab 6ccteftajìico » hoc 
ab EùifcofoconJtUHmpetereoportere: chene'dub* 
bij di peccato imorno al gouerno il Magiftrato ci- 
uile fi configli col filo Paltorc. Caterum extfimOy 
fafitm hanCfVelrarò , *velnunqmm pofe euenhcj : 
€t*m quilibet Princeps fecularis, qut dcóf os , 0' 
nc erudttos habet ConJtliario(»mamfifie fare c(h 

gnofcere po0ty qua verbafint pudica, ($* qua mpu-t 
dica. Màioitimo, che quello calo di dubbiezza 
polfa auuenire, ò di rado, ouero mai. imperoch© 
ogni Principe secolarc,a cui feruono di Configlie¬ 
li huómìni dotti, e conlumati nell*eruditione,pua 
manifellamente làperc, c conolcere, qàali parole 
fieno pudiche, e quali impudiche V 
' DHcorre quello Dottore con molto Icnno irta 
rilguarck) de’Chrilliani Principi , e de'Configlieri 
loro. Onde io approuo tutti i detti del filo pruden¬ 
te Dilcorlb, comeperle incallrate in pretiolò gio¬ 
iello. E folamente aggiungo hora qui vn'humilifi 
fimo prego ad ogni Principe, che, come può, cosi 
voglia intendere,e per intendere, voglia interro¬ 
gare i fuoi dottilfimi Configlieri 5 accioche libera¬ 
mente gli dicano. Quali, c quante lòno le mor¬ 
tali Olcenità del mercenario, e moderno Thea- 
troi e le i Comedianti del noftro tempo olTerùino 
veramente la debita Moderatione, prefiritta da_» 
Theologi all’Arte loro. Iolpero,che quellalàn- 
ta volontà de’Principi farà lucente doppiere per 

N n far 


V 


282 CAVO 

farcomparìre fmafcherace molciflimcturpimdini» 
le qualia'noftrigiornùcon dolore', e lacrime di 
molti zelanti, e virtuofì, veder fi fanno nel Thca- 
tro coperte con la malchera del giocondo, e frut- 
molò trattenimento. Il potere, & il volere del 
Principe fono, come del Sole i raggi,per ifoaccìa* 
re le nubi deirofoenità, e per far’ammirabile la.* 
ina virtù per tutto Tampio giro degli anni eternit 
Ma noi facciamo ritorno alla riuifione dellc^ . 
Comiche Rapprefontationi, e proponiamo vn* 
altro Punto,che farà vnalinea.non fimileà qael« 
la di Apelle, nè di altro gentil Pittore , nià non_» 
fconueneuole alle noftre groflc pitture, e pòco 
artificiofi sbozzi s i quali s’indirizzano alla corret*. 
tione d’ogni Comico impuro5 accioche corretto 
viuaconDio,e cuftodifoat suotdiuini precetti, 
fecondo il detto di S Girolamo . animai 

tua vitam cum Deo yjl. tius decreta cù^odieris .. 

» 

T r N T a sesto. 

.Quale deus ej^ere la rim (Ione delle Comiche 
Atnont fecondo la debita 
Moderatione ^ 

L ’Occhio acuto, regolato dal zelo , deue mi¬ 
rar per tutto; e fei’aftutia gli fi riparo,li 
appelli al tribunal della ragione, per trarne lèn- 
tenza di compiuta contento. Nel comico 

nego- 


VVNi:0 S ES^iO, ^ 28 } 

jjègotio del riuedere le Atcioni, auanti che fiano 
jfecitate, ftabililcafiper certo al parere de’ Sauij, 
che fi deue mirare con diligenza il tutto : e nel 
primo luogo fi deue riuedere, per comando di o- 
gni buon Superiore, da’ virtuofi, dotti, zelanti, c 
pratici Cenfori il Titolo,il quale fi fiioleelporre^ 
nel publico cartello, per inuitarilpopolo al Thea- 
tro. ^ 

I Comici della Grecia vlàrono alcuna voìtaj x 
mettere il Titolo, non Iblamepte alla Comedia-» 
in vniuerfàle » mà ancora à ciaicun’Atto in par¬ 
ticolare ; onde Icriue Ateneo, che Cefifodoro,fi:o- j,!,, 
lar dTfbcrate,lodafijmmamente Antifan e Comi- *'* 
COjchein vna fiia Comedia fece vn’Atto intito¬ 
lato , Prouerbia : nondimeno i Comici del nofiro 
tempo coftumano di porre il Titolo Iblamente-» 
all’Aftioneincomune,e non àgli Atti particola¬ 
ri .* Hot di quello Titolo dico,che,lc farà ofceno, 
vuole la ragione, che fia riprouato.* tali fono 
quelli, che contengono Pofoena elprelfionc di 
materie a moro le,' perche tal materia così elprelTa, 
come prono alerone,fi deue leuar dal Theatro,rup 
pofto il modo illecito,dishonefto, & ofceno, con 
che ella per ordinario fi dichiara da molti nella-, 
moderna, e comica {piegatura. E tali fono mol¬ 
ti Titoli, che l’anno 11S40. mifurnodiiiiOilrati in 
vna principalilfima Città, nella quale il medefimo 
annoerano fiati elpofiipublica mente da’Merce- 

Nn z na- 


s 




Bc actì! 
Kslio- 
gabali. 


28 4 CJPO QV^KTO, 
narij Comedianti ► Io dirò prima con LampridioJ 
ytntampeto , ejiuòdhac , ^«<6 apud dmetfos reperì^ 
littetis tradìdty cum multa improba reticuerim, f^ 
quane dtci qui de miine maximo pudore pojfunt }ea 
wròquadixt , pratextu verborum^ quantum potuiy 
Pexi . -E poi con roflore ne referirò alcuni, pregan¬ 
do , che ciò mi (ì aferiua, lè non à.legge di necef 
fica, almeno à conueneuol’ezza di buon zelo, per 
dichiarare più ipecifìcacamence il vero • Ecco vn 
titolo prelb da qiie* molti ^ 

Signori. Si recita rAmorofo Sformnato,c Ber¬ 
tolino Fornaro gelofb, e Becco Suenturato, 

Ecco Talcfo Titolo. 

Signori. Si recita li Amanti fauoreuolicon la 

conlolacione dei RufHaneiìmo. 

Ecco il terzo Titolo. 

Signori. Si recita. Ogni aiuto in amor èbuona> 
con Bertolino Cortigiana Partoriente. 

Ecco il quarto Titolo-,. 

Signori . Si recita. Amorvuolgiouentù,non 
vecchi, ò bambi. ^ 

Tacio di molti altri Titoli , i quali furono efpo- 
quell’anno in quella Città , e certo merìtauano 
di elTere giudicati ofeeni » e riprouati , lè da zelan¬ 
ti » dottile giudi Cenibcifuirerodatìprimaritte* 
duti. 

' Mei fecondo luogo fi dèue riuedere, cconfide*^ 
rare mok® accuratamente) oltre il Titolo nell’At- 

tio. 





TVNTO SESTO. 535 

eone,'I Saggstco, e Coftructo dramacico. B Co- 
jnico Andreine.fcriue.-che S. Carlo Borromeo vo- ^ 
•lena .vedete il Suggeteò, che lìrecitaua j e.quando 
il Coftrutto dilui era patetico,e morale, l’ammec- 
teua. La cenlura vfata da quel Santo può lèrui* 
re di ottima regola per ogni zelai?««'rtelato,e vi^ 
tuofoPrincip.e ^ . _ 

Nel terzo luògo il deuouo nuèdere gli Scena* 
rij. 11 Comico^ Beltrame nel c. 3 8. nel filo Di* 
icorfb. dice K che itmedeiìmo^ S» Cario dècretò, 
che fi po.tcfiero recitar Comedie nella fiia Dio- 
cefi .olTaruandoil modo di S.Tomaib; 6cimpo*' 
iè a’Comiciche moftrafiéro gli Scenari] delle 
loro Comedie giorno per giorno al fiioforo:ecos»' 
ne fìironodal dettoSanto \ e dal fùo Reuerendli^ 
lìmo Signor Vicario molti fottolcritti -; ma in bre- 
uei molti affari di quell'VlBcio fecero tralaièiari* 
ordine , giurandai Comici, che non làrebbero 
Rati gli altri Suggetti meno' honeRi de i riue* 
duri. 

QueRo medefimo Comico lòggiunge nel c, 

3 9. che trent’anni dopo il Decreto fìtto da S. Car* 
lofiiccedette à Palermo^, che certe perlbne vole- 
uanoleuarlé Còmedie da quel Regnoj ma nom»' 
forti loro l’effetto , perche i Tomi Ri Angelici s'ac- 
cinfèro alla ragione delle honeRe Gomedie, o 
n’hebbero la palma, E pur colà fi fece vn'altro 
Decreto, e fi continuaifòttolciiuere gli scenarij* 
delle Comedie. ló 



■1 


la Gcn. 

zi. 


^PO Q^VARTO. 

Io qui aggiungo » che trouandotni neiriniple> 
go dellapredìca Tanno 16 3 s.in Palermo,e facen* 
<lo riuerenza dopo'Quarefima alTEminentiff. Sig. 
CardinàlDoria Arciuefcouo, per parcirc à predi¬ 
car TEftate ailcroue, mi diffe dhiaro, e con iiiolto 
iènfò • 'Spiacemi,clie parta 3 perche mi làrebbe fta- 
to caro, chc'hauefle predicato controleComedie 
oicenèy aSlc quali lo ftar prelènte io Armo pecca- 
to.morcale 5e peto.coniando, che le Àccioni fi ri- 
iiegganoauantiii publico Recicamento. MàS.£- 
minenzanon milpiegòvre comandaua la riuifio- 
nc degliScenarij foli , ò pure di tutta TOpera, é di 
tutta la verbale compolìtione. E quatto appuntò 
c vn dubbio,che nonAimodouerfi paAarefènza 
qualche diligente Ipiegatura. Et 10 bramo nel 
traghettarquefiogolfettovelleggiar figuro dalle 
firti di falle opinióni » è dagli feogii di troppo te¬ 
nace giuditio, e Arauagante conclufione. Spero 
dì prendere il capo delle mie brame, ingolfando 
nelTalto della comune, e ben fondata opinione, 
alla quale le vorranno appigliarli i Comici poco 
modeAi, forfè vigileranno dopo il torpor della lo¬ 
ro negligenza, & elèrcitandofi negli atti virtuofi 
s’auuanzeranno nella grana in terra, per poi in¬ 
tendere, e poAedere la conlolapone delTentrata 
nel celeAe Regno. jQHtfqws ynota S Ifidoro, 
pofì torporem merita vtgtlauertt , per exercttiu 
àonioperisvere exfurrexeriiin Ecclefta fuperemi 

nentem 





PFNTO SESTOl Iti 

ìkntemgrathm 


in 



l 


IC 


j ■»# -i 
?Ì tJ f - 


i Tf^:XTO SE TTIMO: 

anelloychefi. deut dire mtomo‘dllairveri^<dm»^ 
e totaiermfionedelt/éttìonìf, - 


iteonda la debita Modn-^ 
iatione,^ 




L À vìrtuofàHrama èbuonai madre della ddP 
genza:. nè può ranìmo bramo(b,ediligente 
noacìtcre ancora: xìrcòfiipetca accuracamento • 
li buon Superiore attende àtactirpuntidella fùa.» 
obiigàtione ^tanto à quelli di necellìca: », quantò à 
quellidiconuenienza >. de vcilirai onde ferine vn 
moderno Dottore*. Spficopt tenentm nonfolum^ 
necefiaria facere», fed ^ 'Vtilta quoque , IVelco- 
ui fono cenuti\nòn &1 q à fare le cole necedarìe 
a* loro Sudditi,màre vtiiiaiicoÈà. C2[Si*ndi io.à pro- 
pofìcadellarinifìone, rifpondenda al Punto,mi 
dichiaro con:alcuni Detti’.. 

Dico r. che à rigore di mera, e precifa neceflìtà 
baita,, che il Superiore preicriua. a’ Comici vna.j> 
Moderatione fornita di quelle condìtioni „ che> 
faranno giudicate; neceifarie , e conuenienti da.^ 
huominivirtuofi,,dotti, pratiche zelanti talla-» 
quale i Comici fàrannotenutid’vbbidire puntual- 
mentei^e non vbbidendò,doueiannO} come rei di; 

meri- 


CAVO iSVJKTO ì 

mericatocaftigo,efferpuniti. E quel Prelato ,5 
Principe,che procedefle in quello modo,io lli- 
merei, chciòdisfaccfle airobligo lùo in rigore di 
neccflttà,, tutto ché non comandaflela riuihone 
verbale , e totale dell Attiorii. 

Dico 2.che per obligo dì conuenienza, & vti- 
Jlità, è molto ragionciiolc, che lì riuegganodi 
4:iafcuna Operai! Titolo, il Goftrutto, c gli Sce- 
narij almeno ; e lècondo . quello nlpetto S Carlo, 
dòpo hauer decretato, che li potelferoTecitar’Co- 
lùedìe nella Iha Diocclì lècondo la Moderatione 

di S. Toroalbi la quale eglrllimò punto di neccia 

lira,aggiunlè,comepjioxp di conuenienza, & 
Vtilìtà, che iComici móftraffero il Collrutto, e-» 
gli Sceriarij. E così farebbe conueneuole, & vଠ
ie , che ogni fauio Principe, e z elantc Prelatopro- 
cedelTe. 

Di più lì potrebbe fare, che i Comici giuralTe- 
ro, che la veibale clpolìtione delle leene tulfe per 
elfere.in quanto all'honellà.corfilporider te alla 
modellia de’ medelìmi Scenarij. Come S.Carlo, 
per tellimoriianza di Beltrame,lece g'urare i Co¬ 
mici » che i Suggetei non riueduti non lartbbero' 
llatimeno modelli degli altri prima veduti, & ap- 
prouati.. 

Dico 3. che ottimamente fanno que’ Super^ 
ricche comandano, cheliano riueduce le Attie¬ 
ni , ftefe in tutto, eJ^iegate di concetto in con- 

^ cetco« 


S'eTTIMO 


toncetto di parola in parola fi, che niente n^ 
Theatro fi oda prima, che non fia fiatò diiigente- 
mente confiderato > & approuato da’ deputati 
’CenIòri. Oftimus medicus ci?,dicéS. Toinaffò, 
non conjtderatfòlum ^nmerftlià^pd^HKpote^ etta 
eonjidernre minima partk^urÌMn . 

-E quefto pare, che propriamente voglianoci 
Dottori, quando auuiìàno, éherAttioni fiano ri' 
uifte auanti il publico recitamento.Nè mancano 
ragioni à prona di qiiefio ottimo comanda^ 


I. p. 
'Oj. a. 

6iC, 


amento.. 





: <. > 





V P R I M A R A G 1 O N 


S Anta Chiefii comanda,che fi riueggano i ti- 
bri ,-{piegaci in tutto, atlanti di dar loro l’ap- 
proaatione, per Icggerfi poi Rampati-. Dunque 
parimente-fi deuonoriuedcre minutamente fiele 
le Rapprefentationi, auanti di approuarfi per lo 
Recitamento . poiché, se quelle fòno dannofè, la 
viuezza,&energiadel Rapprelèntante influifcc'. 
più efficacemente al danno deiranime,che la-» 
morta, e languida lettera,fe è dannolà. Anche il 
Comico Andreino cònfélfa conia comunequefia 
verità j poiché dice nel fuo TheatroCeléfie, ve¬ 
duto da me manulcrittoFanno 1640. Ja Come¬ 
dia letta lenza moro di lèntimenti le ne pafla alF 
anima 3 mà la rappreièntata con cfiìcacilfimi mo- 

Oq ti 


29 a CAPO Q^VAKXOl 

tidì&n{ì;eflerni, òcititeriìi pàlTa alla mente, 
èrocchib deU’anima. 

S E C Q N D A,rR AGI O N E.;. 

V ' • , i ‘ ^ ^ ^ , 

A Riftotile^. Ech. c:dt fAcetudine y,e riferito,© 
comentato da Vincenzo Madio, vuole, 
par.che le parole olccne fiteuino affatto dalle Cornei 
die, benché vi fi pongano per muouere à rifo eoa 
k> fcherzo.e col giuoco . Q^dam(unt, dice il Fi-* 
lofòfo, éfUA £ 5 * ioco dicere , <31* audtre talem lìa^ 
tninem dece t : (^ingenui Homtms> iocus à Set ut « 
item eruditi ab tnerudtU toco àtiÌAt : tdéfuodtx 
Còmadtjs Detertbus , £5* nows licet 'unicuief} perj'pim 
cere : ilU enim •vet borum ùbfcmitdsy hts objcamtaììs 
[uff icio tantum rifurn faciebat . Dalle quali paro-^ 
ie, come n*auuifa Madio Comentatore, dobbia~ 
moraccogliere, mComAdijs obfcana'verbaexfh'i, 
àendaprorfusefe : (Si ideo tn ijsy non ex. illk ri/hm’ 
captandum efé yféd ex tllorum tantum sufptcione^. 
Ma come Ariftotile delle parole ofeene: così S. 
Tomafb.vuole,chegliHjftrionijion vlino alcune; 
Parole illecite, & il Comico per eflere parte» non- 
è legitimo Giudice per fentcntiare, ò per appro- 
uarè, quali fiano le parole illecite. Eforiè anche 
tal volta il Comico non è fufficiente per quello af¬ 
fare j ò per non fàpere diftinguere ,e ponderare la 
illecita grauezza delle parole, che è negotio di 


tv:n!So \ettimo: > 9 , 

psèffofie addottrinate, ò per cittì egli tragii », cj» 
^cile al dire certe parole icònueiieuoli,maflìma-*. 
tììente nell’occafione di poter mouer riiò, & ac*i 
^uiftarfi ilplàufò del la brigata : per tacer poi queb 
U malitia, con che alcuni Còmici,per altro eccel¬ 
lenti nella lorparte, {parlano qualche volta, de¬ 
turpando non {blo le fcenedel modello Theatro^ 
xhà anche Thonore della loro modella Compa- 
: %he cosipcr verità tarhora.liiccede, come 
lahiioipratici j e còrtìegià dilTe à me in Fiorenza 
l’ànho 1640. Aurelio lamico principale, e Capo 
de* Comici Vniri. Dunque,perafficurare da tali 
lèoWuèneuolezzetUttàf Attioije,è molto ben fac¬ 
to, chèle SCehe lì {picchino, non in compendio> 
tnàCGhtutre le parole neceirarie, acciòche la loro 
Verbàle, è totale Ipiegatura lì rìuegga, alianti Tap- 
pfouàtÌQne,dà legitimi Giudici lùfficientementc 
pratici, virtùoli, zelanti, e dotti. "O dirà taFvno. 
Se li vferà quella riuilìone, i poueri Comici da¬ 
ranno vn pezzo lènza ^adagnò,e su le Ipefe all* 
hoderia, & ilpopolo lènza ricreatione ; perche^» 
non (i poffono fubitoriuedere rninutamente, Se 
accuratamente / 5. 20.'5 o. ò più Attieni . Mà io 
rilpondo, che il Superiore può deputare molti Ri- 
uifòti: nèèneceflario.chesijno liuille tutteauan- 
ti di cominciar’il recitamento della prima. Ag¬ 
giungo , che vn’Attione bella, & honeda li può 
rapprelèntare più volte .5 come li fàceua antica- 
•:> Oo 3 men- 


^ 9Ì CAVO QVAKTCr: j _ 

ajene» » ocandio ù ».oituma à noftro tempo: e co* 
SI può auuenìre, che i Goinici recitino ogni gior¬ 
no., e guadagnino, e che molte Attionì h rappre* 
fèntino molte volte, e che il popolo goda ogpi 
giorno di vnrhoheftotKictenimento. . 

Lafctamo ralere ragioni^, che come Scoccati 
ftrali colpifcono nel bcrlàgliodi quefta riuihone: 
epaflkmo alla rilpollà di vna diiGcohàpropria de* 
Comici Itajianiicon làqpalé vedremo, che rita<* 
lica prontezza dé'Mercenarij Attori {idà.vn ber 
vanto,màcotal vamoibr&non Ik auuanraggia-j 
molto alla conquiìda.dì meritato honore ,‘.e piacia 
àOio non cagióni loroil dishonoreterno, equeb 
la triplicata pena, che neirinfernopatono.i£tan-t 
nati, e dàlia qitale, come da tre lancie cialcun di , 
loro è milèra mente trafitto yCon^ptur tnbuslan-^ 
ms , dice la Glòfà nlora^e, ftiUcet pana fgms , 
pma ver^mis., fma carenti a njtJjpnU » 

INFINITO O TTA VOI 

M t (jòrmci profe^^no di recitar aWtmprouifo , cht. 
fìAemdire , ò iare èntmno aUa rmt[ione 
sondo la debita Moderatione * 

7*^^ belllflìmomtellettofpeflfè voltelampeg- 
^ già, quali matutina flella ,con improub 
& luce, e con moltiplicati Ipendoridi vaghicon*^ 
cetti, di gratiofe parolé, e eh vhliflime fèntenze, e 


WmO OTTAVO: 59 ^ 

piene di gioconda moralità • nè fèmpre Ic', 
grane di Natura richieggono lunghezza di tem¬ 
po , per- ilcoprire la Ipr vaghezza ; anche Potò fii 
troua talvolta (enzazapparprofondafoda^eièn- 

za' m ol f o fa tic a r rie au an do il lùplov - fjOppp 
lolb de* liiordoni làrcbbeil Ciefòrlèrchiliriciap,. 
non ne potelTé trauo tracco far mollra:ancHea|iS - 


.. Hórsu diciamo, che'il vittuplb Recitarem'lce- : 
na è vna bella grà^a^i^nziè ytj'cQnri pendio di^ 
molte gratié, lè quali molti {nércenari|4 e mod^r : 
ni GornicMcùoprono imp'rotlii^metue nel mo-, 
derno Tjheatro.. Non hanno tufte le Rapprelear. 
catióni Refe di parola ih parola : èie parie haono*j 
elfi notile mandano alla i»einoria'‘al 'modo'de*" 
leckanti Fanciulli, òde* verbali Oratori: ma app 
prendendole bene ,prima in lbRanza . ..come per 
breui capij.e.;punti riftretti, recita nopoi improui-* 
làmente -, Ó quali improuilàmente 3 così adde- 
ftrandolì ad. va oiodódi ’recitàrèliberò . naturai^ : 
egratiolo. 


BeltrameIcriuedfqaefto affare con tal guila.>® 
Tutti i Còmici oltramontani tanno Opere graup 
con IntermediridicoloF^fi non lono zelantidelle'< 
buone regole de’ Crecise de* Latini .‘ mà gli Ita- " 
liani fanno Opere grani," e Comedie pòpolarir mi- -- 
fte digraue >'€ di faceto j^ altre hiftoric compo--" 
Re:pui deli*vnOì,^'dell*altiOj e s’auuicinancrar 





d'Ariilotite j c di pii\ tecItàHeì 
iiBpròuifatìiente?cofa, che raltre Nacìoiii inori 
iharirio ànc?or fatto firi'hofa. 

parte d^ idetro di Beltramèi intOfrfri' 
raU^atìpró^ifo Tè<-hare,‘riii‘C ftata confermata 
^rtGÒiriicì p^he^à|i ! Anzi ^ò d*alcùriì 'Signóri 
Actàd^riiiciVchè hanrio cominciato ciò à prati¬ 
care in qualche città principale dltalia. É qui 
ipatìtaÌ’acrit*zSadella diifièOhàpropofta nel ^e- 
iehte-?PiHftOip:Se 4 Gomléi fecitanò inipròu^^ 
morite rioi <rfi‘e dóbb^itìo dire, ò' fare intorna- 
^dla riuihofte'^^erbalclfee^ftdo la debita Modera-' 
tione^^ certo nbnitìaftcano colon- per illuflrarei 
^qiwft1ombra.fiòéàcòtal propofta non mancano-^ 


•? 1 


ri^ode; eperò 

lorifpóndo^/Jchc quella è vna Iculà, mà non 
«.tanto nuoua à queftonoftro tempo,che non fia 
Hata ièntìta , criprouatàpari mente à tempo no- 


> 


Non è-molto, che>vn Gehtirhuomogiuditiolbj 
eprattico non poco de* dramarici decita mentì » 
' mi dide , che gli Ipiaceua aifai, quando lèntiiia, 
che certi Accademici recitauano airimprouilb j 
perche tal yoItadìccuano.dell’Olcenità: e poicia- 
icuno di loro fi Iculaùa con dire, M 4 è'IcappatàL». 
Màquellafculà, !auuilb io, alleggienlceben sì il 
difetto , ma non.fà , chenon fia difetto : e però per 
non Hcade£ui,ÌL leni lacagionos e noni! reciti all* 

im- 




r ^ 

'•n ’n. 


iiìljjrouwfo f W 3 




mmm 



« <T,:^ 


^w^pa 

i^i^QTv^qpeHo ^r?el?(t|lè<;tQ<Sjtjtìup d?t 

all jn>|)^oiAÌ(9 ^ ^9^ <Jip,qp^l):adÈ^ffl<ÌPé6 # 
ip(?.f ra Buona,. mià pilli /ìquf^, e rtJiglipprÀiyii^dM^ 
farebbe ftatp,recitare f'Xfe^:on4^^ 
tak riulfiÀae di parola in p'ar^a j e non ricorrere^^ 
ajlarfpreofiònie,Q,a(ldire.Mefca|ppaca> qheèfeu^ 
fariprpRata,dàfciMit(iSauijUr(^ '; , : 

:.I| p;sGittlÌ9 Majs.arkjoi propps^, ^.riptQti^co©^^ 

trelci^pqllbela ptogofta de’ j^omicritcheÈ leei^oio^ 

all’improuifb 


'j f r'" 




^4 

y » 




DicònbgliHiftrioni ».fcriiJè. Non habbfamo’ 


fcritte le Anioni: ci accordiamo nel Suggetcotdi^ 
uidiamo Icpartiì» e poidiciàriao in pronco t:- 
Rilpondo prima,cbe è arte>pef ingannarei Sttr 
pcrioriì.óc i^iaifòriv^-Secondo;, Non èprojbabile 
inipeefooè oaoico maieùakfe piweàlcuiK) pcrin-': 
g^tioìjper.vfoi epersfacciacaggine ciò potelTe. ; 
Tèrzo.^ Le fermano; & i Superiori faccino càl'hb- 
ra aflìflere alcunó> per confcontarlej con vn*aftu- 
to è fòrza d’effere vn’afluto, e naezzo : cantra Cre^ 


tenfes: cr€tt\andunt\ Saggiamente il P.‘ Mazari- i 
no, alle cui rilpoftc io aggiungo 5 ^ allà difficoltai 
Rifpondò a.Sei Comicihannolè Opere fcritte 
ad veibum , di parola in parola totalmente, rhà 
non mandate alla memoria^ fi riueggano in tutto/ 


t'jlr * 



. « 9 ^; , CAPO ^AKTQ\ 

^^.^inam^nce, c riuedute, & appròuatei jtnji à£t- 
ho t c'ìe iéiò'ncMi; poflbno^r pt eft a méncèi n%ico!< 
ipinoia'lbfb ’ negligenza » e hòn 4 a diligenza^ dé* 
Supcrioti, la qu^e in qaeftononi fbuerchiav nè 
- ; rigofòtì > nè*ieràp^£à i mà-acc , pronida, e 

qualeinJegna il VìèrO'Zèlódìella faluce deiranime 
.comprate eolfàngd^^l. Redentore. 

" Rifpondò 3*.Sé ndn'harinble Operefeitte, le 
fcriuano ;'còme dice MazaribOiil cui parere non 
è ingiufto, né troppo figòrcflb j inàgiufto.e cau^ 
,to. E nel peifieorór»^àlubbiÒ di pericolo alle ani¬ 
me ciascuno incede $ che 

fi deue eleggere il mezzo più cautelato. 

Rifpohdo 4. Se i Cornici hannoìeritri almeno 
iTitoli,iCoftrutti, egli Scenari], co' qualipolTo- 
no in pronco-recitàrelc Actionèe vi è quale he buo¬ 
na ragione, per 4a quale fi giudica poterfi conce¬ 
dere al popolo l'honèfto trattenimento theatrale; 
fithieggano i detti Tafeoli, C»o(tratti, e Scenari] 
prima , cpoi fi faccino giurarci Comici, che nella 
verbale Recitatione non eccederanno punto i 
terminideirhonefto: òalmeno fi auuifino feria- 
mente à non eccedere,,& eccedendoj fiano ca- 
ftigaci. 

Carlo Siuélli , detto Polpetta tra’ Comici,l’an¬ 
no i<34i. in Fiorenza mi narrò quello cafo,oc- 
corfo à lui,òc alla fiia Compagnia di Recitanti, 
lavn luogo della Riuiera di Cenoua fi trattenne- 



^VNTC ottavo: 297 

ibiComìci per recitare: fubreo vn sacro Xnquiiìr©* 
re Domenicano fì dichiarò di volere riuedercji 
tutte le Attioni, che fi doueuano rapprelòntare : c 
fiì vbbidito con quella pratica . Auanci di far vn 
Eccitamento,fi naollraua in hreueall’f ix^ifitorci 
il quale leggendolo, caflaua ciò, che gtudicaua 
degno di cadanone; e quando dubitaua di qual¬ 
che colà ,intcrrogauai Comici, v.g. Quella com- 
parladiFrancelchina che lignifica ì 

RilpondeuanoiCoraicL Qa^cftac vna Donna, 
con la quale il Zanni fa ì’amorcvon dilègno di ha- 
trerla fiifalmemeper moglie. Et egli aggiungeua . 
Hoxquìfi guardi il Zanni di dire parole olcene,», 
e di fare gelli dishonefti, è toccamenti lalciui: al¬ 
trimenti io vi farò carcerare tutor e vi calligheròi' 
Il Zanni vdendo quella minaccia, llaua molto 
ne’ debiti termini recitando 3 6 c in vedendo la^ 
Donna, l’haucrtbbe falutaca con modeftia, lenza 
vfrrei Ibliti toccamenti, egelìi impuri, & in ve¬ 
ce dt parole olcenehauerebbedetto. State alle- 
gra,cheprello finiranno i nollri trauagli. E cosi 
il Recitamento riulciua vn’honella ricreationc 
theatrale lènza l’ordinarieolcenkà, e lènza dar* 
occafione à molti di moltiplicare i peccaci: la mi¬ 
naccia d’vn buon Superiore lèruemoke volte di 
pxelèruatiuo a’ feorretti coftiimi. 

Rilpondo 5. SiauuifiiìoiComici, che venen- 

Pp do 


2 98 CJTO QVAKTO, ^ 

' do vn’akr'anno alla città, ò chiamati * ò fponta» 
nei, non li darà loro la iicenzadi recitare ^fe nota 
hautannol’Attioni ftefè ad. ^trbum» & ia tutta 
impariate à mente. E fi aggiunga ,, che U loro 
elempio, di dire in pronto fcnzala precedente rì- 
uifìone verbale , e totale, fé non. fi toglie affitto^ 
paflcrà a’Comici oltramQntani,comc padano Ic- 
pràtiche deglialtrlcoftumi, e quindtseguirahno- 
tra loto que* difetti, chehoralèguono tra gl* Ita¬ 
liani-onde la noftra Italia, che, deue manténetfi 
giardino- di honediflìmi recicamenti ,.diucnterà 
dishonefto fèminario di fceniche turpitudini, le-»» 
quali, come germogli infetti,faranno poi trafpor- 
tatealfuolodi altre, natibni,6c iui; piantate, cre-^ 
icerannO' in arbori di comica dishoncftà,.con le-» 
frondi nociue*, coni fiori ammorbati,.e con i frut¬ 
ti pcftilenw alle anime de* poco virtuofi Spetta- 
tori- 

Dtcafi di più, che, col direimprouifamente, ft 
fogge molto la fatica da*hcgligenti,efi fininuifee 
la lodede^virtuofi j poiché la lima col tempo, e.» 
non il primo caldo con Timprouifàca, illuftra-, 
Toperare quello, che v*è di peggio,fi fométa molto 
la natura viciofà di que* Comici, che fono poco 
inclinati à voler dilettare con rhoneftodella virtù. 

Cerco lèi mercenarij Attori imparafferoàmen¬ 
te il tutto, còme imparano per lo più gli Accade- 

mì- 


whI£0 settimo. ^99 

ihici Recitanti, e diceffero txfcrìpto , fecondo Io 
fcritto, & imparato,'credo, elle tìaicbberoaflài 
più sù l’auuilo recitando, per non errare : nè for¬ 
fè potrebbero recitare ogni giorno diuerfè Attio- 
,ni» erOpereloro farcbberopiùpfirfcrtw,piùfti- 
ttìàte,e megliorapprefèntate con accrelcimento 
'di gufto à gli Spettatori,« di lode a’ Recitanti ; 

Ridondò 6. A me pare necetTario, ò almeno 
molto conueniente, che non fi conceda bora al 
Chriftiano TheatroiIrapprefentare meno caute¬ 
lato di quello, che già fu concedo da' Saoij Legif- 
latoriài gentilelco Theatro veioè, chele publi- 
che Attioni, lòlpettedi nuocere a’ buoni coftu- 
mi, non firapprefearino, imprima non 'fonofte- 
Jfè in tutto perfettamenre , come erano per ordi¬ 
nario le gentilefi;he antiche s e (è prima non fono 
approuate condiligenre cenfiira di dotti, e virtuofi 
Riuifori. O )de concludo, che quello moderno 
Vfode* mercena ij Coitiici di direin pronto mi 
pare vncattiuo vfodell'Arte,& vn folpettofoabu- 
Ib della Scena, e però degno di elTerè lafoiato da* 
virtuofi Comici, e sbandeggiato da’zelanti Supe* 
riori. 

Ma diciamo vnaparola degrintermedi solici 
diffaporfinelle Attioni. Perche quefloè anche-» 
vn groppo, che fi frapone alla telfitura della no- 
ftra tela s ma femiràper farla più ferma, e più du- 

Pp 2 re- 


300 CAPO Q^VAKTOl 

xeuole, e per efbrcaxi Comici à viuere da tuoni 
ChriftiaHÌ, poco.fperando nelia lunga vita, cho 
fpelfe volte s’accortaper cagion de'defiderìj sre¬ 
golati, e delle cattiue dilpofitioni. Sicut tela fith, 
dice S Gregorio > ita, vita dubus profimt. Ilanc 

tiUm òrdiatw homo longamtn.animojuo,quantum 

>pui Dontinm.pralandet.eam, quandoplacett 

dfjp'jltéomsiy^dejukriat ^ttaha*, 
dm vmnàtycittusmorttm,.: 

PFNTO J^ONO. 

Intorno alia Kimfionedegl'Intermedi y fécondoTiLi» 

debita Moderattone», 


! 


C*iU 


L ’Opere dramaticHc ingegno^, e mirabili de® 
mercenarii,Comici del noftro tempo fono 
alle volte fimili àicerte Matrone grani .óchonora- 
ts > che tra le loroDamigelIe auuenenti»e virtuo- 
fe ammettono qualche Semente ridicola» e vitio- 
ia. Io qui non fonda Sfinge al Leggitore ogni 
Sauio HI'intende ,e sa, che voglio dire, che i Co¬ 
mici moderni cercano temperare la grauità deli*- 
Gpere cohridicolo dell’Intermedio, per arrecare-» 
pia dilettò à gli Spettatori,, e piiVftima alla Rap» 
preientationev 

Eeltramcdice, che Comici olcramontanr 

fan- 



V 



FFNTO foi 

fanoo Opere graui con Intermedi ridicolofi. Et 
aggiungoche, fecondo me» procedono^^- 
gìamentie, e meritano il pregio della lode,.|a qua-!». 

le meriterebbero anche i Comici Ita.liani y ,iè non 
deturpalTero con le dishoneft^ il ridicolo delliar 
termediot mà quello è vn pdo deU’ouo loroj quef; 
jfto èvnlcu difetto j e c^uellpporik là pubìica fa¬ 
ma ail’ipfecchV di che poi ffmuouO’^ 

nóy e h rilèntono {c/iaen<^,e parlando contro gli' 
01 cehiComedianti,iqualimoite volte propón¬ 
gono ingegnojfifljmii g^auiUripi', e modellìlfìmi 
Titpi^i d’ppere nuotiei^ l^lle, e virtuolè s mà poi * 
non saper quafe suentuta^ le. suerspznano nel 
pubiicaRedtamento eòa qqegPliuermedi;, ne* 
quali fi veggono gcfti di vitt^erofi Mimi, è s*o- 
donoparoie fblited Vditfi ne* luogfii impuri. No»: 
credomalricordàrmi.ricordandomid’hauerfèn-' 
cito dire l’annai 6^ stuella bella città di Palermo, 
cli^ all'hora iui certi. Comici principali haucua- ' 
no fatto vn'Ppeta belli^ma, degna perlèU'e^ ^ 
làdimolta lode, mà poi v’interpofeto vn’olccniA 
Ifinòo Intermedio. Quefto fii vn’auuelenarc il' 
zuccaro, & vn volere,chei*honellilfima Virtùfia 
^ corteggiata rcdishonorata daldishonefto Vicio» 
Rtcordifi adunque ogni sauio , e modello 
Principe, ógni alrro buon Superiore, che^ 
la quotidiana elperienza cònuince,die molti 
Comici mercenarij procedono bora con talguilà^^ 

nelle- 





30* CAPO ^VARTO, 

iiclleJorollapprefèntationi, che tra le belltózo 
degliilttiad’vna virtuoA Comediafannaconiipa. 
tirc^comc bruttMìmi Moftri d’Ofccriitàjinterme- 
dì vituperoli » & in degni de* chriftiani ,<c modefti 
Spettatori: onde fi concludeia nec^Kfica della Kiui* 
fianctìitìarnoàgITnrermedi5 «peria onàlc iori¬ 


cordo ad ogni Riuilbre^ Tautiilb di x]ael grande^ 
^ Aut<Ke. Uffimtim fHfcepiBttinjqU9-kci^ece^Ar^t 


v.anf. xQnuaerattmpm aamoaenatis €S 

ep. 7 .«, . * 

A G T a: ’ 

'^yirettd d 0n^ojtiòri , Riu'jfòri dette Còrnei 

Se't idccioehe qùelU compónendo non noflrié \ d 

nm: ' 

(cóntiA:, 




I O prego tato quelli j cTie firriuendo ji e poetizì^ 
zando compongonoCoiiiedie,.ouero riiie- 
dendole ,^hanno autorità^di cenfurarle, che cori* 
fiderinò maturamente, non iblb ii modetliflG nò 
modo tenuto da Plauto nella Comedia degli 
Schiauì, oue fcriue. 

ProféBò txpedtei PahuÌA huic operam dare : 
^onpertraStaièfaBa ejì j neq; ttemiìt calerà: 
X^eqi fpurctdici infuni *verfus tmmemorahles • 
Htc neqi periurus Leno ed, nec Àieretrtx mala , 
Ma ponderiamo anche il detto di altri celebri 
Compofitoti antichi. Gimienale attefta, che le^ 

colè 


pfnto ^oNa tot 

brutte non eonuengono alle Poefie. 
NtldtiS» *. viptqi fixcltmmafangaty 

. Intr^quit Pt*er e fi: proctd. btneprì^uù tte 
. Lenonum (^ caniuspemciiéintmPamfiti, 

Marciaré»iè bene feccalcuntcompcminàenrt) de* 
qualidifle lo Scaligero .. J^elegermtjmàgm^Un^ 
tum aBefi ,.njt ad cenfuram •vocem; nondimeno 
difle a’ Lettori del Ino quinto Libro*^; mandato à 
Domitiano Celare*. 

I{d*tr(m/tyT*ueric^i,Vifgtneft[i. 

Vcb spàgnanofiradedtcatur* 
Qmntutcum ^Domino LtBer ioceturI 
Qmm G€rvM.meui ore mn tubanti 
CoramCecrop'-alegat PuelU». 

Del qualLibro nota il P. Maetheo Raderò dellaJ 
Compagnia di Giesù . LiBer hte urnsanBut , 
fttruselt\vtpojjitforam sanBt^mis^ (yidinerud 
Sacefdoùbfisjine tuBore /e^r.Ecilmedefiino Mar* 
tiale parlacol fuo Libro ottano con queRi verfi. 
hawrigexosfDommt Liber intra furo "PenaUS» 
Dt/ce'Verecondo fanf^tus ore loaui, 
ì>Juda recede Vv>ius:noneJì tuusiiìe Ltbtìlus. 
P~umihttu Pallai Ceptrtana *veni * 

Grado >huomoper altro Epicureo di lètta, nota.» 
nella Poetica,che f. fuggano le parole impure. AV, 
dice egli» 

jiut mmunda crepent, ignominiofa^s tliBla : 
Offendumur enim^^mbus e fi equus^à pater,et res\ 

jNee 



Liaibi* 


Bxercit. 

ipi. 


I04 , cjpo 

^ec/t^dfr 0 tdcerts prol>at,(f nucisim^twl 
. JBmts acdptunf ammis , donantue corona. 

E l oÀ TarauùèmfBcn to fccoìn do 1 eifpófitbno 
idVn^èj^t^Vc Comematóré » *vetaf fforatiuSfnt^ 
in fahttUs Faiini vtrba mmisohjcena^^jì^ptto^ 
fa lò^aahtur^ Piòlhibiice Orario l’Oileintà delle 
parole, benché piaciano alla Plebei percheoffen* 
dono Tanimo delle pcrfonc nobili, ricche » e pru¬ 
denti :& il Poeta fauio procura di daràcjuelìe 
honefto iratteufecnto, curando poco di fodi- 
sfar col diletto àlPanitno de^rignoranti, e de* 
plebei. 

Equi non deuo lalciar l’honeftlflfìnrjo Poetai 
MantouanOjche per arreflationc di Scaligeroc 
nominato, Pudorispléntffìntm Parthfnias : e 
lua Eneade tu già tiouata in'alcuni antichi manu- 
fcritti con quefto titolò. P. Patthentatis Vtrp^ilij 
Jidaronis l iber Onde AntonioTiicfionella Qui- 
ftione tra’ Gramàiici, Vtrunt dicendum fif V\rgt-‘ 
Itns yàn FVr^i W,fcrlire, doacrfi'dire. f^trgiliusà 
arginali modeftia. Et io lento, con chi tiene,che 
ingiuftamente s’attnbuilca alla lìia pudica penna 
l’impudica Priapeia, che forfè Opera riè di Petro¬ 
nio AibitrOjò di Catullo, e non di Virgilio,* da cui, 
come da modeftilrimo Maefeo, poflbno impa¬ 
rare i Poeti, & i Comici le Regole della modeftia. 
Gran vitupero meritano alcuni Compofitori di- 
diónefti, che, per far ridere, vfanotante Ofeeni- 


WNTO nono: 305 

tà coperte, e (coperte, che le lor Comedie poffoa 
paragonarfì à quelle, che à tempo d’Aridocile fu* 
rono biafìmate da' Sauij per la bruttezza de' ridi* 
coli . Vìderet hoc cjwfptam , scriue il Filo/blb, i. 4. dé 
exComàdijsvetcrihus ydtcnoHisullisenim ridtcu aTwu 
lumeratturpuxdo verhornmx bis vero potimabfcu. 

TU fementia . Oae Pietro Vettori fà quefto co- 
menco. Anttquét Comiii» rifu m motubant turpi- 
bus obCcents vocibus y noux xuteni ìnhonefiisfa- 
itispottus cUtn. obfcurècfi fgntficand^s , <^uàmpa» 

Umy apertecfì exponendis. Mà à noftro tempo 
moki Comici e eoa equiuoci brutti, c con'fènten- 
ze,.efatti dishonedh e con voci di manifedidima 
turpitadine infettano il Theatro, e vituperano le 
Scene con le loro compohrioni, dignidime d’ac¬ 
curata Riuifione, e diligente Cenfùra. E contro 
taliComici nonlafcicrò di ricordare,con lepa’ro- 
ledeH'eradito, e modernoGio; Battida Sog>iani, come^ 
l’autorità dell’allegato Vettori, il quale loda la_, telvcl 
modedia di Terentio j6c in vna lettera (critta à 
S Carlo Borromeo agramente riprende i'olcenità 
d'alcuni Comedianti Itdianijclie ven uri nel Mon¬ 
do > per dishonedarla Scena, hanno (cricte le lor 
Comedie fenza Religione, fenza vergogna, e lèn¬ 
ze sale, & aceto j e modrandofi coltiuatori di ptr-» ‘ 
uerfi ammaedramenti, hanno formate (bzze pa¬ 
role à danno de’cuori de gli Alcoltanti, con ag¬ 
giungere agli ardenti dehderi de’ Giouani vn co- 

Qa P‘®: 


306 CJFO QFAK.T0. 

pìoib nutrimento di fuoco contro i precetti deir» 
Honeftà. Aggi unge il Vettori» quali accennan¬ 
do,che T erentio oftèruò fa modeltia nelle Come- 
dieamaroriexoue quelli Comicimoderntdilprez- 
no ogni termine di moderata Comedia»e fa.* 
contaminano con dishonellillìme bruttezzoi* 

^^dacewrate JcruauitTerentius r neglecfum À 
fcu rnfkvhmemortA Poetis , c^uìpajjìm hts: à Bo» 

^ nts mortbus:altems^,f0 alijs tttrptortBm adhucamo-^ 
tìBus ContAdium inqumanttf^ant, (S ommdtdt^ 
core contaminant ^ 

* Età conferma del ladetta auuerto, che Arillo- 
die «addotto dal Sbgliani,llima,che le ricreationi 
vere debbano elTerdiletteuoIiinlìeme, 6c bone- 
Ile» £ quindi nota Snida,che gli antichi Poeti, 
erano modelli FÌlolblì,e pondera la Horia d'Aga» 
neii>v!l ménnone>da cui per racconto d’Hdmero,e d’Ate- 
i.c!yr neo, fulalciata ClitennellralbttoilgpaernQdVn 
Poeta > il quale piaceuolmence la riereaua, e no* 
bilmente PinlìammauaalPacquillo delle Viml, 
celebrandone! luo colpettole lodldelle virtuole 
0 onne, e mollrando cohquefto, che i veri Poe¬ 
ti, &ibuonì Comiciattendono coloroGòmpo- 
nìmenti alla modellia, e puritane lìricordano ciò. 


^ che Icriue Eufbbio Celàrienle, cioè, che le Mule 
»-de_. lòn Vergini : Mufas fouìfcaht €5 *terrAfilMsop 't* 
^ nàntur , quas plm ìmt Virgines fmfe con^ngunt : 

0fic appeffataSyqmmam 

do^rt» 


*PVNTO NOT^CO 307 

doS:rin4 mftitit€re ffgntficitt,E contermafi col cafò 
narrato da Diodoro, c dal médefimo Eufèbio, 
per cui s'intende 3 che il Re Ofiridc alTai fi diletta- * ^ 

ua della Mufica» e però manterieua nella (ua Cor¬ 
te d’Egitto molti Mufici, tra* quali erano nono 
Vergini, che pereifere Cantatrici ccccllentillìmc, 
furono chiamate le noue Mule , gaidatedal Dio 
Apollo, ^uarum 9/ipollo Come dunque 

le Mufe fingonfiVergini, cosìiPoeti, che le Mu¬ 
le inuocano, e da quelle vogliono efier aiutaci» 
fàuoriti, de inalzati, deuono amare, e praticare 
la purità, e maffimamente i Poeti Comici 5 già 
che l’Arte loro è vna buona filolbfia morale,* e da 
che fi conclude, che la Comedia debba feruire 
per honeftaricreatione de’ virtuofì Operatori, e 
non per va no, òcofcenolbllazzo de’poco mode* 

fti Afcoltanti. . • 

> 

Sò, ch^* Piatone parlò alle vohe,e forfè per fa- 
fiorire il Popolaccio , degli Amori poco mode- * 
ratamente 3 che però Ateneo fv.riue , cheicon 
U!ti di lui, de i difcorli amorofi così poco ho- 
nefti fono » che egli fece credere d’hauer dif- 
prezzatiiLettori del tempo auuenire. EloSca-1.,.?,. 
ìigero fi rilèntc contro di lui dicendo. St Li- 
éeUos aliquot àamnat-, refpiciatipfe fese ^ auot ine- 
ptas t ^uotjpurcas FaheUas infèrat^ ìjhiìs^^M cani- 
tum fcelus oìmtes fententias identidem incttlcet : 
arie Sj^mpo^um, CJ* Pl^drumtutqì alia Monflra, 

Qq 2 Ppe^ 



30 8 CAVO OyAKTO'i 
operapret'mmfaeritnmqmmlegife» Nondimc- 
appref. HO il meclcfimo Platone, quando più. làggiamen- 
giiani' te, e di fuolènlò ragionò, e^crifle, non volle ricc- 
p nere, come nota Proclo, nella Tua Pepublica nè 
la Tragedia, nè la Comedia, per Pabulo in degno 
ser. 8 . di pomi ogni forte di fceleratezza. EMaflìmo 
Tjtoauuerte, che come gli Spartani bandirono 
Miteco,Cuoco delicatilfimo,perche le lue viuan'* 
de tutte lèruiuano d'irritamenti alla gola, e di de¬ 
lire al palato delle perfone morbide, e vezzofe 5 
così Platone bandì dalla lira Republica que’Poeti, 
che non haueuano altra mira,che dar gullo al po¬ 
polo con le dishoneùà. A quello buon lèntimen- 
to< di Platone allule £u£cbio Celàncnlè dicendo; 
L'spx f mquit Plato ycogendt funi carminibus dice- 

M* re t banum, mQdebìum,m^umqj *virum felicem eSe» 
4tqi beatumifué magnus , ftueparuus fit i et fit^ 
ditfiss yjìue pauper . Si •vero imufius e^et , euamji 
di fior e^et , quàm Cyntras , aut Midas , tniférfì- 
mum omnium efe. Et aggiunge della Mulka le- 
«I#. condoli medelìmo Platone» e può valere della-» 
Poetica, e della Comica. Addtt Tlafo» Dei,.aut 
Viri dminiopus e£et, re£tt rhythmo , atq^ carmini- 
bus vii : quare dtltgehfer hae de re Leges ponendat 
eJpyCèn^tj qutbusad virtutem vniuerfa Jiiujìca^ 
( dico io vniuerfaComica}refpicere cogatur^Con-, 
cedoT^latoni, quod •vulgo dici tur y'uoluptate Mtt* 
fcàm dùudtcmi j^ed idam efe opùrnam Muficamy 

~ qua 


PFNTO ^ONO 309 
aua optìfnos , doBos V^iros deU Bat i maxima 

illum, aui vtrtute catem prafift Vmute igitur 
opus efi ludictbus , pràferttm prmudine'; ato^i 

prudentia: necjue entm T beatn plauju.aut própter 
ignaranttam , aut propter formidmem duci dei 

hent, . , . ■ ■ -,i ■ 

I Giudici, e Riuifori delle mercenarie Corner 
die donerebbero praticar con molta prudenza » e 
fortezza Tvlttma parte deli’addotio parere diEu* 
febio ì accioche il Chriftiano Thèatro non rima- 
aefle infetto da veruna Glcenjtà : e potrebbero 
petluaderfi >.come certo , che per comporre, ò 
lappreìèntare le Comedie. con impurità, nonu 
isculà i’imitatione d’alcuni Poeti antichi, nè me- 
ao dello ftedb Homeip i à prona di, che rieoedo 
colSogliani, che Senofonte afifcrnia dijfop Padre» P* 
cheglitaceua imparar àmente l’Ppere d’Home- 
io,hon sò-eon quania'prudenza j imperpchc,dè 
ben quel’ gran Poeta vien (cui^to da qualche Sa? 
•aio con violenta int^rpretatiope, 6c è coperto da 
Proclo col manto dell’Al legorie ,.nondi,ii;^no ab 
'le volte eglinaojftf ^brutte impiiófà: 6c,à giudido 
dlDione riferisce Dei colè, che fanno vergo¬ 

gnar gli buóniink e cantale loro auaritie,iniìuie» 
eontelè, adulterij, & altri delitti,, che ^cpndiO 
Arnobio non'fi poflbnofàluar con' l’JLllegprie,ttó? 
gate dalla malidade’ Gentili , per difendere l’au¬ 
dacia degli 5 aiit 0 ii, Efotlèpcr queltoPittago^ 



ilo CJPO QP'JkTo., 
ca condannò Homero^fì agendo con le fàeintten* 
tioni d*hauer veduta Tonibradi lui impiccata ad 
Vn albero neirinfernoj e che tal pena gli era data, 
per haudr nociuto al Genere fiumano có leiUeFa* 
uole, nelle quali moftra i Dei allacciati tra colpe 
mondane, e lènfiialirà. Quindi Platone giudicò, 
che hauelTe errato elTcncialmente netrimìta* 
Clone , rapprelèntando i vitij di Cioue » e de* 
compagni) e (limò, chela fùa Poelìa difbrdinat* 
ù rintelletto, e fulTe vna SlìoCoBì sofitlica, ÓC alla 
vera contraria j e peto diede elìlio dalla lùa Re* 
pubiica àqnel Poeta ^ ponendo in luo luogo Tir- 
téo,peribnaggiodilodeuolicoftumi . Con tut¬ 
to ciò non voglio tacere, che Ariftotile, citato dal 
jp.i 4 o. medefìrno Sogliani.Rriue, biafìmando le disho- 
• nèfta ne'Go>nponimenti,&afferma nella Poeti^ 
. ca, che Homefò prirtiO di tutti moftrò al Mondo 
là vera forma della Comedid ; e fù quella ,che li 
douelTero in elTa rapprelèntar i ridicoli, e non i vi* 
tup'èrì degli huomini ’i t mólto meno còlè, che» 
fanno àrroHìre. 

Et io concludo, che i Sauìj, zelanti,e dotti 
Riui/óridelie Comedie,da rapprelèntarlì nel Chri- 
Riano Theatro . polTono, e deuono valerli di que- 
fto ÀriRoteijcoammaellramentOyper purgarle 
da ogni Q.lcenita, c renderle, non Ibìo godibili a* 
•Popoli, ma anche gioueùoli all'acquillo, e com 
ièruatipne de' virtuolì coRumi • 




V.VNTO decimo: 

Se dell affetto di jimMte» 

ria (Cyàenore fi debba efiludere dal Gì^iffiéh 
m fi btatrQ fecondo la debita M<hi 

deratione* 

s 

j ^ 

I Qsòlaiéiitenza del Filolbfb Epicetto. FomentS 
ItbfdtniSsermo amatorius, che è vn fomento 
della libidine il parlar amatorio : e quella del Bea* 
co Lorenzo Gtu^miano, oABifrayòtìomOy sermo- 
mm tuumy ne lafeiaiaSi namtfsfermo ftctiè poSuit vk.c.;. 
mentemi ^.properè agitar y quod libenttr auditttr: 

£ qu ^lla di S Gitola mo Perdita mentis homines ^^ 
vnofreejuenter ylea quefivmohe tentane eUufìra 
pudicitia^ 

Nondimeno mi pare di dar commcraiTiénto 
ad vn^impreià * per [acquale fbriè io<dà tafano (à*^ 
xò pollo al ’numerodr quei troppo zelamieiagge* 
ratori^de'quàUilComico Beltrame Icriue con^**'^ 
gratia, òcacutezza di qaelio tenore.. Scupilco « 
come vi li) noancor perlbne, che pretendono far* 
vna maggior Torre di quella di Babelle che^ 
Bimano di poter Ialite» oue i Giganti di Flegra^ 
non puoteroarriuare : trauagjiarlì loro per traua* 
gliar glialtri v. voler indiar tratti ». oue non lì fà 
Butto ► 

Allude queBo Galanf huomo a moBrar la va- 


^li CAVO ilVAKTO. 

nità di chi pretende cftirpar rArec Comica, che 
cerco non merita eftirpatione > ma ben h Mode- 
ratìone, fecondo la dottrina di S Tomafò» e^e gli 
altri Scolaiflici tutti. Eperò io, che non pretendo 
eftirpar, nc danneggiar tai' Arte, ma fi^lopurgare 
la Comedia ofeena ,eprefèruar l’Arce da’peccati, 
pò^o ^erare.d*e^er efènte dal detto di Beltrame. 
VeroA , che la fperanza da me conceputa di prò- 
uar almeno, fènon perluadereche dal Chriftia- 
no Theatro fi debba efcludere l'e/preflìone dell’- 
afieccod’Amance.ela materiad’Amore(parlDfò- 

10 deli’olcena elprefiìone ^ è vnaiperanza, cho 
quali Rocca guerriera vien cinta, e ftreccacohl’- 
afièdio rinforzato di molte difficoltà. 

Horsiì. veniamo al Punto, à cui fe vogliamo 
rilpondere con regolarci fecondò il parere d’vn_, 
modernoTheologo, il quale tratta con accura¬ 
tezza i punti della debita Moderacione, polliamo 
dire affirmatiuamente,che fi deue elcludere afiTat- 
Codal Theatro la materia.e l’elpreffione d’amore. 

Il Theologo allegato è il P. Adamo Contzen, 

11 quale, comealcroue hò riferito, Icriue quello 
punto di Moderatione così. 

Afff'&titn euémantis nuncfmmverhìs» autgt^U 
bui exprtmmt, ne eò qutdem jìne, calamitofùs 
ftxieus tmpudmÙA oBendatur ,• quia morbus ìtbtdi- 
nts contagiofus eji, minima aura transfunditur : 
altmas libidines mprotùda mentesJecuranm audii 

mP 


V 


mJNTO DECIMO 3 ri 

. Nulla fcenam Afulier ingrediatHr: - 

^heatro ettam habitus ìllius sextts . 

Egli con'breuità ftringe molte coiè. ’i. Toglie 
Te^rellìone deirafFectodell’Amante.ò ella iì fac' 
ci con parole, ò con gelli. 2. Riprotia quel det^ 
to celebre di alcuni Comici, anche^rincipali, con 
che fanno feudo alla Tolleranza delle iceniche^ 
ofcenicà , dicendo. Si tollera refprefSone, per 
moftrare poi lìelhne^cheibno errori degnidi vi¬ 
tuperio, di fuga, e di punitione. 3. Porta ragio¬ 
ne , e moUra,chenon è ruifìciente 4 aicufà di tal 
pretefofìne. 4. Spiega il proffirao,e graue peri¬ 
colo di peccare, almeno col penfìero» in vdirela 
materia del lafciuo Amore. $. Conclude al fine, 
che la comparfà di vera, o finta Donna fi prohibi- 
fca. Le quali colè tutte ben moftrano, che fecon¬ 
do quefto Tiaeologo fi può rifpondere al Punto 
affirmatiuamence. Et anche fecondo vn altro 
Theologojche è il P.D. Francerco Mariadel Mo- 
naco jilquale dice. Honejli Ludiij sunt 
qutbusnpilU omninoMulter^nulla lajciutes^ anufr 
nullas Ma perche niuno di loro fi dichiara mol¬ 
to fpecificatamence,fe intenda di preferiuere quel 
punto di Comica Moderatione fecondo il debito 
della mera, e precifà neceffità,ò pure fecondo il 
debito di ottima conuenieza j però lafcia il luogo 
di aggiungere qualche cofajper ifeiorre il nodo 
del propoìlo Punto. In oltre i Moderni Merce- 

Rr narij 


P4 CAPO il VA RTO: 
riarij Comiciprofeflbri di Thsatrale, eChriftiaiiaT. 
Moderationc, fentono diuerfàmcnte, e (piegatia 
itlotientiraentocon la pratica, quafì quotidiana, 
<rinferireramorofa materia , i lafciui affetti 

nel Theatro,p di piiil^hanno ftampata ne*Iibrt lo¬ 
ro. Legga, ehi vuole > libella ,.e fpiritolà fùp-/ 
plica di Beltrame ,.e lo trouerà : legga la Ferza di. 
Gio: Batifta Andreino , detto Lelio tra’ Comici, il 
quale nella pag. 7 7. difcoire contro! bialimatori 
delle ofcene Comedie, e per difefà delfamoroiè. 
Bapprefèntationicosì- 

Alcricon bocche sboccate apertamente grida¬ 
no , e dicono, che le Comedie fono ree di biafi- 
mo , perche trattano ogn’hor d’Amorej eche la_» 
Comedia è maedra del Lenocinio,Q vogliam di-^^ 
repiù chiaramente,del Kulhànefìmo: e quella-, 
ragione loro fanno tanto efficace, che fulminan¬ 
do gridano. Che le Comedie donerebbero effere' 
bandite, le Comedie douerebberoannuliarfì .. 

Quella Propolla fa contro di fè Le lio. Nói quìi 
noteremo ciò , che egli virifponde, &aggiunge- 
r^mo.intorno allafìia rilpolla la. nollra pondera- 
tione, la quale non voglio dire, che farà.forle la 
lima, per leuarlaiuginedal Ilio ferro, mà farà vn* 
amica fiamma, per ripurgare 1 oro della fila dot¬ 
trina * 

V. ^ • 


I 


N O 


VFNTO DECIMO i',5 

T^rr-f ■ ■■ - . 

< NOTA PRIMA. 

^lU rifpofié di Lelio , e delpudm intorm À hi . 

'*Ì " 

I Mbraccìa io feuàd quello Conilcòà modo dì 

coraggiofo Guerriere per éifefa dell aitiorofe 
'Comedie « 6c alla ,prqp©lla -dà la lègucnte tifi 
polla. é 

Hot dal primo ca^o facendomi contra quelli 
àmmorbati,che gii plìzzariorambra,& il zibetto: 
ehe dato fia loro il glbectó . Rilpondendo cosi 
dico. CheàparermiononIblo» mà al gitìditio 
de Saui vniuerlàlejconcordcuoimeute affermo,’ 
‘che attìoue piu bella,epiù. lodeuoleimitarnon fi* 
può * che amorola 

""Io credo, che il làuto Lettóre qui giudicherà, 
che Lelio honora, mà forfè come Comico per 
burla, con troppititoli i biafimatori delle Come- 
die amorofe, e che li detto di lui intorno airimi- 
tar Attione d Amore fi debba ftringere al modo 
iK)n olceno di pubiica Ra^reìentationej perche 
molte Attioni Amorolè iSiecite in fecreto , 6c 
in certe circonllanze j ma non fi potlono lecita¬ 
mente rapprefèntarein publico, o per contenere 
turpitudine, òper cagionare Icandalo.ò per altri 
rilpetti laputi da’Dotti: e però non accetto per ve¬ 
ro quello, che aggiunge Lelio : cioè, che i Thea- 
tri, e lePauole Iceniche fi debbano adornar lem- 

Rr 2 pre 


il <r. CAPO ^ATlfTO. 

pre di jì^morofiauueniinenti ; perche quefta itia» 
teda è molto péricololii, & è riprouata comune¬ 
mente da* Dottori,in (ptantoàlla publicalùa eP 
preifione Theatralè.. 

Segue Lelio à riipondere, e dice •. 

Se bandire > & efterminare fi doùefiero tutte ÌC' 
coie,,che.trattano d'Amore: de^pià grani Fiiolò- 
fr, e di Poeti Greci, e di. Latini^ e di Volgari fareb¬ 
be di bilbgno arder le compòficioni, e rutti i volu¬ 
mi pretiofiflimi de Arte amandi^ loftimo^che ili 
sa aio Lettore penlérà,che Lelio dilati àtroppo lar¬ 
ghi termini làlequela della (ha rilpofta, quali, che; 
cgni trattato d*Amore anche honcllo,e non Ican- 
dàiòlb ,bandire fii^debba j non è così i perche^^ 
i Dòttorìcondànnano lòlóque’Trattatiche fono» 
iUècici ’». e Icandàlòfi, ò per le particolarità, della^ 
mateiiafihgplàrizzataàkàfconAànze indegne, 
]^lamodadie%iiiiere^,. e di^rapprelentare pn*- 
<lègnamente^o>per;altro Icònueheuolèrìlpetto;; 
quando però non vi fià^qualche buona'ragione ; 
aparerejde'Sàuì ^là quale giuftifichi lìiAiciente- 
mente Ià.tollèianza<degl*indégnF Sùggetti^ co- 
mevi ènei {^rmettere la Jèttura di Ouidio/)c^i 
Arle amMtìU a c.di mola altri Autori.Greci, Lati¬ 
ni i e.Volgari jf à qual ragmne non èperdà.tcdle- 
ranza .delle.ComédieamoiolèVedishonefte;,rap' 
prelèntate in publico llieaao joue fònomtdti < 
d^oli di fpirìtoi e che. 'campo ; della ^ virtà.: 

noni 


/ 


VVNTO'DEClMa Trr 
flon fono Ggand. Non poflb quì^taccre, chtr 
Ouidio fteflb «conre dicctorcnzo Gàmbara nclf 
c; I. del Trattato intorno airaftenerfi dal com<^ 
porre Poefie turpi, haucna determinato^di bru- 
crére i fooi vitiofi, e dishoncfti Componimenti f 
eloteftificc» in foritto% SiatuerAt hoc ficere de 
is Carmimhus:» diceil Gambara , ^ prof tfria l/f 

Malia tftttdem^ripjfifid ^avtfiojapufàm 
Emendaturts igntbus tpfe ìUdi, 

Voglio aggiungere à parere pur de! Gambaraì# #> 


Fòeca empio in iforiuere cole dishonefte» 5cautif* 
6 altri ad aftenerii daL leggere le file «-eie alcnu 
amatorie compoiitioni, dicendo^' 

ElòquarinmtasrremrosnetangiVóitasi 
Siibmoueodotts'mpìtts tpfe measi 
Hòra torniamo à Lelio v il't^leiègiiita « e diìcòr^ 
lecontrodifocoirtarcenorevv 
Ben 


nsKel 

me4,Ar 

mofj^ 


netti Amori la Còmediaadórna fatte* tpièlla cec^ 
cbacHrefi di lòd^e', e confiàaai’e : come fi lodé^ 


SiO,C 




Genti* che de' fìcd pretmfid'Amore firecbiàmeii- 
ie trattano : mariprena quella di fo^im iittiboettV ' 
di jpafliònicofrocte ; tParotti Idndiot^ I e d'Amo*- 
n adolìeii^ nq^otuti con i»fiiccMtittiflBÌ 
fian^ jmn fi raatoUéiafc.- 

•' ^ ’mesaam'' 


-J// 






V il Gomko à obiéttlone,wi* 

ma con Vai eri:lamahce cìàggerata, quafi che H 

pocofadecco lìa proferito da vna infaaiiffiina lia- 

gua infamatrice dèlia Comedìa : e di poi pròfwflà 
dì rìlpondere oòn la ragibnc,negandoìn tutto, 

•che waVCòmieì honotati qucfto peffinio vfo di 

AniQri dishónéftì al tempo d’hqggi fi tratti, e fi 
*“^*^§g* # proua fili dire, che ia Co* 

media èelpurgacada’ vitij , & è tollerata da Città 
pnncipalìflSme, e da fupremi Principi di Chriftia- 
jpìta:ondeìnferifi^. Dunque è chiaro,come So^ 
le, cheìConaicirapprefentano còfe degne. E poi 

pile egli » ancorché vn ProftlTor di 
Cpfi«edii,dopQhauer compdftì molti, e molti 
Suggcttigraui » ne componeflc vn capricclofo, 
chefpffetutto Amori indiretti, e Euffiancfin-ifo- 
lenni , nol bialìmerebbe, E fi diftonde con finii- 
litudini , e coneruditioninèl prouare il detto: eia 
• prona firifiringeint^uefioiChe quella Oramati-: 

ca imkatione ^ purché al fine gioui, farà Euona 5 
poiché que dishonefii Amori, e PLiììantfimi fi 
tapprefònt^no,acciochegli Spettatori, eSpetta- 
ttieiniifiraudoli n’afiengano. 


PON- 

« 






►c 


11 




^ • r} : 

Jt p _ . . 


'/ 

» I 



I0NDERATIONB 

della iil{^Ra di lidio* 


Olili perlùado > che il {auioLecrore i^dkàe*'^ 
rà tre punti degai di lifielEane. nel |iatlace dii 
q^fto Gomico : il primo e quello.. ; 

L'viò di amori disfionelU non èKoggi tra' Co- 
micihonorati.. ' 

E credoche il Eetcote dirà. Dunque è tra- 
Gomici dtsHoiìorarì ^poiché molti vìnttofi, e 2e- 
kmi Yaknt’huonaiid.^ria(M»o,jÒ predicano, ^ 
Rampano hog^ connro quello ca«iuo vlò. £ dl^ 
piiidimanderà.. Qaahlònohoggì lComici ho^| 
norati *.e le Compagnie di. moderara^lioneftàf 

L’anno 16 40 . la Compagnia de'Còmici Fedeli ^ 
tira'quali era Lelio^,fece le Àttionì, olcene per 
molti ricetti à parerecomunede' Dòtti. Dunque 
eUa. non era. Compagnia^ di Comici: Honorati. 
LaUelTo anno la Compagnia de' Comici Vnitr, . 
della qualeeraCàpò Aurelio, fece lè lue Rappre- 
lentationi,qualì tutte Olcenej béche que’Comici 
nonlé lùpponelTéro tali, ma moderate » è mode¬ 
lle :anzi alle volte poneuano nelGàrtéllo d’inui- 
to Titoli belliflìmi lènza veruna olcenitàj.màpoi 
il Recita mento lì Ipcrimentaua Olccno àparere-» 
de’ giuditiofi.' balli queRò per cagion d’clèmpio. 
Vii giorno nel Càitello fù quello inuito»- 

Si- 


»> 




530 iOMO QVJKTO: 

:Signori« Arichiefta vniueriàle iì recita TIcto> 
jàa Regina, Regnante con Aurelio* 
«Opera nuoua. 


■ 3 poi nel recitarefarono tali orcenità, clic yn sa¬ 
nto Gentirhaoaìo,andatótti perinuico di vngrau 
Pecibnaggio » giudicò, che fù. ofcenitSma, e di& 
A'eRerai Rato con faa molta mortihcatione. • 
Da queRe due Conapagnie Ci può far argomen¬ 
to incorno alla qualità di molte altre, che hogg;i 
atteggiano nellelcaliche popolationi ^ 


Certo,che vn yalent'huomo, Religbfo Do-' 
menicano^ePerlonaggio molto Rimato in per- 
p.r.no fetcione di spirito, in fodezza di dottrina, ^ iii^ i 

mcnìco *111 /• j **1* •• 

goti, pratica delie cole mondane» e ciuiii, correnti nel 
popolo della,fua Città, che è trà le principali d'I¬ 
talia »hà lafciaco dopo morte yn dotto naanuicric- 


to incorno al Dubbio. Se l'andar alle Comedie di 
hoggidì ha peccato mortale. Dal ^quale io dopo 
hauerlo diligentemente letto tutto, n'hò prelb.per 
qui inièrire, la feguenceparticella in proua, chcj 
per ordinario ì Comici mercenari] moderni , e lo 
loro Compagnie» c Recicamenti non hanno la.» 
debita Moderatione* 

Xa ragione, (crine egli,lìpjglia dalla Reflàelpe- 
rienza. Nelle Comedied’hoggi fi commettono, 
non Iblo i medefimi difetti, mà anche maggiori, 
e con maggiore sfacciataggine, che fi facefle nelle 
antiche; dunque lòggiaciono a' medefimi pregiu¬ 
di- 


*PVM%a DECIMO 3 

diri]. Noi leggiamo in Plauto, c Tercntio mol- 
CB Q)medie ,che in quc’ tempi fi recicauano ; ma 
in quale di effe fi viddemai, che fopra vn palco fi 
conduceffero vn’huomo, & vna donnarinuolti 
in vn lenzuolo^ Chi ardì mai tra gli Antichi far 
comparir in scena vna Europa tutta fcoperra^ ? 
Quando fi fòppottò mai anticamente, che vna 
Femmina vicilTe nel palco , e lòtto le vefti lue te- 
ncffe naicofto vn huomo ? E pure tutre quelle in¬ 
degnità fi Ibno ville gli anni addietro sii le Icenej» 
di quella noftra Città. Che poltroneria differo 
gli Antichi,che quelli moderniComedianti non 
dicano? che atti poterono mai rapprelèntar gli 
Antichitantoolcerii,che non fieno fuperatida-. 
quelli; che quell’anno fi fono rapprelentati ne*; 
balli, che i Comici lìibito dopo la Comedia han- 
nofatto.^ 

Eie tal’vno diceffe , che pur ve qualche Co- • 
media, in curnon fi veggono,ne s’odono tali 
cofe. Rilpondó, che quello è di rado, fi che-» 
lèmpre fi può dubitare di doucr lèntire l’illeffe be- 
llialità. Et ali’hora è arte del Diauolo, lòtto vn.» 
poco di bene colorire tanto male, & ingannati 
femplici con quel poco di elea. Sin qui /addot¬ 
to Valent’huomo , dal qual fipuò inferire, che-» 
poco fondato ficil primo detto di Lelio 

E poco fondato ancora può giudicarli il le- 
condo, che è quello, 

S s La 


J 2 2 CAPO OVATTO. 

Ba Comedia èefpurgata da* vitij. , 
Polche cotal purga è ben (lata fatta in parte,ciop ' 
in quanto à molti yitij gentileichj, ma non èfta-, 
ta perfettioriata ih tutto, &-à fufficjenzaiècondp.; 
itermini della necelTaria j e Chriftiana Modera- 
rione > come credo, giudicherài chi leggeraal pri¬ 
mo L.bro della Chriltiana Mqderatione del Thca 
tro dcrto. La Qualità delle Comedie. 

Lelio nel terzo luogo dice», che non biafimc- 
rebbe quel Profeffor di Comedia, che dòpo laj* 
compofìcione di molti buoni Suggetti ne corppa 
nelle vno tutto lafciuo. Mà io dico con i Dottor^, 
e fon tenuto à.dire, che fi deuc biafimare per 
queirVnoi perchein quello il compofitore non_»- 
ofièrua la debita Moderatione : e le merita lodo 
per'l’artificio degli altri» deue biafimarfi per lo 
peccato di quello » e fe^fi moftra eccellente in gè-, . 
nere arfis , fifcuopreofoeno , efoandalofoinf^- 
nere morts. Ne la prona di Lelio fà balleuolo 
fohermo contro il graue difetto di mortale ofoe? 
nità. Non bada il dire. Si rapprelènta il male,, 
aecioche fi fugga, perche in realtà,non fi fugge da’ 
deboli ,anzifiabbraccia affettuolamente: adun¬ 
que per ragion dello fcandalonon fi deue rappre- 
lèntare: mafiìmamente non vi elTendo cagiono 
lììfficiente per tale, e tanto perniciolà rapprelèn- 
tationelo pregherei Lelio, le gli pàrlalfi, à ri¬ 
cordarli, come Chriiliano , che non bada alla la- 

') * Iute, 


!Z> rT 0 X^ECmO fi t- 
lute,cheilon fì pecchi nella tralgreffione di mól- ‘ 
tito:ecet£i:bifogna ritenérli dal cralgredirne anche 
vn folo . (^^cuifK^itotam legem femmerit icffen- 
dàt àtàUm m njm,fii6ttis eliomnmmreus, dice l’A- 
ptJftoIò S.Giacomoi Ec è fèncenza con Jannatoria 
del tèrzo detto diXeliò,contro la quale (begli poP 
fa Vàletlr di appéllafiòne, lo còrifid eri ogni Cotne- 
diante beneiecon frutto,auantid’arriuàr alL’vlti- 
mo palfo di vita, in cui, come fcriue S Btionauen- 4. 
tara . Adortis ,'6Bfalamhomen te^rèt, 'vél fota^ Dom. 
rmT d0fio^(rruefaf :'^HÌdm ìgìtmfitBumeflì 


N OT S'B € 0 NT- D A ; 


i #j- 






y 

i i 
y'rv, 


Vel gran d(lèè^fe)‘dc?II'Apòftohcó ’Predi- 
catoreS' PapfevdicoS Diònilìo pèl I 4.dc' 
diuinisN;>m. lA.YÌHe quellotitòlo contro ■ 
il turpe A more.. Idolum Amom, I dolo deli’Amo- 


reronde podìam dire, die,co me iUdolatra pecca,> 
honorando la Creatura, cosi pecca ,chi hohoTa_j 
nel Theatro l’Amore turpe, & olceno, 3 c ui fi può 
accomodar quel poco , che Icrilìe il dottiffimo ' 
Idiota dicendo, L’Amore impudico è laccio dcll’- 
anlma, pericolo della vita, morte lòaue, piaceuo- 
lepercolTa, vccifione gratiolà, mele con fido, 
roaina delicata, natura del male,dipinta con il co¬ 
lore del bene, caiàmento rempellofo,dolce ve- 



2 




i 



i 


324 CAPO Q^VAKTOl 

lenaI male ipotitaneo,e calamità totale.' 

Hora fuppofto quefto io dico, che Telpre^one 

dell'afTetto di Amante, e la materia di Amore fi ^ 
deùe cfcludere da quel Theatro Chrifiiano, che è 
moderato fecondo i termini prefcritti da’ Dotto» 
ri . QucdoèilpareredelcitatoP. Adamo Theo- 

lego (nodernò. Affìétum^A^ntisnw>q»anL^. 
exprimant .. Ec io non mi dilungo dal fiio parerer 
e fplo aggiu ngo quella confideratione. Può rap« 
prefentarli Pe^redìone distale afi&tto in due ma* 
iii.ere :la .pfima è lènza Icandalo de* deboli di lpi*> 
rito, e £ènza efficace prouocatione à dishonefifo 
conlènlò di libidine.'come farebbe raccontar con 
modeflia * ererietàl’honeflo innamoramene) di 
vn Giouane: ondefèvn Genàlhuomo, Padre di 
vn Giouanetto.trattafTe nella leena con vn* ami¬ 
co, egli elprimeffe^che il filo Figliuolo èihnamo* 
rato di vna virtuòfà Fanciullat e brama di hauer^ 
la per legitima Spola in matrimonio ^ quella el^ 
preflìone dell^afTettò di Amante, e di materia^ < 
a morolà ,,làrcbbe tollerabile imiterebbe al vi^ 
uo il coflumehoneftodi meltiflìmi, che trattano 
nelmondo il matrimonio, e loconcludono lèn¬ 
za intemento di atti turpi, o di parole dishonelle 
tra gli Amanti, e lènza reipreifione di colà veru* 
nalcandalolà-. 

La feconda maniera'di rapprelentare, & elprl- 
mete J’alFettOte materia d’aniorefì è confeanda- 

io, ^ 

>«• 



wmo DecrMo: 

lo» e con probabile rouina di molte amme :comé 
.Aiccede » quando comparilce lìil palco yn Gioua^ 
ne cutco ardente di amorofò affetto, e ragionada: 

(blo à Iblo con laiùa delìderaca Donna j e dichia¬ 
rando ,6celprin\endo con parole, e con gefti la., 
grandezza delle Tue fiamme» ricene da lei » come* 
gocciole di pretiofà rugiada,( per rinhrefcarfi ra 
per più dìuampare f) grate rifpofle, dolci fperan- 
ze » e gioconde promefTe. Dirà.v ho:ò fono amO' 
ri di marito, e moglie,onero limili àquelli. Io> 
Bfpondo'CÓle parole dei F. Raffaello delle Colo^ 
be Theologo-, e Fredicacor Domenicano • Qae-faf'S' 
Ro non è vero fèmpre;e quando fuffe, non fono 
amotf rapprefèntati caRanaente e prudente- 
mente. 11 marito peccherebbe àfare lo fpafima- 
Toin piazza^ veifo la moglie. £così pecca» chi 
rapprefènta tali amori-imprudenti’. Nè bada di¬ 
re con R^ltrame nel c« i o. Si tratta d^amore, per 
moflrar i mali effetti di quella paflione : perche 
tali trattati corrompono i buon i coRumi, m a Ri'- 
mamenee neliaGiouemù. Qndefcriffe vn nobile 
ingegno. , fonia; 

Cormmpmt mah ahimut morefq^ •verendosi amór. 

In’Derosfmfttsfg^eaUeretocf. 

Lafciuosigituf fìnftiSiUficìmqi^erh^i 

^tgnortlfHtnofìrtsifitecauendà^ vide . 

Dunque io replico, che qtieRa maniera 3’efpref- 
lìonè deliaf&ccO'd’Amante vien riprouata da^^ 

Dot- 




€^9.a.i 


CAVO 

lettori 5 cnondimeno quefta tutto di fi< pratica ' 
da rot^Èi mercenarij Comici nel Theacro.- E que" • 
ila fi dette elcludere, non^iblo per conuenienza* 
ma perneccflì^àdiChriftiana Moderationet e per 
bafteuole proua vbglio recar vn.a fola ragionci 
fondata in san Tomafo con relplicatione d’vfi^ 
Theologo citato dal Comico Beltrame nel c. 5 9, ‘ 
del filo ingegnofo Difcorfo . . 

S. Tomafo dice, che recceflb nel giuocothea- 
trale è mortai peccato# quandoaicuno per cagio¬ 
ne di tal giuoco (i ferùe di nocumenti mortali al 
proflimo . Excejjitsìn ludo efi peccatum mortale ^ 
quando aliquts caufa ludi njtttm his , qua vergunf 
ìnproximt nocummtum yqua defe funi peccaùL^ 
mortalta^ . 

Il Theologodi Beltrame ipiega cosili luogodi 
Sr Tomafoi Nocumenti fi dicono quelli, che 
fono pregiuditiaK rilpetto della fama, deli’hono^ 
iCt della perfona , ò di altro bene tanto corporale, 
quantoipiricuàle: i quali nocumenti tuttifàrdhno 
peccati mortali. jNócua dtcuntur , qua fune no- 
cumentum f^ma, honons, perfona , vel alrerim 
boni, tam curporaltSi quàm fpiritualis i qua omnia- 
nocumenta crune peccata more aita. 

Hora io, molTo dal parere de’ Dottori, dico , 
chevna publica Rapprefontatione, & eipreflione 
deiraffetto di Amante , e di materia amorolà, fat¬ 
ta nella 2. maniera piegata di lopra, & in prefon- 

za 


W 2^0 DECIMO 



^ di pcribne deboli di pirico, c loro Icandalofa» 
e graaemence nociua : e fomencarimpudicìtia r 
^r^uÌQra (ùftt contiiuijs jbmmtA verhomm ^óàcq 
S.- Ambrogio : dunque fi deue giudicar peccato 
mortale, e fi deue necefiariarncuce , per eflèrta-.*^- 
le i efcludere dal Chriftiano Theatro. JLa pianta 


che foibe feconda di nocini frutti, viene fiadica- 
ta ragioneuolmentedal prudente Giardiniereje la 
terra , Cc non è colciuata, come bilbgna, non prò* 
duce i‘frutti conueneuoli al noftro buon lènti- 


mento^ ^erra.mfinon coUs , dice vn S- Dottore, 
non proferì fruBusaptos , qmbus •uefcamttr ^ 


BonauJ 

ser. 

poli Pé 
t€CI 


PrisITO rNDECEMO, 

*D»l tempo,incuinon deuono fare le loro ^Attionìh 
mercenarij Comici fecondo la debita 
Moderatione,- 


1 ' A dilHntione è Buona compagna della cHia- 
rezza: e Ipefle volte,chi diftingue bene, non 
Uisnonora con ifiioi detti gli innocenti, mà rifèr- 
barhonore,àchi fi deue . Io per ilpiegarmi piu 
chiara mente, e per non dare ombra d^pretenc^e- 
re Toffelà, benché minima, d’alcuno, parlerò qui 
al mÌQ,lolito con difiintione de’Comici Olceni 
da quelli, che non fono tinti con la fuligine di tal 
bruttezza, màfòno moderati, virmofi, & hone- 

a 

(li. £ polla quella dillintione 

✓ *'■ ' 


Di- 


r gir CAVO !IVARTO. 

l>ico aflTolutamente, che quando non conèor* 

tono rìipecci, ò conditioni alterami » i Comici 
mercenari) ofceni deuono in niun tempo deli* an« 
' no fare le loroolcene Atrio ni ; nè lì deuono per¬ 
mettere da'Signori Superiori lènza qualche lùlH- 
dente ragione. £ bada per prona di quello detto 
l’vniuerlàle conlèntimentodi tutti i Dottori, lecci 
da me lino al prefentegiorno^ Sentiamo Menoc» 
bio in luogo di tutti. Egli nel n. $ 2. dice nei calò 
delle Co medie, Giuochi, e Spettacoli dishonedi 
Hoc cafit nuUo tempore exhthri, recìtars popu» 

lo dehent : nam certum efl , peccare omn» s, qui w/ 
exhthent, 0* recitant ivel auiiunfverbaturpta , 
^impudica. T*raceptum aueemnegatiute^fff ne 
quispeccee , obligatfemper adpmper. fìcuttep 

*rheològorumomntumpntentM .E vuol dire. Nel¬ 
la circondanza di tempo alcuno mai li debbono 
rapprefentare Attioni dishonede : imperoche c^- 
to li è, che peccano rutti quelli, che recitano » 
onero odono recitate le parole turpi, & impudi¬ 
che . E quella Regola del Precetto negatiuo, che 
non li pecchi, obliga Tempre,e per lèmpre, lè- 
condoradenlòdituttalaScuoIade’sauiTheolo- 
ganti * alla quale con doppio choro alTertiuo cor- 
rilponde, e confuona tutta la Calidica Scuola, e 
la Canonica tutta : nè io cerco altro per conferma 
del detto, ricordandomi molto bene di ciò, che 
fcride la penna di Galliano. Indubitata'iìeritatìs 

" mani- _ 


7>VNTOVNDECmo: 32 9 

Ìi§4m/efiaM fff aulHùfttat vnitterfirum. T oglie^ 
ceni, ombra di dubbiezza il chiarilfimo lampo 
dellVuiuerlàle àurorkà. Non voglio poi tacere 
ciò )’che ferine il P. fi^ibera. Adde^ quod fiomaxh Mich* 
mè tempore hec agi 'uidentur., qm multo Conciona' 
torum , 0* cattrorum Deimimfttot um[udore Dì A' 
Solm ex homintbus fuerat fu^atus ; idtfi continuò 
pofi Dominici Natahs J^ SanBa PafchA feriaSj Vt 
wdelicet afiumat feptem aliosSpiritus nequioresfe^ 
mumiat’Vfteres dontos fcopti mundatass f^Jìant 
nmìfifimA reUpfìrum peiora priortbus . Auditeer» . 
ip f^egeSt mteUtgite: difetti iudicesfintum terra: 

prabe te aurei •va t^ut éontmetis multtiudmes > 
platetfS vobis tn turbts nattvnum i ^ontem data, 
eji a Domino poteftas 'vobts , ^ 'Virtm ah Altt^fly 
mo» qui tnterrogabìt opera vejìra^t^ cogitattones 
fcrutabttury ^ qmnìam tnimiirt eSìis illmSy vtait 
Spiritus Sanhius, cohibete hot Emtfarios mimSìrth 
rum Diaboli : tdqs 'vosobtefior, qmpotefiii,per Ad* 
wntum Dominino fin le fu Chrifiiy qui tudicatu- 
rusefiviuoi mortuoideditjemettpfumpro 
mbts, vi noi redimerei ab pmnì ìniqnitate^ mùn- 

daret fibipopulum acceptabilem , feBatorem hono¬ 
rum operimi : V noi dire quefto fauio, e zelante^ 
Scrittore, chele ofeene Rapprefèntationi fi fanno 
in tempo, nel qualepoco primai Predicatori chri- 
ftiani, & anche gli altri Miniftri di Dio con gran 
fatica, e fudore hanno cacciato il Dianolo dalie 

T c ' ani- 


sló CAVO Q}tAV.TO. 
anime di molci Fedeli^cioè caliRappreièncatioiii 
iì fanno in molti luoghi (ubico dopo le felle del 
Santo Natale di Chrifto « e dopoia paf^uàdiHeL* 
lurretipne del medefimof onde parechèihi tai 
tctr polì po(ra.dire:iche.ilDiàuolQ. cacciato ticór« 
na> accompagnato da altri peggiori Spirici, al 
primiero poffeiTo delle anime lalciace » é le tirali*^ 
neggia con piu fiera crudeltà. Voi dùnque, ^ 
Principi, e Giudici della terra,, che gòuérnatef 
popoli, vdite me,che viauùifo l^òbfigd.voftròà 
Rimediate à;que(lidì(brdinipenl^ndÒiche Dio ve 
tìe dimanderà, firettillimo. con tb . Ét io ve nei- 


prego per amor delmedefimo l^òi^chè hà dato (e 
ftefib per la nofira redentione»e ci hà da giudica-^ 
re tutti nell’vlcimo pafib dellanoftra. mortalità 
Màforle tal'vno dirà riipèttiuamentc.. Non 
ini par colpa mortaleil cQllerar,.chei. Cornicio^ 
(ceni rapprefèntino le olicene Àccioni in qualche 
tempo dell’anno rquandoperocónla Tollerane 
za di quella,comica dilTolutione s’ìmpedifba nel 
Popolo difiblution maggiore,e maggior licenza 
di peccare.nè fi pofia impedire in alctomodo: nel 
che può giudicare iLSuperlore coi preuioconfai- 
codi huòmini pratici , timorofi di Dio, Ócaddht^ 


trinati 5 cioè quando concorra, ò non concorra.* 
quel pericolo di maggior dilTolutione,e licenza 
maggiore, e Timpollibilirà d’impedirla in altro 
modo., £ quella credo, fia la fentenza del P. Bai* 


VVNTO VNDECìMO 

dclii, !a cui proua fi fonda nella comune dottrina i i <» >• 
incorno alla petmiflìone di vh male, per ilchifar- " 
ne vft*altrodi piu npciuorìUciMi » epjif pernicìo» 

< ILt^ondo in <)ifanto alla fèntenza del F. Bai* 
detti, io dichiarata dìfopra in modo, che il 
medefinaoPadre s^è compiaciuto di’approuar la 
mia^ìchiaranone con rna foa lettera > in cui ag« 

giunge quefte paloJe. 3 Princìpi» moralmente 

parlando,'non polfonoltóuer cj^ion Sufficiente 
di permeteere le Gortìfedic, ( cioè Polcene,)' c di _ 
non -punir tGomedianci impuri » In ^quanto- poi 
airobiettione rilpondo, che il calò, in cui non fi 
poffii irnpedir il maggior màle fenza la pernuffio- 
ne delleComedie poco modefie, è niecafifico, 

& impoffibilelècondo la mora]iià,&vfo Ordina¬ 
rio della vita ciaile,€tècondo la quale noi dircor* 
riamo:epc ò li mioDettoTimaue nel filo vigore, 

6c in niun tempo dclPanno fi deuono fare, nè per- 
metterele dishonefte Rapprefentatioi,nell impie¬ 
go delle quali alcuni Comici dishonefti paflano 
la lor cai^ua vita fino alla vecchiaia, e fi f inno 
rei di maggior pena neirinferno,fecondo Taunifo 
di S. Fulgentio. Fifa mdU guanto ma^is.fi4erie ds dar. 
ì^mpor&Uter prolongata , tAntòmarisdeUn^mnth 
èus muitiplicat pDinain. 

4 

\ y 

Tt 2 TFÌJ- . 


jV.i. q- 


▼/.AfS • 


5,p. Su. 

vt.€X.4< 

^lu 




PTNTO oro ’DSCIMO': 

tnlormallafir^tchrcmfanM del temfè: 

■ » 

P AfTó àra^onar de* Comici moderact^vircajofi, 
e modelli, dè*<^jiali dico , che non deitonò 
i^r le Àtdonùie* tempi indebiti : e S. Toniafò 1 q 
I criue Ipecificatamente con quelle parole. 00 - 
cium H 0 rionum non eB illicitum, dummoào Ludo 
modirotcnìtmtutx ^ non ndhémdohudum^ ttm» 
poHhuSi mdekitis. Cioè, 1 * Vfficio Hi^rionico-noà 
è illecito facto con moderato Giuoco e n6* tem'‘ 
pi non indebiti.. ' 

. Mà.perche il Dottore non dichiara dillihca* . 
mence, quali lìano gl* indebiti tempi, però noi 
diciamo^ualche colà con gli altri DoccorL - 
Siluedro incende per tempoindebicoil tempo< 
della penicenzai.e llima,£he pecclùinorcalmen?: 
te, chi non-1 oflerua. 

S. Antoninodice lo (kd^^Nec fCinpprepmtten- 
ÙAynjt Quadtagefima Non lì faccino le Ràpprer 
lentacìoni da* Mercenari) Comici modelli nel 
tempodella penitenza, come è quello di Quaré-^ 
lima. 

Per qucRb tempo lé'prohibìS. Cariò nel Dc- 
cretofactOjepubiicaro Tanno 158 3.àfiuc»'edè^ 
Comici, come dice Bèkrame nelc. ss.Eperque* 
^oié.vieiÒ'la £eggedi Tiieodolìo,e di Valétinia- 

no 



TFNW DFODECIMX) f u 

nò n'eHib. i> 5 *del Codice Theod. al tic. E 
qaeUà LeggejtìfeiiJó Giacomo Simainca V^ico 

UQ Pàcenfò»dicendofv 

tempore commemoratio ChriSit 
t$Hus0frt(h4mtàH$ magifird àeun^u mrt cele» 
Bratttry omn$ Theatroru^ voluptàte per vnmerfft^ 
mrbes eo^Hndempopnlis denegatftitotAQbrtf ianù’m 

rum, uc.Fidebummentes Dett^ttktsaciupenturà 
sliudénhHef^ supplicationum tempuf , aliuà vo*- 
Utptéfis». ^Cìoààdire. N«1 cempocotiimeniòra- 

- ornaci 


t .1 y 


«xa di cuctàia .Chriflianicà r fi dcuòho occupate^ 
nel diuinó culto tutte le menti de* Fedeli, ceflan^ 
^ pedtàl efietto tutti i piaceri Theatrali per tutte 
l^citcà: impcroehe altro^cil tempo della, fupplii 
cheuolepenitenza, acalcro quellodella feftolà^ 
giocondità;/ ■ 

• V Ma non'occorteaggiung'ere maggior nume- 
ro di Autor? intornoi' all indebito .RecitamentO’ì 
comico diQg^efimaj. perche imedefimiCximi- 
cÌApioeedono' lenza difetto comunemente in.^' 
quefto punto di Moderatione ; anzi le Compa¬ 
gnie, come già mi cxinfermb^il Gomico Aurelio, ; 
i^iono finire nel.^fine di.Carneuale 5 nè compa^ ' 
rilcono formate di nuouo,fc non dopo la Fàlqua-i- 
leiòlennicàv 

^ Altri per tempo indebito dichiarano là Dòme* 
liica. Il P. Gomitolo cita la Legge Imperiale C<le i 

ferij? 


♦ 


If.éé 

trimis, 

ai. 


154 


lEbrijs:0ueficoinanda. 

mndieeifcenii^ilttiUrahs • Niunapaiteddgior* 
no del Signoie fi confiimì nelk>Spetcacolò 
mie*' •’ ‘ ■ ■ 


> Il»Fiaacb£idiidh 36 ì^ai«ei{ntiix^i^a.^flci^ 


^ni ifxorn0a*.4àcrì Mifteri^ ^ AI iTìiolo* 

Batk^Ri ia generale «Icrìae, cke fimpenieor i-eos^ 
ne ordinò, eòenelia'Domcnica il^jpdlo-s'a^e* 


< f 

ad Con 


nùii^peccacòHV ìBap Niccolo I. 
ruitìu" mdéiianomen yiBuòdnihileodem die y pì'Meei* auM 

Bufe.c. • •>• - ^ 1 *. a'. i » . i • I * ■ 



9t> 



unus 



Wat; 


Àltri aggiungono alla Domenica le felle de^ 
Santi > (limandole tempoindebico alle comiche 
Eapprerentatìoni : E forlc dbEpotrc bbecon Ter¬ 
tulliano fStccme exprmitur gaudtum publicutfL^ 
Apoi. perpuhltcum dedecus ^ Etwahrum imrum luen* 
*" tì»pteìai enti occajtetuxurtdtréUgìo depuiéAtturi 

È* vero, che Sa nchezlcriuc di certi giuochi, c 
®p.mw.{ì pQQ intendere ,fecondo me, anche de* siuochi 

t.pott.l. r li- ° 

j.e.,.d. theatrali.qucito Dubbio. 

mAn liatum jìt in Dominkiti 0 * Ve Ws tomea- 
■menta rxercere , ludum ,quiÌ3Ìfpmèy JftJias,vO’ 
cstur .‘GT aIktfìmtUs . E rilponde * 

Allelui cenfent , ejìe peccaTum mortale . Sic Ki^ 
chàrd. ’i.d. ty.a. i.q AngeinfMhcrea.imtio, 
Sittamenconciufio, 

Oiw- 


PFNTO *DFO DECIMO. 135 
iicintm FtBiì , ^jtàà nmfunt epe» 
tMfèmHta t^cArmià Siltttjhn. Certh. Som. C4<{ 
Cioè'. Alcuni giadicano»cIi&£a{>ecccitomo^ 

tdèrc&ccicfadi cali giuochi ne*giofrii de]làtD(H 

inèfiica, e delk Fcfte. Nòndimeuo Sanche& cie^ 


ne coaaltriDottorì»cho dàco&kciia s perchdta^ 
k elcrcmo non è opera kruile.. Fo tta quelle duq 
ópinioni di&òrtendo «.noaceofiiFO. fài ìbcondu 3 
aaàpiù mipiace la ptima^emi paremoltaconue^ 
nèuole : £ così pare àgli Aucoii»,che qui aggiuflK 
goteche parlano àdelleDomenichelble» òdel^' 
altre Felle ancora .. 


Il P-LodouIcoCellória^lkl^O^atióni^dli^ 
CQ .N«*nD(»fmicà'» &ttnrèlliì^wSanitorum F«w 
JUs spe^dcuìa^vSó modo^ peìh^amut'..-E. €Ìarytk: 
Concilio Carcag. can..67. Ma. Menocchio nelm - 
5-i. tratta coadiligènteelattezza Quella punto ì: 
''de apporta l’ordine Imperatorio > dicendo .i > 

^ L*à\^ AnikémHts-m li C. defir^ii 

I^echumi reli^o^ydmotta reUxànteSi. olffanid 
tptemqfiatn.pAtmm •voluptAttbus.dttinwi. £ que* 
fto ordine è quello, che porta il Franciotti. nello^ 
lue Olférnàtioni, 6t il P: Gonaitolo i ma lo. porta 
molto priina il GardinaLBàroniòjC^icga la ragio¬ 
ne, perche fù fà tto, diceiido. ltn 0 ratofìatic(mci» 
liandamjbt in jummOffiifctminediuimtatem, men-^ 
fe Decimbrt , oes'anóltficandis Fefiis dtebus tProhi- 
btndtjqim iifdttx feemeis spellacHlis promulgeuie 


’SanBionem, Cic^. LlinperacorèipeiteoìiT^iarfi 
ir^iaco dittino in yn gran pericolo, promulgò vna 
Cofticucioneincorno al santificar le Fede, de sd 
prohiBiré gli spettacoli della scena pAT lemedefi* 
me Fede. £.cb0e chiaro. iCfies F.ejiòs nttUn vobt*, 
tfùts volttptattimOGCUpari . Non vogliamo^ chei 
giornifediui d confa minò in piaceri yani • Et 

tékkràitda St^mnitas inct*, 
àeriiy d^eramr.M fèjla dolennicàxlel nòdro Na* 
tale verrà' di giornofediUò > fi drjQfertfca. £t in fdne ^ 
agglufifè mpenaa'ccaf^edQcilà perdita dell’ho* 
nor militare, e la confifeatione del patiimonto^ 
JÈmt^onem mhtul ffC^f(Tiptìonem(^ patrmonif 
ftifiinehit , ^ qùts imcluamjjoc die ftho speBaeulis 
intere^, Cio^se vorrà dar pielente in giorno fc- 
diuo à gli spettacoli. 

.Aggiunge MenocchÌQ>che gllmperatori Gra- 
.tiano«Valentiniano>.e Theodòfioin I. vlt.C do. 
Spéidicùlis. Qedinaronò così. 
sp( 0 acttÌum foputopra^at . Ninna ricreatione di 
ipettacplotheatrale fi conceda al popdonel gior¬ 
no Dominicale. 

( Lo dedbdecretaronoalcuniConcilij ckati dal 
Menocchio» Il Mattifeonenfè a.cap. /.dico. 
ITif/o die ‘Dominici fmus in hjmnis, Uudi&tes 
Dei . Confècriamo la Domenica tutta alle ditti¬ 
ne iodi. 11 Concilio Foriulienfèauuifà. DteDo* 
mnico,^ omm EeBo nil aliudagamits »^uàm ad . 

. ^ ' ‘ Éa-i 


PFl^TO *DrO DECIMO. 3 3 7 


JEccleftam concumrei ^ Deopreces offerre. Che 
è appunto Tauutfo diS Agoftino. Omntdie De- ser.*ij 
minice ad Ecclefiam conuenite, Tatte le Doment' 
che frequentiamo la Chtefa : & offeriamo prc^ 
ghiere al gran Monarcha déU’vniuerfo Iddio. 

^ il ConcilioCartaginefè 4. cap. 8 4. riferito nel 
Qep Q( 4 Ì dte. de Confecrat.di/ì. i. minaccia, e fui* 
fiiina (comunica dicendo. Q^die fdeinni ipnt' 
ierm^o Ecciefìa cenuentu , aa Speli amia Vadtt^ 
ex&ommuntietur• Chine! (bienne giorno la(cìa 
la'C^ielà»e fen va àgodere gli %etcacoli,(ìicomtt- 
nìchir. ^ ' 


Vn altro Gondlio, di cui (ì fanientibne nel c. 
2 deConfecrat diH /. chiama confuétudine ij> 
religiòÉi'quefto abulò di ateedere a gli Spettacoti 
le?fc(tee vuole, che (i leui da tutte le ProuincieJ 


jih^ omrttbusErotttnetjs depeOatttr.W Signor Cardi- 
nalde Lago cita il Concilio Colonienie an. 15 j t.de s* 

Tr. eieexterìtorìpmh- oue,(ì 'dàce. QHodhspeccaty^I^uy 
^tdtem DemmimmfcortiS irixht 
Mifsolf(canhagif,: \ . 1 ' ' 

Qaeftode(ìderaua vnavolta'S. Stefano V e(co'- 
u® , e ne predicaua al Popolo (ìio con ardentiffi- 
mo zelo : ma le parole di lui,benché santi^me^’,, 
riulciuarróbmìli alle (àette lanciate in duro mar¬ 


mo , non pénetrauanoì cuori ,nè gPimpiagauano 
con (rutto di compuntione, & emendatione. Il 
Popolo di dura cerulee feguiua oftinataméce à de- 

V V di- 

• •- •— 


^ 338 CATO Q^VAKTO: 

dicare al Demonio il (anco giorno della Dome¬ 
nica , profanandolo con balli, con giuochi, con 
lulfi,e con Ipettacoli perniciojhu Prcfè nuouo 
partito il zelante Pallore » e coi]aandò à^qae*Dia- 
uoli, che con le tentacioni precipirauano le anime 
ih que’ peccati, che hfacclfer© vn poco vedere-» 
da*^pcccarori j lènza però nuocer punto à veruìio. 
Il Santo fù todo vbbidito ròc i Dianoli fecero di: 
{& de dì àgli occhi di quella cieca gente tanto ter<!i 
ribile, & borrendo Ijjettacolo ,che dJbitocòn>in- 
cìòlacorrettione della vita, e la riforma de*codi]«> 
ini. Quedo bel miracolo è ferino dal Surio nel¬ 
la vita di S. Stefano al c.^ 9. con hidorica latinità 
del tenore lèguente. 

Cumalicftmndo eoncionaretur Stephanus ad T’ib- 
pulum dura ceruicis , qui dtem J^omimeum Oiabo' 
lo dedieabant exercentes choreas , lados , luxm, ^ 
permeiofa Speéfacula i nec admitterent fermane» 
eiusipracefitiyamombueyqmàdiUa fitemoreeeo»' 
inettabant, *vt fine *vUa cutufqùanr lafione palam 
fe eh vifindos exhiberent. dM ox farent Stephanà' 
jDamones: 6»* huiufmodi hor renda, oc ferribtli fpe* 
eiaculo capii ohacatagem aperire oculos,^ vttan^ 
acmores corrigerc'. 

A quedovale ancora ilCan./.del Cabilon.Con- 
cil. 2. Tanno 588. con quedeparole. Cufiodkte^ 
diem Dommicam ^nullus'uejirumliliumfomilibm 
*vacett nullus caufarum accufatione* exerceal: efi(h 

■ '■ , V '■ te 



PFNTO DVODeClMO. 339 

tf>onmes m hyittnif, laudtBus Oeiy animo, torporea^ 
intentt^auts •veilramproximum hahet Ecclefiam^ 
properet adtandem, ^ Ufi Domtnico diefemettpfum 
prect^s » lachrtmìf^i affinata cioè. Offeruace col 
dcbào «(petto il giorno iànto della Doraertica-c. 
niunjDs'irnpiegiii neilitgij ,ò nelle acculcdeifo- 
ro.'itiàattenda con ranimo, ecolcorpoaJlelo 
di'diOio : Eie alcuno hà vicina la Chielà, vi va¬ 
da benpreftoi, & iuinelgiorrib Etomenicale oran¬ 
do yelacrimandd'iè la palli con‘Santità., E elio 
cOìÉ'fòito iqaefti aùùtfi r le non vniuerlàli procla- 
, magioni, e ghiìftiflSmibandi ,* accioche ninna par¬ 
te del tempo di Oonienica lì condirai nelle Co- 
médie? • , 

Il ceid^re Dottore NauarropafTa più oltre nella j" 
prouadi.queftopUnEO,'è lo pretende moftraro *• . 
con ]-autorità del d!UÌnoprecctro5 interpretarrdo 
egli GOsìqueiralcoDiuietò. S^lhathaSantipeet'. 
Santifica ifeftiui giornhcioè jftàsùi auuilb di non 
profanarli con relèrcitio di qualcheopera profa-T 
na, e lèruile , benché fia ella coperta col manto 
di honeftà^ !.. 

Nè mancano altri Dottori * che quali dipinto¬ 
ri tira no le linee SII queftà tela. Corrado Bruno 
nellib. Deimagin. c, 17. fonda vn argomento,• 

A forriori, sù la I. Vlt. C. de ferù's. e dite. %anct. 
tum efl ■>f (Ìh diehu! iprjtprttm du Dominico pie- 
rtdeJfere àdHOcatìmes i iudkU'iH alta feri . etp- 

V u 2 bone- 


' 340 CAPO Q^VARTO. 

htìnefià hu fini : multo ergo magis ahfììnendùm à 
Comttd^s . cioè. Eeriàggio comando della Leg¬ 
ge Imperialefù ftabilito, chene^feftiui giorni, c 
fpecifìcatamente ne'’Domenicali, doueflero ceA 
lare le firn rioni deHaunocare, del giudicare, c deL 
trattare gli altri maneggi del foro: tuttoché q^eftt 
fiano afiari honefti ,.e virtuofì: dunque moitO|)iii 
ragioneuole fì èvchele comiche ricreationi Ccflir 
no ne’detti giorni feftitti j e Domenicali 

B certo non mancano iucce/B, auuémiti aii<* 
che ànoftrotempo,.co’quali Diohà fatto cono-^ 
fcere, che non poco gli /piaciono i Trattenimenti' 
Comici Theatrali,fatti mallimamente in vna Do¬ 
menica molto principale,come farebbediPafqua, 
dii Pcntecofte, e fìmilo 


Hò fàputo da vn celebre -y ^zelante Predica¬ 
tore,che, ftando eglià predicare l’anno 7 62 3,. 
nel Domod’vna.città principale, vidde, che in^ 


vna publicapiazaafil.f^imo giorno di Pafqua fui 
tardiiì recitaua vifa Comica Orione ve molto fè. 
ne flupì j eragÌ€«icuolmente fé n’alterò : ondo 
la mattinaièguente con buona, & efficace ma- 
nieraièòprì-dalpergpmoairAuditorio la ffiacon- 
ceputa marauiglia, & akeratione, efàggerando- 
ìlcal©conformeallaTua indegnità, & aggiun¬ 
gendo ai fine , che Dio ofTeib, e fdegnato haue- 
rtbbe mandato qualche grane cailigo alla Città. 
lldetto fii prófeoile, è preJftp fi vidde adempiuto. 



T - 


m 


r 


PFNTO DFODECIMO * 41 
in quefto modo. La lèguente Domenica in Al* 
bis nacque > non so come, vn gran tumulto, e dal 
tumulto vna fiera quiflione tra’ Cittadini, e Spe¬ 
dati delle guardie, da che iimafèro e molti Cic^ 
tadini feriti, e circa otto Soldati priui di vita. Su¬ 
bito la Fa ma portò l’auuifo del fùcceflb alKorec- 
chi^del Principal Superiore , habitante in vn* 
altra Città ,J 1 quale prefà certa, e giuridica infor* 
matione, comandò} che in pena conueneuolo 
all*eqce 0 b, fufle mandata còla vna numerofà fbl- 
datefca con ordine, che i Soldati tutti fi diflribuiL 
fero per le calè de* Cittadini, e fuffero per Io fpatio 
d’vn mefèda’ medefimi alimentati. Tutto fùefè- 
guitq ,.econ tali flrapazzi, &infòlenze,.che vna. 
Donna difperata fi precitò in vn pozzo: & vna Si¬ 
gnora Baroneifa , raccolta la famiglia de' fuoi fèr-'^ 
ultori,diffe a’ Soldati^ che alloggiauano in fuaca- 
fà^To certo, fe voinon vipórtate fecondo il douu- 
tOjrifpet.tQa .vifàrò“cacciar tutti dentro le fiamme 
d’vnardente forno. Da quelle mìfèrie, come d^ 
manifefli, e grauigaflighi diuini «jmolti fàui Gem 
tilhuomini della Città Ci moffero à far riflelhone^ 
alfertor^ commeffo, con lafciar recitare la Co¬ 
media in giorno di Domenica principale, e Paf - 
quale je dlffcro più volte, e con dolorofò fènti- 
mento al Padre Predicatore. Ecco bora ò. Padre, 
ecco il cafligo, che come V. R. commoflàgraue- 
mente , ci prediffe, così noi mifcramente tolie- 


namo. 


Ag- 



34 * CJTO gVAKTO: 

Aggiaiigo a] narrato iùccenb, cbe ie FeHic non 
ibnoftace infticuìte,per confùin;^rie neilimpie* 
go delle cheacralì vanicà^mà *vt hts Jaltem dtehus 
Chrtjiifideles Oraùoni,(^ operibp>s ptetatfs vacentf 
quodmaxìmè nec^ar'mt^ eflad vttam^ntuaiem, 
ac £ratiam conferuanda^,^ actjmrendiim, fèriue 
• fecondo la comune il P.ÌE^undez, ck)c. L'infti- 
tutione delle Felle hà per iSneTóratione de' Fede- 
li,eleopere dipiecà j perche quelle fon colè nc- 
celTarijdìme airacquiito>e confetuàdonéidelkL^ 
vira Ipirituale, e della grana. Onde ne fègtìc vnà 
benfondaca conueneuolezzadì non perméttere 
letheatrali Attioni profane nell'incidenza de' sa^- 
cri giorni, cioè in ninna parte di detti giorni > per¬ 
che in quanto allaparte mattutina non dobbiam 
faticare per la prona i poiché la pratica, 6t il|)of* 
fèlfollàpernoi,oltre il comunlenfo de’Dottori. 

. Il P. Fernandez nota. Admatuima 4 hor*i 4 tx pr<h 
Ecc/e/ìafìica non pofuntedt. £ Beltrame 
nelc. 40. dice, cheprima frrecitaua hnoalla mac* 
na nell’hora de'diuini vffici; ,ctiandio le Felle Ib- 
lenni : che perciò il Concilio 4.Cartag. Can. S S. 
prohibifee le Comedie , fpecificando per recitar 
in tal hota. E Menocchion. j 2.dice degli Spet¬ 
tacoli honeHi, e sacri, che lì polfono far nelle Fe¬ 
lle , mà non la mattina . Sed nonettam qt4ò dmi¬ 
na cele^rantur^ hac anfeponenda ommnofunt . 

Non voglio tacere, che molti per tempo inde¬ 
bito 



TVNTO DFODEC/MO- 
k'to tengono, che s'^intenda anche il Venerdlion^ 
de in molte Città iì prohilnfce il recitar in quel 
giorno. Et io sòda vn Comico, già compagno 
di.Beltrame, che il biion huomo, cioè Békrame 
mai voleua recitare di Venerdì ,e recaùa per ra¬ 
gione , che era giorno di pallìone : quali volendo 
dire, che la rimembranza di Chrillo appaHiònato 
deue ritirar dal piacere, anche honedo, del Comi-' 
coTheatro. 

E quìmiricordocio, che mi dilTe in licenza 
Tanno 1644. nel mele di Dicembre Girolamo^ 
Chiefa , detto tra’Comici il Dottor Violone. Il 
Serenilfìmo Principe Alfonlòd’Efte, quello , che 
poi fatto Duca di Modona, dopo hauer alquantcì^ 
^uernato gli dati, lì rifolle di lalciarec^ni graij. 
dezza mondana >c fi fece con elèmpiò't degno di 
eterni encomij, Religiolb Cappuccino 5 e pochi 
a^ifono morendopàfsò dallaVolontaria pouer- 
tà tetrena al godimen to dell’opulento Regno cfel 
Paradifo^. ^!^ucllo eflèndo PrmCipe, vn giorno ' 
fccechiamar alla lùa prefonza i Comici venuti à 
Modona, per lare le mercenarie Rapprelèntatio- 
ni re difk loro. Io vi raccomando la mode dia . 
vniuerlàle in tutti i Recitanti 5 e malfimamente.» 
del Zanni M. e della Sema N E certoegli fù ybbi- 
ditocon gran diligenza, e con accurata puntua¬ 
lità . Vn’altra volta fi compiacque di parlarein 
quello modo a’ Conaici intorno al recitare nel 

Ve- 


tr^po qvAKTo: 

Venerdì. Io non vorrei, che facefte i voftri Rcs 
dcamencidi Venerdì : màiàrà fènza voftro dan> 
no. Comanderò,chefia veduta la Vacchetta^ 
de* voftri conti .•c rintereCfe voftro non patirà . 
Vifti preftoi conti fu trouato, che i Comicihaue- 
nano guadagnato vndeci zecchini il Venerdì pa(^ 
Ato? & il Pnncipefece dar loro ogni venerdì 11. 
zecchini j e non fi recitò phi in quel giorno, atten^ 
dendo i Comici al ripolb, óc alPopere di pietà. 
Bel calò>e degno d’eftere da molti Principi tino* 
uato. 

Scé- Concludo tjuefto Punto con vn Decreto Sinoda- 
le,fa^to l’anno 1615.da vn'Eminenttflìmo Sig. 
ai Ma. Gardipalc» Vclcouo, & Eccellente Theologo, 
per, cÒnuencuole riforma de’ comici tratteni¬ 
menti nellaiuaDiocefi. E dice così ; 

Cìrculateres, Atimi, Comici y Jimilec fMU» 
cts HN^bulones ne •vamloqum ^ vanas feurrili- 
tntès y agere, Comadtas reprafoMare , tniir^men- 
tu pai fare, aut ifHtujmodt facere , ettam suk prx^ 
textu •wnd'endi medicamenta » diebus fefhs , fe¬ 
riaftxtaprafumant. Cateris autem enni tempori- 
hm ■, dum dtmna celehrantur o^cU ydum puerl 
doBrmam Chrijlianam edocentut, dum conciones, 
Jetè ferff^es ad Populum hahentur . Qm m eo dè- 
diquerJnt , feutorum deeem pana (ubìaceartt . ; 

-Fondafi queftoDecreto, non canto sù l obligo 
di necelhtà, quanto sù la conuenìenza di vigilan- 


PFNTp mODeCIMO: 545 
fePaftorel Maè però degno d’cffere imitato da 
cibtbrama follecttamente allontanare»peccati* 

&‘i pericoli de'peccati dalla fila Greggia. Ghilli- 
mdà^ai la falnte delle anime, non ilima pc^o il 
peweólo della loro dannationé reeHi vuole effe- 
re vn’Argo IpiritUale , vigila con cento occhi 
dipronido accorgimento , accioche ninno reffi 
ineicato, éc ingannato da quel breue, e momen¬ 
taneo piacere del Theatro, chc,come à molti Giu- 
ffi genera dilprezzoper laiùa yai^ità^^GOsì à mplti 
Feccatori cagiona reato di penplà eternità: onde 
(ìpuò dir con S Agoftino. Alomentaneum eji» omn. 
quoddtleaatyAtern^mrqmdcruajAt* 

■ ■ •- , I 

■ VVNTO Deci MOTSRiZO, : 

0 - A 4 

Se i Comici ModeftipofCmo mai recitar le ipro Af’v 
tioniifi tempo di QManfima i à 

r dellAduento. 

■ », . ■ 

G Lì animali di più freddolà temperatura 

gliono ricirarfi neiralprezze del crudo 
verno, e riaftonderfi, con rimaner tali, che qua- ' 

fi morti fi poffono giudicare. Antmantia ,scriue ^ . 
Galeno, frigtdiorifuntnatura-^per hjemem aù 
frigoris njtmyperinde acjìmortua ejjfenty latitare fo^ 
leni. Dirò io, cheiComedianci orceni(uongià 
imodelli, de’quali mai hò formato tal concet o) ' 

fono molto freddofi nella virtù Chriiliana: il 

Xx • tem- 



sèr. II. 


#p. mo 
ral. c. 
pofl. 1. 
f» c* 1* 
dub. 17 


CAPÒ 

tcnspódèllà salita Qaarefimà ièmbra loro vii'ai- 
prò verno: quindi fi ritirane^ fi nafcondono,« qaa- 
fi lìiorfi, cedano dal rapprefentat Tofccne. 

Uh Ma ceflfcinò anche perefrdinauola Quarjefima; 
i rnodefti Comici daireièrckarfi ne* loro vìrcuolt; 
Éeeica menti credo, perche bramano darfi ini», 
tutto alla fpiritualità 3 & honorando laiàcra 
fionedel Saluatore, vogliono procurar con fand 
■efiiciti|ài vinu. d*auuanzarfi à nuoua perfetrio-^ 
nè. R.enou 4 tur..<iicb SJ^mb ^mi de bono tranfìt Mib 
ineltm. Horadi quelli Comici modelli fi propone 
fi prelènte Dubbio. Se polTono mai recitar iajb 
tempo di Qjrarefima lènza peccato . 

Auanti la rilpofta fuppongo di trattar in ordine 
à Rapprelèntationi modelle sì, ma profane, e non 
altrimentilpirituali, elàcrejcomelàrcbbela vi¬ 
ta di vn Santo ConfelTore > la morte di vn Martire 
di Chrillo, & altre fimili ; perche ordinariamente 
inoliti Comici mercenarij modelli trattano nelle 
feene affari , e negotij profani. E fatta quella fiip- 
pofitione, 

Propongo la dottrina /piegata da Sanchezlù 
quefto Dubbio. An exereere buiujmodi Ludos tn 
Aduentu» ^ Q^dragtjimaftt mortale. Se fia col¬ 
pa grane,e mortale l'elèrcitio dì quelli giuOchinel 
tépo.deirAduento,e della Quarefima.E ri/poride. 

Alcuni tengono, che fia mortale vn tale elèr- 
citio fatto pubiicamence nel tempo didiuotione, 

epe- 


BECìMO^BKZO, 34 ? 

dpè dall’Adaento fìno air£pifj:nia) 
l^ cUlU SetCiiagQiìnia Hno alla Palìjua; rxnentro 
peip nm v-ìotewjenga qualche ragioneuole ca* 
gictfiei. conica farebbe vaa vìccoria > à U natcùa'dì 





j^lcrt 4 ì<;ooq , lehe non è motta! a nel tAWpO 
4eU’Adnento i ma bet» M 4# Oiarefim a ^ E fe vi 
QCCoftei dj!abb»Q ? &46y^^^^^^ mortak. Par¬ 

ando poi !ÌancbeH 2 :di fené),^ dneConcIu- 
iìoni te quefta è ja BtV?aa ^af ittdécdndum. ^ » 










40 


uerett'^ 





,pQÌt iXMmmeam mpaj^om - p’ndeAK^e Clpmm~ 
CAm tn paJJìjne commuritter credo^non ejp mortale^ 
Ifcit Unmm fiat te ere attorni gratta . Steunent do- 
&t Immet. cioè. Giudicar fi deue , fi? quarto 
iìa colpatnortale . fecondo la grandezza dcfla ir- 
teuerenza.e dello fc^adalOj chs tjekgue à p^re^e 
divn huotnovircuofo, e prudenk . che bilancia 
.quello puncolecondo roccorrenza delle cirvon* 
llanze . g nqn poco importai fi? cip da nel prin¬ 
cipio di Qaarefima » onero dopo la Domempa in 
partione . Onde nuanci à talDomenica comune- 
mentecredo, che non fiaco’pamortale j benché 
dòlo fi facci perricreatione. Così tengono i dotti 

Moderni t 

• Xx 2 Mà 


348 

Mà 


CAPO 

ifclie quèfto Dotcore > d^gh^iiiò per a?- 
tro diibnnma (lima j'don reca àlctìna ragiono 
.della (uà credenza,io pófTo for^c crédere , feho 
‘ non è prcbafcilc > le non eftrinfecaménte. Pro- 
pter autoritatem dtcenUÌ.,'^ patìùnem pràfum- 
tììWMiptam. Così nrii pérsiiàde vn Dotto nsìódvrnfo di- 
w de li! cendo. Dcétòrtmp Uhe^uimrus , ^l^rauiias 
c.t». n’ <ypinionein mnfactt prùbiMem , aut commufiem ^ 
** sed rationes. leg. i. §. fed neèjì Cod. de •mt. iure enth 

Dfcìoconfi 499-n, I tonf 2 numj 
ìtdc A4aftha <hiurtld.p,4.ci l if ». f4. vb/ 0* 
dft • Dobiores qm moAtre difcutmnt altquAm (eti*, 
' tenttam » ac do^rtndm \ non qm leupter , conffttue'- 
re comunem opmionemy ndde probabtlem ^ ntc 
eos i qmaltum Autorem jfmaltos sequuntur fine^ 

* exa mme . 


La lèconda cpnclufione diSanchez è queflo. 
‘ :Qm fune taUbus Ludts tnttrffent ,* non peccarmt 
VtortAliterà quia adprmatosrton fpt^at difcernere, 
' anfit catifà fuffeiens nd eos hudos rio» dictm* 

tur conjèntirepeccato ahorum. Sic doBìrecentté- 
res. cioè. Non peccherebbero mbrtalnaente.» 
le perfbrre , che ali’hora fteffero prelèmi 4 tali 
giuochi 5 perche non appartiene à perfone priuate 
!Ì determinare, iè vi ha cagione ftrfficiente per I’ 
efercrtiG di qùe^ giuochi 5 5c effe , nonh dice , che 
acconlèntino al peccato degli altri. Quella è 
opinione 




I Si deueàrithc nocare, aggÌMjigfeSanehtz,c^^ 
^tci dicono > come atferma Gordubai, che cali 
giuochi fatti nel giorno della'Ceoa .del Signore^ 
onero inqueilodiParafceue,fono |)cc;iGati rapi¬ 
tali*. ' .. '• 

, Horaveniamo alla (piegatura del noftro parfl- 
te ,Gialla dketca rilpofta delia preferite Difficolr 
tà,per la quale 

^Dicp. u Non poflbn iComici recitar in tempo 
.*di Quarclima lenza peccato, parlandoregolac- 
■fnence ve Iccondòia natura deUc eolè. Perche 
la ricreattone , òc ilpiaccce, che «alce dal profano 
^ecfcaraenccMfionè conùeneuole alla dilpolìcio>- 
ne di vn'animo, che attendealla penitenza perii 
, iboi peccati 5 e con quella dìlpolìcipne ogni huon 
Chnlliano deue paflare la santa Quarefima, che 
con particolar rilpetco lì dice tempo dipeniténza: 
-le però deue .rtmuouere iantino da ogni piace! 
protano theacrale : e per conlèquenza i Comici 
'aiooì deuono rcckare v Ne vale quella Iculà ,;di 
che tal volta lì (brio feruiti al e uni. L’iVttione fà 
preparata per farli di Carneuale ; non lì .potè : e-» 
però IliacadiQuarelìma uion valedicpf perche 
la eirconftanza del tempo è mutataj e tjil .inuta- 
tione rcdeillecito il Recitamento, maflìm aden¬ 
te quando lì fà con grandezza d’irreuerenza,, e 
dileandaJo. ‘ , 

' Alia ragióne aggiungo IJ^corità di que* Dot- 


^50 

èon» chetffi»tando,d^l ccmpo ìndebicoialH l^ed* 
ifsìkiieiid^llìftnonìci, dicono » cho tale è qiiieUo 

^^MlaC^rtifinaa. li^afiSìlaeftio»egIiaItiì ci- 

ifaòndi punto ^tecedente. ‘Màdhc^llConiien 
Belcramé lo concede éiprélfamente nel c. C6aie 
mòffò da qoéMa ragtonè, per la iquàici ogni 

liritoàOa; 


gelGma fecondo Tanuifò di S. Ànibrogio, 'che de* 
ìaoniicdeila Settaagefitna, Sci&gefima, Quìnjqua‘ 
gefin^i &Q2i^dTagcfìmai^ÌGàu^ jNfMa mpmn 
^etempmhahet^yidiOiimms^ ’Chs^tanun'remtm^ 

. Moc tnim a^mmet Jlpofia» 
'htsdfcem. %emu{tmim. Sphef ^^. '^ z^ Cor.a^. 
f&Vuol dite. Homo interior renoueiur. 

' «Concede, dico, Bdcrame, non eKTer lecito far 
domedìe profane dì Qjarefìma j poiché nunié> 
fando i peccati,chepòHono commettere i Comi- 
ei recitando, dice, che vno è recitar la Quarefì- 
tna, fuor che per accidente ,* ma non fpiega, che 
cola egli intenda, recitar per accidente > né io fin* 
^ora l’hò trouato fpiegato ne’ Dottori : e però Io 
'piegherò fecondo la mia debolezza, fbttoponen- 
do ìfèmpre il mio parere al giuditìo del benignili' 
mól-ettor©. 


cato nella Qoarefima recitar per accidente. Quc- 
ftaèfentenza di Beltrame j e fi può {limare, non 
lòlo per profefTar* egli d’effere qualche poco in- 

tel- 


léillgcfl'EC aikiiepìtt la ^«òct 

<?o(^ico vi$fR> molti 

^lfl^^con opiti^e di i^irtiiolb 
to\ dv l^ò 3 ^:palsSi&i^iotirita i'an^ 

ifoa<64/. nbiia Città diMbdonav Piadadllà £H> 
Ulna Mileticorctm, cHe'eglidai^ le Coinediem 
t|aefta vica non fàcede paiTaggiò atià Tragedia di 
pene neU’àltra vita f.eche gpd^cónlblacaitience^ 
là gloriain Taradifò ; lo al lìioi dettocioè, che (i 
po{]^ recitar per accidente 'di (^arelima ,dò 
itiialnterptetationé in quedo niodò. ■ 

• Puó.auuenrre, che di Q^refitrta vna Compa» 
gnìàdi ttiodediComedianri facci viaggio, e, paT 
•fendo^pérvn luogo, sii cofttetta à fèrmarfì per or¬ 
dine del Superiore, il quale ,n 0 nptopòngaaill’àr^ 
'bitrio. de! Conaici> mà^comandi rifòlùtamentei 
che tecitinovna,odile 4itiòo'i‘3^ec^^ parole\df 
'qualcherilèncinióitG^ e^mièaeciòfe non lafciluo- 
^o a^iè‘(cnfó; jnè ^'e^za^^òmicidi fòttrariì^^^ 
^nza^iìcc^rere in timon d%Conùai«e qualche^ 
gran fcbrrtO'nelPhonore, qdanno'nelle perfone, 
lo dico, cheincalb tale pofTono recitar per acci" 
dentefènzapeccaroipercherecitanopervn timore 
che feufà da peccato, cioèperqùel timóre, che-» 
nellaicuola fi appella giufto,probabile, ecadenp* 
te in vn huomo coftantc.E di quello timor lècon* 
do la comune 

Seriue il P. Baldelli, CMefus dtettur iuflusy f 

prò- 


V,? CAPO orAKTat 




hridfaMisi ^ t^dens mytt^^um confianum i^tit» 

ùiltcet legf s i iic ima tltftm admittunt iet frobànti 
É5* fìtn aliqtéemcj»d^t,nm ffropterea tilt a itmtfUu^^ 

étwtxConflantiA ^ ^forutudints 5 w ^/y. g» mettnt 

ptortt's • Sitlice tinipr giùfto ;|>erchela ragionle^ 
galelo.accettà , apprpua per tale^e fé cade ia 
alcuno, non per ciàglilcua la lode della coltane 
za , e fortezza .* come fi è .per cagion di elèmpio» 
il timof di morte,ò di qualche danno di grandini* 
ma confideracione. Dunque i Comici per tal ti? 
more recitando vn’Attione, non intrinfecamen? 


te malanni aiòlo mala per Legge polìtiua nella ci - 
cpftanza del'tempo Qaarefimalc, lì pedono f u-^ 
(ai dal peccato : Q^Mjimt f X meiu^ dìce Tallega- 
tO/Dottore B. i o fi fini m^Jafiolum ex l. egfpofitt- 
UA t facilipottjl àcct4e*^€, ejiuòdex metmxiftfùftur 
àìpfccatOì Vttt0af VAfq- 2 7 c- ì tt.-jz. 

Salai dijp. f. ». 2 9- C§* 3 3 commumier 

(dicfiur in dateria de Legihm £ la ragione lì è,per* 
che Lega httmAn a commumier non obitgaftt cum 
- tanto dtfptndto . Il yigor della hiìmana Legge.^ 
non dringe per ordinario alla lua obligatione con 
tanto danno. 


y Credo, che « pratici del Mondo lì ricorderan¬ 
no molti cali veri, & occorli con quella forma d* 
accidente , che.io qui dellriuo, e limili forfè à 
quello, che in Fiorenza l’anno 1641 . mi tii nar¬ 
rati da Cariò SiuelliComico diprofellione, detto 

Poi- 




’PVm'ODECIMOTEKZO. ssj 

Polpetta tra' Comici * e tellimonio di prcièn- 

"Zfti-j • 

Egli con Belcranie,& altri Comici di vna buo¬ 
na Compagnia viaggiauanodi Qnredma con_» 
animo affatto lontano da’ (olici Recitamenti : 
quando ecco, nel patfar per vna Cittadella, fono 
fatti fermare per comando del Superiore j da cui 
tofto intendono,efferfìia volontà, cheeiTì facci- 
noiui alcune Comedie. S» fjulàno, allegandola 
circonftanza del tempo quarefimalej e Belcrame, 
buon huomo, dice chiaro a’ compagni. Non è 
lecito. Mà che ? Non fi ammctrono le (lu(è: il 
Superiore perfide neli’inftanza con pertinacia 3 
altri Nobili danno (ègni di animi alterati, e mi- 
nacciofi, (è le Comedte non fi fanno prontamen¬ 
te. I Poueri Comici vedendoli nelle forze altrui, 
e pieni di giufto timore dicono Horsii fi otten¬ 
ga la licenza del Superiore Ecclefiaftico. Su¬ 
bito fi ottenne 3 e (libito fu comporto il palco, e fi 
recitò la primaComedia, nella quale non volle-» 
recitar Beltrame, del che accortofi l’Auditorio, 
procurò, che fuflTe chiamato, e coftretto al Reci- 
tamenco ;c così fii facto, lènza che fi accettalTero 
le fue buone (cufe, & ottime ragioni. Quindi 
egli Rampò nel fiio Dilcorlò, che alle volte fi re¬ 
cita diQuarefima per accidente lènza peccato. 
Et io credo, che eg i dica bene 3 mà non credo già, 
che quel Superiore fulfe libero dai peccato, ha- 

Y y uendo 




354 CAPO OyARTO. 

Bendo comandato quei Recitamcntofolopercà'» 
priccio ,ò per brama del piacer comico ^ c thea- 
trale je fenza qualche buona,e lUffiwiente cagio¬ 
ne j come luppongo ♦ Cosi anche pecco > e p^^ 
grauemente, va altro Superiore^che non folo di 
Qaarefima» ma nella Settimana dell’Yliuo»fer¬ 
mò con gente armata nello ftato lùo vna Com¬ 
pagnia di Comici paffaggieri 5 e con affoluto im^- 
pero, e minacciofo dilfe. Voglio ,che quella fe¬ 
ra recitiate quella bell’opera» che già fentij coa> 

molco gufto in Mantoua. E non diede orecchiò 
ad alcunafculài ma sdegnato, e fiero replicò il 
comandamento. Et vno de’ lUoi Braui fi accollò 
a’ Cpmicidicendo con balTa voce. Auuertitejnon 
repugnatciil Padrone vi farà cacciar tutti prigioni 
nella Rocca, bifogna accomodarli, & vbbidiro. 
Cofi fù fatto, & i buoni Comici, tra' quali era ti 
sudeito Carlo Siuelli, recitarono la fera, fodisfa- 

cendo all’appetito di quel troppo terribile, e sre¬ 
golato Signore 3 e venuta la mattina partirono 
continuando il lor viaggio. Quelle fono di quel¬ 
le burasche , follcuate nel comico Mare, nelle 
quali tal volta in tempo di Qua refima fi nauigaj 
per accidente, e lènza naufragar peccando con-» 
perdita della diuina gratia, ne balla 1 elTer Tifi 
per acchetarle j perche non mancano Eoli troppo 
furibondi, e ventofi per eccitarle. 

Mà che diciamo dei recitare le profane, e mo¬ 
delle 


WNTO DECIMOTEKZO, i$s 

Come 4 Ìiie nel tempo deirAdnento ^ 

Hìi^ndo. Separetioppoiìgoiolàla senten-^ 

a» pit^ìbimia lòtto pena dì peccato $ tatto ch«L^ 
liàbbìa te fae proue, e dì ragioni, e d’autorità 3 ri- 
ifiecmmocì aila fentenza benigna di Sandies 
neti’Opulcólomoraledìfopra allegato 3 il quale 
può'vedere^on fùo agioii Lettore : & oue quell* 
Autor ragiona della Quarefintia, egli può applica¬ 
re la fila dottrina al tei|ttpo deH'AduencOjin rìf- 
guardo del quale ftirao probabile la lèntenza di 
Sanchez, benché da «ne iìasgiudicata improbabi- 
leìn quantoallaQwrelinfìa,-perche non par,che 
fegaanell’Àduencofcandalone’Popoli, ne irre- 
ucrenza moka à quei sacro tempo, lein elfo reci¬ 
tate fono le profa ne Atcionidel Theatro. Mà pe- 
rò più probabile ftimo ia fentenza contraria 3 per 
conferma dì cui io qui voglio aggiungere lòia- 
mente vn calò narratomi,comeda telimioniodi 
vìfta,dal P. Theofìlo Rainaudi in Fiorenza Tan¬ 
no 1645. oue (lette alcuni giorni di p iTiggio 
verlb Roma , lèruendodi ConfelTore rEminen- 
tìflìmoSignor Cardinale Sforza, promoffo alCar- 
diiìalaxo dalla Santità di Nollro Signore Papa In- 
nocentìoX. Circa fanno i 6 3 3<nel Chiiiiianif 
lìmo Regno di Francia, nella Città di Granoblej 
rillultrilfimo,e ReuerendiffimoSignoreD. Pie¬ 
tro de Scarron Velcouo, Principe dellortelfoGra- 
noble, e Perlònaggio fornito di sauio, e santo ze~ 

T y 2 io, 


: i 


3 56 CAPO QVJTiTO. 
lo,tornato di molte,e molto lègnalatevirtù 
prohibìle ComicheKapprefentationi à tempo del 
sacro Aduento 5 per eflere tempo di attendere più 
deirordinario alla pietà, e penitenza,e perdip 
porli à celebrare diuotamente il Santo Natalexhe 
però in Francia fi coftuma di predicare ogni gior¬ 
no deirAduento : come fi predica in Italia tuttii 
i giorni diQuarefima. A quella prohibitionecer* 
tiG-ouanipoco.ben configliati ,fioppolèro con 
qualche forte di querela,e di mormoratìone.*o 
tafvno fi moftrò alquanto dil^uftato, & alterato: 
onde fi prefe partito da’ Giuditiòfi di trattarne vn 
poco nel fupremo Parlamento, che è la radunan¬ 
za di que’ prudenti Signori, da’ quali dipende ìoj 
gran parte il politico, e virtuofo gouerno. E nel 
qual Parlamento iConfiglieri più moderati, più 
antichi, e più sauij furono di parere, che fi obbe- 
difle all'Epifcopale Prohibitione. 

E quello auuenne di mirabile, che vn Confi- 
gliere, huomo per altro letterato, mà heretico, e 
chiamato Vllbn, parlò con ardore grandilfimo, e 
diffe cofe m arauigliolè à fauore di Monfignor V e- 
Icouo, e mollrando, cheolTeruare fi doueua quel¬ 
la Prohibitione ila quale poi fùllabilita dal zelan- 
tilfimo Prelato in quella maniera. Fece vnaj 
Congregatione , à cui chiamò tutti i principali 
Theologi della Città, e tutti i Superiori de’ luoghi 
religiofi i propofe loro il calò perragione di con¬ 
fai- 



TFNTO DECJMOTEKZO. 357 

fiilta. E tutti furono di parere , che, fùppofto il 
pericolo, che recano le Comedie, era ftata molto 
ben fatta k Proh bitione . All’hora Monfignore 
ordinò à tutti i Predicatori, che dinuouo intimai^ 
lèro il filo Precetto Epifcopale, prohibitiuo di re¬ 
citar Comedie nel tempo dell Aduento 3 e che-»* 
dichiaralfero la Scomunica cominatoria , che vi; 
poneua je che volcua fufle calò rilèruatolatrai' 
greflìonedital precetto. Subito,chefùfattaquc- 
fta publicatione, tutti vbbidirono perfettamente, 
c cefiò in tutto ogni legno diturbatione s onde.» 
potè ciafiiun Fedele prepararli à celebrar lànta- 
menteil Natale del Figliuolo di Dio,di cui S. Leo-' 
ne Icrilfe quella gran lentenza. JS/on alta fuit Dei 
Eflto caufa najcmdi, quàm ntcrucipofet 

TVNTQ DEC/MOQFAKTO, 

Siporta la Rtfoluttone di'on Dubbio intOTtiO'ad • 

yn Atttone cantata . 

4 

P òchi anni Ione,auuenne, che in vnaCittà 
d’Italia molto principale comparuero certi 
Comici Cantori, i quali rapprelèntauano con bel¬ 
le Machine, e con dolci Mulìchevn’Attione can¬ 
tata , la quale era profana, e non in tutto mode¬ 
rata in quanto all’honeftà. La fecero di Carne- 
uale pili, volte con molto concorlb, e fù giudica¬ 
ta per colà modella vniuetlàlmente»perche quel 


il* CAPO QpAPiTO: 

^o€o <Ìi c£jeniò^clicliaiieiui, ò noo a» con^ 
§àssmm^ iiwelb ,^ciidb|MreMiiuicìsu^ io camio^ 
q^ lla l^naiaMa dioBi »c iMm alle paiole .actcodeoaBo 
gltlì^4ÌÌGK»i:: coisio dii rintendeaa, e 
loilìaaaaa vn nulla iri^etto al mokollt brutto, e 
<d< ò&eno ,cl)e Jude adirli, e vederli nelle Co* 
fuedìeordìnarie ,e fatte lènza eanto da^ Cornea 
.<lìanti mercenatj|, i <]uali per lo più d^ondauo 
<it molte.o^renìtà. 

:Hor 6nìco il Carneuale, e cominciata la 
ma, ^ue’ Coaiici Cantori per mezzo dì Gentil’ 
huomimloro Amici dimandaiono licenza, e l’ot^* 
tenero di rappreicntare tjuell’Atrione cantata ^ 
veaiie vtdic,con fine dì pouifirinfrancare dclley 
molte Ipcfè, che haneuano fatto heii’apparato 
delle Machine, e d’altro necelTarìo à quel mufica* 
le Redtamento. Fu.dubitato» le era lecito, ò nò 
il recitare queir A elione cantata. £ le gli Spetta^ 
toripeccauano con l’andare, e Ilare preiènti ad 
vdirla, & a vederla. 

J predicatori, cheerano molti in quella città, 
credo tutti, ò quali tutti palTarono con filentio 
quello calò : vno folo di vna olTeraante, e fttetta 
Religione, comeio intefi, predicò alla feoperta, 
che quell’Attione non era lecita 3 e che non vi lì 
poteua andare lecitamente. Frima,perche era., 
ofeena. Secondo,perche lì faceua diQuarelìma.' 
Hoi checìlòlueremo in quello dubbio? Eccoi 


BeCiMOQVASiTa. y 

IHiiiddellan^mfta. 





eralecka 5 perche le ragioni , ohe prmano, noa 
■ elTer lecitele Comedie oicene mai in akiin {eia- 
po deii’anno , molto più. vagiìono io rì^iardo 
della Qaatefitna , che è tempo iàcro» & aheii» 
dalle vanita, non che dalle bruttezze. 

Dico (ècondo.. Tocca al Superiore, ò Ecclc- 
iìaftico fìa, ò Secolare, come à periòna publica » 
vedere, quale, quandoe come ha lecita, o nò 
vn’Arcioaei Scegli deue con la scienza lua ,e col 
fùozeloaggiuftarc alle regole della Chriftiana^ 
Moderatione, & Honcftà le lue licenze : e però* 
nel propofto dubbio io (limo,che il Superiore non 
doueua, nè poteua dar licenza di recitare quelT 
Arcione, lènzahauer ordinato prima, che lipur- 
gafle da ogni oscenità fecondo la necelTaria Mo- 
deracione. Ma perche forlè egli luppolè, cho 
^non era puntò oicena ; come lì diceua cotnune-’ 
mence > nè à lui occorfe la necellìtà, & obiigo di 
far altra diligenza ; può elTerèrche per inauuer- 
cenza non pecca(re,almenograueniiente,quando 
conceffedetta licenza, fecondo la dottrina co¬ 
mune , che L’inauuercenza Icula dal peccato gta- 
ue. 

Dicoterzo. Gli Spettatori non peccano an¬ 
dando, e dando àquell’Arcione5 perche non vi 
vanno, nè vi danno, come à colà oicena 5 nè la 

g««' 



'360 CAPO Quarto: 

giudicano tale 5 ne Ipetta à loro,che fono perfonè 
priuate, il giudicarla : nè à loro parimente fpetca 
refominare, facci per cagione lecita, ò ille¬ 
cita jmà eflipoflbnosupporre lecita la cagione: 
e ftando prefonti, non acconfontono al peccato 
commeàb da’ Comici Mulìci in quelle pocho 
ofoenità, le qualiellì odonofolamente, come ar- 
cifìciolì cantimulìcali,poco attendendo,e forfo 
. non intendendo il loro lignifìcato. Onde lì può 
dire, che colà vanno ,e che vi foanno, come ad 
,vna dolce Mulìca, non come ad yna olcena^ 
Rapprcfontatione. ' 

E ben vero,focondo me, che foi Cantori fono 
blcenidi oicenità mortale cantata , chi li cono- 
Ice per tali, e va ad vdirli, cpaga,fomenta quc’ 
tnifori nello llatomiforabiledeirofoenità morta¬ 
le, e per quella ragione pecca, come diconoi 
•Dottori con S. Tomafojquando però non habbìa 
qualche buona ragfone per giuftificarlì 3 come-» 
hanno alcuni, che vanno tal volta alle Comedie 
ofoeneianche non cantate, e pagano, e non_> 
peccanoà giuditio de’ molti buoni, e prudenti 
limatori delle colè humane. 

Dico quarto'. I Mulìci profani, e modelli, 
recitando per buona ragione, e con licenza vn’ 
Actione cantata le prime fottimane di Quarelì- 
ma, non pare, che pecchino grauemente.perche 
non fogne grande irreuenza à quel làcro tem- 
: \ ' po, 


PVNTO DECIMOSfy^l^TO. sdì 

po, nègraue fcandalo nelle perfbne chriftiano 
virtuofe. E quel negotio comunemente fi riceue 
da tutti, come vn lecito trattenimento muficale, 
e nella maniera, che anche di Q^arefima fi rice- 
uono altri trattenimenti, & altri giuochi permef- 
fi a’ Popoli per ricreatione. Se vn Gentil’huomo 
fà cantar di Quarefima in cala fua,e da’ fiioi Mu- 
fici alcune Canzoni, ò Sonetti, che fi mo profani, 
ina non ofceni, credo, che ninno dirà con fonda¬ 
ta ragione, che detto Gentil’huomo, onero i Ma- 
fici, ò pure gl» Vditori,che vanno per goder quel¬ 
la Malica profana, comettanopeccato graue. E 
così credo, fi polfa dire nel calò della Comedia», 
cantata nel temp"b di Q^raréfima. 

^ Sò , che non manca il pericolo di peccare à 
molti,' & in molte colè per rirpecto del molto 
concorlb ,che lùole eflere à quelle Artioni canta¬ 
te, e modelle. Mà quella difficoltà s’incontra.» 
anche nel Recitamento delle Attieni lacre? e però 
prego il Lettore à contentarli di quello, che ap- 
prelTo aggiungerò, come comune alle Attioni fi¬ 
ere, e profane : e tra tant^o confideri, che alle vol¬ 
te à molti è molto nocino il diletto theatrale.e 

che gli conuienelalentenza diS.Agollino. 2 >tf- 

lei^Atio viilnerauìt, ^ tranfiuit : miferam fecit , 

- 1 .;.^." Zz TFN' 


CAPO jQFJKTO..^ 



TFNTQ DeciMOQVI^TO: 

JQdìe facre Attìoni rapprefeniate tn Scena nel 

tempo di Quxrefima .. 


'It TIrtutenìhilpulchriuSiicxmQ.con la (Uà pen- 
^ nad’orQilS. Dottor Chrifoftomo. Nien^ 

te veder fi può più bello , che il belliflìmo lampo 
della virtù. Mà io dico, quando c vera virtù, e 
non. vitio mascherato col velo di virtuofa appa¬ 
renza. La pietà vera, eia vera diuotione deue 
Ipùntar nel suolo.del cuor humano conigermo*- 
gli di fincera perfettìqne in ogni tempo ; mà mol¬ 
to più deue jfcoprire le lue vere ,e fincere bellezze 
nel tempo, della santa Quarefima j tempo, in cui 
i Cigni Òriftiani accrclcono il natiuo candore, e 
le anime fedelijà guifa di fenici,rinuouano iUor 
natale còn.l’incendio del diurna aroorej onde fi. 
fà la rinouatione ìpirituale ,npfóIadeLLeccatore,, 
mà de|Giuftoancora,pQÌchelècondQ;Ambrogio 

• diiòpraaddotto. Sicut renomtmi qtit de mah 
tranfit aàhpnum , itarenmattir de honotran* 

ftt ad melms u 

Hpra fi muoue ilDubbio, iè in ;^uefto.iàcro 
tempo fi poflono rapprerentare le.Attioni {acre, ò 
nò. E pare vn dubbio,.lontano,dalla, ragion di 
dubitare : perchele la ere Attioni.lono, fiori fàcri. 


e iono molto proportionati alialacraitagion qua- 


^vNTo DEciM(yQ;nm‘ 0 , 353 

ìfcfimaie /con tutto ciò'anchc nel sacro Tempiò 
«entranoalle volte i Negotiantije' v’è bilògno d’ar* 
mar’ il braccio' di sdegno, & altontanarli. Io non 
già con $degno»mà cori hiimilijilimo zelo,e con ar- 
dentiflìma cjiarifà .vorrei allontanar’ ogn’Oinbra 
•di minimo difettodàlie sacre Attipni, rapprefen» 
tate in scena'nel Tempo di Qnarefìnia j e però 
ffpicgo il mio lèflfb con le lèguenti Propoficioni. 

Dico I. Poche volte fi fanno le sacte Attioni 
mafiìmamente nelle Città principali nel tempo 
di Quarefima. E ftimp, che alla prona poffa ba¬ 
llare il còftume corrente in dette Città; e priuati- 
uo di tali Atcioni,il<|nfil cgfiume forlè originatò 
fi è , G perche i Recitamenti , benché sacri-, 
monaccrelcono.anziiminuiiconoilteìoro della 
vera diuotioneinmQlti,attelàlamo}tirudinedei- 
le diftrattioni, che moleftano'quelli, che voglio- 
no recitare : ò pure perche tal volta fUccedonoin- 
conuenientiIcandalofi per cagion de’ trilli, che 
ì infino nella luce vogliono viuere tenebrofi ì e te¬ 
nendo le margarite auanti gli occhi, fi voltano à 
gli oggetti d’animali immondi. Quindi podio 
volte fi rapprelènta in palco nella Settimana san¬ 
ta la sacra palfione del Redentore ,’ & in molto 
Città fi fono lena te affatto le notturne Procelfioni 
di quel tempoi come anche la tenebrola Predica 
diChriftoniorto,per darà noi la vita i eia quale 
non fi fà più tra le tenebre all’vfo antico j perche 

Zz ;-z igra-. 



564 CAP 0 QVAKTO‘^ 
ì graui difetti Icuoprono efficaci ragioni, per for¬ 
mar Leggi moderatiue degli affetti, e diretciue al 
termine deireternafàluatione, 

Dico 2. Le sacre Attioni fi poffono tapprefen- 
tardi Q^arefima, e con molto frutto dei le perfb- 
ne fpirituali, e vere diuote : la ragione fi è, perche 
(ecundum ft, €5* fecundum mturam rerum, fècon- 
'do !a natura deile colè danno bene, econuengo- 
no infieme la Qaarefima, cioè tempo lacro, e la 
lacra Actione j nè l’impoffibilità del rapprcfèntar- 
la fideue prendere dalle perfòne fpetcatrici, quan¬ 
do fono ^iricuali, e vere diuote ì perche tali con 
la viua apparenza della leena, e con l'energia del 
Theatroreftano grandemente mode con dimo- 
ilratione dipietofi affetti, e con accrefeimentodi 
vera diuotione. Non fgno molti anni, che in-> 
vna Città principale fi rapprefèntò neiprincipio di 
Quarefima la facra Paffione del Signore. Vicon- 
corfèro molte perfone baffe, popolari, e diuote j 
cpianlero dirottamente con molto frutto Ipi- 
< limale delle anime loro. Il fuoco fi appiglia^ 
facilmente nella ben difpofta materia, e vi cagio¬ 
na incendio. 

Dico 5. E cofa pericolofà di peccato rappre- 
fentar di Qiarefìhia le fàcre Attioni. Pertlie,» 
pnòauuenire, chevn'Attione fidicafacraperca- 
gion dei Titolo,*per attodiefèmpio,la vita di S. 
Caterina ,• ò il martirio di S. Lorenzoi e poi nella 


PFmO DSn'f^Q^FmTO. 365 
i ipiegatara’ fia tiìtta » b in gran parte, profana 3 c 
, moltoipeggia farebbe, che hauefle delle fceno 
“Uifcéne, ò jdegl^lt«eE 09 iedi turpi 3; 9flde . tolto ii 
-iTicoloi,mericcrebbe^effcrcappdlj^ta,non fàcra, 
,:iinà 6 fcenà) ouerprofcrtai e; perpiUecìta da rap- 

- prcfentarfi nel fàcro teìiìpo pehkentialc di Q^a- 

fetìtna , £ pericoli di tal fatta rion mancanora* 
te«mpirtoftri.r? ; I .r; i ' - 

* : . Hò fapuco, non è molto, che in vna bella Città 
' d’Italia fi rapprefèmòfdi Quarefima vn’Attione-» 

intitolata, Sartio N. e fi diffe t che era fiata riue- 
duta da Ecclefiaftici Cenfbri, c purgata da tutte-? 

, Je ofcenità : màin fatti rìufcì poi tale nel Recita' 
Amento, che fi potè intitolare. Sacra Qfceha : per¬ 
che vi furono comparfè ,:& atti vezaofi di vn^ 
lufinghiera. e sfacciata Meretrice .* fi vuirono di¬ 
morfi zanncRhi laiciuamete brutti:Onde fù. detto 

• >da certi fauij Spj^tatori ^ t Quefta Attiene è naifla, 
cioè compoftadi fcertein;modo, cheyna è Spi- . 

. rituale, e l’altra Ofeena, O’ mifcuglio illecito ,0 

- cornpòfiturapcccaminofà, 

Vn’aliropericolo di peccato fi troua nel Sacro 
Reciramento di Qiiarefima al parere di vn giu- 
ditiofo ,epratico> il qual dilfc, che tali Attioni 
rapprefencate Ibno molte volte coperta ad altre 
negotiationi iHecite5& egli allufè al penfiero,con 
che Beltrame neie. 48. firifle. Il male non (là 

' nella Comedia 3 màè. chela Comedia è molte.^ 

voi- 



eifPO STORTO. 


^ _.11 f 


Sattk). il itìatetìon ftànelié'facrffAttioni jra 
che quale hr^^a^ibnt^^tìcagaaliJecoar^ libe* 
ram élite i perché il Sacro Retàcamemo porta iè^ 
co perle più l%uifO^<ièi(llà«aiieri,c elelie Dame» 

eìà radwnàiyzàlòròfter^ co»- 

merfadone defèe, {àcra,òpcofaBa fMi dnatìttoa 
teftimonij oculati. Io per me temo.ioheficlcju» 
còtidòéh»decoro 'della Saudeà Quarcfimalè^ On- 
-de fi puodire cÒHifoiìdatacragione, che>il iieeitaie 
drC^reùma è cofi^^pericaDlbfa di peccato, 

.La radunanzadihuoinini, e donne ; per veder 
k Comedia cagionauatanticamente feandaio . 
. EpetòdifTe Tertulliano. inomnifpe^aculonul- 
Itm magts fcàndalumocCutret,(jiuamipfetlle ntu- 
l/e^um y &^wirorutn accarattor cultus. ìpjà confetta 
Jh m fAuortbus aut confiiratw ^aut dtjjenjìo 

^inter (è j de eowmercto fcmttdas jtbtdmum cof jla^ 
Mdnt. ìNemo dentei', m Theatro tmundo pnuì 
r^ogitat , nifì^tdevi » wdere . ( Qt*A ornma, dice 
vn Moderno, ^tmam in noffrts fpeóbacuiìs non^ 
inttenirentur :) 

La facra paffione del Signore fi rapprelèntò 3a 
- feconda volta nella Città accennata di fopra ,* vi 
concorle la nobiltà-deli vno, e -delLaltro fè(lo5 
mà non fi pianfe molto, come la prima volta: an¬ 
zi in vece di procurar il pianto, fi atrefe troppo 
qualche volta aldfo^ ecettoiù con troppa inde¬ 
cenza 


TVNTO BBCIMOQVINTO: ^ 

cenza per rifpettoulel tempo penitcntiale j einpl*^ 
topù del penofo, c diumomifteipra 
Hon bilbgtia dar molto là briglia al > 

re^. 



emacio é. 


. j. 




0ico 4; B.meglió non rappto&ntat In scena; 
nel tempo di Q^arefimade làcrei, Attioni IBnàiuj. 
qualcHanecedìcàtò almeno lènza qualche buona 
ragion&^approiuaca da hupmini dotti, e veri ^i* 
rituali.. « 

perche il fug^ i péricoli di peccare lèmprd*' 
hene 5 ma è^molto meglió fuggirli nel tèmpo di 
Q^refimai.ibculsantà «ShièlàcielGftaitutti con 
molti, modi afar penitenza de’noftri peccatiidc 
in cui celebfiamo.có mellidìmaiblennità lamor¬ 
te tollerata da jDio.jfatttjbuòmoj per redimerci, 
da’ noftripeceati. La Quarefima fi deue confa-? 
crar tutta alla diuotione, &à quegli.elercitij>che 
meglio lafanino fiorire ne’ cuori fiumani : le sacre 
Attioni theattalinon hanno perordinariotatfor-i- - 
za 5 anzi di ftraggono i .cuori, conia ricreatióne^* 
non li diftruggonocon làcompuntioneinè li ri- 
nouano, ò riforma no,con la diuotione .. Per l’ef- - 


fèquie del hoftroSole eftinto; Chrifto Saluatore^ 
meglio nel .Theatro,celefte, che nelterreno i de- 
uono fiammeggiar, come fielle. i i noftrLàmori. 

Midalena pianfejieliagrottai noanella scena: e 

la.scena della.sacra Attione norièiemprefiuo!- 


3^ CAVO ^VAB^TOl 

nàqfea'ok Ripianto penitemiale. :<?«• 

- Scrittoi e fiipplico tutti i Signori Ac- 

CaàeÈàki ie gli altri Virtuofi , che ia dilettano di 
far tal volta qualche iàcra Rapprefèntatione 3 che 
per loro chriÀiana bontà, e santo zelo, vogliano 
procedere molto cautelatajnen te nel aacro tem* 
podi Quarehma oue non fono ^ftretti da ne* 
cedila, nè ìpintr da biìona ragione rmolto ben.» 
ponderata, & approuata da’ Sauij, fi contentino 
differire àpiùconueneuole flagione iloro Retita-r 
menti» iDehpergratia non fi ei|>pnganoà peri¬ 
colo di reftarcenfarati giù fi a mente da’ zelantiiG 
che fi querelino contro di loro, quafi, che fiano 
c 0 i più vogliofi delle ricreationi dcl Theatro per 
diletto, che i mercenarij Comici non fon bramo- 
fi di ricrear per interefle. il Comico di profeflio- 
ne honora la santa C^uarefima tacendo 3 e cornea 
l’Accademico la vuol dishonorare recitando? 
I fìoridi vnnobiliflìmo giardino fono più graditi, 
quando fi colgono nella fiagiòn conueneuole al¬ 
la fua perfettione. Chrifottomo vuole > che Ìju 
Quarefima fia vna bella ftagion di Primauera Ipi- 
rituale. Noi tutti dunque attendiamo à cogliere 
con (pirite i Tuoi fiori3 e formiamo de^ noftri cuo¬ 
ri vn belTheatro rutto fiorito con le Chfiftiane-» 
VirtÙ30ue la nofira Penitènza facci la sacra At- 
tione intitolata. La vera, e perleuante Conuer- 
fione. Io per ottenere da’Signori Accade- 


.prNxd bFCrMo^t!}To:'f6<t 

ittici qaefta grana, fo hoa loflìcio di iup^li- 
';canteGracore,e fé ioicengó^ ftitttò benim^ic- 
^ ^ bén (piegatól'a!^^^^ coaréàgfo- 

' rii del Principe diuino, Òc à cpir/ofa'tiotìe dfuoi 

fedéli, à' quali, corileatPeiTiletttii^à^ ^ 

co con S. Agoftino. ìo^mr Pdnitentes , 

^Mpdntnnuam accepiiììs ì Pnfbuera- 

i^^ompHn^mè} ’& 'doótè pUhpte: qttid 
: ep dbéfè.piangite 'i àudHte At^tnAm Ifeatim jnefn . 





r- 


JP P" 2St T O :p B C / M 0 S E S T 'Ó . * 

Cotfììàta òfcehd cóntrarta apa dell 
^. '' ' MoHèrattoni:. ' • ■ ^ ■■' 


.' . ,s 


P Elice,chi con,formatione di pócliérighe può 
eflcfc l’EdipO'di v^à'diffidk^ 
tò inerirà gran ì^dejchi non pròtedé à ittodò'd’A- 
^leiriWdrò cOl fagliò,’ ma diìcioglie lo llfetto nòdo 
con la forza del luointèndimentò. lo (limo,che à 
me debole d’ingegno ; e dcboliflimo di fapé ro, 
bifogtìi lambiccar molto bene moke dòttriné di 
Ittolti Autori antichi, é moderni, è poi faCcófne-» 
al fine in rifirerro tutto il foftantiale, é dire il m/o 
parére j il quale farà, non lòlointofno alla Come- 
dia ofcena, ma anche circa i fiioj Inferinedi : per¬ 
che da quefiital volta procede la comica Olceni- 
ta ^ è pero haritto bilbgno difóiiilbrii come fi6' 

Aaa dee- 




37 » 




'^ctcó di ibpraj e qui aggiungo, che Tanno 1640. 
Vii sauioi dotto,e pratico Gentil.hupnap, ragip» 
mando meco , roi auuera,ehe era qualche teip* 

boj che ì Mòderni Comedìanti haueuanocpnuh- 

ciato à fare ne^giorni feftiui, enei Mercorqì, 

Venerdì, & anche taThor nel Sabato le ^appte- 

fentation i dette, Opere,cioè non fauole ridicole » 

ne attieni d’Argomento olceno, màl 
• ^ 1 *^ 1 





a- 
% • 


ui^ouero ipiriiuaii,cpi qua* arcinciu mmum 
anche virtuoli.al Theatro, come al godimeìntPjdi 
modeftiflìmiSpettacoli. Cosi parimente alcuni 
fanno tal volta qualche Anione cantatainMufi- 
ca con artificiofa dolcezza di Armonia, e con pa¬ 


tetica elprertìone di grandi affetti,e con apparen¬ 
za di belle Machinc 3 onde allettano, e piacciono 
Ibmmamente i màche ? 

Dejinit 'tn ptfam CMulier famofifupern} » 

La bella faccia di vna Matrona, degna di ho- 
nore , viene dishónorata con le fozzure de^a par¬ 
te inferiore. Cioè da’ Comedianti fi frapongono 
in quelle belliflìme Attieni bruttiflìmi Intermedi 
pienid’olceniridicoli,e dialtre indegnità,com. 
le quali fi guada il tutto, & il mele diuenta vn_» 
fiele al palato de* virtuofiSpettatori. E però non 
bada per valeuole ragione il dire, come dicono 
alcuni, 1 Argomento, ò TOpera,© THidoria, che 
fi rapprelènta, è di Suggetto honedo, & anche 
iànto > perche l’Intermedio turpe, edishonedo e 


VITTO DEC/MOSSSTO. ijt 

la Italia velenofa, che guada il tutto. Scriue con 
(ennó in quedo punto il P.Francelco Labata, oue 
auuìia. 

FàSuntur fape nonmlH\ licitas » ^ fanBasef 
pComàdias iudtcantes yCO eimd de rebus fanB s a- 
gèinty cum sxpe mifceantur facris profam» tmo, € 5 * f;* 
tllicitaprorfuS . Sxpe emm htflorià , qux reprxfen • 
tatfir ièiìalicums finéft; ^tx'nenm fcent 
auos Entremexes vocant ,Ufctuos , et fcandutosos. 
Qjùderp^orefert > hiftoriam fknctam efe huiuf^ 

triodi àBusirttèrpiptt diabòlici fune ? v. gfìm con- 
ttimo regi&s aUis ethos Conumts adm niiìrat et , fed 
iti (Alpu^htó mifeeret ^venenum : ttiamjì reltaui 
cibi Tògij , (aluttferifini , ilio vntco faisamento > 

vènefiomféBo ^‘Qonuiuts interfi.iet. Sic quidpro‘ 
de(l,ComxdiamSanBi FranctfcteJìe,Jia( 3 ustn/er» 
medius ejì de re lasciux , •weneno infèBus Iuxh» 

rtx ? Vuol dire Tallegato Autore,che alcuni ipeP 
fe vòlte s’irigànnano giudicando, che le Come¬ 
die lìano lecite, e (ante j perche trattano di colè 
làncieseflendoche non di rado alle colè fante fe • 
ne aggiungono altre profàne,anzi affatto illecite. 

1 mperoche ipeflb lìiidoria rappreièntata e di vn 
Santo 3 e nondimeno vififrapoogono Intermedi 
ìalciui ,escandaIofi. Dunque, che importa, che 
rHidoriafiasanta, iè diabolici fono gfintcìme- 
di iuoi^Come per efompio,fo vno preparaffe a* 
Conuitaci vjnrbanchetto abbondante di viuande 

Aaa a re- 


W CAPOQ^VARTO. 
r^ic,mapoi v’agg'ungetre li rapoftìcto veleno- - 
fo , benché egli moitrafle digiou ìrecon quello 
/ reali, e falut fere viuande,VvCÌdcrc bbeCon quel 
jlùlo Apore iijfetco di veleno i Conuitati. Hor 
neirilttfla maniera diciamo nel calò noliro. Che 
gioua j che ratcìone D .amatica recluta fia dr S. 
Ffancelco , le vi è vn ìiiccrrnedio laCiuo, iq^- 
fvtto con il veleno dell’iaipudicitia ? £ peiO è ne» 

■ celTario, che nella Riudìone degi’I ntennedi li oP 
ièruuao conpropoicione i medclimi auudj,Icritci 
dilòpra intorno alla R milione delle Atcrorwi per¬ 
che, oueii Porge lo Hello moibo, iui applicar lì 
' deuono gli Itclfì medicamenti C’Òlvcniià pu^ 
troppo è mala, e come tale merita di c Ifere perle- 
guicatà per tutto , e sbandeggiata . Ouunqucli . 
trouailIbìpettod"vna illecita turpitudine, ò nell* 
Amo.nc lia, ò nell’Jntermedio, non deue palfar- 
lì lenza ralUworamento delia Riulione, altrimen¬ 
ti làrà degno,dì cenfura ,chi tralcurcrà cotal cen- 
fura . prclcritta dalla debita Mvidtratione. Il ve¬ 
ra gelante ftima ogni periglio oggetto degno 
del luoprouido accorgimento. 

H >t (uppoHo il detto intorno à grintcrmedi, 
rilppndoal Punto^ e Dutòio con quella iilòìu- 


tioac. 


La Comedla ©leena > contraria per rolcenità 
alia debitaModeratione ali è quella , la quale,# 
notabilmente, & elHcacemente eccita aliai disho- 

. < neiià. 




r- 


r. r'ì 


*PVNTO,mCIMpSBS.T0. 

ncft-à E ^yueltoqlljS^ puliate in molti^z. 
pe^.Qàiura faa,e^^é Jo talejsiioè ectitatiUà efficace* 
mc^ifc alla djshoncltà. a' O per accidente , ei? 
f^iad \Vdita da pérfone deboli di (piirito. 3. 
c^ii’A.goaienco impuro. 4, O'conyna impu* 
ra paricudl’Attione. f.- O' con vm laterraedio 
ta pe O cPd alcune parole , otiero alcuni 
fatti * oucra modo d’impurità mortale4 7. Q*J 
con la Co^nparfi di Donne, vere, Comiche.or¬ 
dinane, ialciu^meute ornate, e parlanti d’amore 
in pubiico Auditorio,ouesàno,che ffino molti de- 
bofjjjtyutii, e ne coiipfcpho almeno alcuni ia 
parcico^re» -"■ 

. Jutte le parti di quella lunga Rilpolla fono 
Hate Ipiegace, e prouate del jRnmobbfo della-, 
Cliriltwna Moderatione dèi Tbeicro, détto la-* 
i^^lità, nel quale 1 Autorehàfoncco con mólta, 
e r*^iicata ^(lintionevdella Cómedia^ e de’ Co* 
mici 5 acciqvh^ li dichiari, e s’inténda bene; qua¬ 
li Irano focónd'o i Thepìogi, &.altri s.auij Scritto¬ 
ri leComedie modelle ^ lecite, e virtù ifoic quali 
i Comici moderati, modelli, e-vircuolì. 

E però humilmsnte prego il benigniffimoLet¬ 
tore * >>hc non riproui il mio fénfo auancidt legge¬ 
re le ragioni, che per pcoua iuifon dichiarare; nè 
fi ponga nel numero di quelli.^ de* quali ferine S. 
Cnoiamò. Ante defpictHnt , quàmpvobent . 

fe yqrtàhpra credeie, «^'applicare la KilpO' 


37 # C^VO QVAKtO. 
ftaconie&e partì alle Mercenarie Acrìonirie’Co^ 
mici, e<ie*Cìadatanid*hoggid), credo, ctouerà, 
che moitilfiaie fono olcene , e molti Recitanti 
mericanoif cfifere in molte colè riformati (ècondo 
Iadclrita,echrìftiaha Moderatione Theatrale : c 
che faltidimaè cpieila Fropofitione formata da^^ 
alc^i ièftza buona ra^one r cioè, che la Come¬ 
dia non è olèena^ quando nòn ha dal principio li¬ 
no alfvltimo le ofè'enttà : quali che vn banchec- 

tto non fia reieno^j lè non hà il veleno di moiré 

intuctiicibi. ' » 

Vengo al fine diqueftò D'bro, che è IVlohao df 
tutta rOpera diRinta in cinque Libri, toltone il 
i.7.ftró. Trattàtodella Pittura, e dico di tutti con le parò- 
iediClemertte AJeflTandritK), Sunt hi Uht 
lis , non ilUs , tlahratis hortis » in ijuibiss fttnt atè(t- 
res -, 0 * plani» in certum ordinem ad dele*^ 

i^andos ocidos i fedAicUi potius fpi^ y ^ •umbro- 
fo monùy inqm fimul sunt piantata oupreM y(f 
plataniylàmuSy Cf haderasmalli hoteal 
cusproptereos i qm , qua funt pukra , matura , 

furrtptunt : neque dthionem fpeéfant hi Ltérhcum 
ftiatn iqraci de indujlria nolint adefjè ornatum di- 
Bionis, 10* latenter dogmata inferant ì *vty fi qui 
legant , fini acres ad inuemen dum : funt entm mul¬ 
ta y^ varia efeapropter multas pifeium diffenn^ 
tias. 

Dico di piu à voi ò Amico. Rieordateui la lèn-' 

ten- 


PFNTP PSCÌMÙSeSTO • < t7i 

. teozi diS. ^goftioo, 3 S(^iitmmedtcaiiKiHumfi- 
mjMH(f^^pp(n^tsmèa4b$imrif, Rkpcdaeeuiie 
due parole di S. jè^aolo. opp^rtfinì^x, Biocti' 

^j;ate viqRra iìa|porjcatji;,lc la^iprìta 

• 4alJÌ*oppoc(Ui^ta,, ; anchf^id^I^ perièueransia^ 

, concio il. detto. Papale di <Anacleto> in *vitQ- 

, g4'oq} opere mfifer inuemtur InJìantiOijf » 

^ cÌ9^, congiunta con la perlèiiefanza » come Kin- 
. ^endc S Antonino, pecche così»ipefo« lata ipada» 

. e làett^di vittpriol^ guerra contro gtiokeni CO'» • 
medianti :e làràicucio^ e coraz^^O’&onorata cK* 
felk in ptò de* viccuofì Reckantt ^ ccnt accreicK 
menC53^digIofia alla.Conaica Arte» Ac alla Dra- 
matìca Profeflion^i e con dolcezza di gfocon- 
didimo godimento a* Popoli Ipettatori ^e lènza 
veruna ofTela di Dio in vn’affare, nel quale il di- 
uino honore, lè non fi prouede, retta offefò con 
moltip]icaco*e inortaliffimoerrore i Jnfìtt opMff^ 
tt0e. Et io a q'uefto fine hò prelò volentierila fa- 
,ti(:a di.quefta Operetta } vnÀ pfffmuSf dirò con 
.Ricardo di S. Ylitote^confiteiam fhtdiorttm no- 
Jtrorum Infianttam repararetiicl confirmare ^ 2 nio Jtta* 
la congiungo àd vtilitàdi tutti con Pinttanza, che «* 

yn'huomo santo, c zelaptifiimo Predicatore fe- ** 
ce già ad vn lùo Diletto, auuilando. Jnfia dilù 
genterprovìrtutiburipajfionesfortitervince^cba^ icem^ 
ritatts » ($* cafìitatts dona in cttfiodia humiUtatis ^ 
fubclaujma dimmtmorìs coStge.^ reconde 3 «f 

eon- 





i %^6 ^PÒ 

"eontra f^mìuales nequmas armiorattànntnàuf\ 
0* femper Suina honftatìfìus^ quam propria tndu- 
■ fìfti4n<€miiÌ!Stoppete^ i- r.:. t' ■: 

:Ì fè alcun de-ben igni Uetfòrt gii^id^e ^ ,thc 
queftà Inftàtì^Sa contierifemólté ^AtniUonìribm a* 
Signori grand He J'riÀcipi fupremi'iJiò lo pTtàoà 
giudicarla Inftanza, amiti’doitiuà sìV mà ' '* 
r- cante 
tede’ 

ne Scfll!^^,«hefòftìré lettera à Theodòfio ri Àtì- 

kibad* ^ ànrmdncUdbli di cìb, 

niera—• che haueoano à" fare nel lOfèbùérnòi c da loro li 

neofita r\ r * • l i. > . . ’ 

iiag.i 5 Iti rciCrifcò^pftgahutìrtì ,'Cné con là tfuc c^sirioiii 
impetraiTt la paté dellJi Chiclà/• • ^ • 

' ■ Si legge àttchè di S Girillo C?’èrulàleUl*tàHb, 

^ che vsò santaftiènté cohTlrnperarorcCóftanfino 
epiftAmmonibone. Euangelqs•vtmatusajki- 
confi, -fftasftudiutn^ te Domine admonth Propter eardm 

Imp» •* I 4 ^ t ' ^ 

quar^eUqua tptc funt yferWm rerum à Salmròii:^ 
ffad^arum.0 magnaindtgehtmm ohferuationt 
o'? ' nonfineptetdte t nealtqmd ab aduér/aria Ptftute^ 
I , ietrtmentumpatiamur. Has Ubi tmperator Deo 
" _ dtle£tiffimefermonum ineoeum òfferoprtmitias , 

Io dunque replico, e prègo , che l’OperétraZ. 
mia licbnfìdetiin rifguardo de’ Superiori, Coinè 
' Inftanza huniiliflinia,e Iùj5jpricahre5 e pel ò la cba- 
; cludojccon Iciprefeiito 5 non Iblo a ruttii Prìn- 
, ... cipi, ma ai Prindpè de? Prineipr al Signor Iddio! 
^ . eco- 



^VNTODECIMOSESTO. if 7 : 

e come donatiuo pregiato, tìon il mio niilla^ ma 
Taffetto santo di que'zelanti Scrittori,e Predica¬ 
tori, che co’ Libri, eco’ Ragionamenti akarono, 

' & alzano i gridi loro al Padre delle milèricordie, 
facendo Inftanza grande, è pregando perla con- 
uerlk>ne de’ Peccatori e per la dcftruttionedi tue- ^ 
te l’Olcenità, & Indecenze Iconuéneuoli alLv 
ChriRiana Modcratione del Theati’o; Clamale- 
rnnt adDominum Infìantin magna . .E sò, cho c.fg? 
Dio per lua bontà non p^o^Q ama If’Inftanza, & 
anchel’impórtun ttà nel prego de^Suppl^canti, fe¬ 
condo ratnjifo.tì’PIngone‘di S. Vittore. Amat , 

T • ' • Hutrò. 

jjeus fttftantMm i ^ tmpotttimtaum tn prece i e viaw. 
con ragione perche , ot magna Jint bona^ noruj «g c-i. 
àebent e^s dèjtderìaparua. Adunque tu ò caro, 
e zelante.Amico. Infiaopportuni. 




I 











D ELLE M A T E R I E. 

À j miei 17 5. Arcfiiloco Poe* 

Acca<Jemici fono pre*j ta fà cacciato da'Laced©^ 

trionij rÌT- 

Ariftocifc condanna Po* 
foenità r f a. Atti ptohibi> 


gati à non rapprefèntar di 
Q^arefima le Theatralt 
Attioni 5 <5 Si • 


Aduento fo lìa tempo I ti qaati fono a 5^9 



V 



da recitar Comedie profa¬ 
ne 3 S 5 
Vn 

vn mefo alianti 244. 

P. Aibrizio proclamai* 
contro i negligenti Supe¬ 
riori Z6S. 

AlefTandra Magnot de¬ 
terminò di non vdire Can¬ 
tori 11 2. 

AlfonfòSerenifs, 


Arte Comicamodedcui 
merita lode 1* 7.’* - ' 

- Atnonefìcra di titolo » 
mà ofoena per altro 364^ 
Attiom facre di Quatefìma 
fi fanno poche volte 363. 
fi poflono fare ima vi è pe¬ 
ricolo di peccare 3 6 4. & è 
meglio non farle 367* 

1 ) € ‘-v v;;:. • 

i F 


moderò i Comici » cleuaf Baratterìa fi lafoia per 


i! recitar di Venerdì 343 .. 

Amor turpe fi dice Ido¬ 
lo delPAmore t e che cola 

fia 325. 


andar alla Coraedia 17 7 
Barbari bandirono i Co., 
mici 1 2 o. 

Beltrame IcrilTe vàrij 


Andccino difefo i Co-[ motiutcfie hanno anelili 

(fcJ II ch^ 





che fono contrarij c nelfo fefte 344» Carlo V. 

lenti Comedìe 13» è- Ipda" fececoftiintìon^'drpàccw* 

toperilfuo Libro ^pncfiF^I iComici 116. S. Carlo fe 
tofo , ma troppo concetti cp decreto^ per cacciarli 


1 


tofo 31. ha compofto y® 
Trattato Theologico 5 «* 
fù forzato àteqwr d.iQiW‘ 
refima 3 5 3. quamlo,edo^ 
ue morì 3 51 * 

Biafimatori var»j dcllc-> 
Comedie i s 6 . 

P. Buonacorfo fgce .cac-l 
ciar iComici I * 7» : 

r ì 

c 

Canchrena h medica^ 
conrìmedij gagliardi 97 • 
Canoni sono contro le Co¬ 
medie 149* Signor Cardi¬ 
nal Barberino fece rappre- 


12 9, P, Cadano difcorto 
contrpleComedie 5 9*Ca* 

tpne cacfiò dalla Sala del 
Sen^fo, Mando> c perche 

r- —^apjpom. ftlma > 







modetaità a,?,, fià eompo 
ilo y n Traq^teilo Theolor 
gicp 5 6 . moftra di non fti* 
mar i Libretti fatti contro 
le Comedie ordinarie 7 a» 
Chrifto manfueto, e sde¬ 
gnato 264. Ciarlatani fi 
donerebbero cacciare / a 7 
Cirillo Gieruiàlem.ammo- 

ni Còdantìno i» 6 6. Clan¬ 


gere 2 5 6. Signor Cardinal, 
Doria voleua >^obe fi predi- 
calfe contro le Comedìeo 
oicene, e le facena rinede- 
rc 2 86. Signor Cardinal 
Centino decretò contro il 
far Comedic nel 


dio Kerone cacciò i Comi ^ 
ci I I 3.Cliteneftra fn am- 
maeftrata da vn Poeta pn* 
dico 300* 

Comedia >> che colà fisu 
174. è lecita 5 6. Polcena 
I quale fia 3 ^ 9 * 37a;Vnao* 

Bbb' 2 fee* 








fc5ìi a fu ^rohibita tli Itrfii H;aleuiìi fonò aflUl trifti 

mai piu 2 Q(^/ cantata ofcei | a . iòtìro malitidfì 44. aleri 
na è iUetita , thàpnò vd^^^^^ 
fi fènza peccato 3 $ 9 - 


noa matinon ,' ma e« 
ttolf' 43. L malitiofi fonò 



modetna ordinaria nònè l biafimati 4 ^ 6 3. i rhodeii 
lécita 5 6. biafinnatà da.;,| ni'{bnoolceni per ordina^ 
molti I 72. 1 73. èdi-;rnO‘-f’t 2 i 3 ? 9/ di 


shonefla 3 20. è peggiori 
deirantica 321.l'antica era 
peggior della moderna 57* 
e (Quella, e la mezzana per¬ 
che fu prohibita.raniiéa co 
parole ofòené maniféfta | 
305. 143. la moderata è .' 
fimile ad vna Cittadina ho- 


toro dishonòra la 'Compa¬ 
gnia 291. fono biafitnati 
1 y a. e dannati dalle r eggi 
22 3. dalla Folkica , dà-S. 
Paolo , èòn molte pene 
224.da'S. Tornalo 22*7.e 
da altriDottori 2 3 r .nuo- 
cono r 3 2. 7 54. 136. abu- 


Borata 5 5. ricrea • i Popoli 
8 i. ritira dal giuoco l 7 8 • 
c così mantien la roba del¬ 
le Famiglie I go.lacorren- 
te è tiformata fecondo al- 
cuniComici 2t;- mà hon.j 
"bafteuolmente. fecondo i 

Dótti 3 7 . 39- F2. e pierò' 

nuòce 154.. 260. non fi 


puòpermetter^ 'z&z. è co- 
diabolica 15;ò;-6Òraèdo| 
■'Dio/dei tripudiò i P2-IC0-! 
ìM éi. hafinoi pòcóf^té^t^^ 


fòno rArtè l 3 7. che Vita-., 
I menino 1 3 9. non ofierua*- 
ho la Moderatione pro- 
' meffa f 6 6. nè la data loro 
da* Superiori 20 4. deturpa¬ 
no gli Argomenti ipiricuali 
16 7; reeitanQ alPimproui- 
fò 2-93. voglionòlamate- 
da d-a mòre 314. fanno 


qttàldieCòmedia honefta, 
èpérlbe 3 2 f Condanna, 
' chi hbfàdcflfè ’vh a ofecnsu. 



te^hcmefte 3 









non reévfàiiù éi Q^àrefi- 
ma ’3 4 s. ' pbfifontf tótar 

peràccidentè 3 ^o. e tìórt 
Peccdna ^ ^ a.CómrcOiChe 
rap^r»efeì>ta vA Goilfeffore 

■ tri (lo 4 9. ' 

’ Com-ica troppo àttiata.) 
dà’^Gloaani Romani ì ver- 
fò la cìuàle fi rnóftrò ccm- 
pèranriffitno' • Valeritinìà* 
rio Imperatore i o 6 . 

’ Crirtri'clie ragìorii di far 
rinftanzaal Papa 69-, 

■ Compagriie di Comici 
Oliando finifcono 333. 

Concili) contro le Co¬ 
medie 145. 149. Condì» 
tioni del buon Configlierc 
fecondo S. Agoftino 208. 
Kabbia fortezza 2 i 9.Con- 


aé'farfi dal Prelato 24s. 
*^■-49^^. Coftanza nel ripren¬ 
dere non e buona> quando 
non v’è merito di ripreii'^ 
fione I 2. Conuenienza di 
licentiar i Comici olceni 
(109. \ 

D . 

Dauid manilieto, e fde* 
guato 264. Demoni) at- ■ 
terrirono gli Spettatori de¬ 
gli Spettacoli 3 3 7-Dilficol- 
cà d’ofleroai* i precetti diur¬ 
ni non gli abroga s a. Di¬ 
letto non fi cerchi co dan^ 
no altrui 19. buono in tra- 
uagliar i Comici rei 20. 
Dionifio macftro di carte 
fi lamentò delle Comedie 


felfore come pofFa dare, ò / 7 s ’ Monfignor Diotalle- 
ncga^ falfolutione al Pe- uilecondanna 54.Dome- 
nitente, quando tace vtu» nica tempo' indebito alle 
peccato 2 21. Confi^ere * Comedie'33 s.Domitiano 
accarez2^to da vn Princi -1 prohibìld fcene 146. Dó- 
p e,peiielie cdrifi^Iiò il giu-,( na veftita con vna rete, nu- 
fto contro rinclinatione-» data in parte eagiòna pcc- 
idiliii 21 s.Correttionede-i caco 65;. la Theatrab nuo- 







ce I r 5 *I 5 ottofì,ehe ]debkoa^^Comedleyj4. 
gano i difecci deUeCome* perche in {^ìtake 34 **FiIip 
die 5 9 - contro i Comici; po8.e di Francia cacciò] 
/ 19 . gli antichi direbbero Comici i r 4. Filippo Re 
bora contro i Comici o&e- j Spagna vietò le Comedie 
ni moderni 143. Due in_j 
Bologna rilpofero all’Im* 
peratore in vn Qaefito 
216, 


% 


E 


Elefante, che calpefta: 
fpine f 71.Epicurei caccia¬ 
ti i4r.E{èmpiobuonogìo 
na 9r.Efpreilioned’affec- 
to amorofo fe fi dsue cfclu 
derc dal Theatro j i 2 è di 
daeforti 3 24.lafi:andaIo- 
fa fi delie efcludere 326. 
Eupoli fommerfo in mare 
148. 


I s 6. Fine cagione di fati¬ 
ca i 71. Fini di chi ftampa 
contro le Comedie fecon¬ 
do Beltrame 189. il vero 
I fine 190. P. Francefilo Ri¬ 
beta contro ì Comici ofcc- 
ni 12 8. prega i Saperiori 
contatole Comedieoicene 
facce dopo Natale, e Paf 
qua 32 .9- Frinico Poeca fe¬ 
ce lacrimare, e ne fu puni¬ 
to, perche 154. 


1 


ù 




Fajcica infratmofà dilpla- 
ce 7 7.Federico Imperato¬ 
re premiò vn Dottore,che 
rifpolèà rao gufto, ma il 




P. Gambacorta contro 
le Comedie 59* 1 / 7* Gd- 
nouefi vietarono le Come 
die / 56. Monfig. GiorBar 
tiRa Rinuccini narra dVn 
Principe antico vn bel cà^ 
io a i 5, P. Gìouanni Max* 
quez contro le Comedie,e 


fallò 2 £5. FeRetempoin* [Comici i ij'vl^ipuanidìiH 

cil- 







cilmenfeoflèraano il fèfto 


vt volle l^ofccnìtà i ^o. F, 


Precetto 8 Girolamo Fio 
rentino contro le CoraC' 
die 5 9. Giudicio d vn pra¬ 
tico incorno alle correnti 


. Hurcad 6 tratta scolaftica- 
’ mente della Per milione 
delleComedic a <5 8 . 

t 


Coniedie 48. Giuoco fsu 



perder qu a ttro gioie. Giuo 
calóri perdono pér ordina¬ 
ria 1 77 . Giuftinolmpera- 
torehebbe à cuore fa dilci- 
piina virtuolà lo/.Giufti- 
tia fìa Octihiuta / 9 S* Greci 

V 

ammaedrauano con I&a 
S tatue alla Virtù 9 2. Guel 
fi,, e Ghibelliniparti perni- 
cio(èi 5 * 


Imperator fe fia patron 
di tutto il mondo 6 . Im¬ 
punità def peccato nuoce 
2 2 a .a 2 5. illecita 2 1 ^Jln * 
fiànza non par neeel&ria 
a d ènece^aria aa.lùppli- 
; cheuole Superiori ji 66 ^ 
! fia opportuna ^ e pcrféue- 
rante jz^.lntecmedtfòno 
cóme serUe ridicole 300.. 


H 

Helena faccHa di Mar¬ 
te , e Venere r « t. Hippo- 
eriti ambitiofi biafimano 
le Comedie #8 4 . Honaero 
ilprcfe da I>ionc s-o 9.. «da 
Platone,e da PkagOiaycbe 
fihfe Forabra di*lw appiè- 
datà ma 



Forma della Comedia n, nè 

O 

i. 


ofceni vituperano le Co- 
medie honefie jq r» fi ri- 
ueggano jq 2.3 7 r» ^ 7 2 * 

r • ' ' 


1 Lacedemonij cacciard? 
noi^kimic 5. non vciiuano 
;leO>mi6die. 117. Leggi 
contro iq^He 747. Libri 
'Pheatrali dì che qualità 



0374- aL«:€nza Ofaca a 
[Ciomìci fia moderata, «; 


cali.- 






•cautelata / 9 /• Litigio tta’ f’rafad^’ Comici 44. è quà> 
Coiìn’ei, e Ptedicatori on-1 Ie.4(S. data non durò 769. 

è il fine deli’Inftanza, & è 


de nalca is» s. Lodouico 
cacciò i Comici 7 7 6. P. 
Luigi, vedi Albrizio. Lo- 
douico Cellotio contro i 
Comici 59« 

M 

. Maiuma Solennità Icr 
«atada Anaftafiolmpera- 
tore 746. Maldicente co¬ 
me iìmboleggiato 175* 
Male, perche fi permette 
2 5 9. ManfLìctudine di Su¬ 
periore in non punire fi ri- 
proua àjS?. fia congiunta 
alla feuerità 2 *54. Mantcni 
t }ri del Giuoco biafimano 
le Comedie i 7 7.MarfiIie- 
fi còtto i C ornici 148. ^a- 
Uro di carte fi lamentò del 
le Comedie ij 8. Materna 
lici quali banditi da Rojaiai 
7 3 /, Meretrici biafimam>; 
le Comedie / 8/. Mimo 
antica Comedia olceua-« 
52, Moderatone defide* 

90 


di due forti r 9/. vna bre* 
ue 7 92. l’altra lunga 795. 
Vna di tre Punti 799. Mo¬ 
do ordinario de’ Comici 
mercenarij è olceno 48. 
Motiuo ottimo per far l’In 
ftanza qual«fia 24. Mulè^ 
d euon elTer honefte 3 o 6. 
Mufica ottima quale fia^ 

SOS. 

N.,: \ 

Nauarro, che Come- 
die permetta 252. Necefi. 
fica dà chi è giudicata eflèr 
ui per Kinftanza 43.' 48,. fi 
mpftra in due modi 74; 
Negligéza peccato di Prin 
cipi r 38.Niccolò imban¬ 
dì da Roma gli Auuocatì $ 
i Procuratori , Notari i $ ri 
Niccolotd , e CaRellanì 
spettacolo di Yenetia 14^ 








0 . |Come(lie /$^. Papa deiiè 

Opere fanno in grorno moderar il Theatro 67. no 
feftiao , edi venerdì i Co-| sà > nè vede tutto 7-$. Può 


mici, perche / 70. Opinio¬ 
ne di Beltrame circa la ne- 
ceflìtà deirinftanza 30. in 
quali luoghi la neghi ja. 
probabile non v'è, che fi 
polfa permettere la Come¬ 
dia olcena a 69. la proba¬ 
bile non è per la fòla auto¬ 
rità di chi la dice ^48. O- 
fceniComici, vedi Comi¬ 
ci. Ofcenità mortalènon 
è minutia za. è pericolo 
grande /1 9 > non è leuata 
bora dalle Comedìe i 3/. 
fi delie fuggire àd efempio 
de' Poetiantichi j'oz.Ófi- 
ride Re guftaua di Mufica, 
manteneua ■ Mufici jo7> 
Ouidìo voleua bruciare al¬ 
cune fue cópofitioni j/7> 

* > 

P 

ir ' 

Padri santi fono medi* 
ci contro Pofceno Thea- 
tio 3. Pallonaio contro le 


facilmente moderar folce 
no 8 9. 9 9. egli è fpccula- 
tore de’ Chriliiani 93. de* 
ue auuifari mali 94.non_> 
può dar licenza di recitare 
olcenità / 70. Parlar laici* 
uonuoce 3/z. Palfionedi 
Chrifto fapprelèntata pri¬ 
ma con frutto 4 . c poi 
lènza 3 6 < 5 . Pazzia de’ Pec¬ 
catori, che, per douer elfec 
dannati,fanno peggio274. 
Peccato cagiona Ipauéto, 
etriftezàaì ó.mortalè non 
è minutia 22. non fi facci 
peri’Amico 2 /. qualipoi^ 
fono efTer nelle Comedie 
40. e vi fi fanno 4/. e mol¬ 
ti 51 - èpeccàtononprohi- 
bir il peccato potédo / 6 S. 
Peccatori, che riprendono 
chi pecca, e poi peccano 
/ 8 5. Permiffione dei male 
quando fiavitiofà 20^. di 
che qualitàfia 237» 2fij 
Ccc co- 


j 







c o me lecita del pec- [ le 7 ^.subito predicano. co> 


caco de* ,Coiiiict quando 


eroiComici venuti 8 6. v 


illecita 221»^ ìj. e corno 
{ì proua con molti Autori 
222. delle Comedie ofee* 
ne non toglie alcun puhli- 
co male 27Q- è peccato 
jcaottale fecondollCecchi 


no per ciò ripeelò 8 7. àtor 
to 1^0 ripreft dall’Andrei- 
, no i 7 < 5 .vno iìngendb cer¬ 
to calo auuisò il Principe » 
& i ConOglìeri de’ loro er¬ 
rori ZI6. Prelato attenda 


no 2 72^ Perfònaggio,, che 
ferimento le mercenarie 
Comedie edere modede 
la. Pietro Vettori contro 
i Com. moderni 3 o s.Md- 


al ben pubico i o j . Pretc- 
denza digradi, e d’bonorl 
non è motiuo buono per 
far rinftanza s* Principi o- 
bedienti fono all’ordìn Pa* 


fig. Eli. Pietro YefcOuo pro>- 
hibirecitarl’Aduentos 5 % 
pitture rapprefèntanti Col¬ 
mici olceni Alenino 12 . 2 .. 
Platonecaceioi Poeti 111 
volle la rluidone 2 7 e. alle 
volte parlò cole o^eno 


pafe 82i riceuanoin bene 
ì’am monitionl de’ Papi, e 
de’ YelcouLftS* Principo- 
deue punir i Comici o^e- 
ni r o 2 < è minidro di Dia 
/o3.attendaal benpubli- 
’ co,madimamente conl’e- 


4? o 7 . altrecacciòlaCome- 
d ia 3 o 8; Predicajdelia Paf- 
fionc nonfi fàdinotte 3,6 3 


iempio I o 5. non sa il tutto.' 
i 1 o> vno ,^che non volley 
configliarJG^morrall’impro 


Predicatori flimano necef 
^rio fàEl’Inftanza4j> no 

diconoxon troie fometfie 

per moHrar ingcgiiio,6c;aUi 
torità:4’7 lòno contro quel 


uifb /08. può licentiÌÉue i 
Comici ofeeini / o 9^ li de¬ 
ue cacciare 12 4.1 38» Pri» 
cipiconcedono glispecta^ 
cdicqn ragionema de- 






uono leuar gli òfcenì 15 9- 
fono pregati à non perniet 
terli 17 o. vno fù inganna¬ 
to dà’ Comici 1 6 7. vn’al- 
tro voleua le Comedic per 
impedir il giuoco 17 9. co- ; 
fultino circa il permettere 
ì Comici àò7* € circa i di¬ 
fetti de’sudditi 209 i sauj 
hanno vfato i Configlicri | 
xop. li odono volentieri 
21 a. 6c è gran pena effere 
da quelli ingannati 210. 
vmPrincipe licentiò due_i ! 
Configlieri zìi. pecca per 1 
mettendo peccati publici» 
c nonli caftigando 242. 
permettendo le Comedie 
olcene 255.266. farà cadi 
gato 2 6 2. .2 67. Interroghi 
ì Con{ìgiieri,quali,e quan¬ 
te lìano i’ofcenità mortali 
del Theatro 2 st .vno con- 
foltò circa il permettere le 
Comedie da ogni Santi li¬ 
no al principio dell’Àduen 
to, e rifollè di prohibirlej 
244. Procelfioni notturne 


leuate Priuden^^gio» 
ua algòuerno 190. Punir i 
peccati altrui 202. Punti 
della Moderatione lunga 
197 -19^. 

. ^ Q-. 

Qualità cattiuè dello 
Comedie 53. s 9 Q^urelt- 
ma non è tempo da reci¬ 
tar 349» ma dà rinouarll 
in Ipirito ì e tal Volta fi re¬ 
cita per accidente 3 50. 
Quifiione grande con ve» 
cifione di molti > focceA 
fa per vna Cpmedia fatta_^ 
la Domenica di Palqua 
/4ò‘ 

P.- 

^.adunanza d’huomini^e 
donne in Theatro è fean- 
dalólà 3 6 < 5 . P. Fra Pàllael- 
lo delle Colombe còndan- 
nale Comedie correti $2. 
6o.ècòntroiComici 129. 
Ragióne del Cecchino per 
negar la necefiìtà dell’In* 
Cec a fian- 









flanza j 6. e di Beltramo [i Giudei nelle sacre Com.- 
^9-Ragione per prouarla [ pofitioni 275, quale deu<e 
detta neceflìtà 50. 54. ss.ledere clrca-le Comedio 


per farla a-I Papa Ragioni 
Comich:e(fs. J^^:Theolo- 
gali po.Ragione di conue- 
nienza per licetntiar i Co¬ 
mici 130. 1J5. Re,, elio 
per giuocar rubaua 2 1 s- 
Rettore fia cóteraplatiuo, 
e compaflìoneuole loi. 
Recitamento improuifbifì 
riprouaa 9-f.Ribera,,, vedi 
P. Francefco Ribera. Ri- 
ereatione è neceflaria ali'- 


2% 2. Ci riuegga il Titolo 
2 8 3. il Soggetto, egli sce- 
.narij 2 8 5.{ìvfi la \^erbale 
riuifione 2 87, per quali ra ¬ 
gioni 289. Riuilbri chi, e 
quali deuona edere 279. 
in calo certo,, ò dubbio 
2:8 0. Roma fpedo Icuò i 
Tlieatri 114,Romani con* 
tro iComici 148. non gli 
honorarono 114, li caccia, 
rono 16 9.. 


litiomo 8 5 . Rigore nel pu¬ 
nire non lìa troppo 201. 
Riraedij contro Tolce'nirà 
Theatrali non durano 98. 
alpri lòno.alGuni, mà.vtili 


s- 

Scaligero riprende Pla¬ 
tone: d'o/cenità 307, Sci¬ 
pione Nalrca nimico, del 


2 6 5 .Rinouatione del Pec¬ 
catore, e del Giudo j 6a. 
Riiiifione delle Comedie 
ènecedaria 275. Platone 
la volle 276. fu vlàta da’ 
Romani, s’vla in Spagna 
2 7 7. è propeda dal Cec- 
c.hino 2 7 8. la.praticarono 


Theatro 146. Scrittori dir 
mano necedario far l’In- 
ftanza 4 ?• nè fcriuono per 
modrare autorità, & inge* 
gno 17.- sono [contro le..» 
Comèdi^ 7 2.Secòlare,che 
predicaua contro Pofeene 


8 7. leguir i vib d’vna scuo 


la 








la buòna è bene r SvSfraeo 
ne Stilita ammonì grim'^ 
peratori jóè.-Sogno intor 
noalla colleraza del TKea~ 
tro ofeend 27 ì. Spartani 
cacciarono! Comici 169. 
bandirono- Miteco Cuoco 
308. Stefano Santo Vef- 
couo fece conriparire i De¬ 
moni) al Popolo, che mi- 
rana gii spettacoli 3 3 7 * 
Superiori nello ftato Ec- 
clefiaflico obedienti alP- 
ordine Papale sa-Superiò- 
re non sà,ne vede tutto 7 8 ' 
fia contemplatiuo,eGom: 
paflioneuole [o,r. attenda 
al ben pablico /05. può 
effe te informato rio. or¬ 
dini bene le Ricreationi 
theatrali 19 6mon fìa trop¬ 
po rigorofò 20 r. non pu- 
nifee iComici traigrefforii 
2 04. è obligato cercare i 
difetti de’ Sudditi per cor- 
reggerli 2 o.5, confulti con 
iDotti 206. pecca, fèiion 
simedia al male potendo 


2 3 j. è tenuto di eorreg- 
ga:e isudditi 2 3 5.-qu^le-» 
riuiffone deue conlìandàre 
^ 8 7. Come vno riuedetia, 
e premoniua i Comici a_, 
I non eccedere i termini d’ 
honeftà 2 96. deue vedere 
quale , e quando fia lecfe;;^ 
ta la Comedia 3 S 9- 


Tempo niuno è lecita 
per le Comedie olcene^»' 
328. 3 3 y. e per le mode- 
fteprofane è la Quarefima 
fecondo molti 332. 347. 
eia Domenica fecondo le 
Leggi 3 3 3 -e le Fette 3 34. 
eli Venerdì 343. Thea- 
tro è cola diabolica 150Ì, 
Theodofio secondo Im¬ 
peratore! vinfe la curiofità 
di nairare ne’ spettacoli 
I07* Theologi contro P- 
ofeeno Theatro 3. ttima- 
no neceffario far Plnttan*- 
za-^s. non parlano con- 







tro le Comeiie per nio-l Venctiahréaickrono i 


ilrare amoiita^Bc ingegno 
.1 y.vn Theolpgononica- 
làua bene i Suj^iorl, che 
dopohauer data la Mode^ 
ratione a* Comìeì > e non 
era oiferuatadafclauan cor 



Comici 117.1 
le Comedie 11 s. 

Vellico diafano, e lotti¬ 
le come ecciti à lalciuia, e 
lìa peccato 65. 

Vefcoui deaono am-' 


rere 2 04. 

TiberioCelàre cacciò f 
Comici iij. 

Timore dellère Tcoper- 
to difettolb non è buono 
xnotiuo per far l'Inllan2à 
8 . il grane Icula dal pecca- ; 
to 3 5 r • 


monhre i sudditi de’ pec¬ 
cati ‘94- Velcouo ha pote- 
llàsopra il Laico nel peri¬ 
colo di peccato r o i. può 
calligari Comici 103. at¬ 
tenda alben publico 105, 
auuerta ,che le Comedie 
non lìen nociue 207. con- 


Titoliofceni 284. Tol¬ 
leranza del male pare vn 
conlènlo 2a6,Tcomeèle- 

■ CÌta2 48.2 5 7. , 

Tomaio Garzoni con¬ 
tro i Comici 63% 

V 

Valencìniano Impera¬ 
tore lodali 3 come ternpe*^ 
rance verlò vna Comica-i 

M o6« 


lulti con Dotti 206. 

» Vgone S.V elcouo con¬ 
tro i Comici 119* 

Vicinanza al pericolo 
lena la licurezza 2 7 $. 

Virgilio Poeta pudico 
304. 

Virtù è bella 362. Vir- 
tuoli parlano, Icriuono, 
predicano contro le Co- 
! medie olcene 1 8 8. 

Vita de’Comici quale 
ha 1 3 9 * Alcuni vitiofì bia- 








rimano le Comcdm i «4* 
Vlilfe confijgliato dau 
Minerua 209 »- 

Vdìcori di Comediaui 
oicena cantata come non 
ilio 3 5 9 ^ 


Z 



Zelo muoue à giouare 
al pro/Iìmo-2. 2 3. Zacca¬ 
ria Contarini s'oppofe ad 
alcuni tutori de’ Merce- 
inaiij Cedici 16/. 

% 


h A V S B E 0 


♦A. 








4 








‘ i . 













fi. 





f : 

•• ólS'ta.'- ’oCjI'